\\ Home Page : Articolo : Stampa
Ferie politiche
Di Antonio Mellone (del 02/09/2013 @ 14:11:55, in Fetta di Mellone, linkato 2122 volte)
Mi chiedo se siano terminate le ferie politiche (iniziate chissà quanti anni fa) da parte dei nostri rappresentanti locali. Mi chiedo dove siano andati a finire – ovviamente non fisicamente - i nostri rappresentanti politici nostrani (“nohani” invece è un aggettivo che ti devi meritare). Cosa stanno facendo per Noha Daniela Sindaco, Luigi Longo, Antonio Pepe e Giancarlo Coluccia? Quali i loro progetti per la nostra cittadina? Non è che mutatis mutandis è in corso anche a Noha il grande inciucio, le grandi intese e la pacificazione a tarallucci e vino, onde “finché la barca va lasciala andare e tu non remare”?  
Cosa hanno in cuore di fare i nostri fantastici quattro, per esempio, per evitare che 1.300.000 euro di soldi pubblici spesi per la ristrutturazione della vecchia scuola elementare non siano stati spesi invano? Non è che l’agibilità ottenuta da quella scuola ristrutturata ed assegnata a quei poveretti della cooperativa è un altro esempio di “agibilità politica” (che oggi fa tanto moda)? A qualcuno di loro è mai saltato in mente di indirizzare un esposto-denuncia alla Corte dei Conti (consiglio di consultare il sito www.cortedeiconti.it) affinché si faccia luce sulle responsabilità di chi avrebbe dovuto pensare alla cabina elettrica per i famosi 50Kwh e invece, chissà perché, non ci ha pensato punto? Come mai nessun politico nostrano s’è permesso di disturbare il conducente chiedendogli, magari con gentilezza e per favore, lumi in merito? Non è che come al solito ci dovrà pensare quel rompicoglioni dell’Antonio Mellone (che tra l’altro ha già contattato l’Urp della suddetta Corte)?
Quand’è che i nostri rappresentanti si degneranno di rispondere alle nostre istanze (che nella loro dabbenaggine vedono solo come “provocazioni”)?
Mi chiedo in conclusione che fine han fatto tutti quei cittadini nohani, spesso così pragmatici, così attenti, così industriosi nei confronti del bene comune… Vuoi vedere che, con tanto di forconi in mano, saranno andati a circondare Palazzo Orsini urlando la loro rabbia per tanta sciatteria nei confronti di Noha, e nessuno (incluso il sottoscritto) se n’è mai accorto?  
Antonio Mellone