E’ argomento di questi giorni in città l’intervento programmato dall’Amministrazione per il restauro e la messa in funzione dello storico orologio in un contesto generale di restauro e riqualificazione della Torre Civica in via Vittorio Emanuele II i cui lavori, finanziati interamente dal GAL senza nessun aggravio sulle casse comunali, sono giunti a conclusione e i locali si apprestato ad ospitare l’Ufficio di Informazione Turistica.

L’attenzione e la volontà di fare le cose nel migliore di modi è evidente; l’amministrazione del Sindaco Marcello Amante ha incaricato il Dirigente ai LLPP, Arch. Nicola Miglietta, di curare il progetto e la direzione dei lavori in perfetto accordo e sintonia con la Sovrintendenza per i beni culturali di Lecce.

Se i lavori di ristrutturazione dell’immobile sono stati affidati alla ditta Nicolì SpA, specializzata nel settore con un’esperienza a valenza internazionale (peraltro in città ha curato il restauro della Basilica di Santa Caterina d’Alessandria), l’intervento sull’orologio posizionato nella parte alta della torre è stato affidato ad un’azienda altrettanto specializzata, Bellucchi Echi e Luci Srl, che da sempre interviene e recupera in tutta Italia orologi dalla particolare valenza storica.

Comprendiamo alcune preoccupazioni di chi ben comprende l’unicità del nostro orologio e ne teme una potenziale snaturalizzazione che potrebbe svilire il suo valore “storico” ma possiamo senza alcun dubbio rassicurare costoro: non è prevista nessuna manomissione del meccanismo, non lo volevamo e non lo avremmo permesso. All’ingranaggio, che ripetiamo non sarà modificato, sarà integrato un sistema di carica automatica che permetterà all’orologio di segnare ininterrottamente le sue ore senza la necessità di un intervento umano quotidiano. Abbiamo chiesto peraltro alla ditta del Cav. Bellucchi la possibilità di poter disinserire tale sistema automatico per poter riassaporare il sapore dell’antica carica manuale in qualsiasi momento lo si voglia.

La struttura meccanica con i suoi pregiati “ingranaggi e meccanismi” è a tutt’oggi nella sua naturale allocazione e non è previsto nessun spostamento in altro luogo. Ogni intervento sarà effettuato in loco e pertanto l’orologio non abbandonerà mai la sede della Torre Civica.

Discorso a parte va fatto per il quadrante in cristallo, anch’esso di valenza storica ma che risulta essere rotto in tre parti (e le foto allegate lo evidenziano) e, pur intervenendo con un’azione conservativa di restauro, i tecnici e la Sovrintendenza considerano potenzialmente pericoloso il suo posizionamento nella sede originaria. La scelta dell’Amministrazione, che non può disattendere tali indicazioni, è quella di sostituire il quadrante con altro nuovo, sempre in cristallo, dando indicazioni affinché il quadrante storico sia, una volta messo in sicurezza, posizionato ed esposto nel locali della medesima Torre Civica.

Nessun allarmismo quindi, l’Amministrazione è ben consapevole dell’importanza, della necessarietà e della delicatezza di questo intervento di restauro e meccanizzazione, da aver impiegato le sue migliori energie e competenze per intervenire laddove ci avevano provato in molti negli ultimi decenni. Infatti, una delibera di giunta del lontano 1981 che dava indicazioni in tal senso è agli atti del Comune con la firma del Sindaco Beniamino De Maria, ma riteniamo di poter affermare che questa volta l’orologio della Torre Civica di Galatina tornerà a scandire il tempo per i galatinesi, grazie al pragmatismo e alla concretezza dei fatti del Sindaco Marcello Amante e di questa amministrazione.

Vito Albano Tundo

Pierantonio De Matteis

 

 
 

Appena terminato un anno scolastico complesso, con l’estate alle porte che sembra avviarsi con una parvenza di normalità, in una Puglia zona bianca come molte regioni d’Italia, nell’Europeo che sta vedendo trionfare i nostri colori azzurri nel calcio regalando emozioni quasi dimenticate, anche l’azzurro del Polo 2 risplende grazie allo straordinario risultato degli studenti della scuola primaria.

Nel percorso che ha portato un nutrito gruppo di alunni delle classi quarte e quinte del comprensivo di Galatina e Noha ad affrontare vari esercizi con calcoli, disegni e giochi per confrontarsi in modo positivo mettendosi alla prova con l’affascinante mondo della matematica, mercoledì sera è arrivata la nota ufficiale con la quale si comunicavano i risultati della semifinale svoltasi a maggio.

Agli alunni delle quinte classi Francesco Torretti (V C), Giulia Sodo (V C) e Andrea Ferrini (V B) e delle quarte classi Alessandro Cortese (IV B), Francesco Colazzo (IV B) e Michele Serafini (IV A di Noha), classificatisi rispettivamente al primo, secondo e terzo posto nelle due categorie vanno i complimenti di tutto il nostro Istituto, al quale si unisce il ringraziamento particolare alle docenti Marisa Ramires e Amelia Anna Vantaggiato ed a tutto il nostro corpo docente per la preparazione, la disponibilità e l’entusiasmo con i quali quotidianamente stimolano l’interesse degli alunni facendo raggiungere sempre nuovi traguardi.

Campionati junior che mateinitaly organizza con la collaborazione del Centro PRISTEM dell’Università Bocconi di Milano e del Centro “matematita” dell’Università degli Studi di Milano, raggiungono quest’anno la quinta edizione. Il Centro PRISTEM, in particolare, organizza dal 1994 i “Campionati internazionali di Giochi matematici”, ma tradizionalmente l’edizione italiana dei “Campionati” riguarda soltanto le scuole secondarie di primo e secondo grado. I Campionati junior  sono una gara matematica, riservata alle quarte e quinte classi della primaria, in cui i migliori concorrenti di tutte le scuole d’Italia sono invitati alla Finale nazionale a Milano.

 

Arriva oggi a conclusione una situazione imbrigliata dalla burocrazia che Galatina si trascinava dietro dal lontano 2007. Nonostante le ordinanze sindacali e le sollecitazioni intervenute nel corso degli anni, infatti, non si era arrivati alla soluzione definitiva che doveva necessariamente prevedere lo smantellamento della struttura sempre più fatiscente e pericolosa, oltre che indecorosa Stiamo parlando della stazione di distribuzione carburanti di via XX Settembre, nei pressi della Villetta della Stazione.

Nei mesi scorsi, l'assessore ai Lavori Pubblici Loredana Tundo con il consigliere Vito Albano Tundo, dopo una ulteriore interlocuzione con la curatela fallimentare della società proprietaria e con il supporto fondamentale degli uffici LLPP, hanno sollecitato la rimozione.

Questa mattina la Società Puglia Carburanti s.a.s., azienda specializzata nel settore degli impianti di carburanti, ha provveduto allo smontaggio delle strutture esterne ed al ripristino della pavimentazione.

 

Condivido molte delle riflessioni fatte dal deputato galatinese Leonardo Donno nella lettera aperta con la quale propone un patto per la città da sottoscrivere tra le forze politiche che hanno sostenuto il Conte 2. Ebbene, se il deputato Donno fosse appena sbarcato da Marte non si potrebbe far altro che applaudirlo per aver messo il dito nelle “piaghe” di Galatina e per la proclamata volontà di cambiare volto alla città. Ma Donno non viene da Marte e invece opera, banalmente, la solita iniziativa da campagna elettorale con le parole che ormai sbandierano tutti: da destra a sinistra, senza che poi si coniughino ad azioni concrete.

Che non abbia concluso nulla di utile per Galatina lo ammette lui stesso quando in un passaggio della sua lunga lettera, scrive: «Abbiamo un quartiere fieristico abbandonato a se stesso. Ho provato a dare un input per realizzare un progetto, per tentare di farlo finanziare a livello centrale, ma nulla. Ho impegnato da tempo il Governo ad investire sulla nostra fiera, per riqualificarla, trasformarla, farne anche un centro congressi, un luogo destinato ai grandi eventi, che potesse lavorare 365 giorni all’anno. Sforzi vani, nonostante la volontà di tanti imprenditori volenterosi, ci siamo scontrati contro la mancanza di lungimiranza e di operare scelte coraggiose da parte di qualcuno dell'attuale amministrazione».

In compenso della sua elezione alla Camera dei deputati ne ha beneficiato il suo portafoglio visto che la sua dichiarazione dei redditi è passata dai 15.338 euro della dichiarazione dei redditi del 2018, agli 83.171 del 2019 e ai 98.688 del 2020.

Concordo con Donno sul fatto che il declino di Galatina è stato determinato dalla cattiva politica proliferata anche per la passività dei cittadini che, puntualmente, ad ogni elezione scelgono chi chiede voti per poi scomparire il giorno dopo per bussare nuovamente a ridosso del rinnovato appuntamento elettorale. Serve maggiore senso civico da parte di ogni cittadino e programmi credibili, ma certo Donno non può indossare l’abito del salvatore della Patria, di Galatina e frazioni in questo caso: pare davvero inopportuno, oltre che poco credibile, visto che il suo contributo alla crescita della nostra collettività è pari allo zero.

 

Giampiero De Pascalis

consigliere di opposizione della Lista De Pascalis

 

Di Andrea Coccioli (del 13/06/2021 @ 17:45:57, in Comunicato Stampa, linkato 53 volte)

Potenziare l’apprendimento, rafforzare la socialità tra gli studenti, rinforzare l’apprendimento delle lingue straniere, stimolare le menti degli studenti attraverso la musica, lo sport, il teatro e la digitalizzazione.

Sono proprio la digitalizzazione e l'uso consapevole degli strumenti digitali le competenze che acquisiranno i nostri ragazzi che parteciperanno al PON estivo presso la Scuola POLO 1 di Galatina denominato "TI R@CCONTO UNA STORIA".

Questa nuova occasione di socialità e coinvolgimento interesserà gli studenti della Scuola POLO 1 di Galatina

Verranno valorizzate le buone pratiche e le esperienze innovative nate durante l’emergenza sanitaria, verranno svolte attività di laboratorio, prediligendo la scuola all’aperto e lo studio di gruppo recuperando socialità e potenziando  competenze digitali (coding, media education, robotica).

Creeremo quiz online, test, questionari, sondaggi e verifiche utilizzando interfacce  semplici ed intuitive. L’aspetto particolare di questa modalità operativa e che lo faremo in modo divertente, sotto forma di gara, molto coinvolgente per i ragazzi. Analizzeremo i risultati in tempo reale sotto forma di tabelle e grafici per aumentare le competenze scientifiche.

Il gioco è quindi un'esperienza complessa e coinvolgente che permette ai bambini di partecipare, di essere protagonisti, di apprendere attraverso il fare, in modo costante e naturale, accrescendo le loro conoscenze e competenze.

 

Di Redazione (del 13/06/2021 @ 17:40:42, in Comunicato Stampa, linkato 113 volte)

C'è stato un tempo in cui la nostra città ricopriva un ruolo centrale nel Salento, protagonista nel campo dell’industria, dell’artigianato, della cultura, degli eventi e tanto altro.
Le nostre attività, nonostante ci siano tanti validi imprenditori e concittadini capaci e coraggiosi, non sono valorizzate. Le nostre eccellenze e i nostri tesori ancor meno.

Oggi Galatina è una città tristemente assopita, passiva, privata di tutto il suo originario entusiasmo, senza alcuna prospettiva che possa risvegliarla da un sonno fin troppo lungo.
La perdita della sua centralità è sì colpa di una politica poco lungimirante. Ma, cari concittadini, diciamocelo: un po’ di smalto lo abbiamo perso anche noi.

Chi sta umiliando la nostra città è chi la critica, chi la amministra con superficialità e immobilismo, chi sta alla finestra a guardare senza darsi da fare per cambiare le cose.
Noi potremmo, anzi dovremmo, essere la politica vera. Quella bella, partecipata, pulita, fatta nelle piazze, nelle periferie, per strada, ovunque. Per passione. Eravamo in vetta e adesso ci tocca ripartire quasi da zero, se non dal potenziale enorme finito da tempo in cantina.

È vero: per volare alto ci vuole costanza, capacità, impegno, passione. E invece noi, cari concittadini, ci siamo accontentati, svalutati, svenduti. Meritavamo e meritiamo altro.
E allora è questo il momento di mettere da parte l'abitudine, l'inerzia, la timidezza, l’invidia, la comoda poltrona da spettatori di una città. LA NOSTRA CITTÀ!

Non siete stanchi dei decisori di lungo corso e falsi volti nuovi travestiti da "professionisti competenti"?
Le ambizioni della nostra terra, ricca di bellezze e di eccellenze ancora tutte da valorizzare, aspettano solo noi e il nostro impegno.
Rievocando un noto proverbio, oggi vi dico che la realtà è semplice: chi si ferma, è perduto. E noi siamo stati "fermati" nel fior fiore del nostro sviluppo e ci siamo persi. Ma la bussola, e questo deve essere chiaro, dobbiamo trovarla dentro di noi. Ed è negli occhi dei nostri figli e dei nostri nipoti che troveremo la direzione giusta, la strada migliore, per raggiungere la meta più bella.

 

Non ne sentivate la mancanza? Eccolo qua, bello sostenibile e giacché pure resiliente. Da Recovery proprio. Lo trovate all’arrivo a Santa Caterina di Nardò, in fondo alla discesa che da Le Cenate porta al mare, esattamente sulla scogliera di fronte all’isolotto controllato a vista dalla Torre dell’Alto.

È la prima cosa che colpisce, l’ultimo (nel senso di fresco, meglio, Frescura) biglietto da visita della marina. La sua sagoma bianca con tende e ombrelloni nivei - come vuole la moda indicata dai migliori esperti di marketing - ricca di tante postazioni in legno, e con un parquet sugli scogli onde i piedi sono al sicuro da sassi ed erbe, pardon erbacce: è il nuovo bagno (non nel senso di toilette, che avevate capito) il quale vi accoglierà a braccia aperte nel luogo dove un tempo magari vi recavate con la vostra venticinquennale sediolina pieghevole e il libro d’ordinanza a leggere in santa pace tra una nuotata e l’altra prima del tramonto (roba da nostalgici, anzi da radical chic anacronistici e fuori contesto). Sarà per codeste magnifiche sorti e progressive che Legambiente ha concesso anche quest’anno le tanto attese Vele a Nardò e dintorni; e non sa ancora nulla del novello idroscalo in quel di Santa Maria al Bagno, se no come minimo le assegnerebbe il Golden Globe.

 

A Galatina, in occasione della ricorrenza delle festività dei Santi Patroni SS. Pietro e Paolo nei giorni 28, 29 e 30 giugno p.v., si realizzerà un “mercatino della tradizione popolare” per la vendita dei prodotti tradizionalmente legati alla festa patronale, nel rispetto delle prescrizioni e condizioni indicate nelle linee guida governative a garanzia e salvaguardia della salute pubblica.

L'iniziativa, decisa con delibera di Giunta n. 145 del 08.06.2021, permetterà alle attività inserite nell’apposito elenco, in particolare nel settore della frutta secca, dolciumi, giocattoli, articoli religiosi e articoli della tradizione locale, di animare il Mercatino Straordinario che si insedierà tra Via Principe di Piemonte e Piazza Alighieri.

Inoltre, al fine di valorizzare l’artigianato locale sarà individuato uno spazio espositivo nel quale artigiani locali esibiranno la lavorazione dei propri prodotti ed opere. Tutti gli operatori saranno esentati dal pagamento dei tributo unico.

Da Galatina giunge quindi un segnale concreto verso gli operatori del commercio itinerante, specializzati nelle feste patronali, fiere e sagre, le cui attività sono sospese da ben 15 mesi.

Allo stesso modo si intende contribuire al ritorno ad una ordinarietà di vita per tanto tempo sacrificata.

 

Di Michele Scalese (del 08/06/2021 @ 21:18:44, in Comunicato Stampa, linkato 228 volte)

Sebbene in Italia la comunità lgbt stia da anni cercando di farsi spazio per ottenere i propri diritti, la sua battaglia continua ad essere impervia e piena di ostacoli. E così continua la discussione incessante in Parlamento, per le strade, nei circoli, riguardo il tanto atteso ma allo stesso tempo, il tanto criticato “DdL Zan”. L’apice delle critiche mossegli contro, trova senso nella misura in cui secondo molti, il nuovo testo di legge possa limitare il diritto alla libertà di pensiero costituendo un “reato di opinione” per chiunque difendesse la famiglia eterosessuale o contestasse la comunità lgbt. Tuttavia, in linea di massima oggi la propaganda d’odio razziale è reato, quella riguardante l’omosessualità no. E mi lascia stupito ancora una volta come si possa affermare che l’unione gay sia un “abominio” o “contronatura” o ancora “uno schifo”, senza incorrere nel reato penale, svuotandone la legge stessa.

È facile addurre allora come l’Italia tra gli Stati dell’Europa si caratterizzi per le sue posizioni tendenzialmente rigide e tradizionaliste, poco inclini all’apertura verso i diritti di tutti e soprattutto delle minoranze; e ciò che è più importante sottolineare, lo troviamo nel calderone partitico del Paese, in cui  se il Partito Democratico ha appoggiato la proposta di legge Zan (PD), assieme ad una buona parte del M5S che si definisce “orgoglioso”, l’opposizione - guarda caso - continua a sfiduciare e a criticare aspramente l’operato a colpi di tweet e hashtag. Primi fra tutti Fratelli d’Italia che, amando così tanto le sceneggiate napoletane, si imbavagliano i volti nell’aula della Camera in segno di protesta. Una degna rappresentazione artistica se non fosse stato che, ad accompagnare la scena vi erano cori di voci aggressive nei confronti dei promotori del DdL “liberticida”, come è stato definito dalla sen. Rauti. Come al solito poi, Giorgia Meloni, aveva dato contro anche sui social, interrogandosi sul bisogno di una legge a tutela delle persone lgbt in un momento in cui l’unica priorità del Governo dovrebbe essere la situazione pandemica in atto. Peccato però, che anche in un contesto precario come il nostro, aggravato dal virus che continua a pesare sul sistema sanitario ed economico del Paese, continuano le aggressioni a singoli e coppie che vorrebbero amare liberamente.

 

 

 

Il Meteo Nohano
...
Noha T min T max Vento Prob. Precipitaz. [%]

"Salviamo gli Ulivi Secolari"...

La struttura della vecchia scuola elementare di Noha è stata inaugurata e subito chiusa da:

Categorie News


Catalogati per mese:


Gli interventi più cliccati

Sondaggi


Info


Quanti siamo

Ci sono  persone collegate

Seguici sui Canali di

facebook Twitter YouTube Google Buzz

NOHINONDAZIONI

Calendario

< giugno 2021 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
14
15
19
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
       
             

Meteo

Previsioni del Tempo

La Raccolta Differenziata