\\ Home Page : Storico : Comunicato Stampa (inverti l'ordine)
Di Redazione (del 06/12/2021 @ 20:23:05, in Comunicato Stampa, linkato 67 volte)

Le festività natalizie di quest’anno saranno in gran parte dedicate ai bambini.

Per prima cosa, inizieremo con l’accensione dell’albero, martedì 7 dicembre alle ore 17:00, in compagnia della ZAGOR STREET BAND.

Le luminarie nel centro storico hanno un tema conduttore. Nel giugno 2021 la Compagnia degli Exsultanti, supportata anche dalla Regione Puglia, ha candidato 33 rosoni di Puglia quale patrimonio dell’Unesco. L’Amministrazione Comunale ha preso spunto da questa proposta per condividere con la ditta LUMINO SRL, un progetto unico e del tutto originale che riproduce in maniera stilizzata, su materiale plastico i rosoni delle Chiese e Cattedrali di cinque città Pugliesi: Otranto, Ostuni, Trani, Ruvo di Puglia ed ovviamente Galatina, con la Basilica di Santa Caterina.

La VIA DEI ROSONI si snoda tra Via Vittorio Emanuele e via Umberto I ed un modo diverso per tenere lo sguardo alto ed attento sulle nostre caratteristiche bellezze.

Il nostro albero di Natale, proposto da LUMIWORKS srl, si caratterizza per la sua originalità. Con i suoi quindici metri di altezza e quasi sette di diametro, si impone su piazza San Pietro contribuendo a darne una diversa immagine a seconda del punto di osservazione. È un albero che invita alla gioia con i suoi colori e la sua luminosità.

In fondo a Via Umberto I è stata collocata una originale struttura che richiama la tradizionale cassa armonica. La particolare cupola trasparente illuminata sarà il tetto sotto cui chiunque potrà esibire le proprie qualità musicali o canore. Ma sarà anche uno spazio aperto alle letture pubbliche, alla recitazione e ad ogni forma di espressione artistica.

Una proiezione luminosa a tema natalizio sarà effettuata sulla facciata di PORTA LUCE. Sarà un modo per valorizzare una delle porte antiche di accesso alla Città ma anche un segno di accoglienza per cittadini e visitatori.

Ci sarà anche all’interno di Palazzo Gorgoni, in Via Umberto I, una proiezione luminosa a tema Natalizio.

Il calendario completo delle manifestazioni sarà il seguente:

VILLAGGIO DI BABBO NATALE

All'interno dell'ex convento delle Clarisse, il Villaggio sarà un progetto sociale ed inclusivo creato dall'associazione C.S.CI asd, in collaborazione con ABILMENTE INSIEME, POLVERE DI STELLE, FALLA PER ME aps, LAICI COMBONIANI onlus, Missionari Comboniani ed i bambini del Centro Socio Educativo Diurno di Galatina.

La condivisione del lavoro tra le diverse associazione e la particolare attenzione ai temi sociali rendono il Villaggio di Babbo Natale un’esperienza del tutto innovativa.

Nei giorni 11-12-18-19-22-25-26 dicembre e 1-2-6- gennaio 2022, nelle ore 10:00-13:00 e 16:00 - 22:00 si succederanno:

 
Di Redazione (del 06/12/2021 @ 20:14:36, in Comunicato Stampa, linkato 33 volte)

Martedì 14 e giovedì 16 dicembre, ore 10, presso il Palazzo della Cultura “Z.Rizzelli” di Galatina i volontari del Servizio Civile - progetto In Reading 2019 - organizzano la presentazione del nuovo romanzo del cantautore e scrittore Simone Perrone aka Blumosso, "Schiena Cucita".

L’artista, allontanandosi dalle classiche presentazioni di libri, interagisce con il pubblico unendo il mondo della musica e della scrittura e parlando attraverso il suo libro della falsità, della paura della verità e dell’assenza di dialogo che portano alla distruzione delle relazioni.

 Il romanzo, edito da Casa Editrice Kimerik, ha come punto focale la contrapposizione tra  sentimento e follia che sono spesso molto vicini e il confine è talvolta così labile da non riuscire a contenerne i margini. Succede quindi che le emozioni si mischiano, si confondono senza più essere riconoscibili.
Una contrapposizione tra morte e vita, amore e odio, razionalità e follia, paura e determinazione.
Un romanzo accattivante che svela al lettore le sue intenzioni sapientemente.

 
Di Russo Piero Luigi (del 02/12/2021 @ 21:38:19, in Comunicato Stampa, linkato 66 volte)

L’evento per grandi e piccini è fissato per Domenica 05 dicembre a partire dalle ore 09.00 ed avrà fine intorno alle ore 13.00. In Piazza Alighieri a Galatina. La “Bimbulanza” è la prima ambulanza pediatrica del sud Italia, all’acquisto della quale la cittadinanza di Galatina ha partecipato con numerosi e diversi eventi benefici. Il progetto, fortemente voluto e realizzato da Don Gianni Mattia e dalla sua Associazione “Cuore e mani aperte" O.d.V., nasce con l'intento di alleggerire il tragitto dei piccoli ospiti che in caso di necessità potranno essere trasportati nei vari spostamenti clinici tra diversi ospedali. La vera novità, che rende speciale questa iniziativa ed il progetto tutto, sempre in debito di fondi per la sua sopravvivenza, è la presenza sulla “Bimbulanza” di un volontario clown che tra sorrisi, giochi e colori, allieta la permanenza sul mezzo dei piccoli passeggeri. L’offerta minima per singolo Pandorotto di cioccolato dal peso di 200 grammi, è di 5€.

 
Di Redazione (del 29/11/2021 @ 21:54:31, in Comunicato Stampa, linkato 87 volte)

Una giornata particolare per gli alunni delle classi 2^C e della 3^C della Scuola Secondaria di I grado Polo 2 di Galatina nell’ambito del concorso “Libriamoci” con “Giochi diVersi”. Infatti, nella mattinata del 18 novembre 2021, l’attività scolastica si è spostata dall’edificio scolastico alle vie del centro storico di Galatina.

La prima tappa si è svolta nel chiostro della Basilica di Santa Caterina d’Alessandria, dove gli alunni, accompagnati dalle rispettive docenti d’italiano, Prof.ssa Rita Colazzo e Prof.ssa Ada Coluccia, si sono cimentati in canti, letture di alcuni passi della Divina Commedia e giochi medioevali come il tiro alla fune e il salto con la corda.

Successivamente, la lezione itinerante ha coinvolto le principali corti galatinesi, dove i partecipanti hanno recitato una loro composizione sulla figura di Renata Fonte contaminando alcuni versi della Divina Commedia e immaginando Dante nella selva di Porto Selvaggio.

 
Di Michele Scalese (del 26/11/2021 @ 13:35:22, in Comunicato Stampa, linkato 181 volte)

È risaputo come in tutta la nostra Città non si faccia altro che parlare del Teatro “Cavallino Bianco” e del gran prestigio che continua ad avere dall’inaugurazione fino ad oggi. Esposti in tutta la Provincia i manifesti 6x3 rigorosamente su plancia che annunciano, tra l’altro, anche la calendarizzazione degli eventi fino al 30 Novembre. È curioso vedere come la scaletta degli eventi termini con una frase che lascia presagire ciò che ci auguriamo non accada: “E’ adesso”. Ecco, adesso. E dopo? Cosa ne sarà del Cavallino Bianco dopo il 30 Novembre data ultima di calendarizzazione? Sarà pronto per l’ennesima chiusura? Si farà tra qualche anno una nuova inaugurazione in pompa magna? Dal canto nostro speriamo vivamente di no, poiché, a conti fatti, le spese sono state ingenti e i numeri parlano da soli. Più di due milioni di euro. Precisamente 1.625.000 euro provenienti dalla Regione Puglia e 500.000 dalle casse del Comune di Galatina, che si sommano al costo dell’acquisto dell’immobile dalle precedenti amministrazioni. Occorre sottolineare inoltre, che agli organizzatori, ai quali è stato concesso il compito dagli amministratori di organizzare – appunto – gli spettacoli, sono stati destinati altri proventi ministeriali che si aggiungono alle risorse organizzative degli spettacoli stessi. Orbene, e in tutto questo calderone di risorse economiche, Galatina e i suoi cittadini che posto occuperebbero? Dopo che il Comune ha concesso un ulteriore somma di 10.000 euro agli organizzatori, non sarebbe stato opportuno coinvolgere più fattivamente i nostri concittadini, magari facendo godere loro di uno sconto ad honorem, considerando il fatto che i sopracitati sono soldi del Comune e quindi della cittadinanza? Invece no, l’unico ingresso gratuito è stato programmato per la mattinata dell’inaugurazione; oltre a questo, a parte le riduzioni per gli studenti, i galatinesi debbono necessariamente avere lo stesso trattamento al pari di tutti gli altri spettatori.

 
Di Redazione (del 26/11/2021 @ 13:14:38, in Comunicato Stampa, linkato 89 volte)

Il  terzo appuntamento della rassegna “ Incontri al Collegio” del 26 novembre alle ore 18,30 presso la Chiesa del Collegio, è dedicato a Dante Alighieri nell’anno delle celebrazioni  a lui dedicate per i 700 anni dalla sua morte.

Nel canto XI della Divina Commedia Dante Alighieri  fa dire a San Tommaso  :

La provvidenza che governa il mondo

(…..)

due principi ordinò in suo favore ,

che quinci e quindi le fosser per guida.

L’un fu tutto serafico in ardore;

l’altro per sapienza in terra fue

di cherubica luce uno splendore

Sono i versi che introducono  l’argomento del canto XI e del suo speculare XII, la Provvidenza che governa il mondo con l'infinita saggezza di Dio per guidare la Chiesa in un momento di grande smarrimento, dispose la nascita di due principi. L’uno di ”serafico ardore”: Francesco  d’Assisi  pieno di carità come i Serafini   e l’altro “di cherubica luce uno splendore”: Domenico di Guzmàn  splendette della sapienza e dell’intelligenza propria dei Cherubini. San Francesco e San Domenico hanno dato vita ai rispettivi ordini mendicanti.

Nella chiesa del Collegio già ordine dei Domenicani, la professoressa Alessandra Beccarisi docente di Storia della Filosofia Medievale presso l’Università di Foggia analizzerà il rapporto e l’influenza che ebbero i due ordini mendicanti sulla filosofia e sulla teologia del Sommo Poeta.

Dialogherà con lei Luciano Abbaterusso  Coordinatore della Comunità Pietre Vive di Galatina.

Introduce il Rettore della Chiesa della Madonna delle Grazie Don Antonio Santoro 

Alessandra Beccarisi 

Alessandra Beccarisi  è attualmente professore associato di Storia della filosofia medievale» presso l’Università di Foggia, già docente della stessa materia presso l’Università del Salento.  Dal 2015 è direttore del Centro per l'edizione di testi filosofici medievali e rinascimentali (CETEFIL) fondato nel 2000 da Loris Sturlese presso Unisalento. Dal luglio 2017 è General Editor delle pubblicazioni della SIEPM: «Bulletin de Philosophie Médiévale» (Rivista di Fascia A) e «Rencontres de Philosophie Médiévale».Humboldt  Ambassador Scientist.  Le sue ricerche riguardano in particolare: i domenicani tedeschi del XIII e XIV secolo; edizioni critiche di testi medievali; mistica medievale; divinazione naturale nel medioevo; geomanzia.

Luciano Abbaterusso

 
Di Fabrizio Vincenti (del 20/11/2021 @ 14:43:35, in Comunicato Stampa, linkato 758 volte)

Se qualcuno avesse chiesto a Carmelo Bene un’opinione in merito alle decisioni prese sulla questione epidemica, sono certo che avrebbe risposto che si tratta di scorregge di Stato.

C’è un inquietante terrore che aleggia, una funerea paura di esprimere un parere, se si ha la sensazione che questo discordi con quello che io definisco pensiero unico dominante. Per fortuna non ho questa fobia.

Penso di sapere cosa sia lo Stato, e lo rispetto. La maggior parte non sa cos’è, e ciò che rispetta sono le sue scorregge.

Siamo davanti ad un aborto della ragione, vale a dire alla pratica di estirpare ogni pensiero che abbia a che fare con la razionalità e la ragionevolezza.

L’incapacità di starsene fermi non è sempre sinonimo di codarda oziosità. Infatti, spesso, il non fare è meno dannoso del fare.

Se io suscitassi una percezione, dicendo che mancano 24 ore alla fine del mondo, tutti si affretterebbero a costruire bunker e a svaligiare supermercati. Inoltre, tutti pretenderebbero dallo Stato fulminee decisioni a riguardo. E cosa farebbe lo Stato? Per rispondere alla pretesa della gente in panico, mossa originariamente da una distorta percezione della realtà, prenderebbe le decisioni più assurde pur di dimostrare che la sua ragion d’essere ha un senso. È quello che sta accadendo.

La percezione distorta della realtà sta inducendo gente di assoluta mediocrità a prendere decisioni criminose a danno di tutti. Siamo intrappolati nello schema ben descritto dal sociologo Overton. Si introduce nell’opinione pubblica un concetto dapprima inconcepibile (es. divieto generalizzato di uscire di casa), e quel concetto, divenuto via via sempre più accettabile, arriva ad essere considerato non solo ragionevole, ma addirittura legale. Se, infatti, fino a due anni fa chiudere in casa una sola categoria di persone era considerato una misura dal sapore nazista, oggi parlare di un lockdown dei soli non vaccinati sta diventando un concetto non solo ragionevole e diffuso, ma addirittura legalizzato. Voi pensate che qualche tedesco del 1940 non fosse consapevole di quello che stava succedendo? Avevano semplicemente trasformato un concetto dapprima assurdo e inconcepibile in una decisione ragionevole e legale. Anche se questo paragone dovesse urtare la vostra sensibilità, io me ne fotto, poiché mi sento in dovere di dire come stanno le cose.

Basta poco, infatti, per abituarsi all’assurdo. E poiché reputo che la massa sfortunatamente sia acefala, vale a dire priva di quella componente fondamentale che permette di giudicare criticamente ciò che accade, il rischio di abituarsi a pratiche assurde non è più un’utopia, ma la mostruosa realtà. Non aveva torto, infatti, il caro Dostoeskij (a proposito, leggete qualcosa, per onorare il secondo centenario dalla sua nascita): “Hanno pianto un poco, poi si sono abituati. A tutto si abitua quel vigliacco che è l’uomo”.

 

È indetto un Avviso per la presentazione di Manifestazioni di Interesse finalizzate alla creazione di un Elenco di Strutture in grado di fornire servizi residenziali a singoli e/o famiglie che possono essere attivati nel giro di poche ore e per la durata di brevi periodi; la caratteristica dell’intervento si contraddistingue per l’urgenza e la brevità dell’accoglienza.

L’istituzione dell’Elenco ha lo scopo di agevolare il Servizio di Pronto Intervento Sociale nella ricerca della struttura ricettiva più adeguata alla risoluzione del bisogno emergente.

Possono presentare domanda di inserimento nell’Elenco Strutture ( come ad esempio Comunità Socio-Educative, Case di accoglienza, Comunità Alloggio, B&B, Alberghi, RSA ecc.) presenti sul territorio della Provincia di Lecce e Brindisi.

Per essere iscritti nell’Elenco, i richiedenti dovranno presentare l’istanza di cui all’Allegato A entro le ore 14.00 del giorno 31.12.2021, all’indirizzo pec: protocollo@cert.comune.galatina.le.it.

Per eventuali informazioni rivolgersi alle referenti dott.ssa Francesca LILLO e dott.ssa Francesca Mazzotta tel. 0836 565265 dal Lunedì al Venerdì dalle ore 9,00 alle 13,00 o all’indirizzo email: ufficiopiano@ambitozonagalatina.it.

Download:

 

Al motto di "Rilanciamo la fiera di Galatina" continueranno tutte le domeniche, fino al 19 dicembre, gli appuntamenti con i banchetti di raccolta firme in Piazza Aligheri.

«Un'adesione sorprendente quella che abbiamo riscontrato» commenta il comitato promotore dell'iniziativa, composto da cittadini, liberi professionisti, attuali ed ex amministratori.
L'iniziativa ha mosso i primi passi nella seconda metà di Ottobre. L'Amministrazione Comunale di Galatina ha confermato l'intenzione di voler riservare una porzione del quartiere fieristico alla realizzazione di un centro di alta formazione professionale. E una larga fetta della popolazione è insorta, organizzando una petizione popolare con gazebo e raccolta firme itineranti.
Il prossimo 28 dicembre, sempre a Galatina, sarà promosso un dibattito pubblico sul tema aperto alla cittadinanza, agli imprenditori, alle associazioni di categoria, gli stessi amministratori della cittadina e tutti coloro che vorranno confrontarsi sul tema del rilancio del quartiere fieristico. Saranno presenti esperti del settore e tecnici, per favorire un dibattito mirato e approfondito, in grado di rendere gli stessi cittadini coprotagonisti delle future scelte e azioni che interesseranno la struttura fieristica.

«Noi porteremo la nostra idea, il nostro progetto e la nostra visione - dicono dal comitato promotore - così come ognuno potrà sentirsi libero di addurre un proprio contributo per il rilancio del quartiere fieristico e della città tutta. Bisognerà però lasciare a casa personalismi e preconcetti. La città e i suoi beni sono di tutti i galatinesi. Ed è giusto che tutti possano partecipare attivamente a questo e a tutti gli altri percorsi che tirano in ballo il presente e il futuro di Galatina, realtà centrale del Salento e volano per l'economia del territorio.
In quell'occasione - continuano - saranno anche annunciate ulteriori novità.
Riteniamo che quella avanzata sia una scelta miope e dannosa. Esistono diversi immobili comunali che potrebbero essere destinati ad accogliere il centro di formazione, al quale non siamo contrari, sia chiaro; ma collocarlo nel Quartiere Fieristico sarebbe un danno irreparabile in primis per l'intero immobile, che subirebbe il colpo di grazia definitivo. E poi per tutta la città e il suo hinterland, che perderebbero una realtà altamente attrattiva, se adeguatamente ripensata e recuperata.
Ricordiamo che Galatina è il terzo polo fieristico regionale dopo Bari e Foggia, e l’intero immobile rappresenta, per il bilancio comunale, la proprietà di maggior valore economico.

 

L'Inferno al Castello di Noha...

Categorie News


Catalogati per mese:


Gli interventi più cliccati

Sondaggi


Info


Quanti siamo

Ci sono  persone collegate

Seguici sui Canali di

facebook Twitter YouTube Google Buzz

NOHINONDAZIONI

Calendario

< dicembre 2021 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             

Meteo

Previsioni del Tempo