Di Marcello D'Acquarica (del 25/06/2017 @ 11:42:32, in NohaBlog, linkato 328 volte)

A volte le parole tacciono
(Per Serena che c'è) 

E l'ora del mezzo,
l'ora in cui la neve è fatta dí campanelle bianche. 

Stanno come risa gioiose sul folto dell'erba giallogna
che ti sfiora il cammino e ancora non brucia. 

È l'ora di folle confuse,
di parole sorde al tuo sguardo deluso. 

È l'ora dei fantasmi traditi,
sorpresi nel gioco di luci e fra ombre dí rami spogliati. 

Questa è l'ora sottile in cui il filo si rompe senza rumore.
Dal silenzio non viene più neanche una voce,
nemmeno un sospiro. 

Marcello D'A. 

 
Di Fabrizio Vincenti (del 18/06/2017 @ 18:15:49, in NohaBlog, linkato 952 volte)

Padre, ascolta la nostra preghiera: guarda con bontà questo tuo figlio, che noi consacriamo come diacono perché serva al tuo altare nella santa Chiesa. Sia pieno di ogni virtù: sincero nella carità, premuroso verso i poveri e i deboli, umile nel suo servizio, retto e puro di cuore, vigilante e fedele nello spirito”.

Sabato 24 giugno, con queste parole, l’arcivescovo di Otranto, con l’imposizione delle mani, ordinerà il nostro Giuseppe diacono. L’aggettivo possessivo qui è d’obbligo. Il fatto che nella comunità cristiana di Noha nascano e maturino vocazioni alla vita consacrata, senza soluzione di continuità generazionale, non è mera coincidenza. Che uomini e donne consacrino la loro vita a Dio a servizio della Chiesa, dimostra anche una certa sensibilità all’uomo da parte dell’intera  nostra comunità, e non solo del singolo individuo.

Ho usato l’aggettivo possessivo nostro, dunque, poiché Giuseppe oggi sarà chiamato ad essere diacono, e domani presbitero, a servizio di una comunità, perché un’altra comunità, con l’aiuto di Dio, lo ha generato, ed è la comunità di Noha. Nessuno, infatti, si forma da solo.

 
Di Fabrizio Vincenti (del 12/06/2017 @ 21:53:09, in NohaBlog, linkato 2742 volte)

Galatina avrà il suo capo. Il voto dei cittadini premierà la repubblica o la monarchia (chi rappresenta cosa non lo so)? Un’analisi dei risultati ottenuti dai vari candidati, però, a questo punto è doverosa. Lo spasso, infatti,  che ci hanno regalato i vari comizi e confronti elettorali ha fatto sembrare Antonio de Curtis, in arte Totò, un dilettante.

Iniziamo con colei che ha preso meno voti, Sindaco Daniela.

Considerato che la suddetta si è presentata con ben sette liste, l’aver preso meno voti di tutti non è una sconfitta, ma una disfatta. Infatti, se solo avessero votato tutti i parenti dei soli candidati nelle sue varie liste civiche, mamme e papà, fratelli e sorelle, zii, nonni e cugini e cognati degli aspiranti consiglieri o assessori, la candidata avrebbe dovuto prendere almeno il doppio dei voti ottenuti. Poiché ciò non è accaduto, si capisce che la signora Daniela non ha convinto neanche quelli di famiglia: o non ha funzionato il suo programma, o non hanno funzionato i suoi candidati, o non ha funzionato lei. Una cosa è certa: lei vuole la politica, ma la polis non ha voluto lei e, poiché esistono infinite arti, questo forse sarebbe l’invito a fare altro nella vita.

Segue, a pochi voti di distanza, Roberta Forte.

È un volto conosciuto ai galatinesi, folta chioma e sorriso smagliante. Se io però avessi dovuto scegliere tra l’appoggiare il programma spaziale americano e il suo di programma, di certo mi sarei schierato per il primo in quanto, mentre la conquista dello spazio sembra avere possibilità di successo, il secondo contempla le stelle senza telescopio. Se poi consideriamo il fatto che il suo modello di sostenibilità e sviluppo è Napoli, allora è chiaro che Roberta ha le idee poco chiare in quanto il capoluogo partenopeo non è proprio un gioiello di welfare. Essendo queste le premesse, tutti quei voti sono anche troppi poiché vaneggiare è mestiere molto deprimente. L’invito emerso dalle urne però è chiaro: è vero che tentar non nuoce, ma è vero altresì che perseverare è diabolico.

Eccoci a Paolo Pulli del M5S.

 
Di Raimondo Rodia (del 11/06/2017 @ 15:44:30, in NohaBlog, linkato 1171 volte)

Oggi è l'11 giugno finalmente ci siamo, ecco il gran giorno delle scelte, ma facciamo un passo indietro e vediamo cosa ci raccontano le stelle. Iniziamo da due giorni fa, ultimo giorno nel quale si svolgono i comizi finali, ebbene venerdi sera in cielo vi era la luna piena.
In astrologia, la ricorrenza della Luna piena spesso viene considerata presagio di nascite, morti od eventi importanti. Un evento importante potrebbe essere il nuovo sindaco con la sua giunta che potrebbe ridare lustro alla città oppure sotterarla per sempre.
Il fenomeno della luna affascina in tutte le sue fasi, che vengono paragonate alle stagioni e alle diverse età della vita umana. Alla nuova luna vengono attribuiti mezzi magici.

 
Di Antonio Mellone (del 10/06/2017 @ 12:36:08, in NohaBlog, linkato 696 volte)

Ragazzi, è dura e io vi capisco. Non è mica facile di questi tempi decidere il candidato sul cui nome segnare una bella croce il giorno delle elezioni.

Vero è che il concetto espresso dalla locuzione “metterci una croce sopra” assume accezioni affatto contrastanti a seconda dei casi:

  • a) in senso letterale significa dare il proprio voto in favore di Tizio;
  • b) in senso letterario, al contrario, la proposizione si tradurrebbe con la nota formula: “Caia, per te miss Italia finisce qui” [l’allusione alla fascia tricolore da sfilata, anzi da processione solenne ci sta tutta, ndr.].

Apparentemente il caso sub a) sarebbe più semplice, visto che in senso letterale le croci da apporre sono numericamente inferiori (un paio al massimo) rispetto a quelle che sarebbe d’uopo listare in senso letterario. Tuttavia la scelta di quell’uno è di gran lunga più ostica rispetto alla bocciatura degli incommensurabili scarti politici, altrimenti detti riempilista (da moltiplicare per il numero delle innumerevoli liste). Non fosse altro che per il tempo che si perderebbe nel farne l’appello uninominale.

Se a questo si aggiunge il fatto che certa politica non è più di sinistra (forse mai stata), né di destra, ma solo ego-centrica,  riusciamo a cogliere meglio le motivazioni per le quali spesso arriviamo alla vigilia del voto (quasi) tutti parzialmente stremati.

 
Di Antonio Mellone (del 03/06/2017 @ 12:07:30, in NohaBlog, linkato 800 volte)

Secondo un mio personale sondaggio condotto con l’utilizzo di un “campione bernoulliano” (insomma ho posto la domanda soltanto ad alcuni candidati: agli altri era del tutto inutile, tanto scontata sarebbe stata la risposta), l’80% dei concorrenti alla poltrona di Sindaco e/o consigliere comunale non conosce il programma stilato dagli avversari, nemmeno i tratti più salienti, e quindi non sa cogliere le differenze (posto che esistano) con il suo. Anche perché il restante 20% di questo campione non conosce nemmeno le proposte della propria fazione.

Con questi dati alla mano, attraverso un banale processo di inferenza statistica, si può ragionevolmente dedurre che la percentuale di elettori che non padroneggia almeno due punti del programma dei propri beniamini s’aggira intorno al 150%.

La scelta dunque del sindaco ideale per il proprio comune diventa una vera e propria variabile aleatoria, ovvero stocastica, vale a dire ad minchiam: ergo con grandi probabilità di vittoria del peggiore e non del migliore [migliore che - a dispetto dello stucchevole luogo comune secondo il quale “sono tutti uguali” - per nostra fortuna in loco esiste eccome: basta saperlo individuare usando quell’organo che ha grandi potenzialità ma che sovente non utilizziamo appieno se non quando siamo all’acme dell’eccitazione ovvero al massimo del suo stimolo, vale a dire il cervello, ndr.].

Siccome stiamo discutendo del futuro del territorio, e di conseguenza del nostro e di quello dei nostri cari, mi permetto di dar qui di seguito a galatinesi e frazionesi qualche sollecitazione o qualche imbeccata sul metodo da utilizzare per selezionare chi avrà l’onore e soprattutto l’onere di diventare il nostro Primo Cittadino.

 
Di Fabrizio Vincenti (del 29/05/2017 @ 14:16:05, in NohaBlog, linkato 2072 volte)

Hai stancato! Sì, caro Antonio Mellone, ora hai proprio stancato Noha, Galatina, Collemeto e Santa Barbara. Taci una volta per tutte, capra, capra, capra! Chi ti credi di essere tu con quella tua penna da strapazzo! Come ti permetti di criticare, di dire sempre la tua, di farti i fatti degli altri? Sai solo scrivere tu, mica sai parlare ai comizi, inventare storie, sparare numeri, narrare leggende! Cosa sai fare tu oltre al tuo lavoro? Pensi che occupandoti della cosa comune, dei fallimenti delle passate amministrazioni, dell’incapacità cognitiva di chi, con profondo senso del dovere e senza pensare ai duemila euro di stipendio, si candida alla carica di sindaco, tu riesca a fare una bella figura?

Hai stancato tu e la tua cultura, la salvaguardia dell’ambiente, il restauro delle opere d’arte, il problema della cementificazione, dell’inquinamento, del chilometro zero, delle autostrade a sei corsie! Basta con questa trozza, con la torre dell’orologio, con le casiceddrhe, con la masseria Colabaldi, col frantoio ipogeo.

Cosa fai tu per Noha, oltre a scrivere? Sei stato tu a sostituire la lampadina al calvario? No di certo. Non capisco, dunque, che cosa scrivi a fare! E basta anche con questo fatto della cabina dell’Enel alla struttura di Noha. Cosa te ne frega a te se a noi i compleanni piace farli al buio? Non sai che così le candeline sulle torte fanno più effetto?

 
Di Antonio Mellone (del 27/05/2017 @ 15:32:03, in NohaBlog, linkato 874 volte)

Sono entrato tardi su face-book, un paio d’anni fa.  

Mi ci è voluto un po’ per capire che forse un social network così non ce lo possiamo ancora permettere. Non tanto perché sottrae del tempo alla lettura dei libri (il che è incontrovertibile, oltre che grave), quanto per il fatto che oggi sei costretto a leggere certe elucubrazioni dal tenore molto simile a quello che un tempo potevi trovare, che so io, sui muri dei gabinetti pubblici, o nei discorsi degli avventori del Bar Sport usi a sproloquiare su tutto lo scibile umano. Discorsi o asserzioni che durante le tornate elettorali sembrano aumentare a dismisura, anzi in maniera esponenziale. Roba da stadio. O da stalla. A seconda.  

Ma mentre allora potevi anche evitare di leggere certe scemenze oltretutto sgrammaticate vergate altrove, oggi, purtroppo, ti tocca scorrere con gli occhi tutto quello che ti passa sotto i polpastrelli che sfreghi sullo schermo. Anche (e soprattutto) se non vorresti.

 
Di Antonio Mellone (del 21/05/2017 @ 22:52:03, in NohaBlog, linkato 1106 volte)

Aveva ragione il mio compianto amico, il prof. mons. Antonio Antonaci, quando mi diceva: “Chi scrive e pubblica, in un certo qual modo rischia di diventare come certe donne di strada: non sa mai in che mani potrebbe andare a finire”.  Le peggiori sono quelle di coloro che sentono su di sé tutto il peso di una scuola fatta male. E non perdono occasione di dimostrarlo senza ritegno. 

Fra questi s’annoverano quelli che non solo non sanno scrivere, ma soprattutto non sanno leggere: e chiosano di conseguenza, con le solite elucubrazioni a cento decibel, oltretutto sgrammaticate e insolenti.   

Ora, nessuno, a meno che non sia paranoico, può pretendere che gli altri leggano tutto quello che scrive: ma almeno può sperare che non gli facciano dire il contrario, o “altro” rispetto a ciò che ha scritto. Voglio dire in parole povere che io sono responsabile di quello che dico (o scrivo) non di quello che gli altri capiscono (o vogliono capire).   

 

La FIDAS Noha incontra i cand...

Categorie News


Catalogati per mese:


Gli interventi più cliccati

Sondaggi


Info


Quanti siamo

Ci sono  persone collegate

Seguici sui Canali di

facebook Twitter YouTube Google Buzz

NOHINONDAZIONI

Calendario

< giugno 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
13
17
24
26
27
28
29
30
   
             

Meteo

Previsioni del Tempo