Caro Alessandro (1), tu lo sai noi non ci conoscevamo, io so poco o niente di te, non so dove hai vissuto, dove hai lavorato, che cosa hai fatto nella vita, ma mi hai incuriosito con la tua prima pubblicazione sul maestro pasticcere Rafelino Bello.

Un piacevole articolo documentale e testimoniale con uno spirito di fondo positivo di compiacimento e di sana ammirazione per un galatinese speciale.

Ti ho voluto conoscere e ti ho incoraggiato a proseguire in questa tua passione amatoriale di ricerca e divulgazione in un settore  quello dell’arte bianca che a Galatina ha tanto da raccontare.

I tuoi lavori sono proseguiti, le pubblicazioni anche, ma la musica è completamente cambiata.

Inspiegabilmente,  argomentando su Andrea Ascalone, hai imboccato una deriva antipatica, denigratoria al limite del diffamatorio.

Te lo confesso sono rimasto molto male, ancor più quando mi hanno fatto notare come in un  tuo scritto che ho trovato assai sgradevole e irriguardoso, mi avevi citato espressamente ingenerando l’idea di una mia condivisione.

Hai scritto che sei venuto a conoscenza  da me che l’attività di Ascalone ha rischiato di chiudere nel 2002 e questo è vero, ma hai omesso di dire che ciò accadeva per un’assurda mala burocrazia  che ha suscitato forte indignazione sia nel sottoscritto che nelle istituzioni locali.

Poi tutto si è risolto con il meritato riconoscimento di laboratorio storico.

E adesso  oramai che ci sono approfitto….

No Alessandro non va affatto bene usare due pesi e due misure.

Perchè per il maestro Rafelino hai attinto in primis alla famiglia e poi ai suoi estimatori e così non hai fatto per Andrea Ascalone?

Non ci vuole molto per capire che il tuo giudizio negativo è preconcetto ed ingiustificatamente critico.

Dico questo perchè ho dalla mia prove documentali che raccontano un’altra storia ed in più l’esperienza personale che mi ha permesso di conoscere e frequentare con eguale curiosità sia Rafelino che Andrea.

Nascono appaiati l’uno nel 37 e l’altro nel 38 (dichiarato nel 39), legano subito attratti dalla loro complementarietà.

Sono forse i primi due galatinesi che manifestano obiezione di coscienza  alla leva militare che evitano con le buone il primo e con le cattive il secondo (dichiarato disertore)  riparando entrambi in Svizzera.

Esperienze internazionali a seguire in Inghilterra l’uno ed in Francia l’altro.

Matrimonio con moglie emancipata d’oltralpe Rafelino, matrimonio con moglie tradizionale siciliana Andrea.

Basterebbero queste poche righe per comprendere la loro natura e i loro destini così diversi.

Rafelino genio e sregolatezza creatività e innovazione.

Andrea  rigore, perfezione, tradizione.

Quando si incontravano erano fuochi d’artificio scene incredibili.

Lo yin e lo yang una grande amicizia, un grande apprezzamento reciproco.

 

Il nostro Luigi D'Amato sarà sacerdote per sempre venerdì 28 giugno 2019 alle ore 20 nella Basilica Cattedrale di Otranto. L'invito è esteso a tutti i concittadini.

 
Di Redazione (del 22/06/2019 @ 18:42:35, in Comunicato Stampa, linkato 75 volte)

La Rete Ambiente e Salute del Salento, su proposta di cittadini attivi di Galatina, organizza per domenica 23 giugno ore 9,00 una passeggiata di riflessione paesologica presso l'area d'interesse storico-paesaggistico denominata “li Grutti” a Galatina.

La passeggiata vedrà coinvolte alcune realtà associative del Salento e saranno presenti esperti di paesaggio, storia patria, territorio ed etnobotanica che brevemente illustreranno alcune peculiarità che caratterizzano i luoghi visitati.
L'obiettivo è quello di recuperare, aumentando ed approfondendo, la conoscenza dei luoghi per riscoprire un sito anticchissimo, pare, teatro del primo insediamento che diede origine alla fondazione della città di Galatina. Un luogo poco conosciuto, ma estremamente importante per la comunità di Galatina e per il Salento, ad oggi ancora inspiegabilmente lasciato nell'oblio e nell'abbandono.

L'evento si propone di richiamare l'attenzione di tutta la comunità salentina, di appassionati ed esperti, giornalisti e di amministratori pubblici nei confronti di un'area di alto pregio paesaggistico, culturale, etnobotanico ed archeologico dove sono tutt'ora presenti importanti e numerosi elementi architettonici, masserie e chiesette, ed ambienti ipogei scavati nei banchi di roccia affiorante. Tali luoghi abitati da comunità religiose, presumibilmente di epoca basiliana, e dedicati in epoche successive a luogo di culto mariano, erano meta, fino a qualche tempo addietro, di pellegrinaggio e vedevano svolgersi partecipate processioni di devoti con cerimonie religiose fortemente sentite dai fedeli.

 
Di Antonio Mellone (del 20/06/2019 @ 22:35:46, in Comunicato Stampa, linkato 80 volte)

Qualche giorno fa parlavo con un imprenditore agricolo - uno che per fortuna non si mette a millantare crediti scientifici come invece qualche impiastro da convegno partitocratico usa fare da un po’ di tempo.

“Caro mio – mi fa – con l’agricoltura mio padre è riuscito a costruire casa a tutti e quattro i figli, a farci studiare, a mandare avanti la sua e le famiglie di braccianti che lavoravano con lui. Oggi io che faccio il suo stesso mestiere riesco a stento a tirare a campare.

“Un tempo i semi erano nostri, e da generazioni, li sceglievamo dalle piante migliori, li custodivamo gelosamente. Allestivamo noi stessi i semenzai, concimavamo i campi con il letame delle stalle locali, e poi i trattamenti – sì, c’erano pure quelli - erano al massimo il verderame da diluire nell’acqua e lo zolfo spolverizzato direttamente sulle piante. No, se proprio vuoi saperlo, non ho mai fatto agricoltura biologica.

“Ora siamo costretti ad acquistare tutto dalla A alla Zeta e a caro prezzo: dai semi alle piantine, e non possiamo più utilizzare lo stallatico che è diventato un rifiuto speciale da smaltire in discarica a tariffa piena. Non ti dico poi delle cure fitosanitarie, quelle delle bottiglie di plastica con tanto di teschio e di punto esclamativo sull’etichetta, emblemi di danno e pericolo. Insomma, egregio dottore, non solo ci hanno fatto rinunciare a sapori e profumo dei prodotti del tempo che fu, ma ormai abbiamo pure le mani legate.

“Per farla breve, siamo come dei drogati. E sai chi sono gli spacciatori? Le multinazionali. Le quali hanno studiato scien-ti-fi-ca-men-te come tenerci il più lontano possibile da quella cosa che si chiama Comunità [ogni comunità è per definizione “di recupero”, ndr.].

 

Richiesta CM Galatina interventi S.P. 18

Lettera Provincia per strada provinciale S.P. 18

E' notizia di ieri lo stanziamento di circa 9 milioni di euro da parte della Provincia di Lecce, per la messa in sicurezza delle strade provinciali.

A tal proposito, in data 28/05 u.s., protocollavo una richiesta di interventi urgenti al Presidente della Provincia di Lecce ed ai Responsabili della Viabilità Provinciale, auspicando urgenti soluzioni utili e definitive per scongiurare ciò che ormai è una deplorevole consuetudine della SP18.

I cittadini sono stanchi di dover percorrere una strada pericolosissima che conta  troppi incidenti stradali che, per colpa del fato avverso o della disperata situazione della provinciale, rischiano di rovinare intere famiglie.

In qualità di consigliere comunale del Comune di Galatina, sento il dovere di condividere e sostenere, con tutti i mezzi a mia disposizione, tutte le sollecitazioni che arrivano dai cittadini, rappresentando la voce dei molti che quotidianamente attraversano la s.p. 18 e che si sentono costantemente in pericolo. Quella strada sta diventando ormai impercorribile; pertanto, richiedevo interventi concreti volti a mettere in sicurezza una strada che è ad alta densità di traffico.

 
Di Redazione (del 20/06/2019 @ 22:01:11, in Comunicato Stampa, linkato 66 volte)

«Regioni e Province autonome hanno a disposizione 250 milioni di euro per interventi di rigenerazione e riorganizzazione urbana finalizzati ad ampliare l’offerta di edilizia residenziale pubblica e la messa in sicurezza ed efficientamento degli edifici esistenti. Per la Puglia sono disponibili 14.123.530,25 euro: un’opportunità importante per affrontare con maggiore efficacia il problema della carenza di alloggi sociale e dell’ammodernamento del patrimonio di edilizia sociale esistente». Lo afferma in una nota Leonardo Donno, deputato del MoVimento 5 Stelle.

 
Di Redazione (del 19/06/2019 @ 19:42:15, in Comunicato Stampa, linkato 73 volte)

Giunge al consueto appuntamento l’apertura della Football Summer School estiva che anche quest’anno è pronta a stupire bambini e famiglie in occasione del suo terzo anniversario. Una scuola di alta formazione calcistica fortemente voluta e organizzata dall’ASD SECYD in partnership con l’Oratorio Madonna delle Grazie di Noha e il Csi Terra d’Otranto. La società calcistica, che vanta il titolo di Perugia Academy del Salento, continua il suo progetto innovativo con programmi organizzati e mirati rivolti a bambini e ragazzi appassionati di calcio e alla famiglie che riconoscono in questo sport un incredibile strumento di aggregazione. Tante le  attività in programma rigorosamente in orario SERALE e numerosi ospiti si alterneranno nel corso delle varie sedute di allenamento.

Il fischio d’inizio è fissato per QUESTO SABATO, 22 GIUGNO 2019 alle ore 19. Apriamo le porte e auguriamo una fantastica estate a tutti.

 
Di Redazione (del 19/06/2019 @ 19:28:31, in Comunicato Stampa, linkato 55 volte)

Mercoledì  19 giugno 2019, dalle ore 16:30 alle 18:00, i volontari del Progetto ‘In Reading 2017’, daranno avvio al Circolo dei Lettori.  Si tratta di un’occasione di confronto e dialogo in cui verranno svolte diverse attività, di lettura e non solo, insieme a bambini e bambine dai 3 ai 10 anni.  Le attività inizieranno il 19 giugno e continueranno nei mesi estivi, nelle giornate di mercoledì e giovedì.

È gradita prenotazione!

Vi  aspettiamo.

 
Di Redazione (del 19/06/2019 @ 19:23:52, in Comunicato Stampa, linkato 106 volte)

A partire dal 25 giugno e per i successivi quattro mesi, i volontari del progetto “Monitor 6017”, del Servizio Civile Universale del Comune di Galatina, daranno il via ad una nuova attività, denominata “Sorveglianza del territorio”. Durante tale attività i volontari si recheranno, nelle ore pomeridiane, presso parchi e giardini comunali per effettuare un “controllo del territorio” al fine di dialogare coi cittadini per indirizzarli verso comportamenti corretti, contribuendo a creare una cultura rispettosa dell’ambiente. Per raggiungere questo obiettivo, i volontari si interfacceranno con gli utenti per conoscerne le esigenze, raccoglierne richieste ed osservazioni e per educare alla cittadinanza attiva.

 

"Salviamo gli Ulivi Secolari"...

Categorie News


Catalogati per mese:


Gli interventi più cliccati

Sondaggi


Info


Quanti siamo

Ci sono  persone collegate

Seguici sui Canali di

facebook Twitter YouTube Google Buzz

NOHINONDAZIONI

Calendario

< giugno 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
14
15
17
18
21
23
25
26
27
28
29
30
             

Meteo

Previsioni del Tempo