\\ Home Page : Articolo : Stampa
Sesta fetta di Mellone - Estate 2017 - E’ la TAP, bellezza
Di Antonio Mellone (del 18/08/2017 @ 14:55:22, in Fetta di Mellone, linkato 1031 volte)

Figurarsi se, con tutto quel che di meglio ci sarebbe da leggere, possa io mettermi pure a dare uno sguardo al ‘Pompiere della Sera’ ovvero ‘Corriere della Serva’, come lo definiva quel tale, con l’inserto ‘Corriere del Mezzo-Scuorno (anzi tutto)’, come modestamente lo definisco io.

E’ che un mio amico milanese (che stava per esser annoverato nella categoria degli ex-amici) aveva il ghiribizzo di acquistare questo Diciamo Giornale, nel corso delle sue vacanze salentine.

Si sa che spesso in vacanza ci va pure il cervello e si fanno cose futili, irrecuperabili, diversamente intelligenti, roba da accendere ipoteche sui neuroni superstiti, e questo capitava impietosamente anche all’amico caro (che rischiava dunque di diventare estinto).

Mi sgolavo: “Ma compra piuttosto, che so io, ‘Novella 2000’ o tutt’al più ‘Chi’! (t’ha morto - era sottinteso): sono più formativi di queste deiezioni sfregate sulla carta”.

E niente. Ci ha impiegato qualche giorno, ma alla fine credo (spero) abbia capito. “Anche perché – gli ho detto – il Corriere e gli altri giornaletti, li leggono ormai quei quattro sfigati (sempre troppo numerosi, purtuttavia) che vanno a fare la spesa nei supermercati e nei centri commerciali anche di domenica e nelle feste comandate, ferragosto incluso”.

Insomma, senza perderci troppo in chiacchiere, un dì visto che ormai la corbelleria l’aveva fatta - cioè quella di buttar via i soldi per l’acquisto del suddetto Corriere - usandomi violenza psicologica ho voluto dare un’occhiata di insieme al contenuto di quei lunghi veli resistenti e morbidi buoni per la differenziata, così, per avere la conferma di quel che ho sempre pensato di certi “giornali” e quindi di certi “giornalisti” (virgolette obbligatorie): vale a dire che se dalla maggior parte dei quotidiani italiani togli bave e popò (o pupù) ci rimane giusto la carta.

Orbene, nel paginone centrale del suddetto ‘Corriere del Mezzo-scuorno (anzi tutto)’, su due ampie facciate, vergata a caratteri cubitali ti becco una bella pubblicità del Tap (la famosa, secondo loro, Pubblicità Progresso; la famosa, secondo noi altri, Pubblicità Regresso, Cesso, Genuflesso, e via di questo passo), in cui si esaltavano le magnifiche sorti e progressive del trapanamento di questo tubo, con tanto di Numero Verde da chiamare per aver conforto di numeri, dati, date, autorizzazioni varie, e per essere facilmente convinti dal Call Center a ore che con il Tap il mare è più bello, la posidonia, che prima non c’era a San Foca dopo Tap ci sarà e sarà più rigogliosa e abbonante che pria, che “non cambia nulla”, che il gas magari è pure una fonte di energia pulita e rinnovabile, e altre minchiate del genere.

Ora, secondo il vostro modesto parere, un “giornale” che prende i soldi dal Trans Adriatic Pipeline, potrebbe mai dare una notizia una e magari raccontarci il giorno dopo della bella manifestazione NO-TAP di domenica 13 agosto, colorata, pacifica, democratica, con tanti partecipanti compatti contro il tubo di ‘sto gas? Vi suggerisco io la risposta: nossignore.

Il 14 l’inserto ‘Corriere del Mezzo-Scuorno (anzi tutto)’, non è uscito (pare che il lunedì sia il suo giorno di riposo, ma soprattutto il nostro). All’indomani, il 15, ferragosto, invece, a caratteri cubitali leggiamo in prima pagina notizie ineluttabili tipo: “In Puglia è febbre da Ferragosto” [supposte in esaurimento, suppongo, ndr.], e poi “Per l’arte in fiera serve una regia” [ma soprattutto un truccatore, ndr.], e ancora “Madonna torna a Savelletri per il compleanno” [pe’ la Madonna, ndr.], e immancabilmente “Bengalese tenta di violentare giovane turista” [ma solo in quanto bengalese, non per altro, ndr.]. Nelle pagine interne molte ulteriori indispensabili amenità di ferragosto, ma della stupenda manifestazione di Melendugno neanche l’ombra. Nada de nada. Abortita. Prescritta. Non pervenuta.

Ma ancora secondo voi, potrebbe mai un Corriere - (detto fra noi, più fallito del ‘Sole 24 Ore’, per gli amici semplicemente Sòla), oltretutto sostenuto anche dal finanziamento pubblico per l’editoria (cioè soldi nostri) - dire che il Tap è terrorismo economico, che il gas non è fonte di energia pulita e rinnovabile ma fossile, che la materia prima da importare dall’Azerbaigian è ormai agli sgoccioli (sicché, nel caso, bisognerebbe ricorrere sempre al gas russo nonostante il Tap ci stia rompendo i cabasisi con la storiella dell’indipendenza dal gas russo), che l’unico gas che rimarrà sul territorio pugliese sarà quello delle valvole di sfiato previste dal progetto, che l’“opera” non è di interesse pubblico ma privatissimo (e che dunque per eventualmente tutelarla da quei facinorosi dei manifestanti che - orrore - si mettono pure a suonare, cantare e a ballare, non dovrebbe intervenire l’esercito italiano – pagato con le nostre tasse – ma al massimo guardie private retribuite direttamente dall’interessata multinazionale), che la Puglia produce già una quantità di energia quattro volte superiore al suo fabbisogno e molta viene dispersa per impossibilità di assorbimento da parte della rete elettrica nazionale, che non si capisce perché hanno espiantato tanti ulivi (condannandone molti a morte certa) quando non sanno ancora se per procedere al “microtunnel” (vale a dire macro) bisogna effettuare una nuova VIA (valutazione di impatto ambientale) a causa della Posidonia nell’area di approdo, che Tap è una presa per i fondelli anche per via dei contratti “take or pay” (cioè accordi capestro di durata pluriennale che non ho voglia qui di rispiegarvi: trovateveli in rete, se volete, ovviamente non sul sito del Corriere), che le multe irrogate ad alcuni manifestanti da parte di talune forze (o forse) dell’ordine sono peggio dei manganelli (illegittimi, anzi incostituzionali gli uni e le altre, usati contro la sovranità di un popolo stanziato su di un territorio), che se anche Tap fosse tutto l’oro del mondo (ipotetica del terzo tipo), il fatto che un popolo intero non voglia saperne dovrebbe esser sufficiente a smantellare baracche e soprattutto burattini? Secondo voi, potrebbe il Corriere dirvi tutte ‘ste cose? Boh?

Nella pubblicità stampata sui giornali, Tap si dice certa che il mare, dopo, sarà lo stesso.

Cara Tap, noi altri invece siamo certi che, dopo, non sarebbero gli stessi né il nostro mare, né la nostra terra, né la nostra aria. Né soprattutto la nostra dignità.

Antonio Mellone