\\ Home Page : Articolo : Stampa
Addio, Rita Gentile
Di Antonio Mellone (del 01/05/2018 @ 09:58:35, in Necrologi, linkato 1772 volte)

Se n’è andata la Rita Gentile. In questo caso nome e cognome li devi proferire all’unisono, senza iato. Il secondo, più che altro, è un aggettivo qualificativo. E questo lo può testimoniare chiunque l’abbia conosciuta, e sono in tanti - non soltanto il sottoscritto che, cresciuto praticamente a casa sua, è in “conflitto di interessi”.

La malattia, lunga, inesorabile, l’aveva quasi immobilizzata, povera Donna, resa come una bambina, incapace di badare a se stessa: lei, buona come il pane, che aveva fatto tanto lavoro, di notte e di giorno, china su quel telaio di ricamatrice, quasi iperattiva, e poi pronta a non far mancare nulla alle sorelle, al fratello, agli amati nipoti, e a chiunque le avesse chiesto una mano. Negli ultimi tempi crescevano i suoi silenzi, la voce più fioca, il bel volto sempre curato ridotto all’essenziale. Poi quelle parole indecifrate che recavano visioni a noi precluse. E la mia mano sinistra nella sua destra.

Cosa si diventa, per la miseria.

Ma non tutto è vano, forse. La Rita Gentile, onnipresente zelatrice del Cuore di Gesù, sapeva con certezza che il suo “Dio non turba mai la gioia dei suoi figli se non per prepararne loro una più certa e più grande”.

*

Condoglianze ai parenti, agli amici e a quanti l’amarono.

Antonio Mellone