\\ Home Page : Articolo : Stampa
Continuano le denunce per la presenza di topi in diverse aree del nostro territorio
Di Redazione (del 09/10/2018 @ 13:26:45, in Comunicato Stampa, linkato 85 volte)

Negli ultimi mesi presso gli uffici comunali sono arrivate diverse segnalazioni di cittadini che hanno denunciato e che continuano a denunciare la presenza di topi in diverse aree del nostro territorio. Una vera e propria emergenza se consideriamo che il fenomeno si protrae già da questa estate, quando alcuni cittadini avevano segnalato la presenza di ratti nella centralissima via D’Enghien. Da allora le denunce si sono susseguite e hanno evidenziato sempre di più come il fenomeno non sia affatto circoscritto, ma riguardi gran parte del territorio comunale. Questa pericolosa ed insalubre situazione è stata parzialmente tamponata dall’emanazione di ordinanze sindacali inerenti la derattizzazione di aree limitate, come quelle adottate di recente per la frazione di Noha.

Purtroppo però l’emergenza sembrerebbe non essere terminata perché proprio in questi giorni ci sono giunte ulteriori segnalazioni, verificate anche dai sopralluoghi che abbiamo effettuato personalmente, che riguardano una pericolosa presenza di topi nell’area che ospita l’ex tribunale nei pressi del popoloso rione Nachi.

L’assenza di una massiccia derattizzazione del territorio, unita al degrado e all’inspiegabile stato di abbandono di una struttura che avrebbe già dovuto ospitare gli uffici comunali, sta esponendo tante famiglie a rischi diretti e indiretti per la propria salute.

Per questa ragione, facendoci portavoce delle denunce e delle preoccupazioni di numerosi cittadini, invitiamo il Sindaco Marcello Amante, che ricordiamo rappresenta a livello locale la massima autorità in tema di sanità pubblica, a porre la propria attenzione anche su questo focolaio, prendendo provvedimenti immediati ed urgenti volti al ripristino della salubrità dell’area e dell’immobile che ospitava il tribunale, restituendo alla città il decoro che merita.

Il Segretario

Pierluigi Mandorino