\\ Home Page : Articolo : Stampa
"Le vie dellĺacqua" - I primi risultati del progetto di monitoraggio della Grave Rotolo e Vora Bosco in Puglia (di Andrea Scatolini)
Di Redazione (del 20/03/2019 @ 22:53:20, in Comunicato Stampa, linkato 89 volte)
Si è svolto il 16 Marzo 2019, a Noha (LE), un convegno dove sono stati presentati i primi risultati del progetto di monitoraggio delle acque sotterranee delle grotte Vora Bosco e Grave Rotolo, la più profonda della Puglia.
Vora Bosco Grave Rotolo Finestre aperte sulle Acque sotterranee

Conferenza "Vora Bosco e Grave Rotolo, Finestre aperte sulle Acque sotterranee"

“Le vie dell’acqua” è il titolo della rassegna dedicata alla scoperta del patrimonio e delle criticità geologiche del territorio di Galatina, organizzata da Studio Lagna, con il patrocinio del Comune di Galatina e dell’Ordine dei Geologi della Puglia. Si articola in due incontri dedicati ai temi delle cavità carsiche, delle acque sotterranee e della pericolosità idraulica del territorio comunale.

Il primo convegno si è tenuto il 16 marzo presso il Circolo Arci Levèra di Noha (Galatina – LE) ed è stato trasmesso in diretta facebook, disponibile in questo video l’inizio dei lavori e il primo intervento di Mario Parise:

Vora Bosco e Grave Rotolo, sono due inghiottitoi carsici di grande importanza scientifica: ad oggi, sono infatti le uniche cavità pugliesi note, in cui si raggiunge direttamente la falda profonda dall’esterno.

Grave Rotolo, la grotta più profonda di Puglia, è situata in agro di Monopoli (BA), nelle Murge di Sud Est; Vora Bosco si apre, invece, a poche centinaia di metri dall’abitato di Noha (LE) e rappresenta un perfetto spaccato della geologia locale.

Un progetto di studio, finanziato dalla Regione Puglia, ha permesso il monitoraggio delle acque di falda intercettate dalle due cavità, rendendo possibile la misurazione diretta di una serie di parametri chimici e biologici.

La ricerca, coordinata dal Prof. Mario Parise, geologo dell’Università degli Studi di Bari, ha coinvolto numerosi Enti e gruppi speleologici, impegnati per più di un anno nella raccolta dei preziosissimi dati.

La presentazione dei risultati del monitoraggio ha visto gli interventi di:

Mario Parise – CNR IRPi – Università degli Studi di Bari
“Progetto Vora Bosco e Grave Rotolo”

Francesco De Salve – Gruppo Speleologico Leccese ‘Ndronico
“Attività di monitoraggio di una falda acquifera: Vora Bosco”

Salvatore Inguscio – Laboratorio Ipogeo Salentino di Biospeleologia “Sandro Ruffo”
“La fauna acquatica sotterranea di Vora Bosco”

Ha moderato l’incontro il Presidente dell’Ordine dei Geologi della Regione Puglia, Salvatore Valletta

(fonte: www.scintilena.com)
Andrea Scatolini