\\ Home Page : Articolo : Stampa
Il "Club per l’UNESCO di Galatina" cambia denominazione e diventa "Club per l’UNESCO di Galatina e della Grecěa Salentina OdV"
Di Redazione (del 08/12/2020 @ 09:20:33, in Comunicato Stampa, linkato 151 volte)

In occasione dell’adeguamento dello Statuto societario alle normative del Terzo Settore, l’Assemblea dei Soci del Club di Galatina, in accordo e con il pieno assenso della Presidenza dell’Unione dei Comuni della Grecìa Salentina, ha deciso la variazione della propria denominazione in quello di

“Club per l’UNESCO di Galatina e della Grecìa Salentina OdV”

Così, in sintonia con le linee programmatiche della Commissione Nazionale Italiana UNESCO, il Club per l’UNESCO di Galatina e della Grecìa Salentina diventa l’espressione di un vasto Territorio geografico comprendente tutti i Comuni della Grecia Salentina, e tutte quelle Comunità salentine dalle comuni radici culturali; è da sempre risaputo infatti che il Territorio della Città di Galatina con le sue peculiarità ha sempre fatto parte dell’area culturale della Grecìa Salentina: lo dimostrano l’utilizzo della lingua Grika nella celebrazione dei riti religiosi e nella vulgata popolare sino alla fine del 1600; la rilevanza dei fenomeni etno- antropologici come quello del Tarantismo diffusi a Galatina e in tutta l’area geografica della Grecìa; ed ancora le specificità culturali, socio-etnografiche, architettoniche, enogastronomiche, da sempre comune espressione dei territori della Grecìa.

Nel sottolineare le attività già svolte negli ultimi anni in collaborazione con i diversi Comuni della Grecia Salentina come ad esempio quelli di Soleto, Cutrofiano e Zollino, il “Club per l’UNESCO di Galatina e della Grecìa Salentina OdV” ha offerto la propria disponibilità a collaborare per le prossime attività dell’Unione dei Comuni della Grecia Salentina, in particolare quelle relative alla Candidatura dell’Unione dei Comuni, insieme alla Città di Taranto, a Capitale Italiana della Cultura nel 2022, e quelle tese alla salvaguardia della lingua Grika ed al suo riconoscimento come Patrimonio Immateriale dell’Umanità.

Il Direttivo del Club