\\ Home Page : Articolo : Stampa
Amministrazione Vergine: "Basta blog personali spacciati per giornali che si configurano sempre di pi¨ come un organi di coalizione (quella precedente). Nessun problema se lo ammettessero"
Di Redazione (del 09/05/2023 @ 13:28:18, in Comunicato Stampa, linkato 301 volte)

Purtroppo siamo chiamati, nostro malgrado, ancora una volta, a ribattere a siti locali, che si configurano sempre di più come un organi di coalizione (quella precedente). Nessun problema se lo ammettessero.

Anche chi non era presente alla conferenza stampa ma ha ricevuto un dettagliato comunicato corredato  dalla  delibera  di  “Realizzazione  di  una  condotta  di  alimentazione  idrica  per  le frazioni di Guidano, Collemeto e Santa Barbara Comune di Galatina ; PNRR misura M2C4 - I4.2; APPROVAZIONE PROGETTO  mediante  adozione  di  quadro  economico  per l'importo  di  € 6.000.000,00” da parte di AIP in cui leggiamo che, e lo sottolineamo, “l’intervento è inserito nel Piano degli Investimenti AQP 2020-2023, di cui alla Delibera - n.ro 97 del 18/11/2022 nell’aggiornamento biennale del Piano 2022-2023”.

La furia della tifoseria fa reinterpretare atti e fatti. Sono almeno 30 anni che tutte le amministrazioni chiedono a gran voce questa opera, perché palesemente inadeguata e vetusta. Sono 30 anni che i Sindaci vanno a Bari e nell’elencare gli interventi necessari, citano la condotta idrica in questione.

Quindi: perché citare solo Amante e Tundo? Perché non citare Zeffirino Rizzelli, Giuseppe

Garrisi, Sandra Antonica, Giancarlo Coluccia, Cosimo Montagna, ecc…?

Proviamo ad andare per ordine e “carte alla mano” come la consigliera Tundo, che asserisce

con sicumera, di essere l’unica responsabile del finanziamento.

Solo per fare alcuni esempi della grande attenzione dei sindaci precedenti e delle amministrazioni precedenti:

1.  Amministrazione Garrisi:

  • Il 02 agosto 2004 con prot. 0028922 l’ing. Giovanni Stasi, dirigente Lavori Pubblici del Comune di Galatina con Giuseppe Garrisi Sindaco, scriveva all’ATO Puglia – Servizio Idrico Integrato che “si riscontra vs prot. 511/04 indicando, sulla base delle priorità e indicazioni   formulate   i   seguenti   interventi,   per   gli   importi   di   larga   massima quantificati: sostituzione tronco idrico in cemento e amianto in strada provinciale Galatina-Copertino di collegamento con la frazione di Collemeto €.1.500.000,00”;
  • con prot. 3152 del 2005 l’ATO Puglia invitava il sindaco Garrisi e il Dirigente Stasi ad un incontro per l’08 novembre 2005”
  • In data 28 novembre 2005, i geomm. Mengoli e Toma del Comune di Galatina provvedono a redigere progetto per la sostituzione del tronco rete idrica galatina- Santa  Barbara  per  un  importo  di  €.  1.940.000,00.  Progetto trasmesso  dal  Sindaco Garrisi ad ATO Puglia, Assessorato Opere Pubbliche della regione Puglia e AQP;

2.  Amministrazione Antonica:

  • Il 7 aprile 2008 la sindaca Antonica scrive all’ATO Puglia, alla Direzione Generale AQP segnalando  l’ennesimo  disservizio  relativo  alla  condotta  idrica  Galatina-Collemeto- Santa Barbara chiedendo “una sollecita soluzione del problema, a richiesta della nota ATO  prot.  3374  del  18  novembre  2005,  ha  trasmesso  con  nota  prot.  042265  del 30/11/2005 il progetto definitivo dell’opera, redatto dal Settore LL.PP: dell’importo complessivo di €. 1.940.000,00
  • Il 21 aprile 2008 l’Adusbef segnala la problematica riguardante le continue rotture della condotta al Sindaco Antonica, all’ATO Puglia, alla Direzione Generale AQP, denunciando, tra le alter cose., la presenza dell’amianto.
  • Il 14 maggio 2008 AQP scrive a Adusbef, all’ATO Puglia e al Sindaco Antonica, in risposta alla richiesta di sostituzione della condotta, scrive_ “Degli interventi già definiti […omissimis…] è stata già inviata informativa al Comune ed i relativi lavori sono stati già avviati
  • Il 28 agosto del 2008 con prot. 30862 l’ing. Giovanni Stasi, responsabile unico del procedimento, chiede di “dare corso all’istanza di sostituzione della condotta idrica Galatina-Collemeto-Santa Barbara

Come si può evincere in maniera molto chiara, è stata sempre molto grande l’interesse di tutte le amministrazioni, ovviamente sensibili a questo tema  che però, solo oggi e con questa amministrazione, hanno visto una soluzione, un impegno finanziario e una firma su di una delibera.

Nessuna autorità e nessun dirigente dell’AQP ha mai scritto che l’opera non si sarebbe realizzata:  servivano  i  soldi.  E  sono  stati  stanziati  nel  2023  a  seguito  di  decisione  di novembre 2022 e dopo un grande lavoro per tutta la città e per le frazioni da parte dell’Amministrazione.  Senza  comunicati  stampa  di  incontri  “certamente  risolutivi”  e  di impegni più o meno vaghi. Non sono certo due lettere, molto simili a quelle scambiate da altre amministrazioni con altre autorità in altri periodi, ad essere state risolutive.

Si ripropone sempre questo tema dell’ego e dell’auto celebrazione. Come lo studente che tornando da una interrogazione disastrosa dice ai genitori:”mi hanno interrogato proprio sugli argomenti che non conoscevo”. Possibile che dopo 5 anni di immobilismo, proprio ora tutte le opere e tutti i risultati siano merito di quelli che c’erano prima? Che miracolo postumo.

Non sarebbe bastato dire grazie a questa amministrazione ed all’interlocuzione che ha costruito con le istituzioni locali, regionali e nazionali? Poi è ovvio che nulla nasce dal nulla e che sono anni che le varie amministrazioni che si sono susseguite abbiano premuto per una soluzione.

Noi abbiamo avuto precise interlocuzioni istituzionali e tutto il procedimento avviene durante il nostro, di mandato. È chiaro che sarà capitato, a Amante come ai precedenti sindaci, di chiedere questa opera. Ma tra segnalarne il bisogno e portare a casa il finanziamento ed il progetto c’è un abisso.

Dunque se domani dovesse scoppiare la pace in Ucraina, Putin e Zelensky dovrebbero ringraziarli perché magari in un post Loredana Tundo o altri ne hanno auspicato l’arrivo? Siamo seri ed impariamo a riconoscere il merito.

Lo abbiamo detto più e più volte in campagna elettorale: stavamo scardinando un gruppo di potere che ha fatto il bello ed il cattivo tempo in città per troppi anni, con gli evidenti danni che la città ha subito.

Noi non siamo del giro giusto, noi non siamo tra quelli che in città sanno  “fare le cose”. Siamo di fronte ad una lobby forte, fortissima, che sta dimenandosi in maniera scomposta come stasera. Basta blog personali spacciati per giornali.

Definiamo le cose per come sono.

Abbiamo rivitalizzato la città, ma siamo solo dei “festaioli”, stiamo riformando la macchina amministrativa, ma siamo solo dei “parvenue”, stiamo ottenendo risultati che sono sotto gli occhi di tutti, ma ci definiranno solo “fortunati” o “eredi di un patrimonio colossale”.

Un bravi mai?

La verità è che non hanno accettato la sconfitta, e non parliamo solo dei candidati alle scorse

elezioni, parliamo del “sistema” che abbiamo rotto.

Abbiamo ridato Galatina ai galatinesi. Non si torna indietro. Questi sono solo ridicoli tentativi di processare ogni giorno “i Seimilaseicentoquarantadue responsabili” della fine del loro strapotere.

l consiglieri e gli assessori dell’amministrazione Vergine