\\ Home Page : Articolo : Stampa
A.A.A. Cercasi disperatamente una fideiussione della Pantacom per il Mega-Parco di Galatina
Di Antonio Mellone (del 02/03/2015 @ 20:00:29, in NohaBlog, linkato 2754 volte)

Sembra che in una delle “conferenze dei servizi” (nel senso di un servizio tanto così ai danni di Galatina) che ha avuto luogo a Bari, e per tema l’insediamento del Mega-Porco commerciale in contrada Cascioni - precisamente la conferenza dei servizi di metà aprile 2014 - si convenisse che la società Pantacom srl avrebbe dovuto in qualche modo trovare un milione di euro entro il 31 gennaio 2015. [Sì, allora in tanti, troppi, credevano ancora agli asini aerei, come pure al fatto che questo scempio ambientale avrebbe portato un sacco di posti di lavoro a Collemeto e dintorni: più o meno come il Jobs Act, ndr].

Noi cercavamo di spiegare che la ditta Pantacom, di pertinenza della famiglia Perrone (quella del sindaco di Lecce), valeva meno di zero; che, dati Cerved alla mano, quella società a responsabilità limitata (in tutti i sensi) non aveva neanche gli occhi per piangere; che, oltre tutto, non era nemmeno attiva; che non annoverava tra le sue fila nemmeno un dipendente (in compenso ne avrebbe assunti duecento, anzi trecento); che il capitale netto da un lato e i soldi in cassa dall’altro erano tali per cui trovare un milione di euro (ma anche trecentocinquanta euro) sarebbe stato come trovare un ago nel pagliaio; che il Comune di Galatina con tutta ‘sta manfrina stava perdendo tempo, denaro e soprattutto la faccia.

Ma a quanto pare, le nostre, come sempre, erano parole al vento.

*

Il 19 ottobre 2013, sul sito internet ilSedile.it, Piero Zurico sembrava più possibilista: “Ora si tratta di dare un’occhiata alla Pantacom. Quello che sappiamo di questa Società dal punto di vista solo camerale non è certo il massimo dell’affidabilità economica. Ha assunto un po’ di “impegni” politici a destra ed a manca oltre a quelli assunti in Convenzione con il Comune. Di certo si sa che la Pantacom è una Società s.r.l con un capitale sociale di 35.000 euro. Di certo si sa che è in una situazione patrimoniale passiva. Il capitale sociale è stato interamente consumato ed allo stato attuale risulta ancora non attiva [dati tutti confermati da una visura camerale aggiornata al 13/12/2014, ndr]. Ma queste sono semplici formalità nel senso che possono essere sanate in un batter d’occhio [chiaro? Il fatto che la società non valga una cippa è una “semplice formalità” che può essere sanata in un batter d’occhio, ndr]  basta un aumento di capitale sociale [e che ci vuole? ndr] una dichiarazione di inizio di attività e tutto è a posto [sì, come no. Prima faccio le trattative con l’ente pubblico, il quale mi dà pure retta aprendomi così su due piedi una linea di credito – e che linea di credito: infatti si tratta di credere alle favole – e dopo, ma solo dopo e non prima, metto a posto le carte. Nemmeno in una repubblica (o in un comune) delle banane si arriverebbe a tanto. Ma forse grazie a questo modo di pensare e ahimè di fare noi siamo già e da tempo una repubblica (o un comune) delle banane, ndr]. Di certo ai soci della Pantacom, famiglia Perrone in testa, non mancherebbero i soldi [vuoi vedere che l’articolista per caso, viste queste informazioni di prima mano, aveva, al tempo, anche l’altra veste di promotore finanziario della famiglia Perrone? ndr]”.

*

Sta di fatto che i termini sono scaduti, della fideiussione neanche l’ombra, a Collemeto 800 persone (che hanno pure raccolto le firme pro-Porco) attendono ancora un posto di cassiere nel novello supermercato, e a palazzo Orsini non sanno più cosa pensare né fare (il che non è una novità). Chi l’avrebbe mai detto?

Antonio Mellone