\\ Home Page : Articolo : Stampa
PICCOLI ITALIANI CRESCONO
Di Albino Campa (del 17/03/2011 @ 18:47:21, in 150 anni UnitÓ di Italia, linkato 3201 volte)

Un consiglio comunale tutto particolare quello di ieri pomeriggio, alla vigilia del 150esimo dell’unità d’Italia. Unico tema all’ordine del giorno: la festa tutta “bambina”, per un Paese come il nostro da poco uno. Certo, perché 150 anni sono pochi per uno stato, bisogna crescere ancora in quei valori di fratellanza, uguaglianza e giustizia che ci uniscono o che perlomeno dovrebbero farlo.
E i giovani cittadini delle classi V del comune di Galatina sono stati, di fatto, i protagonisti più emozionati. il baby coro ha aperto il consiglio intonando l’inno d’Italia con tanto di mano sul cuore, in una sala consiliare sgargiante nei colori della bandiera italiana. La parola è passata a un sindaco alto poco più di un metro che, con tanto di fascia tricolore, ha commosso la “platea”, accostando i nostri patrioti risorgimentali ai giovani libici che combattono oggi con forze impari contro un regime ormai insostenibile. La baby sindaco ha concluso il suo discorso con un significativo “le idee si possono cambiare, i valori che ci devono guidare nella vita no!”. La parola è poi passata alla vicesindaco la quale ha sottolineato che, per ricordare le lotte dei nostri patrioti venuti da ogni parte d’Italia, è fondamentale rispettare la Patria e il tricolore. Tricolore i cui colori sono probabilmente ispirati a quell’emozionante descrizione di Beatrice nella Divina Commedia: “così dentro una nuvola di fiori/che da le mani angeliche saliva/ e ricadeva in giù dentro e di fori,/sovra candido vel cinta d’uliva/donna m’apparve, sotto verde manto/vestita di color di fiamma viva.” (Divina Commedia, Purgatorio, canto XXX, versi 28/33). I ragazzi hanno infine ricordato i patrioti galatinesi che hanno dato un apporto fondamentale all’unificazione dell’Italia: Bardoscia, Toma, Albanese, Vernaleone, Siciliani, Cavoti, Vallone, De Maria, Mauro.

 Il prefetto, ospite del consiglio comunale, ha auspicato che il valore dell’unità d’Italia divenga patrimonio e ricchezza per i giovani. A questo punto si è aperto il vero e proprio consiglio comunale, con la commemorazione dei tre soldati, Miotto, Sanno e Ranzani, morti in Afganistan nei giorni scorsi e con l’espressione di solidarietà al popolo nipponico.
 Nei discorsi del sindaco e dei consiglieri l’attenzione è stata posta sull’importanza delle donne nel risorgimento, non solo come sarte del tricolore, e sul ruolo dei tanti patrioti galatinesi. La scuola pubblica italiana ha avuto un'altra parte importante nel dibattito, come luogo dove si sono fatti gli italiani, dove i ragazzi divengono cittadini e non Cenerentola nel quadro europeo.
 Forti sono risuonate le parole del sindaco che ha incitato a superare le divisioni di partito e a mettere al di sopra la coscienza della patria e l’unione tra nord e sud, affinché il divario che li separa possa essere colmato. Non solo commemorazioni, insomma, ma unione per potersi rimettere in gioco e scommettere sulle capacità degli italiani. Concludendo, dal discorso del sindaco, VIVA IL TRICOLORE ITALIANO, VIVA L’ITALIA UNA E INDIVISIBILE!
 
Martina Chittani