\\ Home Page : Articolo : Stampa
PROGETTO "GIOCHI MATEMATICI DEL MEDITERRANEO": per cominciare bene con la matematica!
Di Redazione (del 22/03/2023 @ 18:54:28, in Comunicato Stampa, linkato 407 volte)

Giocare è divertente e coinvolgente, perché favorisce la relazione con gli altri, perché insegna a gestire la sconfitta, perché consente di ricercare continuamente e velocemente nuove soluzioni.

E perché giocare con la matematica?
Per le stesse ragioni, e poi per mettersi alla prova o per provare la soddisfazione di esserci riusciti!

Giocare significa imparare a districarsi nelle situazioni problematiche e risolvere problemi è una delle principali caratteristiche della matematica.
George Polya (matematico, 1887-1985) afferma che “Risolvere problemi significa trovare una strada per uscire da una difficoltà, una strada per aggirare un ostacolo, per raggiungere uno scopo che non sia immediatamente raggiungibile. Risolvere problemi è un’impresa specifica dell’intelligenza e l’intelligenza è dono specifico del genere umano…”.

Nei giochi matematici non conta tanto la quantità di nozioni acquisite, ma piuttosto la capacità di utilizzare conoscenze di base in modo creativo.
Martin Gardner (matematico, 1914-2010), nella prefazione al suo “Enigmi e giochi matematici”, afferma: “Non vi è molta differenza fra il piacere provato da un dilettante nel risolvere un abile rompicapo ed il piacere che un matematico prova nel dominare un problema più difficile. Entrambi guardano alla bellezza pura…”.

Anche quest’anno il Polo 1 di Galatina e Collemeto ha aderito al progetto curricolare “Giochi Matematici”, una forma originale e accattivante per avvicinare gli studenti agli aspetti nuovi della cultura matematica che ha coinvolto gli alunni delle 4° e 5° classi della scuola primaria e gli alunni delle 1° , 2° e 3° classi della scuola secondaria, con la partecipazione al Concorso “Giochi del Mediterraneo”, organizzato dall’ Accademia Italiana per la Promozione della Matematica “Alfredo Guidi”, col patrocinio dall’Università di Palermo.

La scalata per arrivare fino alla vetta ha comportato il superamento di diverse fasi:

1.​Qualificazione d’Istituto (9 novembre 2022)
2.​Finale d’Istituto (1° dicembre 2022)
3.​Finale d’Area (10 marzo 2023)
4.​Finale Nazionale (da disputarsi il 14 maggio presso la Cittadella Universitaria di Palermo).

Alla prima fase, la QUALIFICAZIONE D’ISTITUTO, svoltasi il 9 novembre 2022, hanno partecipato tutti gli alunni dell’Istituto. I concorrenti, che hanno totalizzato determinati punteggi selettivi, hanno superato tale fase e sono stati ammessi alla FINALE D’ISTITUTO, che si è svolta il 1° dicembre 2022: 160 allievi della scuola primaria e secondaria di Galatina e Collemeto. In questa fase 12 allievi di scuola media e 6 di scuola primaria hanno superato la prova e hanno avuto accesso alla FINALE PROVINCIALE che si è tenuta a 10 marzo c.a.
Nella gara provinciale gli studenti hanno dato il massimo raggiungendo delle ottime qualificazioni, e 2 alunni (Beccarisi Mattia e Masciullo Sebastiano) hanno conquistato il podio. Il 14 Aprile avverrà la premiazione perché detentori dei primi posti a livello provinciale. E poi… si prepareranno ad affrontare la FINALE NAZIONALE che si svolgerà il 14 maggio p.v.

Nella competizione i concorrenti si sono cimentati rispondendo a dei quesiti da risolvere in 90 oppure 120 minuti. Le difficoltà dei “giochi” sono previste in funzione delle diverse categorie: S1 per gli studenti di prima media, S2 per la seconda media, S3 per la terza media, P3 per la terza, P4 per la quarta e P5 per la quinta classe di scuola primaria.

L’esperienza ha portato a risultati brillanti che entusiasmano gli allievi e li spronano a cimentarsi nel superare le difficoltà e ad aumentare l’asticella delle performance, in un gioco di squadra ed individuale, che costituisce prova attitudinale ed orientativa per le scelte future ed fornisce agli allievi l’occasione per confrontarsi con le prove di accesso agli studi superiori.

È molto bello stare al vostro fianco, ragazzi, perché, in questi pomeriggi, scegliete un passatempo impegnativo e una sfida ardua; perchè preferite un’attività intellettuale complessa ad altri mille possibili passatempi!

Complimenti ai nostri splendidi ragazzi e un grande in bocca al lupo da parte di tutta la comunità scolastica a Mattia e Sebastiano!

 Fiorella Mastria