\\ Home Page : Articolo : Stampa
Le classi del Polo 1 a teatro per uno spettacolo in lingua inglese vincono anche il premio OlivaMI
Di Redazione (del 03/03/2024 @ 16:54:39, in Comunicato Stampa, linkato 278 volte)

Stamattina, le classi terze di scuola secondaria del Polo 1 di Galatina e Collemeto si sono recate a teatro per assistere allo spettacolo “Alice - The musical” in lingua inglese, tratto dal celebre “Alice in Wonderland” di Lewis Carroll e messo in scena dalla compagnia Erasmus Theatre presso il Teatro Don Bosco di Lecce.

Uno spettacolo musicale divertente e coinvolgente che ha trasportato gli studenti nel viaggio a Wonderland con Alice, per esplorare importanti tematiche come la crescita e la scoperta della propria identità.

Alice, cade nella tana di un coniglio e si ritrova in un mondo fantastico, popolato da strane creature antropomorfe. Il racconto gioca molto con la logica, ed è per questo che la sua popolarità dura da anni, sia negli adulti che nei ragazzi.

Cosa ci insegna Alice nel paese delle meraviglie? A SOGNARE L’IMPOSSIBILE.
“Make a wish!
Dream a dream!
Follow your heart on a whimsical theme
To Wonderland, Wonderland,
Wonderful Wonderland, Wonderland”.

Alice è un’instancabile sognatrice, proprio come tutti i bambini. Il mondo in cui precipita, dove tutto è diverso e l’impossibile diventa possibile, ci ricorda quanto è importante coltivare i sogni a dispetto dell’età.

Le avventure di Alice rappresentano la lotta contro il tempo, dove razionalità e immaginazione si scontrano sempre in quello che è il cammino verso il diventare grandi e l’età adulta.

Musiche inedite, attori madrelingua capaci e poliedrici nell’arte richiesta dai musical (recitazione, canto, danza) e…magia!

“Dreams you dream
Will come true,
if you believe
they are happening to you
in Wonderland”.

Un’ulteriore opportunità data ai nostri studenti per approfondire la lingua inglese e farli riflettere in modo innovativo.

Il Polo 1 è stato anche premiato con un certificato di adozione di un albero di ulivo che sarà piantato nel giardino di Erasmus Theatre e che ognuno di noi potrà andare a trovare. Un progetto nato grazie all’associazione no profit OlivaMi che promuove l’adozione degli ulivi salentini come risposta alla devastazione portata dalla Xylella e che consente a chiunque di adottare a distanza uno o più olivi salentini, sostenendo la riforestazione del nostro territorio. 

 

 Fiorella Mastria