Di Antonio Mellone (del 16/06/2024 @ 16:19:20, in NohaBlog, linkato 864 volte)

Non ricordo più in che occasione, parafrasando il celebre motto arguto barese, abbia detto o scritto che se Parigi avesse le Casiceddhre sarebbe una piccola Noha. Poteva apparire come una delle mie proverbiali iperboli, invece m’accorgo di come (molto più di quanto non si pensi - satira caustica inclusa) io sia moderato nei termini.

Eh sì, a reggere le sorti dell’economia del mio paesello – oltre a recuperarne l’immagine messa a repentaglio da maldestri epigoni della politica locale, per fortuna definitivamente cancellati con un tratto di matita, anzi di penna blu e rossa - sono tuttora gli artigiani, i micro-commercianti e i piccoli esercenti, sicché accanto ai coiffeur e alle estetiste, al restaurant, al forno/boulangerie e alle patisserie, ai magazzini agricoli e al fioraio, alla pescheria gourmet e all’hôtel de luxe, al mulin (che stavolta non è rouge, e per fortuna nemmeno bianco) e alle gastronomie (si scrive uguale in francese), e a numerosi altri operatori che non posso qui elencare per questioni di spazio, ma prima o poi arriverà pure il loro turno, s’annovera finalmente anche l’atelier Euphoria (con l’h di Noha), una bella profumeria che non ha nulla da invidiare alle migliori boutique della Ville Lumière.

L’“euforica idea” venne un paio di lustri fa alla Jennifer Misciali, una giovane mamma acqua e sapone, grazia e sorriso naturali, scuola d’arte e di vita, e fu così lungimirante che la bottega che ne scaturì non solo si è irrobustita nel corso del suo decennio di attività festeggiato di recente ma, presentandosene l’occasione, ha anche raddoppiato o forse triplicato i suoi spazi traslocando dalla vecchia sede di via Aradeo 31 alla nuova di via Donatello 19, decisamente più ampia, confortevole, luminosa, dotata di camerini di prova, due grandi vetrine, e un comodo parcheggio.

 

Trascorsi due giorni dall’ultima tornata elettorale che ci ha visti protagonisti attivi per l’elezione dei nuovi membri del Parlamento Europeo, è tempo per il nostro Circolo di tirare le somme e ciò che emerge è l’allarmante dato di affluenza alle urne, sceso nella nostra frazione ai minimi storici con soltanto il 34% degli aventi diritto. Tutto questo è molto preoccupante perché dimostra che il disinteresse e la sfiducia della cittadinanza nei confronti di tutta la politica assumono dimensioni tali da configurare un vero e proprio allarme democratico per cui il sistema politico deve imporsi una profonda riflessione. Malgrado tutto abbiamo ottenuto un risultato straordinario: a Noha il Partito Democratico ritorna ad essere il più suffragato ponendosi al 34,95%. Questo risultato è il frutto di un lavoro sinergico tra fazioni partitiche e civiche che insieme hanno lavorato, impegnandosi in una campagna elettorale casa per casa, accorciando la distanza tra i candidati e i cittadini e dando un segnale forte di alternativa al governo cittadino e agli esponenti dello stesso che vigliaccamente (e agendo nell’ombra) hanno appoggiato e sostenuto la Lega di Marti e Vannacci costituendosi al 14% su scala comunale. È indiscusso che da qui occorre porre le basi per un progetto politico comune  che abbia l’obiettivo di promuovere un’azione politica con al centro tutti i cittadini e non soltanto i propri amici, che garantisca servizi e non favoritismi di nessun tipo e che sia attenta ai bisogni del proprio territorio e non agli interessi personali. Adesso abbiamo il compito di unire il centrosinistra in questa sfida che ci chiama ad avere una linea chiara, allargando i confini e sostenendo nuove forme di partecipazione mediante un attivismo civico, d’opinione, democratico di cui il nostro Partito deve farsi promotore, quanto mai necessario per smuovere coscienze e organizzare legittimi interessi collettivi.

Per questo il primo ringraziamento che mi sento di fare va alle 360 cittadine e cittadini che nelle quattro sezioni di Noha hanno scelto il PD di Antonio Decaro, Pina Picierno, Georgia Tramacere e di tutti i nostri candidati. Non sento di accontentarmi, però, del nostro 35% nonostante mi gratifichi, ma le partite non mi hanno mai appassionato. Piuttosto dovremo comprendere come interloquire in modo più continuativo e strutturato con le altre forze politiche che vogliono costruire un’alternativa. Un grande ringraziamento alle iscritte, agli iscritti e simpatizzanti del Circolo di Noha, ai militanti e ai volontari per il lavoro svolto con generosità gratuita e coerenza. Grazie infine alle forze civiche, primo tra tutti il Movimento “Con” e la sua rappresentante Loredana Tundo, che ci hanno aiutato, scommettendo sui nostri candidati. Questo voto è un segnale incoraggiante, che ci conferma principale forza alternativa alle destre. Sentiamo forte questo risultato e cercheremo di meritarlo ogni giorno con l’impegno quotidiano sul campo. Vi aspettiamo al Circolo per fare insieme democrazia!

 

Per il Circolo di Noha

Michele Scalese,
Segretario

 
Di Redazione (del 11/06/2024 @ 08:13:52, in NohaBlog, linkato 176 volte)
Liste Sezione 17  Sezione 18 Sezione 26 Sezione 28 Totali Lista %
PARTITO DEMOCRATICO 77 100 105 78 360 35,79
FRATELLI D'ITALIA 36 66 66 67 225 23,36
LEGA SALVINI PREMIER 48 32 51 34 165 16,40
MOVIMENTO 5 STELLE 36 25 20 24 105 10,44
FORZA ITALIA - NOI MODERATI - PPE 13 18 11 13 55 5,47
ALLEANZA VERDI E SINISTRA 5 10 8 8 31 3,08
PACE TERRA DIGNITA' 2 8 3 8 21 2,09
STATI UNITI D'EUROPA 3 2 8 3 16 1,59
AZIONE - SIAMO EUROPEI 1 5 1 3 10 0,99
PARTITO ANIMALISTA - ITALEXIT PER L'ITALIA 1 0 1 1 3 0,30
LIBERTA' 0 3 0 0 3 0,30
ALTERNATIVA POPOLARE 0 1 0 1 2 0,20
TOTALE VOTANTI SEZIONI 222 270 274 240 1006  

Risultati completi sul sito del Comune di Galatina

 
Non ce l'ha fatta il CT “G. Stasi” di Galatina a vincere la gara contro il Tennis Modena nella trasferta odierna, gara che avrebbe potuto dare un esito diverso al campionato di B1. 
 
Un 4-2 netto che spegne l’ultima speranza di salvezza, in quello che sarà ricordato come uno dei campionati più complessi degli ultimi anni. 
 
«Naturalmente proviamo un grande dispiacere per il risultato – afferma il Capitano e Direttore tecnico Donato Marrocco - che ci porta definitivamente a disputare i play-out. È stato un campionato anomalo, caratterizzato da un girone di ferro e squadre molto forti». 
 
Ecco tutti i risultati: Vaccari Ludovico contro Bellifemine Alessandro Raffaele 2-6/6-7(4-7), Mangiafico Iacopo contro Cardinale Andrea 6-7(3-7)/6-2/6-4, Alcala Gurri Max contro Fuele Matyas Lajos 6-2/6-1, Montanari Gabriele contro Duma Jacopo 6-4/6-1. Nei doppi Mangiafico Iacopo/Longhin Gian Marco contro Bellifemine Alessandro Raffaele/Cardinale Andrea 3-6/3-6 e Alcala Gurri Max/Vaccari Ludovico contro Duma Jacopo/Novo Ignacio 6-1/6-1. 
 
«Voglio esprimere un ringraziamento infinito ai nostri ragazzi – conclude il capitano - per la determinazione e la passione dimostrate in ogni giornata. Il rammarico è stato grande e le difficoltà incontrate sono state notevoli. Tuttavia, i nostri ragazzi sono rimasti sempre uniti e determinati. Rimango fiducioso, so che i ragazzi daranno il massimo in questa fase cruciale della stagione. Grazie a tutti coloro che ci hanno supportato e continueranno a farlo».
 
Di Redazione (del 09/06/2024 @ 19:07:06, in Comunicato Stampa, linkato 104 volte)

Nel week end dedicato alle Elezioni Europee arriva un importante riconoscimento per gli studenti della 4B del Liceo Scientifico “A Vallone” di Galatina.

La classe, coordinata dalla professoressa di storia e filosofia Roberta Romanello, ha partecipato ad un concorso nazionale organizzato dal Corriere della sera in collaborazione con il Parlamento Europeo dal tema «Io voto Europa».

Il video realizzato dalle studentesse e dagli studenti della 4B è rientrato tra i cinque video vincitori gareggiando con tutte le scuole d’Italia

Anche se tra loro diversi, tutti i lavori avevano obiettivo comune di invitare i cittadini italiani ad esprimere la propria preferenza alle elezioni europee dell'8 e 9 giugno, favorendo anche il dibattito sul tema e arrivando a parlare di Europa nelle classi italiane.

Un segno sulla scheda elettorale per l'Europa di domani, questo il titolo del lavoro realizzato dai nostri studenti, che il corriere descrive con le seguenti parole: Gli studenti del Liceo Vallone di Galatina (Lecce) hanno scelto una delle forme di comunicazione per eccellenza: il telegiornale. Con tanto di conduttore e inviato sul campo nel cortile della scuola, hanno spiegato perché andranno a votare alle Europee. Le parole chiave sono pace e sostenibilità, i temi che stanno a cuore alle generazioni più giovani. 

«Un grande plauso ai nostri studenti ed alla docente Roberta Romanello – ha commentato la dirigente Angela Venneri – per l’importante riconoscimento ricevuto. Il messaggio che i nostri studenti hanno voluto trasmettere fa capire quanto i giovani si sentano più vicini ad un concetto di Europa come opportunità per tutelare diritti, ambiente, lavoro, opportunità concrete per il loro futuro».

Il video della nostra scuola è visionabile al seguente link: https://video.corriere.it/video-embed/907257f2-d103-4345-89cf-296090f0fxlk?playerType=embed&tipo_video=embed_norcs

Maria Rosaria Campa

 
Di Redazione (del 06/06/2024 @ 14:51:11, in Comunicato Stampa, linkato 131 volte)

“Quando mi trovo in un ambiente in cui posso illudermi di essere invisibile, mi trovo bene

Come è consuetudine, la chiusura della programmazione dell’anno accademico della nostra Associazione è affidata alla presentazione da parte dei corsisti del Laboratorio Teatrale “Il Teatro ci prende e ci sorprende”, organizzato dall’Università Popolare con la preziosa direzione di Michele Bovino, regista, attore e docente di dizione e recitazione, della pièce teatrale “MARCOVALDO e le stagioni in città”, omaggio a Italo Calvino.

La rappresentazione è prevista oggi giovedì 6 giugno alle ore 19:00 nell’Auditorium del Liceo Artistico, in via Martinez, n. 3, e sarà preceduta da un breve saluto del Presidente, prof. Mario Graziuso.

Michele Bovino, che ha curato l’adattamento e la regia dell’evento, così ci presenta il lavoro del Laboratorio Teatrale: “Rendere il giusto e doveroso omaggio a un grande della cultura italiana, come Italo Calvino, un uomo colto, ironico e arguto, uno dei narratori italiani più importanti del secondo Novecento che in realtà nella vita privata era molto riservato e solitario, inizialmente è stato un po' difficoltoso.

Poi nel ripassare alla mente le sue maggiori, ma anche minori opere, mi sono fermato alla Lezione sulla Leggerezza e mi è balzato subito davanti uno dei suoi più grandi e geniali capolavori: Marcovaldo. Mi sono messo subito al lavoro puntando sulle Stagioni in città cercando di coinvolgere tutti i partecipanti al Laboratorio Teatrale dell’Università Popolare, spronandoli ad accompagnarmi in questo piccolo viaggio nelle quattro stagioni, facendo mettere in risalto tutta l’ironia e la gioia di vivere dei personaggi del Marcovaldo in maniera spassosa e allegra.

 
Di Redazione (del 06/06/2024 @ 13:50:40, in Comunicato Stampa, linkato 120 volte)

Nel quarantaseiesimo anniversario dell’omicidio di Aldo Moro (09 maggio 1978) le commemorazioni dello statista assassinato hanno trovato ampi spazi di approfondimento sui quotidiani e sui canali social.

Tra gli eventi celebrativi volti ad esplorare e a tener viva la memoria del grande politico, merita un’attenzione il lavoro proposto dagli autori Signorile e Colarizi condensato nel libro-inchiesta Il caso Moro: tra politica e storia.

Un dialogo a due voci tra Claudio Signorile vicesegretario del Psi nel 1978 e Simona Colarizi, professore emerito di storia contemporanea a 'La Sapienza' di Roma, trattato da un’angolazione originale come affermato dall’ex ministro.

«Io e Simona Colarizi non abbiamo fatto una ricostruzione storica fine a sé stessa, ma abbiamo compiuto un tentativo, seppure parziale, di dare una risposta alla domanda “perché hanno ucciso Aldo Moro”»

Il libro presentato il 29 maggio a Roma, a Palazzo Giustiniani presso la sala Zuccari del Senato della Repubblica, su iniziativa del senatore Parrini, vedrà una replica il 14 giugno a Galatina nell’ex Monastero delle Clarisse.

L’evento che si colloca tra le iniziative socio-culturali dell’Associazione Galatina al Centro, presieduta dal professore Michele De Benedetto, offre l’occasione al pubblico di assistere ad un dibattito su un filone del terrorismo in Italia, quello del Caso Moro, avvolto a tutt’oggi nei tortuosi meandri di omissioni, depistaggi e coperture.

 
Di Redazione (del 06/06/2024 @ 13:35:12, in Comunicato Stampa, linkato 165 volte)

Giunta alla 9° edizione, Venerdì 7 giugno dalle 20.00 alle 23.30 ritorna “La Lunga Notte delle Chiese”, l'evento nazionale vede quest’anno la città di Galatina protagonista, grazie alla partecipazione di diverse chiese e volontari.

Saranno ben 6 le chiese che apriranno le loro porte in notturna, dando l'occasione a viaggiatori e cittadini di ammirare l'arte sacra sotto nuovi punti di vista. Da non perdere la Chiesa dei Ss. Pietro e Paolo, la Chiesa di San Rocco, la Chiesa di San Pantaleo, la Chiesa delle Anime Sante del Purgatorio, la Chiesa della Madonna del Carmine e non da ultimo la Cappella di San Paolo, luogo iconico del tarantismo.

Durante la serata sarà possibile anche prender parte ad uno dei due turni di visite guidate gratuite, realizzate da una guida professionista autorizzata. Il percorso guidato si snoderà attraverso il centro storico, dando modo di scoprire segreti e peculiarità poco conosciute. Per non perdere questa importante occasione di conoscere più da vicino la bellezza dell'architettura e dei tesori in essa custoditi. Le visite guidate partiranno nelle fasce orarie 20.00 e 21.45 e sarà possibile prender parte prenotando al 328 3890 283 

All'interno dei luoghi sacri sarà possibile ascoltare dei concerti d’organo nelle diverse chiese, inoltre nei pressi della chiesa dei Ss. Pietro e Paolo ci sarà la presentazione del progetto Fil Rouge  a cura di Lévera, con i manufatti tessili delle donne dell'omonimo progetto.

 
Non è bastato il sostegno ed il calore del pubblico di contrada Guidano per portare a casa un risultato utile ai fini della classifica per il CT “G. Stasi” di Galatina sonoramente sconfitto da Eur Roma per 5-1. 
 
Si conosceva l’altissimo valore della squadra della capitale e dei suoi giocatori, ma si sperava che l’impegno e la voglia di riscatto del team guidato dal capitano Donato Marrocco avrebbero potuto ribaltare i pronostici e rendere meno complessa una situazione di classifica che ora appare davvero difficile. 
 
Ad ammetterlo è proprio Marrocco a fine gara non nascondendo la criticità della situazione. 
 
«La situazione si complica con questa sconfitta – dichiara Marrocco - ma oggi avevamo d fronte una squadra super attrezzata, che ha schierato Davide Bracciali ex 49 al mondo classifica Atp, Catini, Campana, Basile, giocatori dall’alto valore. Ringrazio i miei giocatori per aver messo l’anima in campo, per aver dato il massimo, ma merito all’Eur Roma e complimenti ancora». 
 
Ecco i risultati degli incontri: Cardinale Andrea contro Campana Federico Lamberto 0-6/1-6, Novo Ignacio contro Bracciali Daniele 5-7/6-4/2-6, Fuele Matyas Lajos contro Catini Niccolò 6-3/6-0 e Duma Jacopo contro Luperi Alessio 0-6/0-6. 
 
Nei doppi Fuele Matyas Lajos/Binda Alex contro Catini Niccolò/Basile Pierluigi 3-6/4-6 e Cardinale Andrea/ Duma Jacopo contro Campana Federico Lamberto/Luperi Alessio 2-6/1-6. 
 
«I giochi ancora non sono chiusi del tutto – conclude Marrocco – e domenica, a Modena, cercheremo questa vittoria che potrebbe permetterci di sperare per la permanenza in B1 ed evitare i play out. Volevo ringraziare ancora tutti i miei giocatori e tutti i tifosi accorsi oggi con questo caldo per sostenerci e incoraggiarci». 
 
Ufficio Stampa Circolo Tennis “Giovanni Stasi” Galatina 
 
 

Canto notturno di un pastore ...

Categorie News


Catalogati per mese:


Gli interventi più cliccati

Sondaggi


Info


Quanti siamo

Ci sono  persone collegate

Seguici sui Canali di

facebook Twitter YouTube Google Buzz

Calendario

< giugno 2024 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
13
14
15
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
             

Meteo

Previsioni del Tempo

La Raccolta Differenziata