Di Redazione (del 14/04/2024 @ 19:38:39, in Comunicato Stampa, linkato 127 volte)

"Miseria bella" commedia in due atti di Peppino De Filippo
Con gli attori: P. VILLANI, L.GRECO, A.CONTE, C.SCRIMIERI, M.MASCIULLO, S.MASTRIA  e A.MIRI.
Regia DI FERNANDO MITA coadiuvato da LIDIA PEPE.
Domenica 28 Aprile 2024
Ingresso ore 19.30- inizio spettacolo ore 20,00 presso il teatro "Madonna delle Grazie" Via Tiziano, Noha (Le)

 

Nell’ audizione (richiesta dal Consigliere Pagliaro) del 10/4/24 in III Commissione Assistenza Sanitaria, Servizi Sociali della  Regione Puglia, a cui hanno partecipato il consigliere Antonaci, la Vicesindaco Anselmi unitamente al fratello fotografo,  si è ribadito ancora una volta quanto già noto da anni, e comunque  ben prima delle ultime amministrative: il nostro Ospedale non chiuderà! Per quanto ovvio, anche noi come tutti i cittadini interessati, accogliamo la notizia con soddisfazione, senza esimerci dal rimarcare gli inutili e tendenziosi  proclami del Sindaco con i quali attribuisce il merito del risultato all’ attività della sua amministrazione ed in particolare alla commissione creata per onorare una della tante cambiali elettorali, il cui beneficiario risulta essere il Cons. Antonaci, Presidente della predetta commissione, nonché esponente occulto della attuale maggioranza.

Ma come si è arrivati all’audizione in commissione Assistenza Sanitaria, e cosa è emerso dal dibattito? Tutto parte da una “visita ispettiva” presso il Santa Caterina Novella,  effettuata dal Consigliere Regionale Pagliaro circa 10 mesi fa. Il sopraluogo non dà risultati soddisfacenti: molte le anomalie riscontrate a dire del Consigliere Pagliaro, dai carrelli medici “assemblati” dagli infermieri di Cardiologia, alle tende divisorie nel pronto soccorso che limitano gravemente la privacy, dai bagni ad uso promiscuo alla situazione in cui si trovava il 4° piano (ex chirurgia), completamente abbandonato, con finestre aperte e regno dei piccioni per arrivare anche alla sala operatoria, dotata di strumentazione obsoleta. Dall’audizione in commissione emergono alcune considerazioni: il consigliere Pagliaro, probabilmente, ha esagerato! Se così non fosse il Sindaco, che ovviamente non gli crede, avrebbe dovuto, in qualità di massima autorità sanitaria responsabile, denunciare il tutto e chiedere la chiusura dell’ospedale. Bene ha fatto a non credergli! Verosimilmente, nella relazione del Consigliere Pagliaro si potrebbero riscontrare elementi che potrebbero sfociare nel Penale, ossia nel reato di “procurato allarme” ai fini elettorali. È vero che l’ospedale non chiuderà, i servizi ora esistenti, infatti, sono gli stessi di prima dell’insediamento della amministrazione Vergine.

 
Di Redazione (del 14/04/2024 @ 16:29:27, in Comunicato Stampa, linkato 133 volte)

In occasione della finale nazionale della XIII edizione dei Campionati di Italiano una giovane studentessa galatinese è nella rosa dei finalisti!

Veronica Congedo, studentessa di 4^ anno del Liceo Scientifico e Linguistico “A. Vallone” di Galatina, dopo aver guadagnato un eccellente primo posto nella classifica regionale della Puglia per la categoria senior, con il miglior risultato di 33.75/35 e nell’ottimo tempo di 00:39:59, ora è pronta per l’ultima tappa! 

La competizione si svolgerà giovedì 18 aprile presso l’Istituto d’Istruzione Superiore “Adriano Tilgher” di Ercolano (Na) durante le “Giornate della Lingua Italiana”.

Veronica dovrà destreggiarsi ancora una volta con l’analisi e comprensione del testo, capacità logico-argomentativa e capacità di sintesi. Ma soprattutto saranno decisive creatività e originalità che determineranno la proclamazione del vincitore.

Per arrivare sul podio, bisogna avere nervi saldi e conoscenze vaste, e superare le prove del Ministero dell’Istruzione e della comunità scientifica: linguisti, storici della lingua, italianisti, esperti di didattica dell’italiano, membri dell’Accademia della Crusca, dell’Associazione per la storia della lingua italiana (Asli) e dell’Associazione degli italianisti (Adi).

 
Di Redazione (del 14/04/2024 @ 16:24:45, in Comunicato Stampa, linkato 150 volte)

Un altro pilastro della pallavolo galatinese cede all’imprevedibile: ostinazione, grinta e voglia di combattere si spengono in Luigi nella mattina del venerdì della Passione Cristiana.

Il quadro clinico negativo ed irreversibile consegnato a familiari ed amici, strappa alla vita nel breve volgere di poche ore un guerriero: mite ma combattivo, paziente ma leale.

Quando oramai tra innumerevoli spole casa-ospedale, sacrifici e rinunce di ogni genere, la curva ascensionale accendeva speranze e moltiplicava energie affettive e fisiche, ecco il dramma prendere corpo.

Sgomento e dolore attraversano la città, abbattono amici e conoscenti, deflagrano nel fisico e nel cuore dei suoi affetti più cari.

L’altra famiglia, quella solidale ed altruista della pallavolo, cade nello sconforto, cerca motivazioni, si appiglia a qualche spiraglio, che il destino non concede. Il dolore trasversale delle varie squadre in cui ha giocato e delle società in cui Luigi ha militato come tecnico, corre sui social con sinceri comunicati partecipativi di condoglianze.

Il profluvio di ricordi si sposa con immagini sportive dei tempi passati, mettendo da parte rancorose battaglie campanilistiche che una stretta di mano finale azzeravano sempre, riconoscendo lealtà ed amicizia bilaterale.

E questo unanime senso di dolore non è un atto dovuto sull’onda dell’emotività: è un sincero sentimento che attraversa tutti noi, frantumando pensieri ed emozioni.

Chi lo ha conosciuto nelle diverse sfaccettature della vita e soprattutto in ambito sportivo, sa quanto il suo carattere di giocatore, tecnico e tifoso abbia fatto presa nell’ambiente. Non era un vulcanico comunicatore: piuttosto spiccio nel dare indicazioni soprattutto ad alcuni atleti insofferenti ai diktat disciplinari, trovava la sua dimensione di mediatore verboso nel colloquiare con gli arbitri.

Il ruolo di capitano-giocatore gli consentiva di dissentire e chiedere spiegazioni su decisioni arbitrali avverse ai suoi colori che, da navigato giocatore, utilizzava in momenti in cui necessitava tirare il fiato e ricompattare il gruppo.

 

Venerdì 12 aprile alle ore 18:30, nella Sala conferenze dell’ex Palazzo De Maria, in Corte Taddeo, la programmazione dell’Università Popolare “Aldo Vallone” prevede un incontro con la prof.ssa Maria Mancarella sul tema: “I diritti delle persone private della libertà. La figura del garante.

L’evento sarà introdotto dal Presidente Mario Graziuso.

Sociologa, psicologa, già docente di Sociologia Generale e Sociologia della famiglia presso l’Università del Salento, Maria Mancarella si è laureata in Filosofia e in Psicologia e ha conseguito un Master in Psicologia dei Comunità.

Ha pubblicato saggi e volumi su temi riguardanti la famiglia, la mediazione familiare, gli studi di genere, le conflittualità, le povertà, la giustizia minorile, il mondo dei giovani, le problematiche penitenziarie.

È stata Presidente del Centro Studi Osservatorio Donna dell’Università del Salento dal 2014 al 2020 e Giudice onorario presso il Tribunale per Minorenni di Lecce dal 2001 al 2011.

Con riferimento specifico all’incontro odierno, dal 17/04/2018 a oggi è Garante dei diritti delle persone private della libertà personale della Città di Lecce.

Ha pertanto svolto attività di collaborazione con la Casa Circondariale di Lecce “Borgo San Nicola” per la realizzazione di numerose iniziative, tra cui: la formazione delle detenute per l’avvio dell’esperienza imprenditoriale Made in Carcere; la formazione del personale dell’équipe multidisciplinare per l’accoglienza dei primi giunti, nell’ambito delle attività di prevenzione del rischio suicidario; incontri con i detenuti sui temi del rapporto con la famiglia.

 
Di Redazione (del 12/04/2024 @ 08:44:37, in Comunicato Stampa, linkato 88 volte)

Come sapete venerdì 19 aprile si voterà per il rinnovo del Consiglio Provinciale. Il presidente, Stefano Minerva, attualmente in carica, lo sarà per altri due anni. Insieme all’assessore regionale Alessandro Delli Noci abbiamo deciso di essere della partita candidandomi come rappresentante del movimento politico CON come consigliera provinciale. Lo faccio con grande spirito di sacrificio e servizio mettendomi a disposizione del territorio salentino e di Galatina e le sue frazioni, consapevole della grande importanza, qualora fossi eletta, del ruolo e dell’impegno, che non ho mai fatto venire meno nella mia azione politica, che dovrei assicurare.

È una nuova sfida che ho colto con grande entusiasmo, sempre con un occhio rivolto verso Galatina, i suoi interessi, i suoi bisogni e le sue potenzialità. Credo molto nella politica così come credo che le reali problematiche vadano risolte nelle sedi opportune e, come ho sempre battagliato in consiglio comunale cittadino come consigliera di minoranza, dopo aver avuto l’onore di svolgere il ruolo di assessore, ritengo di impegnarmi in prima persona per far sentire le istanze del territorio.

Non posso che ringraziare coloro che vorranno sostenermi direttamente, al momento con l’attuale legge, consiglieri comunali e sindaci, e assicurare il mio impegno in seno al consiglio provinciale.

 
Di Antonio Mellone (del 09/04/2024 @ 08:41:11, in NohaBlog, linkato 308 volte)

Il sito Noha.it e la pagina face-book Nohaweb hanno rischiato di essere chiusi, bloccati, censurati, bannati, e chissà se non anche inquisiti.

Ma non per via di qualche mio articolo muriatico, agente eziologico di urticaria pigmentosa ai danni di qualche mezza tacca della politica locale con il vizio dello stalkeraggio giudiziario (e l’hobby di collezionare cause perse); oppure per l’uso su queste pagine di termini o locuzioni sconvenienti, della serie Cessate il Fuoco, Genocidio, Costituzione Repubblicana, Basta Crimini di Guerra, No agli Armamenti, e Stop ai Terrorismi di Stato (vale a dire eserciti che non combattono contro altri eserciti ma contro popolazioni inermi e affamate, nel silenzio assenso delle meglio “democrazie” occidentali come la nostra); e nemmeno perché abbiamo osato proferire il nome di Julian Assange così inviso al “giornalismo” con le virgolette obbligatorie; bensì, udite udite, per via della pubblicazione di alcune immagini dei tradizionali sepolcri del nostro paese nel corso della trascorsa settimana santa, e per la diffusione di alcune fotografie della pasquetta nohana che includono la storica sfilata dei cavalli e perfino la presa della cuccagna da parte di una squadra di atleti.

Nel postare le icone dei misteri, tipo quello dell’Addolorata dal cuore trafitto o quella del Cristo Morto nel suo feretro, o le sequenze di cavalli e cavalieri a zonzo per la cittadina, e giacché pure le foto degli arrampicatori sul palo (mica quelle oscene degli arrampicatori sociali) si sono aperte le cateratte dell’etere, o meglio chiuse, con lo sbarramento di ogni possibilità di divulgazione social da parte dell’arcigno algoritmo che ha sputato la sua inappellabile sentenza: “La nostra tecnologia ha mostrato che questo post è simile ad altri che violano i nostri Standard della community in materia di contenuti forti e violenti. Non consentiamo alle persone di condividere contenuti che mostrano violenza esplicita”. Aggiunge però che potremmo “impugnare la decisione nei tribunali del [nostro] paese”: sì, come no.

Mo’ vai a spiegare che il Cristo e la Madonna non sarebbero maestri così cattivi, che da secoli i cavalli trainano carri e carrozze, e vengono addirittura cavalcati, che il  palo della cuccagna non è quello della Lap Dance e che per raggiungere la sua cima tutto si fa men che esibirsi in scene da Youporn.

 

Siamo andati via da quasi due anni e la città di Galatina continua a ricevere finanziamenti grazie al lavoro della nostra amministrazione. Questo ci rende fieri e consapevoli di avere dato il massimo nei nostri cinque anni di governo.

È arrivata a conclusione, infatti, la procedura per l’assegnazione del finanziamento per il nostro progetto “Ristrutturazione immobile già destinato a mattatoio comunale per realizzazione ciclo hotel a servizio della rete cicloturistica nazionale”. Stiamo parlando del sito ubicato in zona Villaggio Azzurro.

Il progetto prevede interventi negli spazi esterni ed interni dell’immobile. Quest’ultimo sarà composto da tre blocchi: “Officina” con front-office, servizio di bike-sharing e laboratorio per assistenza e manutenzione dei cicli; “Bar e ristoro” con accesso anche agli utenti esterni; “Hotel” con due mini appartamenti con camere, bagni, open space per il soggiorno degli utenti della struttura ed esterni.

Gli interventi sono stati previsti nel rispetto della qualità architettonica e tecnico funzionale dell’opera; della conformità alle norme ambientali, urbanistiche e di tutela dei beni culturali e paesaggistici, nonché del rispetto di quanto previsto dalla normativa in materia di tutela della salute e della sicurezza; del limitato consumo del suolo; del rispetto dei vincoli idrogeologici e del risparmio, efficientamento e recupero energetico; dell’accessibilità e adattabilità secondo quanto previsto dalle disposizioni vigenti in materia di barriere architettoniche.

 
Di Michele Scalese (del 07/04/2024 @ 19:03:00, in Lettere, linkato 918 volte)

Esistono scorci di vita che non passano mai, sono gli stessi che ci portiamo dentro da anni, che ogni tanto ritornano e che ci fanno ricordare come gli affetti più cari in realtà, non si siano persi mai per davvero. Una cena per ritrovarsi nuovamente tutti insieme, nell’anno in cui noi del 1994 compiamo i fatidici 30 anni. Sebbene alcuni erano assenti perchè fuorisede o impossibilitati per imprevisti dell’ultimo minuto, ciò che è emerso è stato un momento di emozione e nostalgia nel rivederci dopo tanto tempo, con i nostri partners, figli, figlie, con la nostra storia personale che si fonde con la storia degli altri e che ci fa tornare di nuovo lì, in quella scuola elementare “Gaetano Martinez” dell’anno 2000, passando dai vissuti e nei racconti della scuola media “Pascoli” sempre  e rigorosamente a Noha, sempre tutti insieme.  Quello che nessuno di noi poteva immaginare è che il 30 marzo, davanti ad una tavolata, avremmo ritrovato istantaneamente noi stessi, con la stessa atmosfera di un tempo, quell'antica familiarità che sperimenta solo chi condivide nel quotidiano gli anni bollenti dell'infanzia. È stato come se ci fossimo salutati l'ultima volta il giorno prima per rivederci poche ore dopo, ritrovando all'istante quella sana, robusta follia che come allora ci ha fatto perdonare

 

Canto notturno di un pastore ...

Categorie News


Catalogati per mese:


Gli interventi più cliccati

Sondaggi


Info


Quanti siamo

Ci sono  persone collegate

Seguici sui Canali di

facebook Twitter YouTube Google Buzz

Calendario

< febbraio 2024 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
12
14
18
24
25
     
             

Meteo

Previsioni del Tempo

La Raccolta Differenziata