\\ Home Page : Articolo
Fabbricanti di libri, mostra itinerante di libri d’artista
Di Albino Campa (del 31/12/2010 @ 13:44:19, in Eventi, linkato 2609 volte)
Visitabile tutti i giorni,
dal 29.12 al 16.01 dalle ore 18.00 alle ore 20.00,
allestita presso la sala G. Martinez – Hotel Baldi, Galatina
 
 
Guarda la PhotoGalleryCi sono libri che quando si aprono si ha quasi paura di sfregiare, di ferire e bisogna toccarli con cautela, sfiorarne le pagine come se fossero trasparenze di luce, fragili architetture, prospettive mutanti. Sono i libri d’artista, oggetti simbolici travestiti da libro, che del libro conservano la forma e la struttura, ma che nell’intenzione di chi li ha creati sono sempre opere d’arte (di Maddalena Castegnaro, curatrice della mostra insieme a Enrico Rapinese). Questa è una delle tante citazioni che accolgono e cullano il visitatore della mostra di libri d’artista allestita nell’accogliente sala G. Martinez dell’Hotel Baldi, nella suggestiva cornice del centro storico di Galatina. Le pareti sono tappezzate di frasi d’autore; dal soffitto vengono giù fili argentati che accompagnano cautamente agli occhi del visitatore piccoli frammenti di poesia, cocci di testi firmati da autori-artisti.
Perché Fabbricanti di libri è innanzitutto una mostra d’opere d’arte, di congetture create a tavolino da persone innamorate della poesia e della creatività; Fabbricanti di libri è un’occasione da non perdere per chi ancora si ostina con puerile testardaggine a ricercare la meraviglia in tutto ciò che lo circonda, per chi ha capito che il gioco è una cosa seria, da bambini appunto, per gli amanti poco gelosi dei libri e della lettura.
Ed ecco un libro srotolarsi come pergamena di tessuto pregiato ai nostri piedi, un altro spaginarsi senza alcun indugio, e ancora libri contenitori di oggetti inusuali, libri dalle pagine riciclate, che diventano scrigni, cassapanche stracolme di storie; le parole divengono oggetti, gli oggetti raccontano attraverso le nostre percezioni sensoriali: il tatto, l’olfatto, la vista e l’udito, tutti contribuiscono a dare voce alla volontà dell’artista.
Camminando adagio tra i tavoli si riesce a captare un respiro leggero, quasi ansimante, di sculture di carta, di legno e plastica, cartone e cartoncino, di pietra e tessuto, che non chiedono altro che essere sfiorate da una mano tremante di curiosità. Solo un naso allenato riuscirebbe a captare nell’aria il profumo della carta lavorata con antico amore o addirittura quello della tela ricamata con un pregevole inchiostro cotonoso; solo un occhio attento sarebbe in grado di posarsi su un cartoncino piegato più volte e permettere alla mente di dipingere un immagine per nulla casuale.
È dotato il visitatore di sensi a tal punto affinati? Non resta che seguirlo incuriositi, annotare ogni cambiamento d’espressione, ogni movimento sussultorio delle dita e l’angolazione che sceglierà nell’osservare il libro d’artista, poiché occorre ruotarci intorno all’infinito per coglierne appieno la storia che ha il compito di raccontare.
(Visualizza photogallery)
Michele Stursi
 

Commenti

Nessun commento trovato.

Lascia un messaggio

Testo (max 2000 caratteri)

Smile arrabbiato Smile assonnato Smile bacio Smile diavolo Smile linguaccia Smile morto Smile occhiali Smile occhiolino Smile risatona Smile sorriso Smile timido Smile triste


Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

Canto XXXIII del Paradiso di ...

Categorie News


Catalogati per mese:


Gli interventi più cliccati

Sondaggi


Info


Quanti siamo

Ci sono  persone collegate

Seguici sui Canali di

facebook Twitter YouTube Google Buzz

NOHINONDAZIONI

Calendario

< giugno 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
11
15
16
18
23
25
26
27
30
     
             

Meteo

Previsioni del Tempo

La Raccolta Differenziata