\\ Home Page : Articolo
Cambiamento clinico (Terza fetta di Mellone - Estate 2023)
Di Antonio Mellone (del 15/08/2023 @ 22:03:22, in Fetta di Mellone, linkato 544 volte)

Un tempo per provare un po’ di sollievo dal solleone (o canicola, o afa, o arsura, o semplicemente grande caldo) era sufficiente una fetta di Mellone fresco; ora pare non bastino più nemmeno i condizionatori (cui abbiam dovuto rinunciare per aver scelto la pace, come da diktat del Migliore), e dunque si debba ricorrere alle cure di uno psicologo, quando non a quelle di uno psichiatra. Eh sì, perché a fobie, tic, dipendenze e mille altre nevrosi della vita contemporanea oggi possiamo finalmente aggiungere pure l’eco-ansia.

All’inizio governi, televisioni, intellighenzia, maître-à-penser, finanza e mercati unificati parlavano esclusivamente di surriscaldamento; ultimamente, onde evitare di sbagliar segno (positivo o negativo), le stesse reti, circonfuse dalla consueta inconfondibile aura di prestigio, si accontentano di dibattere di un più generico mutamento climatico, forse per meglio corroborare la loro infallibilità oracolare.

Orbene, lungi da me il voler confutare la Scienza (e la eventuale dogmatica di complemento), o sfidare a singolar tenzone i novelli inquisitori, non essendo un climatologo non metterò in discussione il concetto di cambiamento (tutto cambia sempre, ci mancherebbe altro), ma vorrei sommessamente far presente due o tre cosette.

La prima è che non so cosa possa succedere al macroclima (o grande clima, o clima della nostra era geologica), ma il microclima (cioè quella microscopica, minuscola, trascurabile parte del macroclima terracqueo) registrerà sicuramente sensibili aumenti nei suoi gradi centigradi ogni qualvolta si procederà, per esempio, all’abbattimento degli alberi più o meno cittadini, in quanto molesti al traffico, all’asfalto, al cemento, e al piano regolatore; oppure alla loro eradicazione per via della vulgata secondo cui “Stassiccatuttu causa batterio” anche se sono vivi e vegeti, e quindi meglio non contraddire decretini e ricercatori dal verbo incarnato. Certo è che qui si sta segando alla grande, a partire dai rami su cui stiamo seduti.

Per dirne un’altra, a Matino (ogni buongiorno si vede dal Matino), proprio di fronte al cimitero qualche tempo fa troncarono alla radice una fila di enormi bellissimi pini marittimi: adesso, al loro posto, due colonnine di ricarica auto elettriche. Chissà che non sia questa la rappresentazione plastica della famosa Transizione Ecologica.

A Galatina, altro caso clinico, il famoso viale don Bosco (mai denominazione fu più azzeccata di questa) è stato finalmente disboscato. Per il momento, e per il prossimo decennio, sarà l’uomo a dover fare ombra a quegli zzippi sostitutivi che ironicamente continuano a chiamare alberi. Quanto a Noha stiamo possibilmente ancor più freschi, visto che da una decina d’anni, forse più, al Green abbiamo dedicato la parte più convessa del nostro corpo (non è la pancia, ma quella che si trova dall’altra parte, un po’ più in basso), seppellendo un centinaio di ettari di campagna nohana sotto una patina di pannelli fotovoltaici di ferro, alluminio, silicio e materiali vari. Per abbassare ulteriormente le temperature sono in arrivo non so più quante pale eoliche: ma non chiamatele pale che girano - eccome se girano - ma ventilatori. A me viene la pelle d’oca al solo pensiero, meglio indossare sin da subito un cappottino estivo.

Poco fa il sindaco di Milano piagnucolava a favor di telecamera sui disastri causati da un violento temporale abbattutosi nottetempo sulla sua città, anche questo evidentemente causa clima, incitandoci ad agire senza indugio. Mo’ non saprei dire se i centodieci ettari di piastra di calcestrunzo usata per l’Expo 2015, di cui fu amministratore delegato e commissario, contribuiranno all’aumento o alla riduzione della temperatura di quell’area, o se ormai non gli facciano più né caldo né freddo. Meno male che di là si son dati subito da fare con l’Albero della vita (che costò poco più di otto milioni di euro), con il Bosco Verticale downtown e, ovviamente, con la Milano da bere (ghiacciata).

Ci sono poi i promotori di (in ordine sparso) porti turistici, grandi navi da crociera, movida, costruzione di nuovi villaggi eco-so-ste-ni-bi-li, termovalorizzatori, produzione/vendita/spedizione/uso di armi perché così vinciamo la guerra (tra poco pure nucleare), jet personali usati da congressisti di fondi monetari internazionali, alta velocità, lidi privati chiamati simpaticamente Frescure con le pale di ficodindia in compensato spennellato di verde, navi gasiere e dunque rigassificatori, megacentri commerciali, agricoltura superintensiva, importazione di kiwi dalla Nuova Zelanda e uva dal Cile, trasformazione dell’attuale parco auto con motori a scoppio in un enorme scascia-machine, roghi nei campi, impianti di compostaggio anaerobico (o meglio analerobico) per la produzione di biogas, imminenti autostrade a quattro o più corsie, veleni che ci stanno tropicalizzando (tropico del cancro per la precisione), “infrastrutturazione del Salento” [sic], Sviluppo & Crescita, e altre cosette del genere da psicoanalista junghiano: esempi virtuosi senz'altro in grado di far calare di non poco le temperature medie del nostro Antropocene.

Voi mi direste a prescindere: “Anto’ fa caldo”. Vi risponderei che gli accorati appelli “a far presto” [sic], provengono quasi tutti dai suddetti promotori: ergo siamo in una botte di ferro. Persino la Bce s’è messa ad aumentare i tassi di interesse a più non posso al fine di raffreddare ‘sta benedetta inflazione. Roba da brividi proprio.

Non so perché insistete tanto nel dire che ci stanno prendendo leggermente, e ancora una volta, per il clima.

Pardon, volevo dire culo.

Antonio Mellone

 

Commenti

Nessun commento trovato.

Lascia un messaggio

Testo (max 2000 caratteri)

Smile arrabbiato Smile assonnato Smile bacio Smile diavolo Smile linguaccia Smile morto Smile occhiali Smile occhiolino Smile risatona Smile sorriso Smile timido Smile triste


Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

Canto notturno di un pastore ...

Categorie News


Catalogati per mese:


Gli interventi più cliccati

Sondaggi


Info


Quanti siamo

Ci sono  persone collegate

Seguici sui Canali di

facebook Twitter YouTube Google Buzz

Calendario

< maggio 2024 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
11
12
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             

Meteo

Previsioni del Tempo

La Raccolta Differenziata