Di Redazione (del 23/07/2024 @ 08:00:05, in Comunicato Stampa, linkato 107 volte)

Da poche ore sono state installate e rese operative numerose Fototrappole che presidieranno il territorio del Comune di Galatina.
L’iniziativa - spiega Diego Garzia, Consigliere Comunale con Delega alla Polizia Locale - mira a contrastare l’intollerabile fenomeno dell’abbandono dei rifiuti, attraverso un nuovo metodo più incisivo e dinamico rispetto al passato.
L’amministrazione Comunale guidata dal Sindaco Fabio Vergine si è dimostrata sin da subito particolarmente attenta alle questioni ambientali e di decoro urbano, tant’è che sono state convocate numerose commissioni consiliari che hanno valutato i servizi pregressi, le esperienze dei comuni limitrofi e le segnalazioni pervenute anche dai cittadini, al fine di rendere lo strumento molto più utile e performante.
Sono stati individuati luoghi sensibili nel centro abitato, nelle frazioni, nelle periferie e nelle zone di campagna. Inoltre, grazie a dei monitoraggi costanti saranno predisposte continue rotazioni delle Fototrappole che permetteranno di controllare l’intero territorio comunale, comprese le contrade.
Gli organi di Polizia Municipale, in ottemperanza alle nuove disposizioni normative che contemplano la configurazione di un reato anche quando l’abbandono avviene ad opera dei privati cittadini (precedentemente il reato si configurava solo ad opera dei titolari di partita iva) provvederanno a segnalare immediatamente all’autorità giudiziaria tutti i fatti costituenti reato, valutando anche l’opportunità per il Comune di Galatina di costituirsi parte civile nei procedimenti penali scaturenti.

 
Di Redazione (del 22/07/2024 @ 08:15:05, in Comunicato Stampa, linkato 98 volte)

Ai sensi dell'art. 20 dello Statuto Comunale e dell'art. 29 del Regolamento del C.C., il Consiglio Comunale è convocato in seduta ordinaria di 1^ convocazione per il giorno venerdì 26 luglio 2024 alle ore 08:30 con continuazione e, occorrendo, in 2^ convocazione per il giorno sabato 27 luglio 2024 alle ore 09:30 con continuazione, presso la Sala Conferenze dell’ex Convento Santa Chiara -piano primo- Piazzetta Galluccio, per trattare i seguenti argomenti:

 

  1.  APPROVAZIONE VERBALI SEDUTA DEL 27/6/2024
  2.  PROCEDIMENTO AUTORIZZATIVO UNICO REGIONALE (P.A.U.R.) AI SENSI DELL’ART. 27BIS D. LGS 152/2006 E S.M.I.. PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI RECUPERO E SMALTIMENTO RIFIUTI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI, DA UBICARSI IN GALATINA (LE), ALLA VIA DEGLI ANDRIANI, 12/A – FRAZ. SANTA BARBARA (N.C.T. FOGLIO 3, MAPPALE 2018) – IPPC 5.1 E 5.5. PROPONENTE ENTOSAL SRL. PROCEDURA DI RIQUALIFICAZIONE URBANISTICA.
  3.  ASSESTAMENTO GENERALE DI BILANCIO E SALVAGUARDIA DEGLI EQUILIBRI ESERCIZIO FINANZIARIO 2024 AI SENSI DEGLI ARTT. N. 175, COMMA 8 E N. 193 DEL D. LGS. N. 267/2000 – VERIFICA STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI
  4.  ESECUZIONE SENTENZA N. 1728/2024 DEL TRIBUNALE DI LECCE, RESA NEL GIUDIZIO R.G. N. 5251/2021 - RICONOSCIMENTO DELLA LEGITTIMITÀ DEL DEBITO PORTATO DALLA SENTENZA, AI SENSI DELL’ART. 194, COMMA 1, LETT. A) DEL D. LGS. N. 267/2000.
  5.  LAVORI DI “ADEGUAMENTO DEL RECAPITO FINALE DI FOGNATURA BIANCA S.P. 41_C.A. DALLA CHIESA” – APPROVAZIONE PROGETTO ESECUTIVO AI SOLI FINI URBANISTICI IN VARIANTE AL P.U.G. (ai sensi dell’art. 19 del D.P.R. n.327/2001)
  6.  “REALIZZAZIONE RETE DI ADDUZIONE AL RECAPITO FINALE DI FOGNATURA BIANCA DENOMINATO BOMBA (LOTTO 1) ” – APPROVAZIONE PROGETTO ESECUTIVO AI SOLI FINI URBANISTICI IN VARIANTE AL P.U.G. (ai sensi dell’art. 19 del D.P.R. n.327/2001)
  7.  “REALIZZAZIONE RETE DI ADDUZIONE AL RECAPITO FINALE DI FOGNATURA BIANCA DENOMINATO BOMBA (LOTTO 2)” – APPROVAZIONE PROGETTO ESECUTIVO AI SOLI FINI URBANISTICI IN VARIANTE AL P.U.G. (ai sensi dell’art. 19 del D.P.R. n.327/2001)
  8.  “REALIZZAZIONE DI UNA ROTATORIA SULLA S.P. 18 ACCESSO LOCALITA’ GUIDANO” – APPROVAZIONE PROGETTO ESECUTIVO AI SOLI FINI URBANISTICI IN VARIANTE AL P.U.G. (ai sensi dell’art. 19 del D.P.R. n.327/2001)

 
E’ stata una riunione lunga con molti partecipanti rispetto a quelli in indirizzo nella convocazione. Ho chiesto di poter essere presente perché in queste occasioni bisogna essere compatti a difesa del nostro Ospedale. Più volte ho sostenuto che l’argomento salute non poteva essere oggetto di campagna elettorale e sono sempre convinta che sia così. In alcuni momenti però va data evidenza pubblica di ciò che si sta facendo. La politica, compatta, ha espresso le ragioni per cui il punto nascita di Galatina non va chiuso.
Il Presidente Emiliano ha fatto sintesi di tutte le ragioni rappresentate ed ha passato il testimone al Direttore Rossi, il quale si è fatto portavoce a sua volta delle ragioni tecniche per cui secondo lui e secondo il Comitato ASL, che si è tenuto il 23.05.24, uno dei punti nascita tra Galatina e Scorrano dovrebbe essere chiuso.
Da parte mia ho già anticipato, che nel caso la decisione fosse negativa per la nostra Città faremo le barricate mettendo in campo tutte le azioni necessarie.

Il bacino che serve l’Ospedale Santa Caterina Novella di Galatina è ampio e sicuramente non si può lasciare scoperto. Sono sicura che in questa battaglia non saremo lasciati soli, già stamattina la presenza di numerosi Sindaci del distretto testimonia quanto tutti ci tengano al nostro Ospedale, che è sì ubicato a Galatina ma che tutto l’interland sente come il proprio Ospedale.

 
Di Redazione (del 22/07/2024 @ 08:05:27, in Comunicato Stampa, linkato 80 volte)

"Il punto nascita dell'ospedale di Galatina non deve essere chiuso, è fondamentale per il territorio salentino e per i cittadini". Lo afferma Leonardo Donno, deputato M5S e coordinatore regionale Puglia. 

"Questa mattina, presso la Presidenza della Regione Puglia si è svolto un incontro sul tema, che abbiamo fortemente richiesto insieme al consigliere regionale M5S Cristian Casili. Il Presidente Emiliano, che ringrazio, ha accolto la nostra richiesta e coordinato il tavolo a cui hanno partecipato sindaci e consiglieri del territorio, assessori e vertici dell'Asl di Lecce. Ho ribadito la necessità di tutelare questa struttura, punto di riferimento non solo per Galatina, ma anche per numerosi comuni dell'hinterland che rappresentano in totale un bacino di utenza di circa 200mila cittadini. Ad attestare l'importanza del servizio offerto alcuni dati: oltre 600 nascite nel 2023, un trend confermato anche negli scorsi anni e superiore alle nascite degli altri presidi periferici del Salento; un vasto bacino di utenza anche per la posizione utile sul territorio; una struttura facilmente raggiungibile anche per le persone che provengono da altri comuni del centro e nord del Salento; la presenza della sala parto, sala operatoria e nido sullo stesso piano, elemento fondamentale per la cura del neonato dopo il parto; un'area dedicata alle partorienti positive al covid. Inoltre i medici, gli infermieri e gli operatori sanitari altamente specializzati offrono un servizio d'eccellenza, orgoglio del nosocomio e del territorio salentino. Di fronte a questi dati, riteniamo che non ci siano le condizioni per privare il territorio di un  presidio fondamentale. Non è accettabile la posizione dell'Asl di voler chiudere questo punto nascita periferico, il migliore dei presidi in termini di servizi offerti e numero di parti annuali" conclude Donno. 
 
 
Di Redazione (del 19/07/2024 @ 13:58:36, in Comunicato Stampa, linkato 543 volte)

Lo sfalcio dell'erba è ricominciato due giorni fa e coincidenza ha voluto che ciò avvenisse proprio mentre veniva pubblicato articolo e foto sull'erba alta. La pulizia è partita dall'area dei Giardini Madonna delle Grazie e sta proseguendo nel resto dell'abitato. Tutto ciò a distanza di un mese e mezzo dall'ultimo sfalcio completo, iniziato a fine maggio in vista della processione della via Crucis del 2 Giugno scorso e completatosi con la zona 167 il 14 Giugno.

Sin dal nostro insediamento siamo riusciti, nonostante le difficoltà, a programmare lo sfalcio ogni mese e mezzo circa, con costanza, regolarità e nel rispetto del programma generale di manutenzione del verde del nostro intero, e vasto, territorio.

Pertanto nel chiedere comprensione sulla rapida ed inevitabile crescita dell'erba e sulle difficoltà che a volte portano a rallentamenti, rinnoviamo l'impegno che ha contraddistinto sino ad ora la nostra azione amministrativa.

Pierluigi Mandorino – Consigliere comunale con delega alla frazione di Noha

Massimo Sparapane – Consigliere comunale con delega al decoro urbano

 
Di Redazione (del 19/07/2024 @ 08:02:42, in Comunicato Stampa, linkato 205 volte)

Venerdì 19 Luglio a partire dalle ore 20:00 si terrà a Noha presso i giardini Madonna delle Grazie la “Festa dei giochi di una volta”.

L’evento, fortemente voluto dall’Amministrazione comunale per coniugare il valore dello sport con la nostra storia, è organizzato dal comitato territoriale CSI di Terra d’Otranto in collaborazione con l’oratorio Madonna delle Grazie di Noha e con l’ASD Secyd.

La partecipazione è gratuita ed è aperta a tutti, bambini, ragazzi e adulti. Una serata unica in cui ritrovare e prendere parte ai giochi di una volta, quelli dei nostri genitori e dei nostri nonni da rivivere insieme ai nostri figli.

Ci sarà il gioco della campana, ruba bandiera, la corsa con i sacchi, il tiro alla fune, la gimkana e tanti altri magnifici intrattenimenti tra cui anche il gioco dei “tuddhri”.

La festa dei giochi di una volta vuol essere un momento di aggregazione e divertimento in grado di unire più generazioni con la leggerezza tipica dei giochi ma che permetta allo stesso tempo di tramandare un pezzo della nostra storia.

Per questa ragione si è scelto di organizzare questa festa a Noha dove la tradizione oltre ad essere radicata è ancora ben custodita da tutta la comunità.

 

Nell’ambito delle iniziative collegate all’evento Festival dell’aria consapevole, si svolgerà a Galatina il prossimo 29 luglio, un convegno che tratterà il tema del Tarantismo.

Nella città che è indissolubilmente legata al fenomeno, grazie al contributo di relatori esperti, si avrà l’opportunità di riflettere sul Tarantismo non solo come rito della tradizione, ma anche come opportunità di valorizzazione del territorio con la Pro Loco in quanto associazione riconosciuta da UNPLI e UNESCO custode e promotrice dei beni materiali e immateriali.

Per questa ragione, la Pro Loco di Galatina, ha voluto organizzare un convegno che potesse affrontare il tema da più punti di vista, dalla storia del culto popolare, alla pratica terapeutica, all’immagine che rappresenta a tutt’oggi per arrivare a parlare della follia e la guarigione nel rito stesso

Lunedì 29 luglio, nella cornice di Palazzo Gorgoni in corso Umberto I dove ha sede la Pro Loco, dopo i saluti istituzionali del sindaco di Galatina Fabio Vergine e della Presidente del Consiglio regionale della Puglia Loredana Capone, relazioneranno sul tema Vincenzo Santoro studioso di cultura popolare, Sara Colonna danza-ritmo-terapeuta e ricercatrice in sociologia clinica e antropologica, Fausto Romano attore e regista galatinese e Stefano Rizzelli giornalista e vicedirettore RAI, co-organizzatore dell’evento assieme alla Pro loco di Galatina.

Nel convegno, moderato da Antonio Torretti, grande attenzione anche all’aspetto musicale, interamente curato dai musicisti dell’associazione culturale Petrameridie, che annovera un vero e proprio staff di ricercatori, oltre che musicisti e danzatori. Nel corso del convegno sarà evidenziata la differenza di danza e di suonata di tamburello nelle diverse aree del Salento, che spesso viene completamente standardizzata, con Mavi Antonazzo, Daniele Vigna, Pierre Dei Lazzaretti e Giuseppe Delle Donne.

In vino Veritas, un aperitivo con i vini di Cantina Fiorentino, sarà l’occasione per vivere assieme questo particolare convegno, patrocinato dal comune di Galatina, dalla Presidenza del consiglio regionale della Puglia, da Unpli, dalla Fondazione la Notte della Taranta, dall’Associazione Unione dei Comuni della Grecìa Salentina, dai comuni di Maglie, Cutrofiano, Sogliano Cavour, Corigliano d’Otranto, Martano, Soleto e Castrignano de’ Greci.

Lorenza Pascali

Presidente Pro Loco APS Galatina

 
Di Loredana Tundo (del 18/07/2024 @ 08:44:57, in Comunicato Stampa, linkato 154 volte)

Caro Direttore,

non ho mai risposto alle provocazioni del Consigliere Antonaci, perché di provocazioni stiamo parlando, ma in questo caso mi sento obbligata a farlo in quanto mi chiama in causa insieme alle consigliere Anna e Sanda Antonica indicandoci come consigliere influenti in sede regionale e di fatto delegittimandosi dal ruolo che finora ha voluto ricoprire solo per voglia di protagonismo. Noi sapevamo che la fantomatica commissione sull’Ospedale di Galatina era qualcosa di farlocco e nient’altro che una cambiale elettorale, ma che implicitamente ammettesse proprio lui questa mancanza di ruolo ufficiale non me lo aspettavo. Prendo atto che abbia deciso, finalmente, di dire come stanno le cose e cioè che tutto quello che è stato millantato in questi mesi altro non era che fumo negli occhi.

Ha fatto una campagna elettore oscena, urlando dal palco che l’Ospedale di Galatina era morto. Video che sono a disposizione nel web per rinfrescargli la memoria. Non abbiamo mai strumentalizzato il tema Ospedale per finalità politiche e abbiamo sempre lavorato in silenzio, sia ora che in passato, arrivando fino a due anni fa, prima dell’insediamento dell’attuale amministrazione, con un Ospedale pienamente efficiente. Ricordo che è a discapito del nostro nosocomio che si è potenziato quello di Copertino e forse il Consigliere farebbe bene a fare chiarezza ai nostri concittadini di quali reparti nel frattempo siano stati chiusi e quali inaugurati nel nosocomio copertinese.

Io non posso “imporre” nulla ma posso proporre. Propongo ancora una volta che il nostro Sindaco prenda in mano la situazione. E di fare mea culpa anche sul fatto di aver dato a un consigliere di minoranza che da solo si auto-definisce non influente, quando, sempre usando concetti del consigliere Antonaci, vi erano in opposizione tre consigliere che potevano fare qualcosa. Il gioco è smascherato, e i cittadini iniziano a capirlo. Delegare ad una fantomatica Commissione, per poi magari scaricare le responsabilità o al presidente della stessa o alla minoranza è una strategia che anche un bambino comprenderebbe.

 
Di Antonio Mellone (del 17/07/2024 @ 08:10:41, in Fetta di Mellone, linkato 483 volte)

“L’erba voglio non cresce nemmeno nel giardino del re”, recita un vecchio adagio, con la variante: “L’erba voglio non cresce nemmeno nel giardino dello speziale” (e chissà chi ricorda ancora la famosa Villa Speziale sulla Noha-Collepasso, poi in un certo qual modo “riverginata”); insomma questa benedetta erba non cresce assolutamente né nel giardino del re né in quello dello speziale come si diceva, ma vivaddio abbonda su ogni marciapiede e/o bordo strada della frazione di Noha. E non si pensi soltanto ai percorsi secondari più appartati bui e remoti delle contrade nohane, ma anche (soprattutto) a quelli più noti, se non i più battuti e commerciali, tipo via Aradeo, via Calvario, via Osanna, via Collepasso, via Trisciolo e via Nievo. In piazza San Michele, per dire, nei pressi dell’impalcatura per il “restauro” della torre dell’orologio si possono osservare esemplari di vegetali di ben oltre il metro e mezzo d’altezza, mentre nei “viali” summenzionati siamo nell’intorno dei 40/50 centimetri di media (per il sindaco del continuo reality si tratterà sicuramente di dimensioni degne dei nostri musi). 

Per fortuna, oltre alle arterie summenzionate, questa sorta di verde pubblico spontaneo puoi trovarlo in ogni angolo, piazzetta, largo, e street della cittadina più green del Salento (dunque quanto alla rinomata transizione ecologica Noha sta apposto). In alcuni angoli più caratteristici, oltre alla suddetta verdura, stanno germogliando e fiorendo, benedica, rigogliosissime piante di fico [è tutto così fico nell’odierno Truman Show! ndr.], mo’ vai a scoprirne la varietà. Ma i frutti (declinati al femminile), vedrete, non tarderanno a venire.

Bei tempi quando candidati in erba, grandi e soprattutto grossi elettori, stagionate Chiare Ferragni de Nohantri, veline e velone, influencer d’acchiappo nell’apoteosi dell’immagine sulla sostanza, più precisamente, visto il tema, del fumo sull’arrosto, nei video preelettorali condivisi sulle rispettive pagine social, si sperticavano nel denunciare il degrado urbano davanti ai soliti ciuffi erbosi recalcitranti mannaggia a loro, convincendoci tutti quanti a votare finalmente per il PD, che non era  il male minore, cioè il Partito Democratico, ma il Partito Decespugliatore coalizzato nel Polo Diserbante.

 

Canto notturno di un pastore ...

Categorie News


Catalogati per mese:


Gli interventi più cliccati

Sondaggi


Info


Quanti siamo

Ci sono  persone collegate

Seguici sui Canali di

facebook Twitter YouTube Google Buzz

Calendario

< agosto 2023 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
16
17
20
21
23
24
25
26
28
30
     
             

Meteo

Previsioni del Tempo

La Raccolta Differenziata