\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di Russo Piero Luigi (del 30/06/2023 @ 13:28:08, in Comunicato Stampa, linkato 745 volte)

Vogliamo che i bambini possano avere spazi di socialità sicuri e funzionali, che possono favorire inclusione e condivisione anche in zone periferiche, dove l'offerta ricreativa può essere minore rispetto ad altre aree più centrali – sottolineano Piero Russo e Sandro Argentieri, i responsabili di “TappiAmo Galatina”, l’iniziativa promossa dalla “Virtus Basket Galatina” –. Proprio per questo motivo abbiamo attivato un processo di riqualificazione e rinnovamento delle aree giochi comunali. Ricordiamo la riqualificazione dell’area verde “Prof. Carrozzini” in via Calatafimi con la creazione della nuova area giochi "Pietro Antonio Colazzo", la riqualificazione dell’Area verde "Questore Giovanni Palatucci" con la creazione della nuova area giochi “Maresciallo Marcello Solidoro”, il “Muro del Coraggio” realizzato in collaborazione con Legambiente Galatina, la nuova area giochi a Collemeto in piazza “Madonna di Costantinopoli”, la targa BRAILLE per non vedenti e per ipovedenti, i vialetti in cemento stampato realizzati sull’area verde Madonna delle Grazie a Noha.

Quello iniziato oggi su piazzetta Fedele, in via Soleto a Galatina, il giorno di San Pietro, è un progetto modulare, e non si tratta assolutamente di un intervento risolutivo, tutt’altro…

Abbiamo provveduto a ritinteggiare la ringhiera, a riposizionare i marmi divelti, abbiamo effettuato alcune riparazioni del tappeto antitrauma e installato alcuni giochini nuovi. Nelle prossime settimane seguiranno altri lavori ed altre installazioni.

Il progetto si pone lo scopo di restituire alla cittadinanza aree gioco che rispondano alle esigenze di un’ampia fascia di utenza, offrendo proposte ludiche versatili, che favoriscono l’inclusione e la socializzazione.

Nelle prossime settimane si svolgerà una piccola, ma fortemente simbolica, inaugurazione di piazzetta Fedele con lo scopo di sensibilizzare l’Amministrazione comunale sulla manutenzione e sulla sorveglianza coscienti come siamo che si tratta di un tema complesso e dalla non facile risoluzione.

 
Di Redazione (del 30/06/2023 @ 13:24:22, in Comunicato Stampa, linkato 215 volte)

Ci sono giornata in cui intervenire diventa non solo necessario ma anche un imperativo etico.
Sono venticinque anni che il dibattito sui destini dei singoli ospedali occupa le pagine dei giornali e dei social e, come ben sa il Sindaco uscente Amante, i Sindaci diventano i portatori della voce delle proprie comunità pur non avendo un potere reale e tangibile.
Il grande interesse e la grande importanza del tema impone al consiglio comunale di perseguire gli interessi della città tutta, anche e soprattutto per la straordinarietà del tema trattato.
Questa consiliatura ha voluto andare ben oltre un tentativo di “essere megafono di dissenso o di preoccupazione”: ha voluto dichiararsi in campo con uno strumento straordinario come la Commissione Speciale per la salvaguardia dell’Ospedale Santa Caterina Novella, affidandola all’opposizione nel tentativo di coinvolgere tutti.
La persona che la presiede è un medico, un profondo conoscitore della materia, un uomo appassionato e una persona per bene. Non so se siamo in grado di meritarci il suo entusiasmo e la sua passione e se tutti noi siamo all’altezza di ciò che sta facendo ogni giorno: dalla Guardia Cardiologica 24 ore al giorno, 7 giorni su 7, allo sblocco di 7 milioni di investimenti per il nostro ospedale al finanziamento di 3 milioni di euro per il rifacimento di parte della rete fognaria da parte dell’Acquedotto Pugliese per il rischio d’inquinamento e tanto altro ancora.
La vita e la morte del nostro ospedale non era, non è, e non sarà la vittoria o la sconfitta di questo sindaco o del sindaco precedente. In gioco c’è la salute delle persone e la qualità della vita dei nostri genitori, dei nostri fratelli, dei nostri figli.

 
Di Marcello D'Acquarica (del 29/06/2023 @ 08:14:17, in Comunicato Stampa, linkato 575 volte)

Domenica 18 c.m., a Noha in piazza San Michele, nel convegno pubblico organizzato dalla Sezione del PD di Noha, si sono trattati argomenti molto importanti:

  • Comunità educante; 
  • Tutela del diritto del lavoro; 
  • Situazione sanitaria e ambientale del nostro territorio.

Tutti argomenti che scottano sulla pelle sociale. Nonostante questo, il tempo concesso ai relatori, per svariate ragioni, è stato troppo risicato. Forse ogni argomento avrebbe potuto essere sviluppato in un convegno a parte.

E’ inutile qui ribadire quale sia l’immane lavoro della scuola e quanto il diritto al lavoro venga ormai considerato come un optional, onde la Costituzione della Repubblica Italiana appare ormai come la classica foglia di fico: mi riferisco sia al diritto all’istruzione e sia al diritto al lavoro, senza tralasciare il diritto alla salute (di cui ho avuto modo di far cenno nel mio intervento).

Peccato che a raccontarsela siamo sempre noi quattro gatti.

Mi consola però il fatto che stiamo aumentando se non altro in termini numerici, ma siamo pur sempre pochi per arrivare a ricoprire il ruolo di Davide (contro Golia).

Forse c'è qualcosa di sbagliato nella nostra comunicazione se non riusciamo nell'intento di informare come si deve. O forse il potere dei mezzi di comunicazione (dalla televisione alla carta stampata, ai social pieni di chiacchiere, scemenze e soprattutto di pubblicità) è tale che noi altri abbiamo senso soltanto nel ruolo di consumatori acefali.

A tutto questo si aggiunga il ruolo della politica, sempre più marginale, e sempre più asservita al potere di un’economia (sempre più finanziaria) che tutto fagocita, tutto depreda, tutto giustifica.   

Certo tutto si lega: istruzione, lavoro, salute. E il fil rouge che tiene unito il tutto è la coscienza, cioè la consapevolezza che si acquisisce con lo studio serio e con la dignità del lavoro. Con il sapere e il diritto al lavoro, cioè con la coscienza sociale, forse non saremmo nel bel mezzo del “Cluster dei sedici comuni” in cui Galatina primeggia con la più alta percentuale di patologie tumorali.

Lo dichiara Protos (Rete per la Prevenzione Oncologica Leccese), la Asl Nazionale, con il registro dei tumori 2013 2017 e il CNR nelle sporadiche e incomplete indagini epidemiologiche in cui denuncia la novità che a Galatina e dintorni si muore anche per leucemie, per fattori ambientali e non solo professionali.

Il mio intervento, incentrato sui disastri sanitari di Galatina e circondario, i cui dati la Asl poi tiene di fatto nei suoi cassetti, si è basato sul dubbio atroce se questi siano colpa del destino, oppure di un ambiente svenduto al miglior offerente.

Siamo flebili sospiri che volano nell'etere, quasi come il raglio degli asini. Non è per scaricare sempre la colpa sugli altri, ma davvero questi tre argomenti sono una spina nel fianco per tutti, e il bello è che non ci sono vinti e vincitori. I vincitori sono i soliti, quelli che, agevolati dal disordine mentale di chi dovrebbe tutelarci, ci stanno invadendo con rifiuti, veleni, asfalti, eradicazioni di piante autoctone, mega-impianti di ogni sorta, e soprattutto turismo: però il tutto con il prefisso bio, green, eco, slow eccetera, che fa più effetto.

Su questa falsariga siamo ormai convinti che a Galatina si muoia di tumori per colpa delle emissioni che una fatale commistione di venti e rilievi topografici particolari portano veleni da Cerano e da Taranto [sic]. E meno male che il CNR in una sua indagine epidemiologica pubblicata in rete ha sancito che le suddette emissioni lambiscono appena la parte nord della Provincia di Lecce. E difatti conclude così:

Quindi resta lontano da quell'area di picchi di tumori che tutti gli studi collocano più o meno nell'area centro orientale, tra Galatina e Otranto.

Dovremmo diventare un corpo unico, socialmente intendo, invece stiamo correndo nella piana che è quasi un deserto, senza né alberi e né alvei di fiumi, in modalità sparsa, ognuno con la sua strampalata bandiera autoreferenziale. Facile preda del deserto che avanza.
E invece la soluzione c’è, lunga e complessa certamente, ma possibile e doverosa, come lo stesso CNR consiglia fortemente:

 
Di Redazione (del 28/06/2023 @ 17:11:52, in Comunicato Stampa, linkato 797 volte)

Apprendiamo, con piacere, che il Sindaco di Galatina abbia chiesto un incontro ufficiale con il direttore generale della Asl Stefano Rossi, dimostrando di esercitare in tal modo il proprio ruolo di massimo responsabile della sanità locale e cittadina.
Di tutta evidenza che questa iniziativa vada a sconfessare definitivamente quella pantomima della commissione che, da più parti e in più occasioni, abbiamo avuto modo di definirla nient’altro che una cambiale elettorale.
Condividendone lo spirito e la bontà dell’iniziativa, ci dichiariamo al fianco del primo Cittadino in questa battaglia, pronti a dare il nostro contributo ove fosse necessario!

I consiglieri comunali

 
Di Redazione (del 28/06/2023 @ 13:33:37, in Comunicato Stampa, linkato 329 volte)

Il Sindaco di Galatina, Fabio Vergine, ha chiesto al direttore generale dell’ASL Stefano Rossi un incontro di grande importanza per la nostra comunità e per l’intera area che circonda Galatina. Verrà organizzato la settimana prossima un meeting con i sindaci dei comuni limitrofi per discutere questioni cruciali relative allo sviluppo dell'Ospedale Santa Caterina Novella e per fare il punto sul lavoro già avviato negli scorsi mesi e sulla relativa programmazione degli impegni assunti.

L'obiettivo principale degli incontri già svolti e del prossimo è quello di collaborare e coordinarsi per garantire che l'Ospedale Santa Caterina Novella possa continuare a fornire servizi sanitari di alta qualità ai residenti della zona, mantenendo al contempo l'efficienza e l'innovazione.

Il Sindaco Vergine assieme ai sindaci dei comuni vicini condivideranno le loro visioni e strategie per il futuro dell'ospedale e le condivideranno con il Direttore Generale al quale chiederanno un impegno formale.

 

Anche quest’anno all’Istituto Comprensivo Polo 1 di Galatina e Collemeto si è tenuto il tradizionale appuntamento con la rassegna di scienza e tecnologia denominata “LA SCIENZA E LA TECNOLOGIA COME NON L’AVETE MAI VISTE” promossa e coordinata da tutti i docenti STEM (scienza, matematica e tecnologia) dell’Istituto scolastico Primo Polo Galatina, Andrea Coccioli, Anna Lagna, Federica Lezzi, Maria Rosaria Rizzo, Giovanna Zizzari e Maria Luce De Matteis).

Quest’anno i ragazzi delle classi terze hanno incontrato due Aziende salentine che producono tecnologia che esportano in tutto il mondo: SALENTEC srl (www.salentec.com) e PROMECC AEREOSPACE (www.promecc-group.it)

La natura è uno scrigno pieno di segreti e l’uomo cerca di carpire il suo significato per migliorare l’esistenza.

Con questa riflessione si comprende l’importanza del termine “STEM”, Science, Technology, Engineering and Mathematics, ovvero l’insegnamento e l’apprendimento nel campo delle scienze naturali, della tecnologia, dell’ingegneria e delle scienze matematiche.

Lo studio della natura è infatti importante per conoscerne il funzionamento, per prevedere gli eventi, per trarre ispirazione e per progredire sfruttando le proprietà della materia anche al fine di creare oggetti utili all’uomo.

L'intervento effettuato dalla dott.ssa Diso Daniela in rappresentanza dell’azienda SALENTEC srl, ha evidenziato come l'osservazione della natura possa guidare significativamente la creazione di prodotti tecnologici per il mercato.

Con questa prospettiva nasce nel 2005,  SALENTEC frutto dell'iniziativa di un gruppo di ricercatori dell'Università del Salento, riconosciuta nel 2007 tra le prime società spin-off dell'ateneo leccese.

Daniela Diso, tra i cofondatori di SALENTEC,  e che svolge al suo interno il ruolo di responsabile della qualità, ha illustrato le potenzialità aziendali sulla ricerca dei materiali soprattutto ceramici le cui caratteristiche di biocompatibilita' e di resistenza termica e chimica, ne consentono l'impiego in settori come il biomedicale o in ambienti in cui ci sono elevate temperature di processo o di lavoro.

Salentec è attiva nello sviluppo e trasferimento di innovazioni tecnologiche e nella erogazione di servizi tecnici e industriali nel campo dell'Ingegneria dei materiali. Proprio l’aspetto della ricerca sui materiali costituisce il suo punto di forza di Salentec, in quanto le ha permesso di affermarsi in settori complessi ed esigenti, come quello aerospaziale e quello biomedicale.

Salentec, per il settore aerospaziale, sviluppa e produce anime ceramiche per processi di microfusione a cera persa utilizzate nel settore per la produzione di pale di turbine; mentre per il settore biomedicale realizza packaging primario in materiale polimerico per l'iniezione di emulsioni, sospensioni, gel ad alta viscosità e filler dermici.

In aggiunta, la società svolge la sua importante attività di ricerca industriale su commessa, sviluppando e trasferendo innovazioni tecnologiche di prodotto e processo e offrendo servizi analitici e tecnici.

L'attività di Salentec viene svolta in conformità agli standard tenuti internazionali di settore e sotto un accurato sistema di qualità aziendale

Salentec è una testimonianza degli ampi  orizzonti che può aprire lo studio della scienza dei materiali, e più in generale lo studio della natura, perché, per dirlo con Albert Einstein, “la gioia nell’osservare e nel comprendere è il dono più bello della natura”.

Nell’ottica della ricerca e dell’innovazione emerge la società PROMECC AEREOSPACE SRL che si distingue, sul territorio e non solo nel campo della meccanica, dell’aerospaziale e dell'automazione.

Essa è un'azienda giovane, nata nel 2003, ma in continua e rapida espansione nel campo dell'ingegneria, progettazione, produzione e assistenza di macchine CE, apparecchiature elettromeccaniche, componenti e sottogruppi per l'industria aeronautica e meccanica.

Forte delle competenze e della flessibilità delle proprie risorse, guidata dalla passione per l'aviazione ed il volo, la società dal 2008 ha fortemente investito in innovazione immettendo nel mercato il velivolo ultraleggero Sparviero.

L'impegno nel raggiungere il know-how nelle tecniche di fabbricazione e assemblaggio di aeromobili, nell'analisi aerodinamica, nella produzione di materiali, nella ricerca e sviluppo di nuovi progetti, è stato trasferito nel 2011 nel velivolo ultraleggero Freccia, completamente realizzato in fibra di carbonio e resina.

Nel 2018 nasce il moderno modello Pegaso composto da longherone alare e rinforzi strutturali in carbonio in cui il carrello d’atterraggio è retrattile e comandato da una centralina idraulica.

Qualifica, affidabilità e soddisfazione del cliente sono i punti centrali di questo grande lavoro di squadra.

Lo stabilimento si trova a Corigliano d'Otranto (Le – Italia) e ha un'area produttiva di 2.000 mq, suddivisa in tre reparti: composito, assemblaggio e divisione macchine a controllo numerico.

Il layout dell'impianto è stato studiato per ridurre al minimo i tempi di produzione, per migliorare la produttività sfruttando al meglio gli spazi interni, e per garantire sicurezza e buone condizioni ai dipendenti.

La qualità è assicurata dalla certificazione EN 9100:2003 ottenuta nel 2007, dai severi test strutturali superati con successo per l'ottenimento della certificazione per i velivoli ultraleggeri Freccia e Sparviero e dal costante miglioramento e perfezionamento di processi e prodotti.

Ogni velivolo prodotto viene ispezionato e testato da un'equipe esperta di piloti collaudatori prima della consegna sul mercato, attraverso il ricorso di una rete capillare di vendita.

Insieme alla grande passione per la progettazione e per la tecnologia aeronautica e meccanica, l’attenzione della società è focalizzata sulla centralità del cliente e del servizio, insieme alla cura della professionalità interna e nel rispetto dell'ambiente che ci circonda.

 

Si è svolta giovedì 22 giugno la cerimonia di premiazione del concorso Rotary International distretto 2120 “Rotaryuniamoci per nutrire meglio e fare un bidone allo spreco”, un progetto distrettuale “nutrire ed educare nel contrasto allo spreco alimentale, all’obesità adolescenziale e nel rispetto dell’agricoltura e di ambiente sostenibili”, nato con l’intento di accrescere la consapevolezza delle nuove generazioni e delle famiglie sulla rilevanza del tema alimentare in tutti i suoi aspetti e sull’importanza della lotta allo spreco alimentare.

Su questo tema delicato e attuale si sono confrontati gli studenti delle classi 2C e 2E della scuola secondaria di I grado il 27 marzo scorso, alla presenza dei genitori e degli specialisti del Rotary Club di Galatina, Maglie e Terre d’Otranto per migliorare la consapevolezza dei ragazzi e delle famiglie sull’importante tema alimentare analizzato in tutti i suoi aspetti (salute, sani stili di vita, consumo consapevole senza sprechi, produzione circolare e sostenibilità) e responsabilizzarli sull’opportunità di prevenire le malattie ed evitare sprechi.

Dopo il momento formativo, gli studenti si sono cimentati nell’elaborazione di un progetto per partecipare al concorso, il cui obiettivo principale era quello di aumentare la consapevolezza del valore del cibo e diffondere le buone pratiche per ridurre gli sprechi e generare, partendo alla scuola, un’autentica cultura di comunità in linea con i valori e i principi Rotariani.

Il Rotary Club Galatina Maglie Terre D'Otranto, nelle persone del Presidente del club Luciano Vergari e del consigliere delegato Stefano Scarpa, alla presenza del Governatore Nicola Maria Auciello, nella giornata di chiusura del progetto hanno ricevuto la menzione speciale per l'elaborato sviluppato dagli alunni della Classe II E, classificata tra i primi 3 su 160 progetti dell'intero Distretto 2120 di Puglia e Basilicata.

 

La promozione in B1 è appesa al risultato della gara di ritorno che si giocherà a Galatina il 2 luglio prossimo, essendo il match di andata, giocato oggi a Roma, terminato con un pareggio 3: 3. Non si possono fare previsioni, sia per il valore delle squadre che per la posta in gioco che vale una stagione.  

Il CT «G. Stasi» è partito con grande determinazione, riuscendo a vincere 3 singolari e portandosi nella mattinata sul risultato parziale di 3:1 contro la compagine della capitale. Si sono dovuti attendere i doppi nel pomeriggio per avere il verdetto finale dell’andata che è terminato con un pareggio. 

Ecco tutti i risultati: Scialla Alessandro contro Bellifemine Alessandro Raffaele 4-6/1-6, De Filippo Gian Rocco contro Rocco Jeremias Facundo 3-6/4-6, Noce Gabriele Maria contro Fuele Matyas Lajos 4-6/6-7, Abbruciati Lorenzo contro Cardinale Andrea 6-1/6-0. Nei doppi Noce/Abbruciati contro Fuele/Rocco 6-3/6-3 e Scialla/De Filippo contro Cardinale/Bellifemine 7-5/6-7/10-8. 

«Siamo partiti benissimo portandoci sul 3:1 dopo i singolari – ha dichiarato il capitano Donato Marrocco - con una grandissima prova da parte di tutti, nei doppi un po’ di sfortuna e di stanchezza non ci ha dato la possibilità di vincere almeno uno dei due doppi. Ora ci giocheremo tutto tra una settimana a Galatina, mettendo il massimo impegno per coronare una stagione che già è stata esaltante». 

Determinante l’apporto del gruppo di tifosi partiti sabato da Galatina assieme alla squadra che non ha smesso per un minuto di tifare i propri giocatori. 

«Siamo abituati a giocarci le partite fino alla fine – ha affermato il direttore sportivo Marco Ottaviano – e così abbiamo provato a fare anche oggi. Un pareggio che ci deve spronare a lavorare per arrivare domenica prossima in casa al massimo delle condizioni e provare a raggiungere la serie B1, un bel traguardo dopo cinque anni di gestione sportiva. un ringraziamento al Circolo Tennis Canottieri Roma per l’ospitalità». 

 

Nell’ambito del Progetto “Up 2020”, che vede coinvolti i Comuni di Galatina, Arnesano, Carmiano, Casamassima, Noicattaro, Putignano e Porto Cesareo, gli Operatori Volontari del Servizio Civile Universale hanno organizzato “La settimana della sicurezza”: un ciclo di incontri sul territorio rivolto agli anziani e ai soggetti più fragili.

L’iniziativa, che si svolgerà dal 24 giugno al 1° luglio 2023, prevede un incontro informativo in ogni comune coinvolto per far conoscere alla cittadinanza le modalità attraverso cui avvengono le truffe più comuni ai danni delle persone più vulnerabili. Agli incontri parteciperanno le Forze dell’Ordine che saranno chiamate a definire un quadro dettagliato delle dinamiche truffaldine di ogni realtà locale.

Di seguito il calendario degli incontri.

  • Comune di Carmiano: 29 giugno, presso Centro Sociale, ore 20:00.
  • Comune di Galatina: 26 giugno, presso Ex Complesso Monastico delle Clarisse, ore 18:00.
  • Comune di Casamassima: 27 giugno, presso Auditorium dell’Addolorata, ore 18:00.
  • Comune di Noicattaro: 28 giugno, presso Auditorium della Biblioteca Comunale “G. Di Vittorio”, ore 17:00.
  • Comune di Putignano: 30 giugno, presso Centro Anziani Comunale “Margherita Pusterla”, ore 9:30.
  • Comune di Porto Cesareo: 27 giugno, presso Biblioteca Comunale “A. Rizzello”, ore 17:30.
  • Comune di Arnesano: 24 giugno, presso Palazzo Marchesale, ore 10:00.

 

 

Canto notturno di un pastore ...

Categorie News


Catalogati per mese:


Gli interventi più cliccati

Sondaggi


Info


Quanti siamo

Ci sono  persone collegate

Seguici sui Canali di

facebook Twitter YouTube Google Buzz

Calendario

< maggio 2024 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
11
12
22
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             

Meteo

Previsioni del Tempo

La Raccolta Differenziata