\\ Home Page : Pubblicazioni
Di seguito gli articoli e le fotografie pubblicati nella giornata richiesta.
 
 
Articoli del 06/05/2023

Di Redazione (pubblicato @ 19:39:33 in Comunicato Stampa, linkato 329 volte)

Emancipazione. Come dire “autonomia”, come dire “libertà”. Il progetto FIL ROUGE, promosso dall’Associazione Levèra e sostenuto da Fondazione CON IL SUD ed Enel Cuore Onlus, è un progetto principalmente di emancipazione.

È stato ampiamente raccontato durante la conferenza stampa di giovedì 4 maggio presso i locali di Levèra a Noha di Galatina, in un pomeriggio ricco di condivisione in cui si è parlato di presente e di futuro, partendo dalle tante iniziative che hanno portato a Fil Rouge. Tanti i sindaci presenti, in particolare quelli dell’Ambito di Galatina.

Come tutte le cose che hanno finalità benefiche, Fil Rouge è nato da un’intuizione, da un desiderio, ma per concretizzarsi ha avuto bisogno dell’incontro di sensibilità diverse, in un intreccio di conoscenze, professionalità e passioni capaci di dare a un’idea tutti i contorni della possibilità.

Così Roberta Forte, membro del consiglio direttivo di Levèra e responsabile del progetto, ha condiviso il suo pensiero inizialmente con persone come Luciana Delle Donne dell’Officina Creativa SCS, promotrice del progetto Made in Carcere, dando vita a una collaborazione che ha allargato la sua maglia, coinvolgendo anche il Comune di Galatina, la Cooperativa Sociale L’Aurora, Programma Sviluppo, l’associazione ADU Avvocati per i Diritti Umani e l’Acli sede Provinciale di Lecce APS.

Fil Rouge è un progetto sartoriale e di design che vuole promuovere percorsi di affrancamento di donne fragili, soprattutto vittime di violenza, abuso o maltrattamento, attraverso il lavoro e l’inclusione sociale.

Si punterà, promuovendo concetti di sostenibilità sociale e ambientale, a creare pezzi unici, fatti a mano, sotto la guida esperta di sarte e designer. Capi e accessori della sartoria sociale saranno realizzati con tessuti donati da imprese della moda, scampoli e abiti che, scartati dai processi produttivi in cui risultano ormai inutili, rientreranno nel processo creativo, riacquistando nuova vita.

Era il 2017 quando abbiamo inaugurato la sede di Levèra a Noha - dice Roberta Forte - Il significato di quell’inaugurazione ci accompagna in ogni iniziativa. Un immobile sequestrato alla mafia e rigenerato nell’aspetto e nella sostanza per divenire sempre più punto di riferimento di legalità e accoglienza, si fa oggi piccola fabbrica e atelier dal valore profondo. Il senso del riscatto si amplifica attraverso tutte le menti, le mani e i cuori che si stanno unendo in questa avventura eccezionale. Quando un immobile viene tolto alla comunità, ma restituito alla comunità stessa con progetti utili e inclusivi, crediamo che sia una vittoria di tutti. Grazie all’allora sindaco Marcello Amante che ha creduto in noi e nella nostra visione. Grazie a chi oggi si pone su questa scia e ci sostiene appieno”.

D’impatto il video che è stato trasmesso prima dell’intervento di Ilaria Palma per Officina Creativa SCS che ha fatto vedere come il progetto Made in Carcere fattivamente sia già da tempo promotore di riscatto per le donne costrette alla detenzione, ma con una visione sul domani in cui poter mettere in pratica quello che stanno imparando quotidianamente con il lavoro sartoriale.

A sottolineare l’importanza di iniziative come quella di Fil Rouge sono intervenuti anche il sindaco di Galatina Fabio Vergine e l’assessore ai servizi sociali del Comune Camilla Palombini, che hanno ribadito il completo appoggio dell’Amministrazione.

Le parole di Paola Gabrieli, referente del CAV “Malala” di Galatina, hanno dato contezza di quante donne fragili ogni giorno hanno bisogno di un riscatto sociale e personale, oltre a un aiuto psicologico e legale. In tal senso Anna Maria Congedo, responsabile ADU e Georgia Schirinzi, vide presidente provinciale ACLI, hanno sottolineato come il sostegno anche burocratico al progetto sarà pieno.

Michele Gabrieli, responsabile di Programma e Sviluppo per Lecce e Galatina, e Anna Mazzotta, responsabile della cooperativa Aurora, hanno poi spiegato anche dal punto di vista pratico come verranno selezionate e indirizzate al lavoro le donne che i servizi sociali indicheranno.

Il nome del progetto, Fil Rouge, è esso stesso caratterizzante di una continuità con quello che Levèra si è sempre posta come obiettivo ed è bello perseverare nel concetto dello “scarto” e del “rifiuto” che in questo caso si cuciranno insieme per superare ogni tipo di barriera, da quella linguistica a quella culturale e fisica. Si partirà da lontano, dalle tradizioni tipiche del Salento come la tecnica del tombolo o i segreti del ricamo per arrivare a creare un nuovo marchio che metterà insieme antichi saperi e innovazione.

Al centro ci sono le donne, i loro diritti e la necessità di quell’emancipazione a cui tutti gli esseri umani aspirano per essere riconosciuti nelle loro qualità e nelle loro virtù.

 Levèra

 

Fotografie del 06/05/2023

Anteprima - Clicca per ingrandire
Di Marcello D'Acquarica (pubblicato @ 19:53:45, vista 550 volte)
Non vedo l'ora che lo restuarino::IO NON VEDO L'ORA ...
 

Canto notturno di un pastore ...

Categorie News


Catalogati per mese:


Gli interventi più cliccati

Sondaggi


Info


Quanti siamo

Ci sono  persone collegate

Seguici sui Canali di

facebook Twitter YouTube Google Buzz

Calendario

< maggio 2023 >
L
M
M
G
V
S
D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
11
14
18
21
23
26
28
30
31
       
             

Meteo

Previsioni del Tempo

La Raccolta Differenziata