Il Gallo
http://www.ilgallo.it
Il Gallo

  • Non gli dà i panini e lui gli brucia il furgone
    Thu, 23 Mar 2017 23:17:28

     

    I carabinieri hanno arrestato Mario Antonio Pizzi, 30 anni di Melissano. Nei suoi confronti contestate più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, mediante atteggiamenti gravemente minacciosi ed intimidatori, nei confronti di un commerciante proprietario di un’attività di rivendita ambulante di panini situata nello stesso paese.

    In particolare in diverse occasioni Pizzi pretendeva la fornitura gratuita di panini imbottiti, e dopo un periodo di interruzione in cui era detenuto in carcere, lo stesso ha ripreso le condotte illecite sino a quando la vittima non decideva qualche settimana fa di opporsi.

    A questo punto l’uomo si è fatto affiancare da un 23enne del posto, R.R., che avvicinandosi con la propria autovettura al furgone dell’ambulante gli ha sputato contro dicendogli “questa te la facciamo pagare”.

    Dopo qualche tempo, nel corso della notte il furgone, che veniva lasciato nel luogo di stazionamento diurno, è stato incendiato.

    Il Gip di Lecce Antonia Martalò, sebbene al momento non sussistano sufficienti indizi di colpevolezza per l’incendio, ha rivelato un concreto pericolo che, per le specifiche modalità e circostanze dei fatti nonché la loro ripetitività nel corso del tempo, Pizzi possa commettere altri gravi delitti della stessa specie. Per tale motivo ha comminato allo stesso la misura degli arresti domiciliari per il reato di estorsione continuata.

  • Frontale tra moto ed auto sulla Depressa-Tricase
    Thu, 23 Mar 2017 20:56:31

    Un terribile incidente, nella serata di ieri, ha riportato nelle pagine di cronaca uno degli snodi stradali più pericolosi di Tricase.  Anche se, stavolta, l’impatto tra i mezzi coinvolti pare essere frontale, e non causato dallincrocio nei pressi del quale è avvenuto.

    Attorno alle 20, sulla provinciale che dalla frazione di Depressa conduce in paese, il sinistro ha lasciato sull’asfalto i resti, accartocciati, di un’auto (una C3) e di una moto che viaggiavano in direzione opposta.

    Il tutto a pochi metri dalle attività commerciali Euronics ed Eurospin, ed a qualche centinaio di metri dall’ospedale di Tricase dove, d’urgenza, è stato accompagnato uno dei conducenti coinvolti.

    Si tratta di A.B., 48enne di Spongano in sella alla moto rimasta coinvolta nello schianto e ferito in maniera gravissima, nonostante indossasse il casco. L’uomo è stato poi trasferito al “Fazzi” di Lecce, dove è stato ricoverato in prognosi riservata.

    Sul posto hanno lavorato i carabinieri di Tricase per ricostruire dinamica e responsabilità, coadiuvati dai vigili del fuoco del distaccamento di Tricase.

  • Videosorveglianza a Tricase: primo step
    Thu, 23 Mar 2017 14:26:56

    Nell’ultima seduta, il Consiglio Comunale ha approvato all’unanimità il Regolamento per la Disciplina della Videosorveglianza, già oggetto di dibattito e condivisione nella Commissione Statuto e Regolamenti. Il primo step indispensabile perché il Comune potesse dotarsi di impianti di videosorveglianza per debellare in particolar modo il fenomeno dell’inquinamento ambientale.

    Strumenti di controllo non solo fissi nei luoghi, specie di campagna, dove si riformano depositi incontrollati di rifiuti, ma anche mobili come le videocamere installate sui veicoli della Polizia Locale o nei punti più sensibili del paese che in tempo reale permettano di riprendere le infrazioni e comminare la sanzione.

    Siamo certi”, ha dichiarato Nunzio Dell’Abate, consigliere d’opposizione e presidente della Commissione Statuto e Regolamenti, “che a lungo andare diventeranno un efficace deterrente e modificheranno le cattive abitudini.

    Ormai è evidente che la semplice attività di prevenzione in tale campo non è sufficiente”.

    Ma le finalità cui potrebbero assolvere tali impianti sono anche altre: dalla prevenzione e tutela della pubblica sicurezza in ambito comunale, come risposta ai tanti episodi di atti vandalici e di teppismo in danno del patrimonio pubblico o anche di bullismo giovanile, alla vigilanza sulla circolazione viaria e nella ricostruzione dei sinistri stradali.

    Con l’intesa”, chiosa Dell’Abate, “che i proventi, derivanti dalla riscossione delle relative sanzioni, vengano impiegati per il potenziamento delle medesime attrezzature”.

  • Violentava 12enne da mesi. In manette 55enne di Andrano
    Wed, 22 Mar 2017 17:34:24

    I Carabinieri di Specchia, hanno arrestato per violenza sessuale aggravata e continuata, un 55enne di Andrano già noto alle forze di polizia.

    La violenza è stata commessa nei confronti di una 12enne dalla scorsa estate fino a qualche giorno or sono.

    Tutto ha avuto inizio nel modo più banale possibile: una mamma che per puro caso ha preso il cellulare della figlia di soli dodici anni per una chiamata urgente. La prima schermata che si è aperta è stata quella di un video con immagini scabrose. Continuando a visionare il filmato, la mamma si è accorta che la vittima delle violenze era la sua povera bambina. La donna, senza frapporre indugi, è corsa a chiedere aiuto ad una Caserma dei Carabinieri lontana dal suo paese; la scelta è caduta sulla Stazione di Specchia.

    Immediate sono partite le indagini per scoprire l’identità dell’orco e di lì a poco i Carabinieri hanno bussato alla porta del violentatore ad Andrano.

    La successiva perquisizione domiciliare ha permesso di accertare che i video memorizzati nel cellulare della bambina, inviati dal suo violentatore per minacciarla e continuare ad usarla, altro non erano che la punta dell’iceberg.

    Per mesi la vittima ha subito in silenzio, schiacciata dalla paura e dalla vergogna, senza avere mai il coraggio di raccontare alla madre cosa le accadeva.

    Video terrificanti”. “Mai viste scene del genere”. Queste le uniche frasi di chi ha avuto l’ingrato compito di visionarli e catalogarli, considerando che si tratta di Carabinieri “navigati”, come loro stesso hanno ammesso quasi non risucendo a darsi pace, “alle soglie dei quaranta anni di servizio, induriti dall’esperienza di chi ha visto gran parte, ma a questo punto non tutta, la malvagità esprimibile degli esseri umani”. Militari che avrebbero dato chissà cosa per poter “entrare fisicamente nel video” e strappare la bambina dalle grinfie dell’orco, ma ciò non era ormai più possibile.

    In alcune registrazioni, ovviamente acquisite agli atti dell’inchiesta, si sente chiaramente la bambina implorare il suo persecutore di lasciarla stare. Fatti poi confermati anche in sede di ascolto protetto, dinanzi al Tribunale per i Minorenni.

    Il telefonino, il tablet e il computer usati dall’orco per riprendere i rapporti sessuali e nelle cui memorie digitali sono stati recuperati i video, sono stati sequestrati. L’uomo è stato condotto presso la Caserma di Specchia e poi sottoposto a fermo di P.G.

    Il P.M. di turno ne ha disposto l’accompagnamento presso la Casa Circondariale di Lecce ove si trova attualmente a disposizione dell’autorità giudiziaria.

  • Gli ulivi o il gasdotto?
    Wed, 22 Mar 2017 08:46:32

    Da due giorni il Comitato No Tap insieme a numerosi sindaci del Salento e a centinaia di cittadini presidiano una vasta area nelle campagne di Melendugno per impedire l’espianto di centinaia di ulivi.

    L’espianto avviato dal Consorzio Tap prelude alla creazione del cantiere per lo sbarco a San Foca del gasdotto Tap.

    Un’opera che trova la sua origine nell’Azerbaigian del dittatore Nazarbayev e che dovrebbe servire per approvvigionare l’Europa meridionale del gas estratto nel Mar Nero.

    Secondo l’Arci Lecce, l’espianto degli ulivi è stato “avviato dal senza le necessarie autorizzazioni di legge”.

    Condividendo il lavoro puntuale di documentazione e contestazione del Comitato No Tap che ha segnalato il gasdotto come opera sostanzialmente inutile per gli equilibri energetici europei”, Arci Puglia e Arci Lecce sono “al fianco di quanti si oppongono in queste ore all’opera con azioni di resistenza passiva a testimonianza della tutela del territorio da uno sfregio che colpirebbe una località paesaggistica di pregio, votata al turismo e che ha manifestato a tutti i livelli – dai cittadini ai sindaci, ai consigli comunali – la propria contrarietà a quest’opera”.

    Dall’Arci invitano i cittadini a “mobilitarsi per sostenere le ragioni del territorio contro quelle del profitto di pochi, per spingere l’azienda a smettere immediatamente di operare, come dichiarato dal sindaco di Melendugno e dalla Regione Puglia, al di fuori della legalità. Invitiamo le istituzioni locali a prendere una posizione netta a tutela della dignità di una terra troppe volte vittima di sfregi ambientali e non più disposta a svendersi”.

    Dalla Regione arrivano segnali di dissenso con i lavori avviati dal Tap e il presidente Emiliano si appresta a “a sollecitare i parlamentari e i rappresentanti del Governo pugliese a sostenere le buone ragioni della nostra Puglia”.

    Nel corso del Consiglio regionale”, ha dichiarato il consigliere regionale Ernesto Abaterusso, “l’Aula ha dato consenso unanime alla mozione da me presentata a sostegno della battaglia dei sindaci e dei cittadini salentini contro l’espianto degli ulivi a Melendugno.  Ringrazio il Presidente Emiliano che, in virtù dell’unanimità ricevuta dal provvedimento, ha recepito l’impegno a chiedere al Governo nazionale un atto di responsabilità nei confronti della Puglia e dei suoi beni naturali. Tutto ciò a conferma delle posizioni da sempre assunte dal Presidente su un tema tanto delicato quanto importante non solo per il territorio e i cittadini salentini, ma anche per l’intera regione”.

    Sulla questione registriamo anche l’intervento del consigliere regionale Andrea Caroppo: “Chiedere in conferenza capigruppo che il Consiglio discutesse prioritariamente la legge sulla Xylella mentre migliaia di agricoltori protestavano fuori non significava impedire la discussione delle mozioni su TAP., come poi è avvenuto. Sul gasdotto, in ogni caso, gli atti del governo sono stati e sono chiarissimi: si farà a San Foca e chiunque, dal M5S allo stesso Emiliano, oggi illude i salentini che sia ancora possibile fare diversamente ed è un bugiardo e un irresponsabile, perché crea ulteriore malessere e soffia sul fuoco delle proteste per bieco tornaconto elettorale o congressuale”.

    Secondo Caroppo, “Vendola, Emiliano e il PD avrebbero dovuto battersi, per tempo e nelle sedi proprie, perché il Salento fosse ristorato con benefici concreti e tangibili per tutti: ad esempio, uno sconto in bolletta sul costo del gas e dei carburanti, l’esclusiva nell’impiego della manodopera necessaria alla realizzazione dell’opera, la precedenza nelle assunzioni e la garanzia di salvaguardia dei livelli occupazionali anche a lavori finiti. Tutto questo non è mai stato fatto e continua a non essere fatto. Fuori sede e fuori tempo, invece, Emiliano con le sue dichiarazioni e il M5S con una inutile mozione, continuano a soffiare irresponsabilmente sul fuoco, ingannando i salentini. Sono gli stessi”, conclude Caroppo, “che ripetendo che la Xylella non esiste e ostacolando la battaglia alla batteriosi (e sovrapponendola alla vicenda TAP), hanno fatto finire in ginocchio olivicoltori e vivaisti pugliesi che anche oggi in migliaia hanno manifestato davanti al Consiglio Regionale per chiedere finalmente verità e interventi concreti”.

  • Nelle Stanze del Vescovo
    Tue, 21 Mar 2017 15:50:23

    Si chiama simbolicamente “Le Stanze del vescovo” l’itinerario alla scoperta dei luoghi poco conosciuti e, in qualche caso, inaccessibili del Salento, che la delegazione di Lecce del Fai propone quest’anno, insieme all’Abbazia di Cerrate (ormai aperta tutto l’anno), in occasione delle Giornate FAI di Primavera. L’evento nazionale di sensibilizzazione e di raccolta pubblica di fondi, giunto alla sua ventiicinquesima edizione, si celebra in tutta Italia (oltre mille siti in 400 località), sabato 25 e domenica 26 marzo.

    I luoghi aperti in via eccezionale nel territorio salentino e tutte le iniziative collaterali della due giorni sono stati presentati questa mattina, nella sala teatrino dell’ex Convitto Palmieri a Lecce, dalla consigliera della Provincia di Lecce Simona Manca, dall’assessore al Turismo e Marketing territoriale del Comune di Lecce Luigi Coclite, dall’assessore all’Ambiente del Comune di Nardò Graziano De Tuglie, dal vescovo di Lecce monsignor Domenico D’Ambrosio, da don Gianluigi Marzo per la diocesi di Ugento, dal capo delegazione Fai di Lecce Adriana Greco Bozzi Colonna, dalla portavoce Fai-Abbazia di Santa Maria di Cerrate Noemi Billeci. Alla conferenza stampa erano presenti anche i dirigenti scolastici delle scuole superiori coinvolte nell’evento.

    Le Giornate di Primavera a cura della delegazione Fai di Lecce sono organizzate con il patrocinio della Provincia di Lecce, della Regione Puglia, delle Arcidiocesi di Lecce, Nardò e Ugento e dei Comuni di Lecce, Nardò e Ugento.

    Il percorso di aperture straordinarie intitolato “Le Stanze del Vescovo” si snoderà tra Lecce, Nardò e Ugento e consentirà di visitare ambienti riservati all’interno delle abitazioni vescovili, come le piccole chiese dove gli alti prelati si raccolgono in preghiera. Un viaggio inconsueto alla scoperta di bellezze artistiche e architettoniche “nascoste” che, come nelle precedenti edizioni, vedrà la partecipazione attiva e appassionata degli studenti di alcune scuole salentine che faranno da “ciceroni” durante le visite.

    Episcopio, Duomo, Seminario, Biblioteca Innocenziana e Museo Diocesano di Lecce (Piazza Duomo a Lecce).

    Sabato 25 (dalle 10 alle 13) e domenica 26 marzo (dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19).

    L’interno del Duomo non potrà essere visitato durante le messe. Visite guidate in italiano, inglese a cura degli Apprendisti Ciceroni: Liceo Scientifico “Banzi” Lecce, Liceo Artistico “V. Ciardo- G. Pellegrino” Lecce, Liceo Scientifico “C. De Giorgi” Lecce, IISS “Galilei-Costa” Lecce (visite guidate anche in francese e spagnolo). Domenica, momenti musicali a cura degli studenti del Conservatorio di Musica “Tito Schipa” di Lecce.

    Episcopio e Cattedrale di Nardò (Piazza Pio XI)

    Sabato 25  e domenica 26 marzo (dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 20). L’interno della cattedrale non potrà essere visitato durante le messe. Visite guidate in italiano, francese, inglese a cura degli Apprendisti Ciceroni: Liceo Scientifico-Linguistico “A. Vallone” di Galatina. Domenica, momenti musicali a cura degli studenti del Conservatorio di Musica “Tito Schipa” di Lecce.

    Episcopio, Cattedrale e Museo Diocesano di Ugento (Largo Duomo)

    Sabato 25  e domenica 26 marzo (dalle 9 alle 12). L’interno della cattedrale non potrà essere visitato durante le messe. Visite guidate in italiano e inglese a cura degli Apprendisti Ciceroni dell’Istituto “Marcelline” di Lecce. Sabato e domenica, momenti musicali a cura degli studenti del IISS “Giannelli” di Parabita.

    Santa Maria di Cerrate

    Nella due giorni del Fai,  si potrà visitare anche l’Abbazia di Santa Maria di Cerrate, bene concesso dalla Provincia di Lecce al FAI nel 2012. Il complesso monumentale, che si trova sulla  strada provinciale 100 Squinzano –Casalabate al km 5.900, è aperta e visitabile tutto l’anno anche nelle parti interessate agli ultimi lavori di recupero. Concluso il primo lotto dei restauri, infatti, sono in via di completamento gli ultimi interventi.

    Sempre Sabato 25 e domenica 26 marzo, dalle 10 alle 18, gli “Apprendisti Ciceroni” del Liceo Classico e Musicale “Giuseppe Palmieri” di Lecce e dell’I.I.S.S. De Marco-Valzani di San Pietro Vernotico guideranno i visitatori alla scoperta dell’Abbazia, uno dei monumenti storici più importanti al mondo.

     

    Simona Manca: “Chiese aperte sempre!”

    E a questo proposito la consigliera provinciale Simona Manca ha dichiarato: “Il rapporto della Provincia con il Fai è antico. Parte dalla presidenza Pellegrino per ‘sbocciare’ con la presidenza Gabellone. Testimone di questo amore è l’Abbazia di Cerrate che, anche quest’anno, si potrà visitare e che ogni giorno diventa più bella e torna ad essere il gioiello che è stato. Mai matrimonio fu più fortunato di questo! Il destino di Cerrate sarebbe stato nefasto se non ci fosse stato questo accordo. Il recupero del complesso monumentale è totale perché comprende anche i campi circostanti con la messa a dimora delle antiche coltivazioni praticate dai monaci. Ormai manca poco alla completa ristrutturazione dell’Abbazia”.

    La consigliera Manca ha, quindi, concluso: “Sono particolarmente felice anche dell’apertura delle stanze del vescovo perché non le apriamo mai abbastanza. Se da una parte è vero che ne va rispettata la funzione religiosa, dall’altra, credo che dovrebbero essere più fruibili perché sono anche luoghi d’arte e di cultura da visitare, conoscere, studiare. Il mio auspicio è che dopo questo piccolo passo in avanti se ne faccia uno ulteriore affinché le Chiese siano aperte sempre, sia per motivi religiosi che culturali”.

    Le Giornate di Primavera del Fai sono organizzate sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, con il Patrocinio della Commissione Europea, del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, con la collaborazione della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Protezione Civile, con il concorso di numerose Regioni Italiane, Province, Comuni, Soprintendenze, Università, Enti Religiosi, FIAB – Federazione Italiana Amici della Bicicletta, le Istituzioni Pubbliche e Private, i privati cittadini e tutte le aziende che hanno voluto appoggiare la Fondazione.

    Dalla prima edizione del 1993 al 2016, le Giornate di Primavera hanno registrato oltre 9.200.000 visitatori, oltre 10.000 luoghi aperti in 4300 città, oltre 115.000 volontari e oltre 210.000 Apprendisti Ciceroni coinvolti.

  • Borgo dei Borghi: Otranto in lizza
    Tue, 21 Mar 2017 10:14:56

    Al Kilimangiaro, condotto da Camila Raznovich, l’appassionante sfida per eleggere il Borgo dei Borghi 2017.
    Dopo il grande successo delle scorse edizioni, in particolare della trasmissione finale del 2016 che ha visto l’8,2% di share e quasi 2 milioni di telespettatori, è partita la quarta edizione con 20 Borghi in gara, uno per ogni regione, che si contenderanno il titolo di Borgo dei Borghi 2017. La partecipazione dei votanti dell’anno scorso è stata eccezionale, tanto che quest’anno si tenterà di superare i numeri della scorsa edizione.

    Camila Raznovich

    Lo scorso 12 marzo è stata trasmessa la clip del ventesimo borgo in gara. Adesso si entra nel vivo della competizione: su www.kilimangiaro.rai.it la pagina di presentazione dei 20 borghi in concorso per il titolo il Borgo dei Borghi 2017. Sul sito, oltre alla possibilità di rivedere on-line i video di presentazione dei 20 Borghi dell’edizione 2017, è infatti possibile esprimere la propria preferenza attraverso il web-voting che sarà attivo fino a domenica 2 aprile alle 23,59.
    Per votare basta registrarsi con una semplice procedura on-line. Gli utenti già in possesso di credenziali MyRaytv possono effettuare direttamente il login al sito, e dopo l’autenticazione, esprimere la propria preferenza di voto. Gli utenti non ancora registrati per votare dovranno creare un’utenza MyRaitv indicando username, password e indirizzo mail di riferimento. Ricevuta la mail di convalida della creazione della nuova utenza potranno effettuare l’accesso sul sito www.kilimangiaro.rai.it e procedere alla votazione via web.
    Si può votare un Borgo per volta e si può esprimere un solo voto ogni 24 ore.
    La classifica finale verrà svelata durante una “prima serata speciale”, in onda domenica 16 aprile su Rai 3.

  • Giovane dottoressa trovata senza vita
    Mon, 20 Mar 2017 20:24:01

    Dopo l’ansia, lo sconforto. È una Taurisano sotto shock quella che, stasera, sta apprendendo della notizia del misterioso decesso della dottoressa Roberta Colona.
    La giovane donna, medico presso l’ospedale di Casarano, è stata trovata senza vita nel pomeriggio di oggi.

    Dopo alcune ore senza riuscire a contattarla, preoccupati dal fatto che non rispondesse al telefono, sono stati i suoi familiari a recarsi presso la sua abitazione ed a farne a triste scoperta.

    Sul misterioso decesso indaga la polizia.

  • L’Italia è il Paese più sano al mondo
    Mon, 20 Mar 2017 15:08:08

    L’Italia, è primo su 163 Paesi in classifica, si aggiudica il titolo di Paese più sano al mondo, balzando in vetta al Bloomberg Global Health Index.

    Un bimbo nato in Italia ha un’aspettativa di vita di almeno 80 anni, contro i 52 della Sierra Leone, all’ultimo posto. Gli italiani stanno meglio di americani, canadesi e britannici, più colpiti da ipertensione, colesterolo e disturbi mentali nonostante una crescita economica stagnante da decenni, quasi il 40% di giovani è senza lavoro ed è schiacciata da un debito pubblico fra i più alti al mondo.

    Fra i nostri punti di forza, l’elevato numero di medici e soprattutto l’alimentazione, ricca di verdure e condita con olio extravergine di oliva. A dividere il podio con il nostro Paese sono Islanda e Svizzera, seguite da Singapore e Australia. Gli Stati Uniti, con un punteggio di 73,05 su 100, sono solo al 34esimo posto, a causa dell’epidemia di sovrappeso e obesità che affligge il Nord America. Ben lontano dal nostro 93,11 su 100.

  • Impianto di compostaggio fra Galatone e Galatina, sì a condizione che…
    Mon, 20 Mar 2017 09:03:52

    Sindaci e ambientalisti fanno appello a Provincia e Regione contro l’impianto di compostaggio. Impianti di compostaggio sì, ma nel rispetto delle regole e se chiudono il ciclo dei rifiuti. Forte e chiara la posizione dei sindaci e degli ambientalisti emersa nell’incontro organizzato dal sindaco di Galatone, Livio Nisi, nella casa comunale, per individuare un percorso condiviso sul “no” all’impianto di compostaggio che dovrebbe sorgere a cavallo tra Galatone e Galatina, in località “Le Bruciate”.

    Attorno al tavolo, oltre al sindaco Nisi, i sindaci di Aradeo (Daniele Perulli), di Seclì (Antonio Casarano), il candidato sindaco di Galatina per “Obiettivo 2022” (Giampiero De Pascalis), l’assessore all’Ambiente del Comune di Galatone (Valerio Chirivì), il presidente della sezione Sud Salento di Italia Nostra (Marcello Seclì) e un componente del consiglio direttivo dell’associazione (Antonio De Giorgi). Assente il commissario straordinario di Galatina, Guido Aprea, che ha ritenuto di dover lasciare la questione alla prossima amministrazione. Ha fatto da trait d’union la contrarietà all’apertura di un centro di compostaggio che non chiuderà il ciclo dei rifiuti e, anzi, potrà accogliere spazzatura da ogni dove. Per questa ragione sindaci e ambientalisti hanno condiviso una richiesta di incontro con la Provincia per sensibilizzare l’ente ed esporre le ragioni dei territori.
    «Non è un servizio alle nostre comunità“, ha esordito il sindaco Nisi, “ma all’Italia, visto che non chiude il ciclo dei rifiuti perché la presenza di abitazioni non consente all’impianto di accogliere l’organico raccolto dalle amministrazioni. In compenso, ci lascerà l’inquinamento ed essendo un impianto anaerobico sono molto preoccupato nonostante il proponente del progetto abbia dato rassicurazioni sul fatto che la presenza di bio filtri eviterà i cattivi odori e le emissioni nocive. Noi abbiamo una posizione chiara, su questi impianti serve il controllo pubblico e oggi soffriamo la mancata forza o volontà della Regione a pianificare e finanziare l’apertura di questi impianti dando ai privati solo la gestione. Come amministrazione abbiamo attivato una petizione rivolta al presidente della Provincia, al commissario prefettizio di Galatina e anche al presidente della Regione perché si faccia carico della mancata bonifica della discarica di Castellino. Italia Nostra ha elaborato un documento circostanziato che noi facciamo nostro perché la salute è un bene essenziale che va protetto».
    Ha incalzato Antonio De Giorgi: «C’è una lettura superficiale del progetto. Il procedimento è stato tirato avanti sino al 2017, nonostante ci fosse una difformità urbanistica superata, nell’ultima Conferenza dei servizi, con una variazione importante del progetto stesso. La difformità urbanistica è un aspetto sostanziale perché cambia il Pug determinando uno stravolgimento urbanistico. Condividiamo le osservazioni del Comune di Galatone, ma serve un’azione di dialogo con la Provincia. I sindaci devono aprire un confronto e prepararsi a fare anche un ricorso al Tar». Queste le richieste di Italia Nostra seguite da un incitamento: «I primi cittadini devono spendere la loro autorevolezza. Noi paghiamo alti costi di smaltimento per colpa degli oligopoli, bisogna decentrare. Un bacino, anche di pochi comuni, può avere impianti sostenibili economicamente e, invece, stiamo assistendo a una proliferazione di impianti».
    Sulla necessità di un’azione politica ha posto l’accento anche Marcello Seclí: «La questione va affrontata politicamente, con Provincia e Regione. Se questi impianti vanno avanti sono in contrasto con quanto la Regione dice di voler fare, cioè impianti pubblici. Il nostro obiettivo non è di creare scontri sociali e politici, ma non vogliamo che un’opportunità diventi una criticità a causa della gestione dei progetti e delle autorizzazioni».
    Guai ai no preconcetti, ma rispetto delle regole. Questa la sintesi del pensiero di Giampiero De Pascalis che sul tavolo ha posto un’altra criticità: «Galatina rischia di ritrovarsi con due impianti e la viabilità inadeguata farà impattare il carico ambientale su tutti i comuni. Non sono contrario all’attività industriale, ma bisogna tenere conto dell’inquinamento. Purtroppo noi salentini siamo bravi a intervenire quando le criticità si determinano. Nel progetto c’è una configurazione urbanistica sbagliata e anche questo è un aspetto che dovrà essere approfondito. Sono convinto che serva un progetto organico per la gestione dei rifiuti che sono un problema sociale. Dobbiamo controllare, ma non avere paura».
    Alla fine tutti insieme hanno sottoscritto la richiesta di incontro con Provincia e Regione.

  • Lecce, che batosta!
    Mon, 20 Mar 2017 08:46:00

    Il Lecce torna dallo Zaccheria di Foggia con le pive nel sacco e tre reti sul groppone che, verosimilmente, cancellano tutti i sogni di promozione diretta e relegano i giallorossi alla lotteria dei play off.

    Le reti di Mazzeo, Coletti e Deli hanno fruttato ai rossoneri padroni di casa il quinto successo consecutivo a suggello di una continuità di rendimento che non è invece di casa a Lecce.

    Per il derby che probabilmente ha deciso il campionato tutto esaurito allo Zaccheria con oltre 20 mila spettatori. La tensione è l’importanza della posta in palia si respiravano nell’aria. già nel sopralluogo del campo, quando Coletti e Cosenza sono riusciti a beccarsi dando vita ad una rissa che ha richiesto l’intervento degli steward, uno dei quali è rimasto ferito. Se il buongiorno si vede dal mattino…

    La partita ha detto che il Foggia è più squadra. Meglio messi in campo, con più qualità, i rossoneri di Stroppa cominciano a macinare gioco e creare occasioni. Il vantaggio, meritato, arriva alla mezzora con Mazzeo che servito centralmente, supera l’estremo difensore giallorosso e mette in rete a porta vuota.

    Il Foggia sente l’odore del sangue e dopo essersi visto annullare per fuorigioco il raddoppio, mette in ghiaccio la partita: siamo appena al 33′ quando Coletti con un gran tiro da lontano chiude i conti.

    A questo punto i satanelli controllano e al 53’ siglano anche il 3-0 con Deli.

    E il Lecce? Nulla! Nessuna reazione nel frastuono dello Zaccheria. Squadra timida e incapace di imporre il proprio gioco. Alla fine i supporters giallorossi giunti sino in capitanata scacciano anche i calciatori andati sotto la curva per il  doveroso saluto.

    Con il Foggia avanti di 4 punti, tutto sembra rompersi e il sogno sembra svanire. Questo, però, è il momento di dimostrare che la società è sana e l’ambiente è pronto per il salto di categoria. Ci sono sempre i play off e, seppur angusta, c’è ancora una porta aperta verso la Serie B. Ma Lecce, il Lecce e i leccesi, quella porta, la vogliono aprire davvero?

  • Giallo all’ospedale di Galatina
    Sun, 19 Mar 2017 09:06:46

    Forse un overdose è stata fate ad un giovane ritrovato senza vita al piano terra dell’Ospedale Santa Caterina Novella di Galatina.

    Il suo corpo senza vita era riverso per terra vicino al bagno del piano inferiore del nosocomio.

    Sul posto sono intervenuti sia i carabinieri che la polizia per i rilievi del caso.

    A quanto pare il giovane, già noto alle forze dell’ordine per problemi legati alla droga, avrebbe fatto uso di antimalarico rubato proprio in ospedale e l’iniezione, fatale, l’avrebbe effettuata proprio nel bagno del Santa Caterina Novella.

    Le indagini proseguono per verificare tutte le possibilità e, eventualmente, capire come il giovane sia potuto entrare indisturbato e rubare quella sostanza chimica che gli sarebbe risultata fatale.

  • Nociglia: 50 anni di stemma
    Sat, 18 Mar 2017 09:59:20

    Si è tenuta la cerimonia d’inaugurazione del ciclo di eventi denominato “Aspettando il Cinquantenario dello stemma Comunale di Nociglia”.

    Hanno fatto gli onori di casa il sindaco di Nociglia, Massimo Martella e l’insegnante Annunziata Greco quale moderatrice della serata. Inoltre sono intervenute personalità di spicco del mondo dell’arte e della cultura che, con la loro presenza, hanno testimoniato l’importanza dell’evento non solo per la comunità nocigliese, ma per chiunque abbia a cuore il patrimonio artistico e la storia locale.

    Per l’occasione sono state donate due opere realizzate dagli artisti Tina Marzo e Vincenzo Ruggieri, autori di livello internazionale. Tali opere (raffiguranti una lo stemma della Casata Gallone, l’altra lo stemma di Nociglia), insieme ad altri quadri degli stessi pittori, sono state esposte nel Palazzo Baronale, una location ideale per esaltare il valore dello stemma civico e dei blasoni delle antiche Casate che hanno comandato il feudo nocigliese.

    Il folto pubblico che ha gremito la sala consigliare nello stesso palazzo ha così potuto assistere a un inedito dialogo tra antico e moderno.

    Molto applaudito l’intervento del critico d’arte, Vincenzo Abati, già docente di Storia dell’Arte all’Accademia di Belle Arti di Lecce, il quale ha descritto le varie successioni feudali, il decurionato, il risorgimento nocigliese fino ad arrivare all’epoca moderna con il riconoscimento ufficiale dello stemma del Comune.

    Ha toccato in modo egregio la sensibilità della platea anche l’intervento del Prof. Giuseppe Orsi che, puntando sull’importanza delle radici e della storia delle comunità, è entrato in sintonia con lo spirito  degli astanti.

    A fine cerimonia il sindaco e l’amministrazione comunale si sono fatti carico di consegnare delle targhe-ricordo agli artisti in segno di gratitudine e stima.

    Fra il pubblico erano presenti: il sindaco  di Poggiardo, Giuseppe Colafati, il sindaco di Botrugno, Pasquale Barone; il parroco di Nociglia Don Arcangelo Ruggeri; i rappresentanti delle associazioni locali e i discendenti degli ex amministratori del 1968, anno in cui è avvenuto il riconoscimento dello stemma civico.

  • I Masterchef del Salento
    Sat, 18 Mar 2017 09:37:42

    Si è svolto a Gallipoli il III Concorso Caroli Hotels riservato agli allievi degli Istituti Professionali – Servizi per l’Enogastronomia e l’Ospitalità Alberghiera d’Italia, dedicato ai fondatori della catena Caroli Hotels, Attilio Caroli e Gilda Nuzzolese, Mario Caputo e Maria Domenica Caroli. Il concorso ha ricevuto il patrocinio della Provincia di Lecce, dell’ UPI Puglia, della Camera di Commercio di Lecce, della Città di Gallipoli, del Comune di Castrignano del Capo, dell’ AEHT – European Association of Hotel and Tourism Schools, di Eurotoques Associazione Europea di Cuochi, dell’AMIRA Associazione Maitre Italiani Ristoranti e Alberghi e dell’UIPA Unione Italiana Portieri d’Albergo Le Chiavi d’oro.

    Si sono affrontati nella competizione gli allievi del quarto e quinto anno degli indirizzi di Enogastronomia, Servizi di Sala e Vendita ed Accoglienza Turistica di ben 27 istituti IPSEOA provenienti da tutta Italia, 10 in più della passata edizione, segnale importante di crescita e gradimento della manifestazione che rappresenta un’opportunità e una vetrina per molti giovani e   un momento di promozione del territorio (IPSEOA “S. Pertini” Brindisi, IISS Otranto, IIIS “N. Moccia” Nardò, IPSSAR “Massimo Alberini” Villorba Treviso, IPSSAR San Pellegrino Terme Bergamo, IISS “Einaudi” Foggia, IPSEOA Santa Cesarea Terme, IPSSAR “A. Perotti” Bari, IIS “Albert Einstein Antonio Nebbia” Loreto, IISS “Mauro Perrone” Castellaneta, IIS “Einaudi” Cremona, IISS“ Mediterraneo” Pulsano, IIS “Bottazzi” Casarano, IPSSAR “E. Mattei” Vieste, IISS “L.G.M. Columella” Lecce, IPSEOA “F. Buscemi “ San Benedetto del Tronto, IPSEOA “Tor Carbone” di Roma, Ist. Professionale “Beccari” di Torino, IIS “Vergani” di Ferrara”, IPSSAR “Giuseppe Maffioli” di Treviso, IPALB. TUR Villa San Giovanni, IIS “A. Panzini” di Senigallia, “Andrea Mantegna” di Brescia, IPSSAR “G. Marchitelli” di Chieti, IPSEOA “Tonino Guerra” di Cervia, Istituto di Crispiano e Istituto Alberghiero di Amatrice). Particolarmente gradita e significativa la partecipazione dei ragazzi dell’Alberghiero di Amatrice dopo le note e tristi vicissitudini.

    Questi i vincitori, premiati nel corso della serata di gala tenutasi venerdì 17 al Bellavista Club di Gallipoli.

    Sezione Enogastronomia: team composto da Silvia Lazzari (“Beccari” di Torino), Antonio Scibilia (Istituto Alberg. Villa San Giovanni), Alessandro Bonetti (“Einaudi” di Cremona, Manuele Baldoni (“Einstein-Nebbia” di Loreto).

    Sezione Sala e Vendita: team composto da Federica Musarò (Bottazzi” di Ugento, Francesca Bonuso (“Moccia” di Nardò), Davide Travaglini (“Marchitelli” di Villa Santa Maria), Serena Cecilia Fedele (“Moro” di Santa Cesarea Terme).

    Sezione Accoglienza Turistica: Mara Rossi (San Pellegrino Terme), Paola Casarano (“Moro” di Santa Cesarea Terme), Vitalii Mikhailiuk (“Mattei” di Vieste), Lidia Zampaglione (Villa San Giovanni).

    Le squadre prime classificate per ciascuna categoria di concorso hanno ricevuto una borsa di studio unica per tutti i componenti la squadra, uno stage della durata di un mese con vitto e alloggio in una struttura dei Caroli Hotels, una  divisa professionale per ciascuno dei componenti la squadra.  A tutti gli alunni partecipanti sono stati consegnati un diploma e un voucher valido per il soggiorno di 1 persona per un weekend da trascorrere in un Albergo della catena Caroli Hotels..

    In occasione dell’evento, il maitre Donato Palma della Caroli Hotels ha presentato in anteprima il nuovo gelato “Gusto Salento”.

     

  • Gioco d’azzardo: giro di vite
    Sat, 18 Mar 2017 09:26:07

    Il Comando Regionale Puglia ha disposto l’esecuzione di un piano straordinario di interventi finalizzato a prevenire e reprimere il fenomeno del gioco illegale e delle scommesse clandestine ed altre correlate forme di illegalità.

    Il piano di interventi disposto dal Comando Regionale Puglia si colloca nell’ambito della missione istituzionale finalizzata alla tutela del bilancio pubblico, mediante la salvaguardia degli interessi erariali connessi al monopolio fiscale sui giochi, concorsi, pronostici e scommesse, attuato attraverso una estesa attività di vigilanza per la prevenzione, l’individuazione e il contrasto degli illeciti penali e amministrativi contemplati dalle norme di settore.

    L’operazione ha registrato l’esecuzione di ben 169 interventi, di cui 28 irregolari (il 17%), nel corso dei quali sono stati sequestrate complessivamente 39 apparecchiature elettroniche, tra terminali informatici (“totem”) e personal computer, con la verbalizzazione di 37 persone, di cui 26 denunciati all’A.G. per violazioni alle leggi vigenti.

    L’attività posta in essere dalla Guardia di Finanza nello specifico settore si sostanzia, in primo luogo, in interventi ispettivi nei confronti dei persone abilitate alla raccolta delle giocate, per accertare l’esatto versamento dell’imposta unica sui concorsi pronostici/scommesse e delle altre forme di prelievo erariale, nonché l’osservanza delle norme amministrative e di settore.

    Analoga attenzione è poi rivolta all’illecita raccolta delle scommesse ed all’organizzazione abusiva di gare e di giochi da parte di operatori non autorizzati, i quali, oltre alla concorrenza sleale nei confronti delle attività regolarmente amministrate, determinano una contrazione del gettito erariale derivante dal monopolio fiscale su giochi e scommesse.

    Dall’inizio dell’anno, i dipendenti dei reparti operativi delle fiamme gialle impiegati nel settore hanno effettuato 202 controlli su tutto il territorio regionale, rilevando 55 irregolarità, con la verbalizzazione di 97 persone, di cui 34 denunciati all’autorità giudiziaria.

  • Andrano e Gagliano: a dama per una biblioteca
    Fri, 17 Mar 2017 17:32:21

    Un torneo amatoriale di dama per divertirsi insieme e, allo stesso tempo, dare avvio a una biblioteca multilingua all’interno dei CAS di Castiglione d’Otranto e Gagliano del Capo, entrambi gestiti da Arci Lecce.

    Giocare a dama“, spiegano gli organizzatori, “è una delle prime occasioni di svago per i richiedenti asilo che giungono nei nostri centri di accoglienza:  spesso abbiamo assistito a partite di dama con scacchiere di cartone riciclato e pedine realizzate con tappi di sughero o plastica. Dopo la difficile esperienza del viaggio che li ha fatti giungere nel nostro paese, giocare a dama, in un luogo finalmente sicuro, rappresenta un primo assaggio di umana normalità ritrovata“.

    Partendo da questa esperienza, “abbiamo deciso di organizzare un torneo amatoriale di dama, utilizzando le stesse scacchiere rudimentali, così cariche di significato“.

    Ma c’è di più“, continuano, “dialogando con i nostri beneficiari, è emerso il  bisogno di avere a disposizione, soprattutto nelle prime settimane dall’arrivo, dei libri o dei film in inglese, francese o altre lingue da loro conosciute, al fine di recuperare, fin da subito e in attesa di imparare l’italiano, il rapporto con la lettura o la visione di film, attività fondamentali per ritrovare serenità e nuovi stimoli positivi. Abbiamo quindi deciso di lanciare una modalità di iscrizione originale per il nostro torneo di dama: gli interessati dovranno portare, il giorno previsto per le eliminatorie (che si svolgeranno presso il CAS di Castiglione d’Otranto, in contrada Masseria dei Monti, il 2 aprile, inizio ore 17), un libro, un vocabolario, una rivista o un dvd in lingua straniera“.

    In tal modo, oltre a giocare a dama e conoscersi meglio, si potrà contribuire alla nascita di piccole biblioteche multilingua all’interno dei due CAS.

    L’iniziativa ha il patrocinio del Comune di Andrano e di quello di Gagliano del Capo.

    Le fasi finali si terranno il 9 aprilepresso il Cas di Gagliano del Capo (via F.lli Ciardo, 100) alle 17.

    Iscrizioni entro il 31 marzo ai seguenti numeri:  3493731562 (Roberto),  3281695933 (Riccardo)

  • Tricase: preso ladro di telefonini
    Fri, 17 Mar 2017 17:14:22

    Nell’ambito di servizi coordinati settimanali programmati nel territorio di Tricase, Presicce e Acquarica del Capo, finalizzati alla prevenzione e repressione dei reati contro il patrimonio, nonché al controllo della circolazione stradale e degli esercizi pubblici, i militari della Compagnia di Tricase e delle stazioni dipendenti hanno proceduto ad identificare più di 130 persone, controllare quasi 100 autoveicoli fra cui 5 autoarticolati e deferire in stato di libertà per guida in stato di ebbrezza alcolica alla Procura della Repubblica S.G. D., 28 anni, di Patù: controllato alla guida della propria autovettura con tasso alcolemico superiore ai limiti di legge. All’uomo è stato riscontrato un tasso di 1,5 mg/l.

    Il Nucleo Radiomobile della Compagnia è riuscito inoltre a rintracciare un telefono cellulare precedentemente rubato da un’autovettura in sosta nel centro di Tricase all’interno dell’abitazione di S.G.D., 50 anni, di Morciano di Leuca. Il terminale è stato rintracciato grazie alla funzione “trovami” del telefono che ha permesso di circoscrivere l’area di ricerca e alla successiva visione delle immagini di un impianto di videosorveglianza riuscire a capire chi fosse l’autore che è stato denunciato per furto aggravato, l’uomo ha inoltre ammesso di averlo rubato.

    Sempre ieri pomeriggio, sono stati effettuati numerosi controlli anche presso esercizi pubblici di Presicce ed Acquarica del Capo, in collaborazione con i militari dei Reparti del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Lecce e del Nucleo Antisofisticazioni e Sanità di Lecce, Diverse le violazioni amministrative contestate, in tre esercizi pubblici in particolare è stata accertata l’omessa sottoposizione a visita medica per i dipendenti, omessa richiesta autorizzazione all’ispettorato territoriale del lavoro per l’installazione dell’impianto di videosorveglianza e, in un caso, è stata riscontrata la non idoneità alla preparazione di alimenti del locale cucina. Le sanzioni elevate ammontano complessivamente a circa 6mila euro.

    I servizi preventivi e repressivi di controllo coordinato del territorio dei Carabinieri di Tricase proseguiranno, come di consueto, per tutto l’arco della prossima settimana nell’area dell’intera Compagnia.

  • Turismo: +7,8% gli arrivi dei russi nel 2016
    Fri, 17 Mar 2017 16:04:37

    Successo della Puglia a Mosca alla ventiquattresima edizione del MITT, il Salone turistico più ampio e importante della Federazione Russa, che si è chiuso ieri  all’Expocenter di Mosca. Una fiera B2C e B2B, che consente di intercettare i principali opinion leader, giornalisti di stampa specializzata e tour operator, nonché rappresentanti e big player dell’economia turistica internazionale, alla quale la Puglia  ha partecipato nell’ambito del padiglione Italia promosso dall’Agenzia Nazionale del Turismo ENIT.

    “Quello russo è un mercato strategico per la Puglia, considerati i prodotti turistici religioso e culturale che la destinazione Puglia può offrire” commenta l’Assessore all’Industria Turistica e Culturale, Loredana Capone “la Russia è l’undicesimo mercato estero della Puglia per numerosità delle presenze, preceduta dalla Repubblica Ceca e seguita dalla Spagna. Oltretutto è un  mercato sotto stretta osservazione: dal 2014 (a causa del conflitto con l’Ucraina, delle sanzioni con successive limitazioni da parte dell’UE nel rilascio dei visti e della svalutazione del rublo) il mercato russo ha perso quota nel mondo, in Italia e in Puglia. Ma la ripresa potrebbe essere prossima. E in Puglia infatti  nel 2016 è ripartito l’incoming +7,8% ( dati provvisori)  rispetto al 2015, anche se si contraggono ancora le presenze.  Il dato degli arrivi è positivo  e dimostra la buona ripresa dell’incoming dalla Russia dopo due anni di flessione, anche in confronto all’andamento nazionale che vede nel 2016, secondo stime della Banca d’Italia, un 5,3% in più rispetto al 2015. Al Mitt la Puglia si è confermata come una destinazione molto desiderata dai viaggiatori russi per la sua autenticità, la bellezza dei luoghi e la esclusività di alcune strutture ricettive, oltre naturalmente per la qualità della enogastronomia e la particolarità dell’artigianato.”

    La Puglia a Mosca  ha partecipato con uno stand organizzato da Pugliapromozione nell’ambito dello spazio Enit e la presenza di diversi operatori. Momenti importanti di discussione e confronto sono avvenuti durante la prima giornata con il sottosegretario Dorina Bianchi, intervenuta ad inaugurare lo stand Enit,  ed i rappresentanti delle Regioni in Ambasciata d’Italia.  Una certezza espressa da tutti: il 2017 sarà l’anno della ripresa dell’incoming russo in Italia!

    Alla Conferenza stampa della Regione Puglia con Roberta Milano, Direttore Marketing Digitale ENIT e i rappresentanti delle imprese pugliesi presenti sono emersi i punti di forza della destinazione Puglia, ribaditi dai giornalisti russi nel dibattito : “Il lusso della Bellezza e dell’autenticità: questa l’ identità  della Puglia che traspare in tutte le proposte turistiche”. E’ stato presentato il sito www.visitapulia.ru dedicato al mercato russo e a seguire nel bellissimo Studio di Architettura RIM.ru, la Puglia  è stata ospite d’onore nella serata post formazione di oltre 70 architetti russi.

    Non è mancata la Master class con prodotti tipici pugliesi, presentazione video della destinazione e contatti per promuovere un turismo legato al design, all’architettura e ai comparti produttivi dell’artigianato di eccellenza. Dalle ceramiche di Grottaglie…ai marmi delle nostre cave, passando dal Romanico, al Barocco, ai lavori di artigianato in pietra e cartapesta.

  • Mettono bimbo in lavatrice per fargli vivere l’esperienza delle giostre! E’ grave
    Fri, 17 Mar 2017 11:39:59

    Incredulità, sgomento, rabbia. Un fatto atroce ha scosso l’intera Francia. L’episodio è avvenuto sabato a Perpignan (Pyrénées-Orientales). Un bambino di 15 mesi, è rimasto ferito dopo essere stato infilato, nudo, nella lavatrice. Secondo la Polizia è partito come uno scherzo, ma rischiava di trasformarsi in una tragedia. Il padre, ha messo in moto la lavatrice per fare vivere al piccolo l’emozione della giostra. Ma quello che dove essere solo un gioco è diventato un incubo. Quando la madre 19enne del bimbo, ha aperto l’oblò e ha ripreso la creatura tra le braccia, era ferito gravemente. A questo punto è corsa all’ospedale pediatrico di Perpignan raccontando che il piccolo era caduto dalle scale. Tutte scuse, tutti alibi. A nulla è servita la testimonianza dei due genitori che hanno continuato a sostenere agli inquirenti la tesi delle ferite del figlio avvenute per una caduta dalle scale.

    Il bambino, infatti, presentava delle contusioni multiple a livello della testa e del corpo. Questi lividi non erano compatibili con una caduta, a meno che non sia caduto diverse volte. I medici non credendole hanno immediatamente informato la polizia che ha scoperto l’atroce verità.  Le testimonianze raccolte tra i vicini e familiari e il parere del medico legale accreditano infatti la versione della lavatrice. I due genitori ora sono ovviamente in stato di fermo e la Procura francese ha aperto una inchiesta. Una vicenda agghiacciante che viene dalla Francia, ma sta facendo il giro del mondo: è una nuova storia di soprusi, l’ennesimo atto di crudeltà, di spietatezza. La follia umana per poco non uccideva un bimbo di un solo anno.

    Giovanni D’Agata

  • Notte della Taranta feat Sud Sound System
    Thu, 16 Mar 2017 17:48:32

    Anteprima live per l’Orchestra Popolare La Notte della Taranta e i Sud Sound System, insieme sul palco in un esclusivo show in programma sabato 18 marzo a San Cassiano.

    Un progetto, curato dal direttore artistico della Fondazione Daniele Durante, che mette insieme pizzica e raggamuffin.

    Le due realtà musicali che hanno caratterizzato il panorama sonoro salentino negli ultimi 30 anni, si incontrano nella festa popolare legata all’antica tradizione delle Tavole di San Giuseppe.

    Un repertorio “esplosivo”: 25 brani tra i più amati dal pubblico interpretati dalle voci dell’Orchestra Popolare Antonio Amato, Antonio Catrignanò, Giancarlo Paglialunga, Alessandra Caiulo ed Enza Pagliara. L’inconfondibile sonorità dei Sud Sound System arriverà su:  La quistione meridionale, Ncete na caruseddha, La cardilleddhra, Lu rusciu de lu mare, Pizzica di Copertino, Te sira, La zamara, L’acqua de la funtana, Lu zinzale, Rotulì rotulà e nel gran finale con Kalinifta.  

    Solo tamburelli e basso per l’arrangiamento inedito de “Le radici ca tieni” in versione “pizzicata”. Non mancheranno Beddra Carusa e Casa Mia.

    Diretti da Daniele Durante sul palco ci saranno i  musicisti Antonio Chiga (tamburello), Alessandro Monteduro (percussioni), Antonio Marra (batteria),  Valerio Bruno (basso), Gianluca Longo (mandola), Nico Beradi (fiati), Roberto Gemma (fisarmonica), Attilio Turrisi (chitarra battente). A ballare la pizzica i danzatori: Pietro Balsamo, Fabrizio Ricchiello, Anna Donadei e Stella Temperanza.

    Finalmente coroniamo uno dei sogni della nostra vita artistica”, spiega Nando Blasi dei Sud Sound System, quello di suonare con l’Orchestra Popolare de La Notte della Taranta e con il maestro Daniele Durante. Il Concerto di San Cassiano rappresenta un felice ritorno alle origini, un ritorno alla fine degli anni 80, quando Don Rico cantava con Uccio Aloisi mentre la nostra terra viveva l’isolamento geografico ma non culturale.

    E’ un concerto di riscatto: in un momento in cui la musica è celebrata solo negli sudi televisivi noi torniamo nelle piazze a stretto contatto con il pubblico dei tarantati. Ognuno di noi vuole migliorare la vita e la catarsi indotta dalla Taranta è sempre la stessa. Musica e danza ma soprattutto la condivisione del rito aiutano a riconoscere prima e a superare poi i mali del nostro tempo”.

    La comunità di San Cassiano si ritroverà sabato 18 marzo per l’accensione della focara di San Giuseppe, costruita con le fascine d’olivo per salutare l’inverno.

    Un rito antico che è anche percorso di condivisione del cibo. I piatti si distribuiscono casa per casa nei rioni “Cuccuascia”, “Zona”, “Scazzamurreddhu” e “Paduli” fino alla rappresentazione della grande Tavola di San Giuseppe curata dal Circolo delle Donne.

    Il Concerto unico della Notte della Taranta con i Sud Sound System, rappresenta la giusta colonna sonora per le Tavole di San Giuseppe, la festa popolare  che coinvolge tutti i cittadini dei paesi dell’entroterra otrantino”, spiega il sindaco di San Cassiano Gabriele Petracca, “è un appuntamento di grande valore solidale. Nessuno resta escluso dalla Tavole e come avveniva in passato la “massa”, tipico piatto della festa, è il simbolo della comunità che non dimentica i più deboli.  Offriamo ai visitatori la possibilità di compiere un viaggio autentico tra tradizione, enogastronomia e musica del nostro Salento”.

  • Il prete degli ultimi a Spongano
    Thu, 16 Mar 2017 16:30:41

    Don Antonio Coluccia, fondatore e presidente dell’Opera Don Giustino Onlus di Roma, torna nel “suo” Salento.

    Il giovane “prete  degli ultimi”, originario di Specchia, è l’atteso protagonista dell’incontro con i ragazzi e le famiglie sul tema della legalità, in programma domani, venerdì 17 marzo, alle ore 18,30, presso il Centro di aggregazione giovanile in via Pio XII, a Spongano.

    L’iniziativa rientra nella Giornata della Legalità e territorio” organizzata dal Comune di Spongano con l’Opera Don Giustino Onlus, l’Istituto comprensivo statale di scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di 1° grado di Poggiardo, la Parrocchia San Giorgio Martire e l’Azione cattolica di Spongano, con il patrocinio della Provincia di Lecce e dell’Ufficio della consigliera di Parità della Provincia di Lecce e con la  collaborazione dell’associazione culturale Jump in e Bollenti Spiriti.

    L’incontro sarà aperto dai saluti di don Donato Ruggeri, parroco di Spongano, Ubaldo Cursano, dirigente scolastico, Vincenzo Tarantino, assessore comunale e Antonio Candido, sindaco di Spongano. Seguiranno gli interventi di Patrizia Rizzello, presidente dell’Azione cattolica di Spongano e di Filomena D’Antini Solero, consigliera di Parità della Provincia di Lecce.

    La parola passerà, quindi, a don Antonio Coluccia, “sacerdote vocazionista” che nel 2012 ha fondato l’Opera Don Giustino Onlus, una comunità che aiuta e sostiene tutti coloro che vivono ai margini e nella sofferenza. La struttura di accoglienza si trova in una villa confiscata ad un boss della Banda della Magliana, alle porte della Capitale. Dopo essere stato minacciato di morte più volte, don Antonio Coluccia vive sotto scorta per ragioni di sicurezza. Al centro della sua testimonianza e del successivo dibattito ci saranno proprio i temi della legalità e della cittadinanza attiva.

     

  • Il Salento te le canta
    Thu, 16 Mar 2017 16:29:49

    Che aria tira dalle parti del cantautorato italiano? Negli anni successivi alla grande ondata che ha visto emergere artisti ormai affermati la fiamma è ancora accesa? C’è qualcuno pronto a portare avanti questo discorso?

    Alex CJ

    Non sono domande semplici, molti sono pronti a giocarsela tutta, tanti altri invece ci provano ancora una volta dopo qualche tentativo promettente. Comunque vada, ho deciso di dare un’occhiata a cosa bolle in pentola, ascoltando un sacco di belle canzoni.

    Lo scenario indipendente nazionale ha vissuto un’autentica rivoluzione negli ultimi cinque anni: un numero crescente di band e cantautori si è fatto strada a partire da micro-scene regionali, conquistando un pubblico fedele attraverso proposte musicali radicalmente diverse tra loro.

    Se non volete perdervi l’occasione per veder dal vivo scene indipendenti nostrane, seguite il mio consiglio. Si chiama “Non posso averti” ed è l’ultimo singolo in collaborazione tra due artisti: Alex CJ (23 anni di Gemini di Ugento, vincitore di numerosi concorsi di free style) e Gervasio Provenzano (25 anni, di Parabita, semifinalista nelle selezioni del programma televisivo The Voice, prima edizione).

    L’inedito è uscito ad inizio febbraio su Youtube (clicca qui per vedere il video ufficiale) e in pochissimo tempo ha colpito il cuore della gente, superando le quarantamila  visualizzazioni.

    Gervasio Provenzano

    L’idea nasce dall’unione di due generi musicali opposti ma perfettamente in sintonia: il rap e il neomelodico.

    In due anni di collaborazione artistica hanno presentato il loro progetto nei vari locali e sui principali palchi, tra cui l’ultimo evento svoltosi a Supersano lo scorso 28 febbraio, in occasione dello spettacolo di BarItalia per la parte conclusiva del carnevale di quest’anno. Alex Cj e Gervasio Provenzano sono, attualmente, a lavoro sui nuovi brani che saranno parte del loro primo disco ufficiale con l’uscita prevista entro la fine dell’anno.

    Tra i tanti live in corso vi segnaliamo quello del 24 aprile presso il Cabaret Disco Pub – Pizzeria di Ruffano.

    Il tour sarà in continuo aggiornamento, pertanto vi invitiamo a restare aggiornati sulle loro pagine ufficiali sul social network “Facebook” con “Alex CJ” e “Gervasio Provenzano Official”.

    l.m.

  • Corsano a sostegno delle persone fragili
    Thu, 16 Mar 2017 15:59:40

    “Progetto Persona. Nuovi percorsi a sostegno delle persone fragili” è  il tema del seminario di approfondimento che si terrà venerdì 17 marzo alle ore 15,30 presso la sede territoriale CSV Salento di Corsano in via Campania (c/o il Centro Polivalente).

    Organizzato dall’associazione La Ragnatela assieme ad una cordata di associazioni tra cui il CSV Salento, C.I.S.S., Tregiriditè, Aimat, Just4Iesus, con il patrocinio del Comune di Corsano e della Cooperativa KHE di Tricase,  l’incontro vuole essere un ulteriore  passo verso la conoscenza e la formazione necessaria a seguito della legge 112/2016 sul “Dopo di Noi” e del suo decreto attuativo. Infatti il decreto ministeriale del 23 novembre 2016, ha fissato i requisiti per l’accesso alle prestazioni a carico dell’apposito Fondo istituito dalla legge e ha stabilito la ripartizione tra le Regioni delle risorse per l’anno 2016, con un importo complessivo di 90 milioni di euro, di cui oltre 6 milioni per il primo anno vanno alla Puglia.

    Nei giorni scorsi il Tavolo regionale per la disabilità, istituito il 24 ottobre scorso in seno all’Assessorato regionale al Welfare e al Dipartimento Promozione della Salute, del Benessere Sociale e dello Sport per tutti ha licenziato il Piano regionale per l’attuazione della legge nazionale sul territorio regionale, inviandolo al competente Ministero per la sua approvazione.

    Programma del seminario

    Saluti: Silvia Katharina Hoeck, presidente associazione La Ragnatela, Luigi Russo, presidente del CSV Salento.

    I diritti delle persone fragili: Introduce e modera, Daniela Infantino, professore a contratto di Diritto Privato presso l’Università di Trieste.

    Progetto Persona nella Globalità dei Linguaggi: Stefania Guerra Lisi, ideatrice del metodo, scuola e master di Roma  Tor Vergata.

    Abitare Sociale: quale futuro?: Daniele Ferraresso, pedagogista clinico, educatore esperto in processi formativi orientati all’autonomia.

    Informazioni e iscrizioni: 333/5018649; laragnatela@associazionelaragnatela.it; corsano@csvsalento.it; 392/9818705

     

  • Un chilo e mezzo di droga in casa
    Thu, 16 Mar 2017 15:31:10

    I Carabinieri della Compagnia Salentina, in collaborazione con la Stazione Carabinieri di Monteroni, hanno tratto in arresto Rossano Rizzo, di anni 42, per detenzione ai fini di spaccio,

    Contestualmente hanno denunciato per concorso in detenzione ai fini di spaccio la convivente L.G., di anni 27.

    L’uomo abitava al primo piano in un’abitazione in via Bengasi. Dalla Stazione di Monteroni erano più volte arrivate notizie che Rizzo e la compagna potessero aver messo in atto un giro di spaccio di sostanze stupefacenti.

    Dopo alcuni giorni di osservazione, i carabiieri hanno constatato la fondatezza della notizia e dopo aver visto un via vai di persone salire e scendere dalla sua abitazione hanno fatto irruzione. A far scattare la perquisizione è stato un forte odore di marjuana che si percepiva in ogni angolo della casa.

    A seguito del controllo è stato rinvenuti circa un chilo e mezzo di sostanza di marjuana; trovati anche 500 euro in contanti in banconote di vario taglio e tutto il kit per il confezionamento per la successiva vendita al dettaglio dello stupefacente.

    L’uomo, su disposizione del Magistrato di turno, è stato tradotto presso il carcere di Borgo San Nicola di Lecce mentre la convivente è stata denunciata in stato di libertà.

    Sempre Monteroni, inoltre, i carabinieri hanno tratto in arresto Marcello Impellizzeri, classe ’88, in ottemperanza all’ordinanza del G.I.P. per cessazione della detenzione domiciliare con il successivo accompagnamento in carcere per l’espiazione della pena definitiva.

  • Alert System a Poggiardo
    Thu, 16 Mar 2017 09:04:57

    Conferenza stampa di presentazione del servizio Alert System in programma venerdì 17 marzo, alle ore 11, nella sala conferenze di Palazzo Adorno a Lecce.

    Alla presentazione prenderanno parte Paola Balestri di ComunicaItalia, il sindaco di Poggiardo Giuseppe Colafati, il presidente della Provincia di Lecce, Antonio Gabellone.

    Il servizio, il primo di tal genere ad essere attivato nella nostra Regione, è un importante servizio di informazione telefonica (fissa e mobile) con cui verranno comunicate notizie riguardanti eventuali rischi di allerta meteo, sospensione di servizi, interruzioni strade, chiusure scuole, ecc., ma anche notizie utili di interesse generale riguardanti le diverse iniziative del Comune.


  • Presepe Vivente di Noha: graz...

    Categorie News


    Catalogati per mese:


    Gli interventi più cliccati

    Sondaggi


    Info


    Quanti siamo

    Ci sono  persone collegate

    Seguici sui Canali di

    facebook Twitter YouTube Google Buzz

    NOHINONDAZIONI

    Calendario

    < marzo 2017 >
    L
    M
    M
    G
    V
    S
    D
      
    1
    2
    3
    4
    5
    6
    7
    8
    9
    10
    12
    13
    15
    19
    21
    22
    24
    25
    26
    27
    28
    29
    30
    31
       
                 

    Meteo

    Previsioni del Tempo