\\ Home Page : Articolo
Strade senza senso
Di Antonio Mellone (del 10/08/2014 @ 14:43:25, in NohaBlog, linkato 1997 volte)

Mannaggia a me e a quando mi metto a discutere (addirittura in spiaggia!) con chi pensa che lo “sviluppo” del Salento sia fatto di turismo (per antonomasia quello invadente, sudato, inebetito) e dunque di orde di lanzichenecchi pronti ad invadere la quiete della nostra terra, che in alcuni periodi dell’anno sembra trasformarsi nella striscia di Gaza. Il tizio continuava a dirmi che fosse per me ed i miei amici “ambientalisti” (cosa cavolo significherà mai questo lemma, lo ignoro) non si farebbe nulla, tanto che noi tutti oggi staremmo ancora viaggiando con gli asini, i muli ed altri quadrupedi da soma. Avrei voluto rispondergli che quelli come lui hanno fatto invece alla nostra terra tutte le mega-porcate che hanno voluto, in quanto quelli come me, minoranza endemica, non hanno mai avuto voce in capitolo.

Poi, ovviamente, quando uno inizia a parlarti in questi termini - cioè di ciucci, birocci, traini, ed altre amenità del genere - l’unica cosa saggia da fare è issare bandiera bianca, e lasciar cadere immediatamente ogni tentativo di esposizione logica di qualsivoglia argomentazione. Non vale la pena di perdere il fiato, e poi se ti metti a litigare con un idiota il terzo che osserva la scena potrebbe non capire la differenza.

Se al posto di codesto logorroico interlocutore, che si crede addirittura un economista (ma come faccio a spiegargli che un laureato in Economia non è necessariamente un economista, così come un laureato in Filosofia non è sempre un filosofo - infatti, per dire, se Buttiglione fosse un filosofo, io avrei serie difficoltà nel capire cosa facesse Aristotele), dicevo, se al posto di questo soggetto avessi beccato un altro appena un po’ più ricettivo avrei potuto dirgli che purtroppo il nostro Salento è ormai tutto una strada, solcato com’è da viadotti e circonvallazioni di tutti i tipi e per tutti i gusti.

Ma noi mica ci accontentiamo del primato (mondiale!) di chilometri stradali per chilometro quadrato (nel Salento questo rapporto è di 1:1). Nossignore, noi vogliamo ancora di più. Alcuni esempi? La “Regionale 8” fino a San Foca (così già che ci siamo anche il gas del TAP potrà viaggiare più comodamente), la “275 Maglie-Santa Maria di Leuca” (l’hanno chiamata strada-parco per mitigarne l’impatto: questi ci derubano anche del vocabolario), la “Maglie-Otranto” (cosa vuoi che siano 8000 ulivi divelti, al confronto delle decine di migliaia che verranno sradicati per la Xylella Fastidiosa, altra panzana-colpo-di-grazia alla nostra terra già martoriata; dell’“attivismo” a sua insaputa da parte del sindaco Montagna parleremo in altre circostanze, ndr), la “Otranto-Gallipoli” (ennesimo mostro di asfalto e cemento che ci costerà quanto un rene), la “Casalabate-Porto Cesario” (per collegare le due coste del Salento, una specie di segnalatore visivo del prepuzio salentino: anche nel senso della natura mentulomorfa del pensiero dei nostri politici locali). Per non parlare delle circonvallazioni (perfino interne, come certi assorbenti), delle strade infinite di raccordo e servizio dei mille comparti edilizi, delle asfaltature delle residue strade bianche di campagna, dei viali o vialoni privati da coprire con un bel massetto. Stiamo insomma predisponendo un bel lacrimatoio necessario per raccogliere i lucciconi di coccodrillo che abbondanti produrremo subito dopo qualche goccia di pioggia che inesorabilmente trasformerà i nostri paesi in un unica alluvione.

Avrei continuato (sempre discettando di “turismo”) col dire che per esempio in Inghilterra non allargano le loro strade, le tengono strette, e che nelle Highlands scozzesi si deve fare un percorso a passo lento per apprezzare la bellezza dei luoghi. Che comunque le strade strette sono più sicure di quelle a scorrimento veloce (infatti lo capirebbero anche alla scuola materna che gli incidenti sono dovuti alla velocità e non alle strade strette).

Avrei infine aggiunto che forse chi viene a visitare il Salento avrebbe voglia di trovare una terra selvaggia, di ammirare il fico d’india, la chiesa rupestre, la taranta sui cozzi e anche gli scurzuni (non i serpenti d’asfalto), che vorrebbe trovare cioè quello che tipizza il Salento, e soprattutto ciò che rende il Salento diverso, chessò io, dal Veneto o dall’Emilia Romagna. Se un turista volesse trovare il resort con le piscine o il parco acquatico o il mega-villaggio o il centro commerciale, o se desiderasse percorrere una mega-strada a quattro o più corsie potrebbe benissimo risparmiarsi il lungo viaggio fino a Lecce per dirigersi verso altre regioni dove questa roba c’è già in abbondanza, e dove non sanno più cosa inventarsi per “attrarre il turismo”. Queste regioni ormai hanno perso e per sempre il loro territorio, sicché l’unica cosa che rimane da fare a quei poveretti è creare la giostra continua del divertimentificio senza fine, insomma un Samsara beach anzi bitch 24 ore su 24.

Temo che noi salentini siamo sulla buona strada: nel senso di averne purtroppo imboccata una a senso unico.

P.S. Buone vacanze, cari lettori, con l’augurio che le nostre spiagge non vengano affollate da fiumane di coglioni.

Antonio Mellone
 

Commenti

  1. # 1 Di  Tonia (inviato il 08/08/2014 @ 17:52:08)

    Proprio vero: non c'è più il Salento selvaggio di quando ero bambina. Ogni volta che ritorno nella mia amata terra trovo qualche scempio. Tipo quell'obbrobrio di ponte che deturpa la mia cara vecchia strada di Sirgole. Oppure quella distesa oscena di pannelli fotovoltaici con quei quattro ulivi rinsecchiti che invocano il colpo di grazia. E non parliamo poi dell'inquinamento e della gente che si ammala. Pensare che il nostro Salento era un'oasi di bellezza e aria pulita e respirabile. Che tristezza!

  1. # 2 Di  andrea s. (inviato il 09/08/2014 @ 07:19:10)

    Ieri, a La7, il Pacioccone Mannaro ha detto agli italiani di "andare in vacanza belli allegri". E' la versione post-contemporanea dei "ristoranti sempre pieni" di Berlusconi. Il paese va allo sfascio, la recessione cresce (è gufa e rosicona anche l'Istat) e molti italiani neanche possono sognarla una vacanza, però Renzi continua a dispensare frasi fatte, come se l'Italia vivesse in un universo parallelo. E in effetti un po' è così, perché mentre quasi tutto il giornalismo italiano lo celebra con profusione di ossequi e inchini, Europa e Stati Uniti lo hanno già scaricato. Mario Draghi, presidente Bce non certo grillino e forse appena più attendibile di un Farinetti o una Dolce Forno Mascellata Picierno, lo ha demolito con nettezza rara. Die Zeit e Financial Times già lo ridimensionano, il Wall Street Journal parla addirittura di "speranza spazzata via". Noi però abbiamo i Cazzullo, che danno la colpa ai 5 Stelle (non si sa bene di cosa, non essendo mai stati al governo). Il Parlamento sta approvando a tappe forzate, con spregio di ogni regola minima (vergognoso il trattamento riservato ieri al senatore Lucidi dall'improponibile Grasso), una riforma costituzionale aberrante, scritta in coabitazione con il peggiore centrodestra d'Europa. Renzi in Italia fa il bulletto pingue, perché quasi tutti glielo permettono e in pochi osano ricordargli - per esempio - le ennesime bugie sui mistici 80 euro, che non hanno minimamente "rilanciato" i consumi e che sono stati promessi a categorie che mai ne beneficeranno (guarda caso prima di una consultazione elettorale: toh, che coincidenza). In Europa, però, Renzi è ovviamente trattato per quello che è: un Berlusconi appena più accettabile ma non meno caricaturale, che sbraita e millanta ma alla fine non conta nulla (emblematica la figura da grullo sulla candidatura Mogherini). L'Italia continua a essere un paese in crisi e a so

  1. # 3 Di  continua... (inviato il 09/08/2014 @ 07:24:55)

    L'Italia continua a essere un paese in crisi e a sovranità limitata, ma da noi vige il culto della "speranza": il realismo è "sciacallaggio" e la bugia ripetuta una verità conclamata. Tutto capovolto, tutto al contrario. Null'altro che cl'eterna farsa dell'orchestrina che continua a suonare, peraltro male, mentre il Titanic affonda. Però con ottimismo.

  1. # 4 Di  salvatorecito (inviato il 09/08/2014 @ 09:13:53)

    Una cosa,c'e'da dire...il Salento per me...rimane un posto unico.
    Adesso,c'e'da aspettarsi il deserto tanto....selvaggemente all'orizzonte auspicabile da "profeti"....della metereologia e
    poi davvero sara'Neghev.....purtroppo poi,gli ulivi simbolo,di pace e fratellanza....23000 ettari terra zone Salento non ci saranno piu'...beh,dico sara'non Salento d'amare....ma da MIGLIORARE se non vogliamo far peggior tutto cio'che, di EDEN era presente e visibile!!!

  1. # 5 Di  Michele (inviato il 09/08/2014 @ 14:39:32)

    Fiumane di coglioni che riversandosi in mare subiscono una inquietante metamorfosi. E galleggiano pure.

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/08/09/versilia-stop-a-divieto-di-balneazione-batteri-fecali-rientrati-nei-limiti/1086755/

Lascia un messaggio

Testo (max 2000 caratteri)

Smile arrabbiato Smile assonnato Smile bacio Smile diavolo Smile linguaccia Smile morto Smile occhiali Smile occhiolino Smile risatona Smile sorriso Smile timido Smile triste


Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

"Salviamo gli Ulivi Secolari"...

Categorie News


Catalogati per mese:


Gli interventi più cliccati

Sondaggi


Info


Quanti siamo

Ci sono  persone collegate

Seguici sui Canali di

facebook Twitter YouTube Google Buzz

NOHINONDAZIONI

Calendario

< dicembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         

Meteo

Previsioni del Tempo