\\ Home Page : Articolo
Questa casa non ha più pareti (Ottava fetta di Mellone – Estate 2020)
Di Antonio Mellone (del 09/09/2020 @ 19:53:47, in Fetta di Mellone, linkato 432 volte)

Non so se avete avuto modo di ammirare l’esilarante cartellone svettante a Galatina all’interno di un recinto di plastica giallorosa (come il governo), tra via Ugo Lisi e la via di Noha, zona palestra-hangar/circonvallazione-interna, periferia a sud.

Non mi dite che non ci avevate fatto caso eh, ché il cartello farebbe invidia ai 6X3 dei candidati alle regionali [con un 6X3 le spari più grosse e, per il terzo segreto del marketing, vieni creduto come all’oracolo, ndr.].

Insomma, il titolo del suddetto manifesto del partito consumista è: Complesso Residenziale “Le Palme” (giustamente con le virgolette); o forse era Le Palle, non vorrei aver letto male.

Pareva brutto, invece, Complesso Residenziale Il Gelso: troppo sense of humour, giacché il piano Silletti, altrimenti detto ‘ndo cojo cojo, fedele al suo antenato di parte materna, cioè Attila, aveva già fatto in loco il suo corso diciamo naturale (tra parentesi, io l’ho sempre detto ai compagni che sarebbe stato meglio tumulare già rivoltato nella tomba il povero Tonino Baldari).

Rimane un mistero il fatto che a un fischio dal novello impianto, visibile a occhio nudo, ve ne sia un altro, vecchio di zecca, fermo allo scheletro in cemento armato forse da una ventina d’anni: lì probabilmente o la società costruttrice aveva sbagliato i conti (e si sarà fermata, seppure, al pagamento delle prime fatture alla Colacem di turno), oppure gli eventuali promissari acquirenti, viste le prime avvisaglie estetiche delle loro abitazioni, rinsavendo per un attimo, avranno pensato: “Tanto vale che ci trasferiamo a Beirut”. Adesso non vorrei rubare il lavoro ai pubblicitari, ma secondo me il giovane adiacente aggregato edilizio a schiera, attesa anche l’endemica ludopatia nostrana, si sarebbe potuto denominare, forse con più efficacia commerciale: Nuovo Comparto Riprova E Sarai Più Fortunato.

A mio modesto parere, andarsi a trasferire nell’imminente centro residenziale galatinese (volevano dire periferia residenziale, scusateli) è un affarone: vuoi mettere la gioia del suburbio, lo struscio di migliaia di macchine sul grande raccordo anulare a km0, il fatto di non sentirti né in città né in campagna (in pratica un non luogo), gli allagamenti quando piove (in zona semafori) che ti fa tanto sentire a Venezia però con il Mose. E dell’“energia a costo zero” riportata sul suddetto manifesto a mo’ di arcobaleno vogliamo parlarne? A gratis proprio tutto: pannelli, allacci, fili, tubi, doppi vetri, e, mi voglio rovinare, pure l’auto ibrida per la spesa all’Iper (ché in questo paese, signora mia, se non hai un automezzo per spostarti anche nel raggio di 300 metri sei spacciato).   

Così nell’attesa di un DPCM che dica Stop al consumo di suolo, il baricentro della “nave sanza nocchiere”, vale a dire Galatina, sembra oscillare: ora verso Collemeto (allorché il coro intonava l’alleluia per il Mega-porco Pantacom, che chissà quali magnifiche sorti e progressive ci avrebbe riservato - ma mai dire mai, visto che la pratica non è ancora perenta), ora verso Noha, con queste belle “villette signorili con giardino”, così “signorili”, ma così “signorili” che sembrano sbucate da una fotocopiatrice, una uguale all’altra. Altri tempi quando i signori cercavano di distinguersi dagli altri. Ebbene sì, non c’è più la borghesia piccola piccola di una volta. Ma non sottilizziamo: per la classe politica di maggioranza e dunque per la finta opposizione quello che conta è la mitopoiesi delle “ricadute occupazionali” e del “volano per lo sviluppo”.

Auguri ai nuovi acquirenti, dunque, pronti a stipulare con una neonata SRLS la compravendita della casa dei propri sogni. Vuoi mettere le garanzie post-vendita che una Società a Responsabilità Limitata Semplificata – per legge con un capitale sociale strettamente inferiore a 10.000 euro - è in grado di fornirti? 

E voi altri attivisti (e dunque negazionisti e complottisti che non siete altro) smettetela di menarcela con ‘sta storia dell’abbattimento dell’attiguo Casino Liberty: che c’azzeccano infatti con l’edilizia gli articoli della Lines? Dico quelli con le ali.  

Antonio Mellone

 

Commenti

Nessun commento trovato.

Lascia un messaggio

Testo (max 2000 caratteri)

Smile arrabbiato Smile assonnato Smile bacio Smile diavolo Smile linguaccia Smile morto Smile occhiali Smile occhiolino Smile risatona Smile sorriso Smile timido Smile triste


Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

"Salviamo gli Ulivi Secolari"...

Categorie News


Catalogati per mese:


Gli interventi più cliccati

Sondaggi


Info


Quanti siamo

Ci sono  persone collegate

Seguici sui Canali di

facebook Twitter YouTube Google Buzz

NOHINONDAZIONI

Calendario

< settembre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
12
14
19
23
28
29
30
       
             

Meteo

Previsioni del Tempo