\\ Home Page : Articolo
Anti-politically correct
Di Antonio Mellone (del 15/10/2012 @ 21:31:34, in Ex edificio scolastico, linkato 2487 volte)

C’è pure chi s’è scocciato di leggere questi fastidiosi articoli che hanno per tema un problema irrisolto (quello della vecchia scuola elementare di Noha, ristrutturata ma anche no), piuttosto che nausearsi del fatto che sono stati spesi (finora indarno) unmilionetrecentomilaeuro per risistemare un “contenitore” di aria fritta. Anzi di aria calda e fredda, rispettivamente d’estate e d’inverno, visto che non funzionando l’aria condizionata per mancanza di energia elettrica, la vecchia scuola elementare di Noha, riportata al suo antico splendore – si fa per dire – si trova nello stato adatto per godere di quello che si definisce clima continentale. Sì, siamo fatti così, noi altri. Ci dà fastidio il tono, o il semitono, utilizzato nel vergare un articolo, ma senza entrare nel merito; guardiamo alla pagliuzza ma ci scordiamo della trave, non cogliendo il senso del dramma, dell’isolamento, dello  scoramento, della sciatteria di cui siamo vittime sacrificali. 
Se questo qualcuno, preferendo la rinuncia piuttosto che la denuncia, s’è rotto le scatole, lasci perdere, non legga punto questi ghirigori di parole al vento, e pensi ad altro, si concentri sul suo orticello, guardi pure le corbellerie televisive, e pensi al mondo che lo circonda solo quando a questo dovesse capitare di passare per caso dal tinello di casa sua.
C’è pure chi ci dice che siamo (oltretutto) sarcastici, senza indicarci esattamente dove e come. Noi non crediamo che i nostri interventi siano sarcastici: non è mai stata nostra intenzione “demolire gli altri”, ci mancherebbe altro (e se qualcuno si fosse sentito offeso, sappia questo qualcuno che non è mai stata nostra intenzione). Noi siamo alla ricerca di pietre da lanciare nello stagno (per smuovere le acque) e non abbiamo mai mirato alla testa di alcuno.
Ora vorremmo invece chiederci sommessamente: perché mai la libertà di espressione dovrebbe diventare libertà di applauso? Perché non criticare (per provocarne una reazione: che non arriva) anche chi si è sostenuto e si vorrebbe continuare a sostenere?
Qualcun altro ci ha anche saggiamente consigliato di “lasciarli lavorare” (gli addetti ai lavori, s’intende). Ma noi ne saremmo ben lieti, ci mancherebbe altro, se questi “tecnici” (a volte soltanto teorici) s’impegnassero solo un po’ di più, dandocene possibilmente l’impressione, o il semplice sentore.
In questo caso però ci sorge il dubbio che dietro il silenzio degli indecenti il nulla nulleggi. E poi questo benedetto “lasciateli lavorare” l’abbiamo sentito molte altre volte, soprattutto nella prima parte degli ultimi diciassette anni, allorché un cavaliere “mascarato”, sì, l’uomo della provvidenza, l’uomo del fare (che non ha mai voluto rendere conto del “come”), quello con i capelli disegnati, s’aggrappò al potere (e ad un paio di cosette di forma più o meno sferica) per farsi i fatti suoi. E ora noi, dopo questa bella e pluriennale esperienza, dovremmo ancora una volta atterrare l’occhio ed il muso, tacendo, per “lasciar lavorare” chi probabilmente non sa nemmeno da dove partire?
Si mettano l’anima in pace, politici e codazzi nostrani: noi non cadremo nell’errore di chi per “lasciar lavorare” chi non ne ha né intenzione né idee né voglia, si munisce di auto-bavaglio.
C’è chi dice che non ce ne vada bene una. Noi non sappiamo se ce ne vada bene (o meno) una o due o mille cose. Sta di fatto che non ci va proprio giù il fatto che si buttino al vento i nostri soldi, i soldi pubblici scarsi per definizione. Ci piacerebbe sapere se c’è qualcuno che invece sia contento del fatto che la scuola sia restaurata da circa un anno, ma rimanga chiusa per ferie (di cervelli). C’è forse qualcuno che si sia già rassegnato all’idea che quella scuola elementare di Noha non entri in funzione né ora né mai? O che ci entri pure, ma a ranghi ridotti, come se fosse figlia di un dio minore? Perché a Noha, in nome del pragmatismo, dobbiamo sempre accontentarci del second best anziché dell’optimum? Perché accontentarci come al solito delle cose fatte “così e così” anziché di quelle fatte a regola d’arte? Perché ripiegare, rinunciare per forza di cose all’obiettivo massimo ricorrendo ad espedienti, come quello dei 10 kwh anziché dei 50 dovuti? Di chi è la responsabilità di questo stato di fatto?
Bè, noi siamo abituati a chieder ragione delle cose, e non ci rassegniamo facilmente accettando tutto passivamente.
In mancanza di una stampa degna di quest’alta funzione, in mancanza di giornalisti dalla schiena dritta (ed in presenza, invece, di pseudo-giornalisti cerimonieri), noi continueremo a fare i cani da guardia attraverso quello che viene chiamato citizen journalism: che è quello che non deve “lasciar lavorare nessuno”, nel senso che deve pungolare tutti, restando sempre e comunque all’opposizione (graduata, si capisce, sulle caratteristiche dei governi locali o nazionali di turno), cercando di avere sempre un atteggiamento fiducioso, certamente, e tuttavia pur sempre guardingo, critico, e diffidente caso per caso.
Noi non taceremo, e ci dichiariamo sin d’ora pronti a cambiare opinione di fronte a fatti nuovi e, ci si augura, risolutivi.
Nel frattempo ci dicano pure che siamo dalla parte del torto (ma senza dimostrare chi sarebbe dalla parte della ragione o del diritto, e perchè). E ci diano pure degli anti-politici. Ce ne faremo una ragione.

Antonio Mellone

 

Commenti

  1. # 1 Di  Carlo Carmine Gervasi (inviato il 15/10/2012 @ 23:58:25)

    Al sig. Sindaco del Comune di Galatina

    Il sottoscritto Carlo Carmine Gervasi, consigliere comunale, in merito alle notizie apparse sulla stampa nei giorni scorsi, riguardanti la mancata consegna dei lavori dell’immobile sito in Noha, un tempo adibito a scuola elementare,
    chiede
    che nel prossimo consiglio comunale venga data risposta alla seguente interrogazione:
    - conoscere quali siano le ragio
    ni per le quali a seguito della ristrutturazione dell’edificio un tempo adibito a scuola elementare, a tutt’oggi, finiti i lavori, non vi sia stata ancora la consegna della struttura.
    - conoscere i reali motivi del ritardo, se vero che manca ancora l’allacciamento alla rete elettrica, e quale potenza sarà utilizzata e quale invece quella richiesta.
    - conoscere se vi siano delle responsabilità da attribuire per eventuali ritardi e di chi la colpa, quale la ditta appaltatrice e chi il direttore dei lavori.
    - conoscere infine quale sarà o quale è stata, se già disposta, la destinazione d’uso del predetto immobile e/o quali saranno le finalità di quella eventuale scelta.
    Galatina, 16.10.2012

    Con osservanza
    Carlo Carmine Gervasi

Lascia un messaggio

Testo (max 2000 caratteri)

Smile arrabbiato Smile assonnato Smile bacio Smile diavolo Smile linguaccia Smile morto Smile occhiali Smile occhiolino Smile risatona Smile sorriso Smile timido Smile triste


Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

"Salviamo gli Ulivi Secolari"...

Categorie News


Catalogati per mese:


Gli interventi più cliccati

Sondaggi


Info


Quanti siamo

Ci sono  persone collegate

Seguici sui Canali di

facebook Twitter YouTube Google Buzz

NOHINONDAZIONI

Calendario

< giugno 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
14
15
17
18
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
             

Meteo

Previsioni del Tempo