\\ Home Page : Articolo
Cetto o Cetta La Qualunque?
Di Antonio Mellone (del 10/06/2017 @ 12:36:08, in NohaBlog, linkato 1098 volte)

Ragazzi, è dura e io vi capisco. Non è mica facile di questi tempi decidere il candidato sul cui nome segnare una bella croce il giorno delle elezioni.

Vero è che il concetto espresso dalla locuzione “metterci una croce sopra” assume accezioni affatto contrastanti a seconda dei casi:

  • a) in senso letterale significa dare il proprio voto in favore di Tizio;
  • b) in senso letterario, al contrario, la proposizione si tradurrebbe con la nota formula: “Caia, per te miss Italia finisce qui” [l’allusione alla fascia tricolore da sfilata, anzi da processione solenne ci sta tutta, ndr.].

Apparentemente il caso sub a) sarebbe più semplice, visto che in senso letterale le croci da apporre sono numericamente inferiori (un paio al massimo) rispetto a quelle che sarebbe d’uopo listare in senso letterario. Tuttavia la scelta di quell’uno è di gran lunga più ostica rispetto alla bocciatura degli incommensurabili scarti politici, altrimenti detti riempilista (da moltiplicare per il numero delle innumerevoli liste). Non fosse altro che per il tempo che si perderebbe nel farne l’appello uninominale.

Se a questo si aggiunge il fatto che certa politica non è più di sinistra (forse mai stata), né di destra, ma solo ego-centrica,  riusciamo a cogliere meglio le motivazioni per le quali spesso arriviamo alla vigilia del voto (quasi) tutti parzialmente stremati.

A proposito di selezione naturale del primo cittadino, collegandomi al mio precedente pezzo dal titolo “Sindaco chi?” [chiedo venia: l’autocitazione non è mai elegante ma questo scritto è la logica prosecuzione di quello, ndr.], provo ad aggiungere un altro tassello alla metodologia da utilizzare per la cernita del sindaco. Ed è il vocabolo “Cultura”.

Orbene: è empiricamente dimostrato quanto tra i sei personaggi in cerca di elettore se ne annoverino alcuni che hanno un rapporto, come dire, idiosincratico, di più, conflittuale con codesto lemma.

Ce n’è qualcuno che, emulando il ministro del nefasto e innominabile governo di qualche anno fa, pensa tuttora che “con la cultura non si mangia [sic]” . Tanto che al solo sentirne il suono, in default, è pronto a metter mano alla pistola (delle cazzate).

Ci sta poi il candidato che non riesce proprio a proferire questa parola che trova così inedita, così eteroclita e così bisbetica da diventare paonazzo e dislessico a un tempo. E pensare che s’è cimentato più volte nella sua pronuncia, ma niente. Hanno pure provato a scrivergliela (come i discorsi a effetto vergati dal solito ghostwriter, letti dal pulpito con la stessa scioltezza di un alunno di quarta elementare), ma al massimo ne vien fuori un luculliano “Cottura” [visti certi girovita, sarà la fissa per il solito cibo che bolle in pentola, ndr.].

C’è poi l’altro concorrente di grido che oltre a non saper scrivere non sa neanche leggere (in compenso crede di saper parlare), che pensa che il termine Cultura sia una parola composta da “cul” e “tura”, con maggiore enfasi soprattutto alla prima parte [la quale tanto somiglia alla faccia che ci mette su manifesti e slogan, ndr.], mentre la seconda potrebbe essere una voce del verbo strettamente connessa alla prima.

E’ che certi portatori sani di promesse, i famosi guardiani del farò - il cui ultimo libro sfogliato fu probabilmente il sussidiario delle elementari (ma sol perché costretti dalla maestra o da chi ne faceva le veci) - pensano che Cultura sia svegliarsi la mattina e decidere senza chiedere il permesso a nessuno di installare un bel faro di luci a led bianche e accecanti da puntare direttamente sugli  affreschi del Calvario di Noha, rendendo di fatto inguardabile tutto il complesso artistico. Son fatti così, signora mia: trattano certi monumenti come fossero il garage di casa propria. E’ la famosa politica del fare (quello che gli pare).

Per esigenze di completezza, e sempre a proposito di Cultura, diciamo che v’è anche il candidato che si “informa” leggendo solo il Quotidiano [la cui carta è ormai buona solo per l’indifferenziata, anzi per l’umido visto il livello di bava di cui è inzuppato e/o le scemenze che il superstite suo lettore è costretto a leggere, ndr.]; c’è anche quello che ce la sta mettendo tutta a svuotare il centro città per riempire in compenso il centro commerciale di Collemeto [così finalmente ci sarà più Pil per tutti, ndr.]; c’è il contendente che pensa che il borgo antico debba diventare il luna park di un turismo di massa, possibilmente grasso, sudato e inebetito in slalom perenne tra i tavolini sparpagliati qua e là sullo storico basolato [magari alla disperata ricerca di un Mc Donald’s, ndr.]; c’è chi arringa i suoi plaudenti gregari con il fare tipico dello “spiritual coach” e con il carisma di un animatore di villaggio vacanze in cerca spasmodica di una citazione da hard discount della Cultura [roba davvero da morir dal ridere, ndr.]; v’è anche chi  schiuma di rabbia dal palco sparando minacce, avvertimenti e provocazioni con un linguaggio da trivio così scurrile che, al confronto, uno scaricatore di porto sarebbe un raffinato nobiluomo d’altri tempi [ci mancherebbe giusto una bestemmia da scomunica papale per farla completa, ndr.].

Il bello (o il brutto) di questa storia tragicomica è che alcuni fra questi candidati coesistono nella stessa persona.   

*

Permettetemi infine una carezza affettuosa ai folkloristici cettoqualunquisti. Ce ne stanno a bizzeffe. E son quelli dall’endorsement facile, anzi commovente. Son quelli per i quali le sguaiataggini del proprio beniamino sono “passionalità”, il clientelismo e il favoritismo insito nelle sue fibre più intime sono “spirito di servizio”, la collezione di fiaschi che manco la cantina Valle dell’Asso sono “conoscenza amministrativa”, l’attivismo onde tutto quel che tocca muore è “caparbietà con cui [Cetto o Cetta] risolve i problemi” [risolve?, ndr.], le figure di merda che ci fa accatastare in maniera diuturna sono “l’amore che nutre per tutto il comprensorio di Galatina” [insomma un amore così grande, viscerale, urbi et orbi, ma soprattutto orbi, ndr.].

Poi uno rivede “Qualunquemente” del 2011 - il film di Giulio Manfredonia con  Antonio Albanese -, ne riascolta dialoghi e comizi e inizia a capire che il “Truman show” de noantri non è poi così lungi dalla fiction.

Infatti.

[Un comizio] <<Cari amici elettori, e sdraiabilmente amiche elettrici, mi è stato chiesto, se vengo eletto, cosa intendo fare per i poveri e i bisognosi: 'na beata minchia! È ora di finirla: 'sta cosa dei bisognosi è una mania! Poi sono bisognoso anche io di voti, affettivamente mi servono più dell'ossigeno: qui siamo in guerra, e io non faccio prigionieri. Tu mi voti, ti trovo un lavoro e ti sistemo. Tu non mi voti, 'ntu culu a ttìa e a tutta 'a famighia! Applauso! Io amo lo scontro, e soprattutamente non amo i pacifisti […]>>

E ancora.

  • Cetto: [Dopo aver letto sul giornale un articolo critico verso di lui] “Di cosa parla? Tu Pino hai capito?
  • Pino: “No”.
  • Cetto: “Perfetto. Pino è l'elettore medio: se Pino non ha capito niente, non capirà niente nessuno”.

Ecco. Se ci riuscite, provate a cogliere le differenze.

Antonio Mellone

 

Commenti

  1. # 1 Di  Anonimo (inviato il 10/06/2017 @ 13:27:02)

    Cittadini riflettete su chi votare!
    Tutti questi candidati non capiscono cosa voglia dire perdere il lavoro,in più" si mettono ad aumentare la tari,c'è' stata gente che ha perso la propria casa perché' non riusciva a pagarla!!!
    non hanno un minimo di interesse su questi problemi .persone che non possono dare da mangiare ai loro bambini e' loro ti rispondono noi facciamo abbiamo fatto...ma che"" questi sono problemi da risolvere !!!la gente perde la dignità"

  1. # 2 Di  Anonimo (inviato il 11/06/2017 @ 14:23:25)

    La politica in Italia è lo specchio della società: una giungla.

Lascia un messaggio

Testo (max 2000 caratteri)

Smile arrabbiato Smile assonnato Smile bacio Smile diavolo Smile linguaccia Smile morto Smile occhiali Smile occhiolino Smile risatona Smile sorriso Smile timido Smile triste


Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

A Noha esiste lo Scjakù...

Categorie News


Catalogati per mese:


Gli interventi più cliccati

Sondaggi


Info


Quanti siamo

Ci sono  persone collegate

Seguici sui Canali di

facebook Twitter YouTube Google Buzz

NOHINONDAZIONI

Calendario

< luglio 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
12
14
16
18
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         

Meteo

Previsioni del Tempo