\\ Home Page : Articolo
Salvatore Borsellino e l’antimafia nostrana
Di Albino Campa (del 22/01/2012 @ 00:00:00, in Eventi, linkato 2694 volte)

Sabato 14 gennaio 2012 è ormai per Noha una data da libro di storia.
Non si sa come, Paola Congedo, maestra dalle mille risorse e dalle altrettante sorprese, con l’appoggio determinante di Eleonora Longo, la direttrice che non dice mai di no, con il supporto della Biblioteca Giona benemerita, sono riuscite a segnare uno iato tra il passato ed il futuro, un solco tra l’oggi ed il domani.
Non ci crederete, ma queste tre Donne (Paola, Eleonora e Giona, che non finiremo mai di ringraziare) hanno portato a Noha un simbolo vivente dell’antimafia: Salvatore Borsellino, il fratello di Paolo (il giudice fatto saltare da una bomba mafiosa nel 1992, qualche mese dopo l’attentato che fu fatale anche a Giovanni Falcone ed ai suoi angeli custodi).
Salvatore Borsellino ha parlato per un’ora e mezza, ma sarei rimasto altre tre ore ad ascoltarlo, anche se sapevo quasi tutto della storia di Paolo Borsellino, dell’agenda rossa, della trattativa tra Stato e mafia, del papello, ecc., per averne letto la storia su alcuni libri e per averne seguito le indagini puntualmente pubblicate su “Il Fatto Quotidiano” (che non è “Il quotidiano di Lecce” di Caltagirone: il giornale – si fa per dire - che è capace soltanto di raccontare qualche frottola e la cronaca spicciola per i pettegoli di paese).
Salvatore Borsellino ha parlato a Noha proprio all’indomani del voto che ha salvato dalla galera il referente politico dei casalesi (che risponde al nome dell’“onorevole” Cosentino). Voto-vergogna (se la parola vergogna oggi avesse ancora un qualche senso) di un parlamento di nominati che subito dopo lo scrutinio ha dato un indecoroso spettacolo di sé, dimostrando con quella standing ovation tributata al compare, con quei baci, con quelle pacche sulle spalle per lo scampato pericolo, con quelle espressioni di giubilo, di essere alla stessa stregua, anzi peggio di una cosca mafiosa, che ormai si può ribattezzare cosca parlamentare. 
La sala della scuola media di Noha non conteneva la popolazione accorsa ad ascoltare quest’uomo mite ma determinato e coraggioso, più volte interrotto dagli applausi, che ci incitava tutti a non tacere, a parlare, anzi ad urlare e soprattutto a resistere, resistere, resistere!
Salvatore Borsellino ha raccontato di quanto era bella la sua Palermo, con la sua ineffabile “conca d’oro”, la pianura palermitana un tempo interamente coltivata ad agrumeto, oggi vittima di un’espansione urbanistica incontrollata; di quanto era romantica la villa liberty nelle adiacenze di casa sua, poi rasa al suolo per la fame degli speculatori e dei palazzinari; di quanto sia importante non partire e non abbandonare la propria terra cercando altrove la propria realizzazione, in quanto chi parte dal sud risolve un problema, chi rimane invece risolve il problema; di quanto è importante difendere il nostro territorio dal cemento, dall’asfalto, dalle pale eoliche e dai pannelli fotovoltaici che distruggono e soprattutto sono inefficienti (in quanto l’energia deve essere prodotta ed utilizzata in loco e non trasferita a migliaia di chilometri di distanza); che i veri eroi sono i giudici ed i ragazzi che hanno dato la propria vita per la legalità e non il sig. Mangano, lo stalliere di Arcore, condannato per mafia, ma definito “eroe” dal “miglior presidente degli ultimi 150 anni”, quello del cucù alla Merkel, quello con i tacchi rialzati e con il pelo trapiantato e colorato di arancione…
Mentre parlava di tutto questo e di molto altro ancora, m’è venuto in mente che anche a Noha abbiamo la nostra conca d’oro: sono i giardini di aranci e limoni ubicati nel centro di Noha che in primavera profumano ancora di zagare (ancora per poco, visto che questi due parchi storici stanno per essere sradicati per lasciar posto al massetto ed alle colonne di cemento e mattoni). Un agrumeto di cui si sentiva il profumo nonostante i padroni li avessero rinchiusi dietro arroganti mura; ho pensato che anche a Noha c’è una costruzione liberty: è la Casa Rossa (alla quale stanno per essere addossate delle pseudo-civili abitazioni. Purtroppo non si sa che fine farà questo bene culturale unico al mondo, atteso che i cartelli affissi sul muro di cinta parlano soltanto della costruzione di civili abitazioni, mentre del restauro e della fruibilità della Casa Rossa nemmeno l’ombra - e sarebbe il minimo sindacale che si richiederebbe ai proprietari come giusto guiderdone ai loro interessi legittimi); ho pensato che anche a Noha il territorio è stato saccheggiato con i pannelli fotovoltaici, con l’opposizione di alcune voci afone di alcuni ragazzi, tacciati pubblicamente come “affetti da insolazione” da chi invece avrebbe dovuto marciare in testa al corteo quale primo cittadino pronto a difendere il territorio. Si tratta di attivisti, anzi, diciamo pure di poveri fessi, dei quali mi onoro di far parte; ho pensato che anche a Noha finalmente si sono raccolte oltre 1400 firme contro l’idea asinesca di abbattere in tutti i sensi le nostre casiceddhre, nonostante l’inerzia di un’inebetita amministrazione comunale dilaniata da lotte intestine; ho pensato che anche a Noha abbiamo organizzato un’altra manifestazione antimafia, insieme all’associazione “Libera” di don Ciotti: fu una biciclettata nell’uliveto confiscato alla SCU ma, purtroppo, finanche una delle più importanti “sacre” istituzioni della cittadina fu latitante per imprecisate motivazioni; ho pensato che anche a Noha in tanti (anche quelli assisi in prima fila per l’istituzionale visibilità, le cosiddette “autorità civili e religiose”) sembravano in quel parterre spellarsi le mani per applaudire alle accuse precise di Salvatore Borsellino, dimenticando forse quanto abbiano a volte appoggiato una politica scellerata che distrugge il territorio e danneggia la salute pubblica. Cosa è infatti, ad esempio, il non tanto velato sostegno agli amici della Colacem per l’utilizzo del CDR (combustibile derivante da rifiuti) che distribuirà a tutti noi, in maniera democratica però, un bel po’ di nano-particelle tossiche? Perché questi personaggi non hanno espresso nemmeno una parola contro il fotovoltaico selvaggio, i comparti artigianali, i centri commerciali in quel di Collemeto, il comparto 4 e le sue ottanta villette a ridosso della Masseria Colabaldi, lo scarico di materiali inerti nella cava De Pascalis, e contro le altre porcate?              
Come mai nessuna tra quelle autorità ha mai detto ad alta voce: “lì dove si deturpa il territorio, proprio lì c’è mafia” (o una parafrasi di questo slogan)?
Non so come facessero alcuni a sentirsi (o a fingere di sentirsi) a proprio agio di fronte alle accuse precise e puntuali di Salvatore Borsellino. Certo bisogna proprio avere una faccia di bronzo per dirsi d’accordo con il relatore, e con tanto di applauso di circostanza, quando invece fino al giorno prima, anzi anche oggi si ostentano certe “amicizie altolocate” (le note “amicizie potenti” che più di una volta hanno sfilato anche a Noha tra gli applausi scroscianti di adulatori a loro insaputa) e molto vicine al Priapo arcoriano, ed in qualche occasione s’è fatta pure incetta di voti per sostenere l’innominabile e gli amici della sua cricca. Quando si chiedono voti per conto di chi non è proprio compatibile con il bene comune si è complici o correi. Non si sfugge mica dall’assioma per cui è ladro non solo chi ruba, ma anche chi gli para il sacco.    
Io seguirò l’incitazione alla resistenza di Salvatore Borsellino. E voi?

Antonio Mellone 
 

Commenti

  1. # 1 Di  Ah ah ah (inviato il 22/01/2012 @ 14:21:29)

    Giona è una donna??!!! Che ignoranza, eppure è a Noha da oltre 10 anni. ooops l'osservatore antimafia non se n'era accorto? avrà avuto gli occhi accecati dalla luce radiosa della propria persona raggiante. Alè! Evviva noi!

  1. # 2 Di  OH OH OH (inviato il 22/01/2012 @ 15:39:08)

    è LA BIBLIOTECA GIONA LA DONNA E NON IL PROFETA GIONA. IGNORANTE, NON CREDO, PIUTTOSTO PROFETA DI SVENTURA!

  1. # 3 Di  Fabrizio (inviato il 22/01/2012 @ 16:04:15)

    Quell'"alé" mi sa tanto di scopiazzatura da Ballarò... boh magari mi sbaglio!!!

  1. # 4 Di  Marcello D'A. (inviato il 22/01/2012 @ 19:12:45)

    Caro HO HO HO purtroppo hai ragione, ecco una prova della sventura che profetizzi, il messaggio di chi vilmente finge o non capisce veramente l'importanza dell'argomento in oggetto.

  1. # 5 Di  Antonio Mellone (inviato il 22/01/2012 @ 21:46:57)

    Non c'è bisogno di un baccalaureato all'Istituto Teologico Pugliese per sapere che Geremia, Isaia, Michea, Malachia, e finanche Osea fossero uomini come il mitico Giona (almeno da quanto ci viene tramandato).
    Anche Anna e Caifa (e siamo nel nuovo testamento) erano sommi sacerdoti (e non sacerdotesse)
    nonostante il loro nome possa trarre in inganno.
    Anche Andrea, nome proprio di persona, è generalmente maschile; ma ci sono in giro anche tante Andrea (il numero delle donne con questo nome è in costante crescita). Ed è questo è il caso di Giona, nome maschile, attribuito alla biblioteca di Noha (e biblioteca, anche secondo lo Zanichelli, è sostantivo femminile).
    Qualche dubbio rimane, invece, sul genere del sostantivo Pirla.

  1. # 6 Di  Anonimo (inviato il 22/01/2012 @ 23:18:42)

    suvvia non vi scaldate così tanto. eravate così liberi democratici e aperti al dialogo un tempo. Cmq a voler fare le pulci, l'articolista parla di tre Donne e non di due donne e un sostantivo di genere femminile. MA è veramente questione di nessun conto, questa

  1. # 7 Di  Fabrizio (inviato il 23/01/2012 @ 13:05:50)

    Infatti, di nessun conto. Se poi c'è sempre qualcuno che invece di guardare la luna guarda solo il dito che gliela indica... ma la differenza sta sempre nel fatto che chi è libero e democratico mette sempre la sua faccia, non firmandosi mai "anonimo".

  1. # 8 Di  Lino (inviato il 23/01/2012 @ 15:40:04)

    ...il guaio è raccogliere le provocazioni di chi "scarso di argomentazioni ?" si erge stupidamente per i più, ma con malizia "riuscendoci" secondo me a "sapientone" andando a stigmatizzare la " , " piuttosto che confrontarsi sul tema specifico...meditate gente! meditate!!!

  1. # 9 Di  Tonia (inviato il 23/01/2012 @ 17:48:55)

    Chi ragiona con la propria testa e ha un po' di cervello capisce subito che Antonio denuncia delle sacrosante verità.
    Fisicamente sono lontana, ma la mia mente è vicina ad Antonio e a tutti coloro che lottano per il "bene comune".

Lascia un messaggio

Testo (max 2000 caratteri)

Smile arrabbiato Smile assonnato Smile bacio Smile diavolo Smile linguaccia Smile morto Smile occhiali Smile occhiolino Smile risatona Smile sorriso Smile timido Smile triste


Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

"Salviamo gli Ulivi Secolari"...

Categorie News


Catalogati per mese:


Gli interventi più cliccati

Sondaggi


Info


Quanti siamo

Ci sono  persone collegate

Seguici sui Canali di

facebook Twitter YouTube Google Buzz

NOHINONDAZIONI

Calendario

< aprile 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
12
14
16
20
25
26
27
28
29
30
         
             

Meteo

Previsioni del Tempo