\\ Home Page : Articolo
In men che non si dica
Di Antonio Mellone (del 28/09/2012 @ 00:00:00, in Cultura, linkato 2407 volte)

A San Michele esce il nuovo libro di Marcello D'Acquarica "In men che non si dica", edito da  L'Osservatore Nohano. Bellissimo, imperdibile, una storia vera, un esorcismo generazionale.
In in questo libro c'è un pezzo di noi, delle nostre famiglie, della nostra comunità e soprattutto della nostra umanità. 
Regalalo o fattelo regalare (o regàlatelo) per la festa patronale di Noha.
Ecco di seguito la prefazione di Antonio Mellone.

In men che non si dica Marcello D’Acquarica scrive libri. E te lo comunica così, senza tanti preamboli, con la sua solita pacatezza.
Come capita ad alcuni fra noi, anche questo ragazzo è pieno di frasi che gli girano in testa e che hanno bisogno di uscire allo scoperto per scongiurare il rischio di incagliarsi. Anche stavolta il fiume in piena delle parole di Marcello ha trovato sbocco nelle pagine di un libro, questo, grazie ad uno spettro che ancora imperterrito s’aggira per Noha: L’Osservatore Nohano
In questo volume dove il vero ed il verosimile si fondono in una storia (e spesso fanno la storia) Marcello sembra aver esorcizzato il dolore di quella croce che ha nome di emigrazione. E mentre tu ringrazi il tuo Dio per avertela risparmiata, pensi che molte famiglie di Noha dovettero sopportarne una (o più di una), e per alcune di esse fu di cotale pesantezza che chi è credente potrebbe trovarne una di maggior gravezza soltanto in quella che portò il Cristo.
La redenzione però può avvenire in mille modi.
Marcello ha pensato bene di pagare il riscatto del rapimento sentimentale dalla sua terra seminando parole come semi nei solchi, raccogliendone poi i frutti nelle pagine e nelle icone di questo libro, dove si canta di stupori d’infanzia, di saggezze di vecchi, di lavoro nei campi, di viaggi della speranza, di vita e di morte.
Osservando le tessere musive del mosaico della vita di quest’uomo, capisci subito che costui non ne redasse preventivamente un disegno (e quand’anche lo avesse fatto, il risultato sortito sarebbe stato, come di fatti è stato, difforme dai progetti, per motivi indipendenti dalla volontà del progettista).
Se inizi a leggere, sfogli, vai a capo, volti la pagina con le dita, ti imbatti nella nuova facciata e porti lo sguardo sul rigo in alto a sinistra, t’accorgi di compiere un cammino a ritroso. Non parti dall’oggi per andare al domani, ma torni indietro, percorrendo le antiche strade però della tua e non della sua storia.  
E in questo percorso all’indietro ti può capitare d’incontrare personaggi che smettono di essere compagni di viaggio dell’autore, ed iniziano ad appartenerti non per ignoti strampalati marchingegni, ma perché sono uomini e donne di un tempo senza tempo, e soprattutto perché sono tuoi quei padri, quelle madri, quelle sorelle e quei compaesani vicini di casa. Sono il popolo che da epoche remote abita il cuore di Noha e che fa abitare Noha nel tuo cuore. Non sono una natio occupata in otio - come si raccontava nella favola di Fedro – cioè non “una genia di faccendoni sempre in giro di corsa, piena di fretta, indaffarata senza vere occupazioni, affannata senza pro, [che] fa mille cose e non ne fa nessuna, dannosa a se stessa e insopportabile agli altri”, ma persone che dicevano quello che facevano, e soprattutto quello che facevano corrispondeva a quello che dicevano. E’ gente che versò lacrime e sangue sulla tua bella terra. Quella stessa che invece oggi viene ricoperta dagli sputi del cemento, del veleno, dell’abbandono, della bruttezza.   
Questo libro non lo leggerai a letto la sera (ché non è un racconto da leggere per addormentarsi), ma alla luce meridiana, anzi di mattina presto, per inaugurare dei risvegli con un pugno di parole dure. In tal modo, anche per te il giro del giorno piglierà un filo d’inizio con qualche anticorpo in più da aizzare contro la malattia da coscienza assopita che ti obbliga a muover la testa in continua annuenza.
Quella coscienza che invece è da tener desta sempre, essendo l’unico tribunale, l’unica alta corte della vita dell’uomo che non accetta la menzogna e non concede la clemenza, e alla quale non si deve mai chiedere, ma soltanto rispondere. In men che non si dica.

Antonio Mellone

 

Commenti

  1. # 1 Di  M. Rosaria (inviato il 08/10/2012 @ 10:03:26)

    Marcello il tuo bellissimo libro l'ho letto in un lampo (o forse è il caso di dire..in men che non si dica). Mi conferma quello che penso da sempre: che,come dice qualcuno,si stava meglio quando si stava peggio (chissà,poi se il peggio non deve ancora venire) e che vivere a Noha non è poi così male....basta solo apprezzarne i lati migliori!!!!!! A presto

  1. # 2 Di  Marcello D'Acquarica (inviato il 08/10/2012 @ 17:01:44)

    Grazie Maria Rosaria.
    Non dirlo troppo forte che a Noha si vive bene, qualcuno potrebbe non capire e prendere la palla al balzo per finire di rovinare anche i "lati migliori".

    Saluti a tutti. ; - )

Lascia un messaggio

Testo (max 2000 caratteri)

Smile arrabbiato Smile assonnato Smile bacio Smile diavolo Smile linguaccia Smile morto Smile occhiali Smile occhiolino Smile risatona Smile sorriso Smile timido Smile triste


Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

A Noha esiste lo Scjakù...

Categorie News


Catalogati per mese:


Gli interventi più cliccati

Sondaggi


Info


Quanti siamo

Ci sono  persone collegate

Seguici sui Canali di

facebook Twitter YouTube Google Buzz

NOHINONDAZIONI

Calendario

< dicembre 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
11
12
14
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Meteo

Previsioni del Tempo