\\ Home Page : Articolo
Una serenata per San Lazzaro
Di Albino Campa (del 14/03/2008 @ 00:00:00, in Racconti, linkato 3203 volte)

Una serenata per San Lazzaro
Marcello D’Acquarica

La figura di Lazzaro è fantasiosa ed il suo evento viene ricordato durante la Passione di nostro Signore, per evidenziare il concetto della carità.
Il Lazzaro di cui parliamo è quel personaggio riportato nel Vangelo di San Luca  (16, 9-13).
Come  è avvenuto per vari personaggi minori, che compaiono nei racconti evangelici e che in seguito nella tradizione cristiana, hanno ricevuto un culto, un ricordo perenne, un titolo di santo, anche per Lazzaro, pur essendo un personaggio protagonista di un racconto di fantasia, da non confondere con Lazzaro di Betania che fu resuscitato da Gesù, nel corso del tempo, si è instaurata una devozione, come se fosse stato un personaggio realmente esistito.
La parabola ha, come tutti sappiamo, un significato molto profondo e contiene un insegnamento universale. Essa è raccontata per mostrare ai farisei ed a tutti gli avari di ogni epoca, dove portano le ricchezze usate per soddisfare il proprio egoismo.
Ancora oggi noi stessi possiamo incontrare spesso Lazzaro: nel mendicante, nell’ammalato, nel bisognoso d’aiuto, nei poveri che con dignitoso atteggiamento soffrono in silenzio la fame e l’indigenza.
Cosicché dalle nostre abbondanti mense dovremmo riuscire a togliere almeno il superfluo per impedire al nostro Lazzaro di soffrire e di morire lentamente.
Così facendo, forse, tutta la nostra comunità ne avrebbe beneficio e non dovremmo temere di ritrovarci, quando saremo morti, separati dal nostro fratello, da un grande abisso. L’abisso dell’indifferenza, dell’invidia, del disaccordo e dell’avarizia. Lo stesso abisso che a volta separa perfino il cuore delle famiglie e dei vicini più intimi.
Non confondiamo l’essere poveri di spirito come l’antitesi della forza e della grandezza. Si può essere grandi senza necessariamente imitare il ricco epulone e, parimenti, possiamo esserlo semplicemente affiancandoci ai bisogni del nostro prossimo che attraversa un periodo di carestia.
Ecco come la tradizione ci rammenta il Lazzaro bisognoso e povero proprio nel periodo della Passione di Gesù Cristo, per dare maggiore esaltazione alla sofferenza umana, e per offrire a tutti i ricchi la possibilità di redimersi condividendo la propria fortuna con chi non ne ha avuta.
Ancora oggi, anche a Noha,  la gente aspetta con gioia questo periodo. Alcuni suonatori di fisarmonica e chitarra, cantando le parole del testo riportato sotto, passando da casa in casa, invitano le persone a festeggiare ed a donare loro beni alimentari, soprattutto uova e formaggi, esattamente come avveniva anni addietro. E’ questa una passione antica, che oggi, purtroppo molti di noi ignorano. In questa tradizione viene così ripetuta e scongiurata la cattiva azione del ricco epulone che vestendo di porpora e bisso si ingozzava di abbondanti banchetti e negava ogni dono al mendicante Lazzaro.

 Buonasera a quiste case se siti tutti vui l’abitanti
vene Cristu cu tutti li Santi.
Cu bbu descia ijutu e  salvazione
osce si fa per devozione, ca mò Lazzaru è surcitatu.

E’ cumparsa la Maddalena cu n’Ave Maria e na Grazia Plena.
Giuda foe lu thraditore  de lu Diu e de nosthru Signore.
Lui a l’addhri li piedi bagnava e cu li soi capelli  li sciugava.

Queste furon le catene ci ncatenara nosthru Signore.
Quisti furon li thre chiodi ci ncrucifissera nosthru Signore.

A ddhrai comparse la Maddalena
e a ddhrai Cristu pè fare la cena.

Oggi  oggi se fa minzione ca moi Lazzaru è surcitatu.
Cu lle soi lacrime se li bagnava e cu lli soi capelli se li sciugava.
Cu trenta denari sciucara Cristu li Sacerdoti e li Farisei.
Cu trenta denari sciucara Cristu cu Pater nosci e cu Ave Marie.
Sciamu fandu comu lu vientu se nnu nniti de rame ni li dati d’argentu.

Spezza doi rami de vulia e li scia menandu mienzu sti fiei.
Mienzu stì fiei e mienzu ste macche a ddhrai ci ippe vobi, pecore e bacche.
Sciamu a casa de Pilatu e thruvamu Cristu surcitatu.
Sciamu a casa de Simone a ddhrai sciu Cristu per fare la cena.
Azzate prestu e nu tardare ca tie lu sai c’è nnai ddare.
Azzate prestu azzate mprima ca tie lu sai mò ccè bulimu.

Sciamu prima all’Annunziata cu ni caccia a luce puru l’enthrata.
Preamu Diu cu Santu Marcu cu nni caccia lluce puru lu tabaccu.
Sta bbenimu a confidenza e nni scusati sta male creanza.
Sta bbenimu de luntanu se nnu ni dai nienti  ve ringraziamu.
Buonasera de Sante Pasque datini l’ove de le puddhrasce.

Ave puru la mia spurtella e  mi l’aggiu fare na frittatela.
Don Ciccillu nu fare le mosse vane pija l’ove cchiu crosse.
Azza la capu de lu cuscinu cu ni dai nu biccherinu.
Lazzarenu essi cquai ca si chiamatu de lu Signore.
Azzate prestu e nu tardare ca tie lu sai cce mmai dunare.

Buonasera ca ninda sciamu ni dai cè bboi e te rengraziamu.
Sciamu fandu comu li mpisi se nnu nniti ove ni dati turnisi.
Santu Lazzaru benedettu mo sia ludatu Gesù Cristu.
Buonasera e bonanotte ti l’aggiu cantata la tua passione.

(il testo è tratto  da una canzone interpretata  da Pippi Chittano di Galatina)
Marcello D’Acquarica

 

Commenti

  1. # 1 Di  SALVATORE (inviato il 26/05/2010 @ 13:15:29)

    VEDRAI CHE DA LASSU' LA NONNA TI AIUTERA'SEMPRE SEMPRE M°PAOLA,E FARAI SEMPRE DI PIU'COSE ANCORA PIU'EGREGIE

Lascia un messaggio

Testo (max 2000 caratteri)

Smile arrabbiato Smile assonnato Smile bacio Smile diavolo Smile linguaccia Smile morto Smile occhiali Smile occhiolino Smile risatona Smile sorriso Smile timido Smile triste


Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

"Salviamo gli Ulivi Secolari"...

Categorie News


Catalogati per mese:


Gli interventi più cliccati

Sondaggi


Info


Quanti siamo

Ci sono  persone collegate

Seguici sui Canali di

facebook Twitter YouTube Google Buzz

NOHINONDAZIONI

Calendario

< dicembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         

Meteo

Previsioni del Tempo