Affluenza alle ore 23.00 é del 65,52% degli aventi diritto.

Dati Definitivi 28 sezioni su 28

Visualizza: Totali Comune di Galatina - Solo i parziali di Noha


(Dati definitivi del 12 giugno 2017 ore 12:45 - 28 sezioni su 28)
 
Di Antonio Mellone (del 21/10/2018 @ 16:34:48, in NohaBlog, linkato 125 volte)

Ci sono settimane in cui la congiunzione astrale (ovviamente non ci credo) ti permette di riuscire a far tutto: oltre al resto, leggere un libro, andare al cinema, frequentare un teatro e scrivere un pezzo per i tuoi quattro lettori tendenti a uno.  

La scorsa settimana, per esempio, non solo ho partecipato al sublime spettacolo teatrale su Giulio Cesare Vanini: “Il più bello e il più maligno spirito”, a cura della compagnia Alibi presso Levèra di Noha (lasciatemelo dire: uno tra i circoli culturali più attivi del Salento, che dico, di Puglia) e visto al cinema il mirabile remake “A star is born”, con Bradley Cooper e Lady GaGa, ma ho letto d’un fiato anche tre libri.

Certo, non sto parlando di tre dei sette ponderosi tomi della Recherche di Proust, per quelli ci avrei impiegato un po’ di più, ma di tre volumi meno inabbordabili ancora caldi di torchio, come “Il giro dell’oca” di Erri De Luca (di questo autore non riesco proprio ad attendere le edizioni economiche, questa volta di Feltrinelli), “So che un giorno tornerai” di Luca Bianchini (chiedo venia, ma come diceva quello semel in anno…), ma soprattutto “Il patto sporco” con Nino Di Matteo a cura di Saverio Lodato (Chiarelettere).

Vorrei soffermarmi un attimo su quest’ultimo scorrevolissimo trattato, di cui consiglio vivamente la lettura. Come qualcuno di voi sa, benché giornali e tv abbiano dato la notizia un po’ sottotono, il 20 aprile 2018 la Corte d’assise di Palermo ha pronunciato una sentenza di condanna (in primo grado) alla fine del lungo processo sulla Trattativa. Nonostante anni di delegittimazioni, silenzi, depistaggi, derisioni, intimidazioni e mistificazioni contro Nino Di Matteo e gli altri inquirenti da parte di tanti buoni a nulla ma capaci di tutto, inclusi politici, istituzioni, giornalisti e (addirittura) magistrati, si è giunti finalmente a un primo importante verdetto giudiziario, con il quale, motivate in 5.252 pagine, si infliggono pene a mafiosi ma anche a uomini dello Stato. Ora spero che una buona volta si riesca a capire il fatto che gli esponenti delle istituzioni non erano accusati per il fatto di aver “trattato” (nessuno infatti era imputato per questo), ma per il reato di “minaccia a corpo politico dello Stato”: insomma i mafiosi, di aver minacciato quei governi, eseguendo stragi (a Roma, Milano e Firenze, e prima ancora a Capaci e a Palermo) e consumando minacce accompagnate da richieste e papelli volti a influenzare le decisioni degli organi dello Stato; gli uomini delle istituzioni, per il medesimo reato ma a titolo di concorso.

Non è stata ancora scritta la parola Fine a questa storia tremenda: si è solo usciti da un pantano insidiosissimo, e il cammino è ancora lungo. Ma nell’attesa della verità definitiva, mi sia permesso di sentirmi un pizzico orgoglioso per aver partecipato insieme ad altri alla manifestazione del 14 novembre 2015 in piazza Santi Apostoli a Roma al fine di rompere il muro di omertà e vigliaccherie intorno alla figura del magistrato Nino di Matteo; come sono altrettanto orgoglioso per la dedica vergata da Salvatore Borsellino sul libro “Paolo Borsellino e l’agenda rossa”, donatomi dallo stesso fratello di Paolo circa un anno fa. Anche questo, perché no, mi sprona ad andare avanti e a non smettere di scrivere parole, benché contrarie o critiche o addirittura satiriche contro ogni forma di bullismo ecologico, politico o di qualsiasi altro genere.

*

La cultura è importante (e, come canta Mino De Santis, “è pesante”). Se tralasci i libri e il teatro e il cinema, e passi il fine settimana magari al centro commerciale o alle solite “mangiate”, rischi di fare la fine di certe sciagure definite Politici che pensano che un volume sia solo l’effetto dei decibel, parlano a vanvera anche di argomenti che non conoscono, e si esprimono come si esprimono. Perfino nei comunicati-stampa (scripta manent) che giornalisti dotati di grande sense of humour, e giustamente spietati, si divertono a pubblicare “verbatim” (parola per parola) sui propri blog, senza dunque correggerne gli smodati e tuttavia esilaranti strafalcioni.

Qualcun altro, poveretto, non coglie ancora il fatto drammatico che continuare a esibire il potere perduto è come cercare di mettersi le mani in tasca non sapendo, come il re della fiaba, di essere completamente nudo.

Dicono che sono molto chiaro nelle mie esposizioni e che, nonostante tutto, non mi do mai per vinto.

Ebbene sì, lo riconosco: mi spiego ma non mi spezzo.

Antonio Mellone  

 

 
 
Di Redazione (del 21/10/2018 @ 16:30:18, in Comunicato Stampa, linkato 39 volte)

E’ una brutta caduta per il sestetto salentino . Mai in partita nelle prime due frazioni, rovinoso nei fondamentali di ricezione e servizio, obbliga uno Zonno  poco scattante negli  spostamenti a servire gli avanti  con attacchi scontati, prede dei muri napoletani  e di ricostruzioni  facili ed efficaci  .

Nel primo set, sul punteggio di 7-4 per i padroni di casa , mister Stomeo chiama il time out dopo aver subito un break di cinque punti , ma due errori al servizio ed un muro subito da Buracci  stabilizzano il divario a quattro punti(12-8) dopo una pipe di Lotito. Il cambio palla è sistematicamente capitalizzato dai ragazzi di mister Libraro (14/10 ,16/11, 20/14 ) che accelerano nel finale complice un fallo da seconda linea di Buracci e una ricezione difettosa di Durante. Un  primo tempo di Bonina chiude il set sul 25-17.

L’approccio alla gara è evanescente in questa prima parte: Scialò imperversa su una distribuzione di Antonio Libraro che difficilmente dà tempo al muro salentino di comporsi,

Iaccarino e Musardo con una ricezione lontana da rete non ingannano con i loro improbabili movimenti la prima linea dell’Ottaviano.

Così Lotito e Durante trovano dei blocchi che arginano i loro attacchi e Buracci si affida a colpi d’appoggio o a pallonetti  che, ben intuiti, portano ad una facile ricostruzione.

 

Di Redazione (del 21/10/2018 @ 16:26:54, in Comunicato Stampa, linkato 44 volte)

In molte occasioni abbiamo assistito all’incapacità di questa amministrazione nel saper cogliere le opportunità di intervento offerte dai vari finanziamenti a cui puntualmente i nostri progetti sono rimasti esclusi. In altre ancora abbiamo denunciato la perdita di parte della nostra centralità a causa di scelte insensate e mortificanti.

E’ questo il caso dei Concerti del Chiosto, evento concertistico di elevato spessore culturale e musicale seguito a livello locale da un pubblico numeroso ed a livello nazionale da appositi programmi della RAI che, dopo vent’anni,  dovrebbe passare nel comune di Soleto che sembrerebbe aver dato la propria disponibilità a sostenere la manifestazione.

Uno smacco pesantissimo per la nostra città che, sin dal 1998 in cui furono fondati i Concerti del Chiostro, ha sempre tratto beneficio da questa importante vetrina, valorizzando, sostenendo e facendo crescere, a prescindere dal colore politico delle varie amministrazione che si sono succedute, una delle ultime eccellenze del nostro territorio.

 

In occasione dell'iniziativa popolare "Educazione alla cittadinanza" firmata dall'Anci e a cui il Comune di Galatina ha aderito, con la presente si comunica l'allestimento di un banchetto per la sottoscrizione della suddetta proposta di legge. L'iniziativa avverrà nei pressi di Piazza Alighieri - domenica 21 ottobre dalle ore 11 alle ore 13.​

Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare.

Ufficio Stampa Marcello Amante

 

 

 

 

Mercoledì 17 ottobre si è svolta in piazza San Pietro e piazzetta Orsini la registrazione delle attività previste dalla partecipazione alla trasmissione televisiva di RAI 2 "MEZZOGIORNO IN FAMIGLIA".

Il tutto sarà trasmesso durante la diretta di domenica dalle ore 11,00 in cui sfideremo la Città di Castelsardo.

Ora diventa importante, attraverso il televoto, dare un grande appoggio alla squadra che rappresenta Galatina in diretta dagli studi RAI e che concorrerà, insieme agli altri che hanno registrato in precedenza.

Voglio condividere con tutti i protagonisti che hanno collaborato con l'associazione CITTA' NOSTRA i complimenti ricevuti sia dalla regista Monica Zaffarame che dalla conduttrice Eleonora Cortini per la qualità dell'organizzazione, la cura dei dettagli, la competenza dimostrata.

 

Di Redazione (del 20/10/2018 @ 14:56:54, in Comunicato Stampa, linkato 49 volte)

La prima delle nove trasferte in terra campana, in quel di Ottaviano, è un banco di prova a cui Efficienza Energia si approccia con un rodaggio minimale in alcuni elementi in ritardo di preparazione, ma con la consapevolezza dei propri mezzi nell’affrontare un avversario difficile ed ostico.

Ambedue le formazioni hanno bagnato l’esordio nella prima giornata con una vittoria da tre punti: la Gis Ottaviano ha sbancato Ischia (3-0),  mentre Efficienza Energia Galatina ha regolato con qualche piccola pausa la Normanna Aversa.

Queste sbavature, che nulla tolgono ai meriti di Buracci e compagni, analizzate dallo staff tecnico in settimana nei molteplici aspetti tattici, non dovranno riproporsi sabato 20 ottobre al PalaGis  di Ottaviano, dove il gruppo di mister Stomeo troverà un ambiente rumorosamente molto caldo, ma corretto.

La miglior risposta è calarsi subito in partita leggendo attentamente la distribuzione di Antonio Libraro che armerà da posto quattro il fratello Enrico e Guancia , da posto due il suo opposto Scialò e dal centro Bonina e Giacobelli.

 

Di Redazione (del 18/10/2018 @ 18:55:54, in Comunicato Stampa, linkato 1528 volte)

Giovedì 25 ottobre alle ore 18:00 si celebrerà la Ss. Messa in ricordo di Deborah De Lorenzis nella Parrochia San Michele Arcangelo di Noha.

A seguire una fiaccolata in suo ricordo.

Gli Amici

 

 

 

 

Di Redazione (del 18/10/2018 @ 18:54:40, in Comunicato Stampa, linkato 59 volte)

Una vittoria da tre punti, meritata e di carattere, per i ragazzi di mister Stomeo seppur con qualche incertezza nel primo e quarto set che poteva pregiudicare l’andamento della gara.

Nonostante una lenta carburazione in distribuzione e negli attacchi da posto due e quattro, facilmente leggibili per la prima linea aversana, il costante vantaggio nel punteggio(+5 ) sembra spianare la strada per l’acquisizione della prima frazione.

Invece il cambio operato dal tecnico campano, Fasulo per il mancino Mugnolo, sovverte il trend e si giunge ai vantaggi che premiano gli ospiti per 27-25.

 

Di Antonio Mellone (del 16/10/2018 @ 14:08:37, in NohaBlog, linkato 253 volte)

E così una sera di fine estate decidi di rinunciare a una delle tue uscite con amici e amicie, per trascorrerla in compagnia di suor Orsolina D’Acquarica e di altri sulla bella terrazza di Marcello (il fratello della sorella), da cui si domina Noha e il suo skyline.

Lei, alla fine della cena (una frisella al pomodoro), sta mangiando una mela; te ne offre uno spicchio perché “se mangi da solo rischi di ingozzarti”.

Hai davanti a te, dunque, la “Madre Teresa” di Noha, con la differenza, rispetto a quella di Calcutta buonanima, che questa donna non è conosciuta dai Media Mainstream, non  ha vinto il Nobel, non viaggia in prima classe e in Superjet, e forse mai ne produrranno in Cina l’effigie in serie da comò. Ne ha però in comune il fisico minuto e l’altezza (stavo per dire la statura), tanto che per rientrare entrambi nelle foto a corredo di queste righe io ho dovuto piegare un po’ le ginocchia mentre lei s’è dovuta alzare sulle punte dei piedi: ciò non toglie che nella suddetta istantanea il gigante è lei, il lillipuziano il sottoscritto.

 Suor Orsolina, al secolo Maria Annunziata, ottantaquattro estati addosso, e un numero di chilometri che tende a infinito (in più sensi), con il suo eloquio fluente ti parla della sua vita, della decisione di farsi suora (“Rifarei cento volte la medesima scelta di vita.”), e delle sue missioni in terre tutt’altro che comode, come invece sarebbero quelle di più antica anagrafe cristiana.

 

 

 

Il Meteo Nohano
...
Noha T min T max Vento Prob. Precipitaz. [%]

A Noha esiste lo Scjakù...

La struttura della vecchia scuola elementare di Noha è stata inaugurata e subito chiusa da:

Categorie News


Catalogati per mese:


Gli interventi più cliccati

Sondaggi


Info


Quanti siamo

Ci sono  persone collegate

Seguici sui Canali di

facebook Twitter YouTube Google Buzz

NOHINONDAZIONI

Calendario

< ottobre 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
11
12
13
14
17
19
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
       
             

Meteo

Previsioni del Tempo

La Raccolta Differenziata