\\ Home Page : Pubblicazioni
Di seguito gli articoli e le fotografie pubblicati nella giornata richiesta.
 
 
Articoli del 07/01/2020

Di Raimondo Rodia (pubblicato @ 21:02:17 in NohaBlog, linkato 615 volte)

Era da molto tempo che volevo raccontare lo stemma di Noha, tra i più originali e particolari tra i tanti presenti in terra d'Otranto, con simboli che secondo me hanno poco a che fare con la storia del luogo. Allora passiamo a descrivere direttamente lo stemma iniziando proprio dalle tre torri che rivedo nell'affresco della basilica di Santa Caterina della " Pentecoste " presente nel deambulatorio di destra, dove cinquanta giorni dopo la Pasqua si vede lo Spirito Santo discendere su Maria ed intorno a lei i dodici apostoli ed alle sue spalle le tre torri che come nel nostro stemma rappresentano la Maria moglie e non madre come raccontato in molti vangeli apocrifi. Sono proprio le tre torri a rappresentare Maria Maddalena o di Magdala traduzione di " Torre " sia in aramaico, che in ebraico. Migdal era un paese sulle sponde del lago di Tiberiade conosciuta anche come Genezaret.  Noha è un sito archeologico, che conserva questo toponimo da tempo immemorabile.

Noha era uno snodo cruciale di una strada che in epoca pre-romana collegava San Cataldo, sul mare Adriatico, a Torre San Giovanni, sul Mare Ionio. Che è come dire Felline, o meglio, il porto di Felline chiamato Posto Rosso a ricordare le origini Fenicie. Se Magdala significa " Torre " il nome Maria potrebbe significare “ribelle”, “amara” o “forte”, ma anche “colei che si innalza” o che “è innalzata” oppure ancora “profetessa” o “Signora”. La tradizione cristiana di San Gerolamo la fa derivare dall'ebraico “mar yam” (goccia di mare), in latino Stella maris, “stella del mare”, con cui viene pure indicata la madre di Gesù, chiamata Maria Vergine. Stella Maris era pure il nome di una nave templare che solcava la rotta di “Ofiuco”, legata alla storia oppure alla leggenda come molti ritengono delle sette sorelle, alle quali si deve collegare la fondazione dell’Ordine delle sorelle di Maria Maddalena (anno 1224), ad opera del Cavaliere Templare Rodolfo di Worms.

Quindi nello stemma di Noha ritroviamo la torre ad indicare Magdala la Maddalena che rappresenta in alcuni racconti gnostici le varie dee tipicamente rappresentative dell'amore di tipo sessuale come Ishtar, Astarthe, Afrodite o Venere che hanno come parallelo la figura dell'Immacolata concezione con la falce di luna sotto i piedi. Proprio qui a Noha all'interno della stessa matrice lo stemma che troviamo all'esterno fu ripreso da quello esistente sull'organo a canne, che si presume sia del 1723, costruito insieme all'altare maggiore  dall'allora arciprete di Noha Don Nicola Antonio Soli. Di quel periodo anche il quadro dell'Immacolata concezione che custodisce un particolare piccolo, ma significativo, che ho voluto ingrandire ed immortalare nella foto si tratta di una sirena con due code.

Da sempre l’uomo ha trovato nei simboli sessuali degli elementi apotropaici forti e capaci di allontanare le forze maligne ed assicurare, ad una famiglia, alla costruzione di una casa, di una città, per ottenere fertilità, procreazione e rinascita. Da qui l’usanza di rappresentare queste strane forme ed oggetti sessuali su luoghi di culto nelle altre foto alcuni esempi vi sono in due chiese di Galatina, presenti nel centro storico a pochi metri uno dall’altra S. Luigi e la chiesa della SS. Trinità meglio conosciuta come quella dei Battenti. Questi simboli, ben lungi da esser gesti osceni e blasfemi, vennero nel tempo esorcizzati dalla Chiesa che le collegò al peccato universale, ma questi simboli altro non erano che il ricordo di culti millennari e rituali antichi mai scomparsi e fin troppo radicati nella tradizione popolare. In realtà la tradizione vuole l’ostentazione di tali simboli legati agli organi genitali maschili e femminili presenti sulle mura dei palazzi o luoghi sacri. Numerosi i casi di ostentazione dell’organo sessuale femminile, vi sono infatti molte chiese romaniche e gotiche dove su capitelli, e bassorilievi, sono raffigurate figure femminili che, con le mani, divaricano le gambe mostrando così la vulva, simili raffigurazioni le troviamo ad esempio nella cattedrale di Otranto, dove la nostra sirena con due code si trova tra i sedici tondi del presbiterio accanto a Re Salomone.

Quindi ricapitolando il tutto nello stemma di Noha si ricorda con le tre torri Maria di Magdala ( torre ) il mare in tempesta l'arrivo della Maddalena in occidente via mare ma anche ricordare le antiche origini del luogo che potrebbero essere fenicie, lo stesso nome Noha potrebbe derivare da origini semitiche o cananee. Infine fuori dallo stemma a completare l'opera un rametto di quercia a destra, che piantato accanto ad una fonte proteggeva dalla siccità. La quercia sacra a Giove, era una tra le piante di buon auspicio, simbolo di virtù, forza, coraggio, dignità e perseveranza. A sinistra invece un rametto di arancio da sempre simbolo di purezza, felicità, prosperità e abbondanza non a caso simbolo eterno i suoi fiori nel matrimonio, entrambi i rametti legati con un fiocco che forma un otto coricato simbolo dell'Infinito. Interrompo qua ma vi assicuro che c'è tanto ancora da scoprire e spero di aver dato un piccolo contributo anch'io a svelare il mistero che si cela nello stemma di Noha.

Raimondo Rodia 

 

* La foto in bianconero contenente l'altare maggiore non più esistente dal 1970 proviene dall'archivio personale di Marcello D'Acquarica.

* Le notizie dell'organo a canne del XVIII secolo con la presenza del primo stemma comunale e dell'arciprete Soli provengono dal libretto : Curiosità sugli arcipreti e persone di chiesa a Noha di  padre Francesco D'Acquarica edito da l'Osservatore Nohano.

 
Di Redazione (pubblicato @ 20:45:55 in Comunicato Stampa, linkato 115 volte)

Riprendono gli impegni sportivi in casa Showy Boys dopo la pausa per le festività. Nonostante lo stop forzato nel campionato regionale e nei tornei di categoria, la prima squadra ed i gruppi giovanili hanno continuato a svolgere le sedute di allenamento senza sosta e agli ordini dei rispettivi tecnici. Mister Nuzzo ha concesso il riposo ai suoi ragazzi solo in concomitanza del Natale, Capodanno ed Epifania, chiedendo un ulteriore impegno in vista delle prossime gare che chiuderanno il girone di andata del campionato di serie D.

“Sono soddisfatto della risposta avuta dalla squadra nella programmazione dei giorni di allenamento – dichiara l’allenatore Gianluca Nuzzo – lavorare in palestra in occasione delle festività non è semplice, ma i ragazzi hanno dato prova di maturità mettendosi a disposizione e facendo grossi sacrifici. D’altronde, i risultati si ottengono solo con il sacrificio e la consapevolezza che occorre mantenere un alto standard di lavoro – aggiunge il tecnico – questi giorni hanno permesso ai singoli atleti di svolgere una preparazione mirata, come nel caso dell’opposto Donno ritornato in campo dopo l’infortunio che lo ha tenuto fermo dall’inizio della stagione”.

L’attività della Scuola Volley è continuata anche per i gruppi giovanili del settore maschile e femminile che, da questa settimana, sono chiamati ad affrontare le prime gare federali del nuovo anno.

www.showyboys.com

 

Italia Viva Galatina intende porre una questione rilevante per la sicurezza sanitaria delle persone che afferiscono all'ospedale Santa Caterina Novella. Da diversi anni è chiaro che il piano di riordino ospedaliero deve essere effettuato e portato a compimento. Chiediamo una migliore gestione di questo delicato momento che dura ormai da mesi, da anni. Serve molta più competenza organizzativa. Chiediamo di non per tenere conto delle pressioni personali dei vari soggetti coinvolti (scelta che potrebbe risultare  campanilistica), chiediamo di porre al centro dell’interesse pubblico solo il merito. Il riordino ospedaliero deve essere effettuato evitando di mettere in pericolo la sicurezza sanitaria delle persone che continuano ad avere come punto di riferimento il Presidio Ospedaliero di Galatina. Purtroppo, continuiamo a vedere medici che lavorano in stato emergenziale al limite del rispetto dei basilari sistemi di sicurezza. Sono tutti sotto stress e i pazienti avvertono un disagio non più tollerabile.

I decisori politici ripetono da tempo che i reparti non verranno depotenziati fino a quando non verrà organizzato un servizio ottimale in altro Ospedale che possa sostituire il reparto da chiudere. Osserviamo con rammarico che tutto questo non avviene. Il Reparto di Gastroenterologia del PO di Galatina, fino a qualche anno fa fiore all'occhiello della sanitá provinciale, è in chiusura e lo sappiamo. Ma quello che ancora oggi non è chiaro è dove dovranno curarsi i pazienti visto che l’organizzazione di un futuro reparto di Gastroeneterologia all'ospedale Vito Fazzi è assolutamente in alto mare.  La gestione dell'attuazione del piano di riordino ospedaliero ci appare schizofrenica e gestita male con conseguenze per le persone più deboli che si affidano a reparti depotenziati, anche se non chiusi definitivamente,  svuotati di personale e delle relative apparecchiature. Logica e buon senso vuole che un reparto o funziona correttamente o non ha motivo di rimanere in funzione.

Molti pazienti cronici che a Galatina si sottopongono a terapie complesse perdono la fiducia necessaria a frequentare il reparto e non avendo più certezza di seguire il trattamento previsto dal protocollo di somministrazione dei farmaci tendono ad andare altrove. Molte volte anche fuori Regione. Infatti il numero dei cittadini pugliesi che si curano fuori regione è nettamente maggiore del numero dei pochi pazienti che da fuori regione decidono di curarsi in Puglia. Questo significa che i pugliesi (e non solo) non sempre si fidano degli ospedali presenti sul territorio e non certamente perchè all’interno non ci siano professionisti qualificati ma per i numerosi, frequenti e continui disservizi. Ad oggi i pazienti non vengono informati circa il futuro terapeutico che la sanità pubblica ha immaginato e soprattutto in quale Ospedale si troverà l’efficienza organizzativa necessaria a gestirli. Chi ne fa le spese sono  i soggetti più deboli socialmente.

E’ un’emergenza da risolvere immediatamente per garantire la funzionalità dei reparti ancora attivi. Oramai e sempre più spesso, i pazienti si allontanano dalla Puglia per ricevere un’assistenza adeguata. Ricordiamoci che andare fuori Regione a curarsi pesa sul bilancio della Sanità Pugliese che si troverà a pagare i costi delle cure. Per non parlare dei costi diretti affrontati dai cittadini pugliesi per trasporto, vitto e alloggio.

La realtà sanitaria anche galatinese risulta di fatto poco rassicurante e Italia Viva Galatina chiede efficienza nei fatti evitando promesse e proclami, che soprattutto in fase di campagna elettorale,  possono risultare del tutto vuote  e strumentali.

Sino ad oggi gli sforzi per un efficiente ed efficace Piano di Riordino sembrano non aver dato ancora i risultati sperati.

ITALIA VIVA GALATINA

 

Fotografie del 07/01/2020

Nessuna fotografia trovata.

"Salviamo gli Ulivi Secolari"...

La struttura della vecchia scuola elementare di Noha è stata inaugurata e subito chiusa da:

Categorie News


Catalogati per mese:


Gli interventi più cliccati

Sondaggi


Info


Quanti siamo

Ci sono  persone collegate

Seguici sui Canali di

facebook Twitter YouTube Google Buzz

NOHINONDAZIONI

Calendario

< gennaio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
11
12
14
16
17
19
20
22
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             

Meteo

Previsioni del Tempo

La Raccolta Differenziata