Di Antonio Mellone (del 21/12/2021 @ 20:57:11, in NohaBlog, linkato 490 volte)

Avete presente Dante Alighieri, quel signore dal naso adunco che ha fatto finta di morire giusto settecento anni fa? Ebbene, non immaginate quanto mi siano di conforto le sue parole architettate nel mezzo del cammin di sua vita alla luce della messinscena corrente, che dico, isteria collettiva e imperterrita, nella quale, se solo osi alzare ciglio o storcere il muso professandoti un pizzico scettico nei confronti dell’informazione monocorde, vieni tacciato di apostasia, incriminato di mendacio, e condannato senz’appello all’ostracismo.

Ebbene, come asseriva quello, in quest’epoca di pazzi ci mancavano gli idioti dell’orrore, dico di chi considera le ideologie (cioè i sistemi di pensiero, rappresentazioni e valori essenziali all’elaborazione di teorie e politiche) ormai come una granata pronta a esplodere, e dunque da disinnescare urgentemente al fine di ricondurre tutti nel recinto perentorio e inclusivo di realismo e pragmatismo, sviluppo-resilienza-e-ripresa, lauree Stem e specializzazione estrema (e maisia se parli di guerre puniche), e finalmente di scienza cui sciogliere, fedele, inni e canti.

Ma ora, liberati da certi sillogismi, smettendo di ragionar di loro, proviamo a trasumanar alla volta del Paradiso.

Siamo nel XXXIII canto della Divina Commedia, l’ultimo di cento, quello nel quale il Poeta - grazie alle preghiere di San Bernardo di Chiaravalle (e degli altri beati) rivolte alla “Vergine Madre, figlia del suo Figlio” - ottiene la grazia di vedere Dio e di penetrare nei misteri della Verginità di Maria, dell’Ubiquità del Creatore nel suo creato, della Trinità, e infine dell’Incarnazione. In summa, un vero e proprio trattato di teologia in endecasillabi e rime.

Ora, ai suddetti quattro misteri se ne aggiunge un quinto: quello della mia diciamo silhouette che, vi giuro, è sempre la solita che si definirebbe asciutta, benché in questo video appaia, come dire, alquanto impinguata (né si tratta invero di ipertrofia del mio apparato muscolare dovuto a palestre o piscine: ché io avrei già enormi problemi con la cultura, figuriamoci col culturismo).

Ma l’arcano è subito disvelato: colpa o dolo del cardigan sottogiacca bigio, ormai obsoleto, infeltrito e ridotto ai minimi termini dopo gli innumerevoli lavaggi (a mano) da parte della regina madre: da qui l’effetto elastocompressivo del tronco.

Replichereste che avrei potuto indossare qualcos’altro di meno indecoroso prima delle riprese. E pensate voi che ne abbia avuto il tempo? Macché, neanche quello di cambiare gli scarponi da pioggia che non sono il massimo per la pedaliera di un organo a canne, né di radermi la barba di un giorno (più antiestetica, si sa, rispetto a quella di due), e men che meno di guardarmi propedeuticamente in uno specchio (dato che la chiesa madre di Noha ne è sprovvista da sempre).

 
Di Redazione (del 21/12/2021 @ 20:54:04, in Comunicato Stampa, linkato 106 volte)

Il 23 DICEMBRE alle ore 20,45 andrà in scena l'emozionante opera di Dickens "CANTO DI NATALE" (A Christmas Carol), una delle storie più commuoventi sul Natale.
I formidabili attori di Alibi teatro si esibiranno in un suggestivo recital musicato dal vivo.

Per le ben note ragioni dettate dal Covid l'accesso è consentito solo con prenotazione sino ad esaurimento posti ai soci Arci muniti di green pass e mascherina.

 
Di Michele Scalese (del 21/12/2021 @ 20:48:43, in Comunicato Stampa, linkato 85 volte)

Circolo PD Noha

 
Di Redazione (del 21/12/2021 @ 20:47:03, in Comunicato Stampa, linkato 96 volte)

L’ultimo Consiglio Comunale ha sancito la rottura della maggioranza che governa la nostra città. La posizione assunta dal consigliere Dott. Alessio Prastano sui debiti fuori bilancio è la dimostrazione che una maggioranza che sino ad ora sembrava granitica, non lo è più. Perdendo l’unico punto d’orgoglio del Sindaco Marcello Amante, che in più occasioni si è vantato della compattezza della sua maggioranza, a differenza delle esperienze precedenti. 

E poiché la percezione di una città è la risultanza della percezione del suo Sindaco, siamo preoccupati che inattività, galleggiamento e indolenza siano le uniche caratteristiche a contraddistinguere questi anni di amministrazione a guida Amante.
Dunque, Marcello Amante, nonostante il patetico tentativo di minimizzare questo episodio in consiglio comunale, deve prendere atto del fallimento del suo progetto amministrativo, verificare se è un caso isolato, e tirare finalmente le somme, consegnando ai cittadini il suo mandato elettorale. Sarebbe un atto di dignità.

 

“Esiste una fase della vita in cui è necessario assumersi doveri. E questa fase è adesso”. Si presenta così Fabio Vergine alla Città di Galatina.

L’imprenditore, già docente universitario, ha voluto incontrare la sua comunità in una piazza gremita da amici, sostenitori e alcuni cittadini curiosi che non avevano ancora avuto il modo di conoscerlo.

Il discorso è stato snello, asciutto, caratterizzato da linee verticali e orizzontali a disegnare il quadro dei prossimi mesi, probabilmente più di metodo che di merito ma con una piccola nota autobiografica iniziale in cui ha raccontato la vita, sua e della sua famiglia, legata a Galatina.

Si è parlato di Galatina Spazio Aperto, il contenitore socio culturale che rappresenta la partenza di questo impegno collettivo non solo di Vergine, ma di tantissimi volti noti presenti in piazza e provenienti dalle professioni, dalle imprese, dall’artigianato, dalle scuole, dalla vita vera della città.

Vergine ha un obiettivo ben chiaro: “Costringere tutti a parlare di Galatina, soprattutto al di fuori delle mura cittadine”.

 
Di Marcello D'Acquarica (del 20/12/2021 @ 13:19:21, in Comunicato Stampa, linkato 100 volte)
Durante questa bella mattinata pre-natalizia, di domenicà 19 dicembre, tanti dei nostri volontari venuti da tutta la provincia e tante nuove persone si sono prodigate per questa raccolta di mozziconi, organizzata non tanto per la pulizia in sè, seppur utile, ma per focalizzare l'attenzione della popolazione sulla pericolosità di un gesto così consueto quanto incivile e dannoso per l'ambiente, specie quando questo avviene in luoghi dalla naturalità più elevata rispetto ad un affollato centro storico.
11 kg di cicche raccolti in poco più di un'ora di passeggiata, che considerando il peso medio di 0,3 g a cicca fanno oltre 30.000 mozziconi in un'area di poche migliaia di metri quadri, considerando che questi luoghi sono puliti molto spesso sia dal pubblico che dal privato, questo numero fa veramente rabbrividire
"A livello mondiale, si stima che il numero di cicche disperse ogni anno in natura ammonti a 4 500 miliardi, un'altissima percentuale (tra il 75 e il 97%) di quelle effettivamente fumate. In Italia, valutazioni dell'ENEA stimano in 13.000 tonnellate il peso di mozziconi prodotti ogni anno. Il tempo di latenza in natura, prima che si completi la decomposizione, varia da sei mesi a una dozzina di anni, a seconda delle condizioni ambientali e a seconda del tipo di sigaretta (senza filtro o con filtro)"
Fonti:
 
A questo aggiungiamo che con il termine "decomposizione", si indica il loro degrado in parti microscopiche, che è anche peggio, perchè il tutto andrà a percolare nei terreni e nella falda, e quindi come sempre, dentro di noi, e si parla di sostanze altamente inquinanti, come i metalli pesanti.

 
Di Redazione (del 20/12/2021 @ 13:16:05, in Comunicato Stampa, linkato 100 volte)

Si sperava in uno scatto d’orgoglio, in un risveglio responsabile, in una presa d’atto per una situazione così disastrosa e bisognevole di interventi urgenti. Invece il nulla!

Nessuna reazione, nessun commento, nessun cenno di scuse alla comunità. Eppure, ne hanno parlato Rai3 Puglia, con un ampio servizio, i giornali quotidiani locali, in migliaia hanno letto e commentato la denuncia riportata sui giornali online (il direttore di una piattaforma ha fatto notare che il numeratore ha superato i 12.000 click, tanti hanno aperto la pagina, un record invidiabile). Chi è rimasto impassibile il sindaco di Galatina, il dr. Marcello Amante. Lo stato di colpevole abbandono del Cimitero Collemeto – Santa Barbara, è un problema di cui è meglio stare lontani.

L’apertura quotidiana delle pagine dell’Albo Pretorio comunale, non riscontra alcun intervento programmato; sarebbe stata opportuna una discussione nella prima seduta del Consiglio Comunale. Invece, anche qui il nulla! L’assise cittadina è stata  convocata per martedì 21 dicembre, ma, nell’ordine del giorno non c’è traccia del problema. Scavare tra le interrogazioni non  è possibile, seguiremo con attenzione (sul sito della polizia locale che trasmette in diretta) i lavori e gli interventi dei consiglieri.

Marcello Amante, come succede ormai da diversi mesi, anche questa volta, ha affidato all’Assessora ai Lavori Pubblici l’impacchettamento di una risposta: risposta vaga, un bla bla bla “ncerfignatu”, il problema è alla nostra attenzione, lo stiamo monitorando, faremo uno studio di fattibilità, gli Uffici sono impegnati ad elaborare un progetto di ristrutturazione complessiva, per i nuovi loculi la soluzione è alla portata di mano.

 
Di Albino Campa (del 18/12/2021 @ 11:50:13, in TeleNoha , linkato 369 volte)

Il servizio sul presepe realizzato nella chiesa di San Michele Arcangelo di Noha andato in onda nella trasmissione Terre del Salento il 17-12-2021

 

Il Sindaco, con ordinanza n. 61\2021, facendo proprie le direttive del Ministero della Salute, al fine di limitare il diffondersi dei contagi, ha intimato l’obbligo di rispettare le norme di distanziamento, di indossare la mascherina nei luoghi pubblici, in particolare in alcune strade del centro e nell’area del mercato del giovedì.

Le nuove direttive sono entrate in vigore giovedì 16 dicembre, saranno valide per tutte le festività di fine anno, e sino a giovedì 6 gennaio 2022, giorno dell’Epifania. Ai controlli sono delegate le forze dell’ordine e i vigili urbani.

Sono interessate: il centro storico a traffico limitato, Piazza Alighieri,  Via Principessa Iolanda, le piazze dove sono presenti aree per giochi dei bambini, l’area del mercato settimanale.

Il Partito Democratico condivide i contenuti dell’ordinanza, un atto dovuto e necessario per contrastare il diffondersi della pandemia, che a Galatina non frena la sua marcia. Il bollettino epidemiologico odierno dell’ASL leccese conferma questa tendenza. Negli ultimi 15 giorni, i contagi nella nostra città sono aumentati del 70 per cento, passando dai 20 del bollettino 3 dicembre agli attuali 62, con un incremento di ben 42 casi e un tasso di positività del 2,3 per cento, contro lo 0,8 precedente, mentre rimane quasi inalterato il numero delle persone vaccinate:  21.227, poco sopra l’80 per cento, ciò vuol dire che circa 7.500 nostri concittadini non hanno ricevuto nemmeno la prima dose. Anche tra noi c’è uno zoccolo duro di “no al vaccino”.

Una domanda sorge spontanea: - Sarà rivisto il fitto programma natalizio e di fine anno comunicato alla città qualche giorno fa?

L’elenco delle iniziative è molto lungo: Terra dei piccoli ETS, Compagnia teste di Legno, Wold Diego Eventi, Balla per Me, Notti bollenti, La via dei rosoni, Villaggio di Babbo Natale, Laboratori vari e concerti nelle chiese di Galatina e delle Frazioni. Anche in questi luoghi valgono le norme dell’ordinanza sindacale?

 

L'Inferno al Castello di Noha...

Categorie News


Catalogati per mese:


Gli interventi più cliccati

Sondaggi


Info


Quanti siamo

Ci sono  persone collegate

Seguici sui Canali di

facebook Twitter YouTube Google Buzz

NOHINONDAZIONI

Calendario

< gennaio 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
15
16
17
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Meteo

Previsioni del Tempo