\\ Home Page : Articolo
SOLENNITÀ DI PENTECOSTE 2011 - OMELIA
Di Albino Campa (del 17/06/2011 @ 09:44:31, in Un'altra chiesa, linkato 2573 volte)

Genova 12 giugno 2011 - Oggi non mi dilungo per due motivi: avete i fogli che sono un vero studio sulla festa di oggi e che potete leggere tranquillamente, seduti in poltrona, per aumentare la vostra cultura e, se volete, anche la vostra spiritualità. Sono consapevole del lavoro perché l’ho fatto io e so di cosa parlo. Sappiate che que-sto materiale in questo momento sta girando per tutto il mondo e in molti paesi è usato sia nella liturgia, sia come studio di formazione. L’altro motivo di brevità lo trovate sulla Repubblica di oggi [v. sotto articolo allegato] , dove faccio una brevissima omelia sul rapporto Pentecoste, Spirito Santo e Referendum. Oggi desidero solo mettere in evidenza telegrafica alcuni concetti essenziali della solennità di oggi. Il primo pensiero è la festa di Pentecoste stessa. Pentecoste da greco significa «cinquanta giorni» e si rife-risce al tempo che intercorre tra il passaggio del Mare Rosso e l’arrivo al Monte Sinai: una massa di schiavi scappa dall’oppressione di un faraone e si butta in mare e nel deserto perché la libertà è più forte di qualsiasi altra necessità. Al monte Sinai arriva una massa di disperati aspiranti suicidi, senza arte né parte. Là, sotto la guida di Mosè questa massa anonima diventa popolo e nazione con la prospettiva di un futuro che si chiama terra promessa. Ai piedi del Sinai, Israele diventa il popolo di Dio perché riceve la sua identità nella Toràh, che per comodità chiamiamo «Legge». La Legge è il fondamento del diritto e della dignità di un popolo, la chiave che garantisce le relazioni sociali all’interno e all’esterno nel rapporto con gli altri popoli. Israele riceve l’ordine da Dio di accogliere gli stranieri come parte di sé, fino al punto di farli partecipare alla celebrazione della Pasqua. Nel 2° millennio a. C. il popolo di Israele aveva come condottiero Mosè, nel 3° Millennio d. C. il popolo d’Italia, per opera dei cattolici, ha come presidente del consiglio Berlusconi. Mosè è il profeta che consegna la Legge di libertà; Berlusconi è il corrotto che corrompe ogni legge per restare delinquente impunito. Bel progresso abbiamo fatto! In questo degrado, dalla cima del Sinai all’abisso del berlusconismo, virus letale per la società, merito privilegiato spetta alla gerarchia cattolica che invece di salire sul monte di Dio, ha preferito sedersi ai piedi di un immondo immorale, accettando da lui briciole di favori al prezzo di restare schiavi della sua malattia e della sua delinquenza. Complici e còrrei, vescovi, preti e cattolici devono rendere conto a Dio di essersi venduti ad un faraone da strapazzo che ha svuotato la spiritualità di un popolo sostituendola con l’illegalità come norma. Il secondo pensiero di Pentecoste è l’universalità: oggi tutti i popoli per i credenti acquistano la dignità di essere figli di Dio e cittadini del mondo: a Pentecoste lo Spirito viene dato a tutti i popoli della terra. Abbiamo letto nella prima lettura di oggi: c’erano a Gerusalemme «di ogni nazione che è sotto il cielo … 9 Siamo Parti, Medi, Elamìti; abitanti della Mesopotamia, della Giudea e della Cappadòcia, del Ponto e dell’Asia, 10 della Frigia e della Panfìlia, dell’Egitto e delle parti della Libia vicino a Cirene, Romani qui residenti, Giudei e proséliti, Cretesi e Arabi» (At 2,5-10). Questo avveniva nell’anno 30 del sec. I d. C. Dopo oltre 2000 anni da quell’evento, i cattolici e i cristiani che siedono anche al governo, sono xenòfobi e responsabili delle morti di migliaia di persone nel Mare Mediterraneo, che da Mare Rosso verso la libertà hanno trasformato in inferno di morte. Il terzo pensiero è lo scenario che accompagna la Pentecoste che è il contro altare della torre di Babele. A Babilonia, l’umanità ha sfidato il cielo perché voleva essere come Dio e dalla quella prevaricazione spavalda nacque la distruzione del pianeta: le lingue si confusero, la comunicazione divenne impossibile, la collaborazione si trasformò in conflitto e violenza. A Pentecoste la dispersione e l’incomprensione diventano unità e dialogo, anzi preghiera comune di un unico Dio, sorgente di convergenza per tutti coloro che sono attenti a cogliere la Parola di Dio. Questo evento è accompagnato da tuoni, vento e fuoco, quasi a dire che la natura tutta partecipa del Dio che si manifesta all’umanità senza confini. Oggi la presunzione degli uomini e la spudorata ingordigia di una minoranza, appoggiata dalla peggiore specie di politici senza dignità ed etica, vogliono trasformare l’acqua bene primario e fondamentale di esistenza in merce di guadagno; non solo, ma pur di accumulare ad ogni costo, non esitano a costruire centrali di fuoco che, allo stato attuale, non possono essere governati in sicurezza. Il fuoco di Pentecoste libera il vento della vita e della fraternità; mentre il fuoco del nucleare uccide gli uomini e contamina la natura per oltre 200 mila anni. A Pentecoste soffia il vento della vita, che vive di acqua, di energia pulita e di giustizia; nella Babele del berlusconismo domina l’interesse, la depravazione, l’odio, la falsità e la religione di convenienza. In nome dello Spirito di Pentecoste, noi possiamo e dobbiamo fermare questo malato, narcisista patologico, pericoloso per tutti. L’ultimo pensiero va alla musica come espressione somma di cultura e di spiritualità per un popolo. Pur con grandi sacrifici, mio fratello ed io, abbiamo voluto continuare le attività di San Torpete, in modo speciale i concerti per stima e rispetto verso di voi che li frequentate con amore e fedeltà. Davanti a voi, donne e uomini, noi ci inchiniamo con stima e deferenza. In un tempo di aridità, è importante resistere sugli spalti del sapere e della cultura perché qualsiasi crisi non si risolve solo con più lavoro, più pane e più acqua, ma anche con più cultura, più sapere, più laicità, più pensiero e più letteratura. La presenza della nostra Cappella Musicale di cui andiamo orgogliosi e che condividiamo con la Scuola Musicale Giuseppe Conte, e diretta dal M°. Luca Franco Ferrari, è per noi motivo di coraggio e di speranza per il futuro. La presenza di Alessandra Vavasori che ci regala questa potente Messa ci incita ancora di più a cercare e a trovare il meglio e il sublime della Bellezza perché la musica è il linguaggio degli angeli. A voi tutti: siate orgogliosi di essere voi stessi perché oggi io, Paolo prete, vi annuncio che lo Spirito Santo è già in voi e vi genera cre-ature nuove, figlie di un mondo nuovo che è già cominciato con il voto dei referendum di oggi e di domani.

 

Paolo Farinella

Parrocchia San Torpete - Genova 

 

Commenti

Nessun commento trovato.

Lascia un messaggio

Testo (max 2000 caratteri)

Smile arrabbiato Smile assonnato Smile bacio Smile diavolo Smile linguaccia Smile morto Smile occhiali Smile occhiolino Smile risatona Smile sorriso Smile timido Smile triste


Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

"Salviamo gli Ulivi Secolari"...

Categorie News


Catalogati per mese:


Gli interventi più cliccati

Sondaggi


Info


Quanti siamo

Ci sono  persone collegate

Seguici sui Canali di

facebook Twitter YouTube Google Buzz

NOHINONDAZIONI

Calendario

< aprile 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             

Meteo

Previsioni del Tempo