\\ Home Page : Pubblicazioni
Di seguito gli articoli e le fotografie pubblicati nella giornata richiesta.
 
 
Articoli del 06/03/2018

Eccoci giunti alla parte ottava della ricerca di P. Francesco D’Acquarica. In questa puntata si parla tra l’altro di due Sinodi diocesani, ai quali partecipò anche Noha con due sacerdoti.  

La redazione

 

CESARE BOVIO (verso il 1530 - 1583)

Vescovo di Nardò dal 1577 al 1583)

Dal 1577 al 1583 i Pontefici furono:

           Gregorio XIII (1502-1585)      Papa dal 1572 al 1585

          Sisto V (1521-1590)                Papa dal 1585 al 1590

           

            Arciprete di Noha:

            Don Salvatore Colafilippi (1550-1600), parroco  dal 1570 al 1600 circa.

 

            Cesare Bovio, fu eletto Vescovo di Nardò (il 14° della serie) da Gregorio XIII il 15 aprile del 1577. Era nato a Bologna verso il 1530 ma oriundo di Brindisi.

            Era specializzato in diritto civile ma specialmente nelle discipline ecclesiastiche che aveva appreso dal fratello Carlo (1522-1570), famoso Arcivescovo di Brindisi. Curò l’osservanza della disciplina ecclesiastica, la formazione dei chierici e di tutti gli addetti al culto, guidandoli all’onestà della vita.

            Appena giunse in diocesi, complimentandosi per il bene operato dal suo predecessore e dell’ottimo stato spirituale in cui la trovò, disse queste famose parole: Io trovo il terreno della mia diocesi ben governato, senza alcun’erba trista, di modo che non c’è bisogno d’altro che di ottima semenza.

 

            Nominò vicario generale Fabio Fornari, arcidiacono di Brindisi, suo nipote da parte materna e poi suo successore nel governo della diocesi. Secondo le indicazioni del Concilio di Trento (1545-1563) indisse il primo sinodo diocesano, che celebrò il 15 agosto 1577.

            In esso trattò delle chiese, della celebrazione dei divini misteri e delle Messe; della vita e dell’onestà dei chierici; degli arcipreti e dei rettori di chiese parrocchiali; delle norme da osservarsi nelle feste; dei Sacramenti del Battesimo, della Confermazione, della SS.ma Eucaristia, della Penitenza o Confessione, con l’elenco dei casi riservati e la forma di assoluzione da pronunziarsi uniformemente da tutti nelle confessioni ordinarie e l’altra di assoluzione generale da censure e da peccati, da usarsi in tempo di giubileo plenario, dell’Estrema Unzione, dell’Ordine e ‘Per quel che tocca la collatio di benefici, del Matrimonio; delli Maestri di scola et librari et de li libri che haran da visitare e quelli che haràn da tener per i Preti’.

            A questo primo sinodo vi presero parte tutti i rappresentanti della chiesa di Nardò e delle parrocchie della diocesi. Anche Noha fu presente.

            Di Nardò c’erano dunque 5 dignità, 20 canonici abati del capitolo cattedrale, 28 sacerdoti, 4 diaconi e 6 suddiaconi del clero; 11 abati dai conventi di Nardò e del resto della diocesi.

Erano inoltre presenti i 42 arcipreti seguenti col relativo clero:

Tabelle, Galatone, con 25 sacerdoti;

Copertino, con 39 sacerdoti, 3 diaconi, 2 suddiaconi e 10 chierici beneficiati;

Parabita, con 8 sacerdoti ed un diacono;

Racale, con 10 sacerdoti, 3 diaconi, 4 suddiaconi e 7 chierici beneficiati;

Casarano grande, con 5 sacerdoti;

Matino, con 4 sacerdoti e 2 diaconi;

Taviano con 3 sacerdoti ed un diacono;

Alliste, con un sacerdote, 2 diaconi ed un suddiacono;

Casarano piccolo, con un sacerdote;

Felline, con 3 sacerdoti, un diacono ed un suddiacono;

Collemeto, Tuglie, Fulcignano, Ugiarico, Carignano, Aradeo, con 3 sacerdoti;

Seclì, con 2 sacerdoti ed un diacono;

Noha, e Neviano con 2 sacerdoti.

 

            Noha partecipò dunque con due sacerdoti. Ormai la cittadina “Domus Novae” con le 13 chiese non esiste più: rimane un paesino con pochi abitanti con l’Arciprete e un vice parroco. Non ho trovato il nome di questo arciprete che ha partecipato al Sinodo, ma con molta probabilità fu lo stesso don Salvatore Colafilippi.

            Pur non avendo trovato particolare notizie su questo arciprete possiamo dire quanto segue.

            Il Colafilippi fu arciprete di Noha dal 1570 al 1600 per circa 30 anni. Probabilmente era nativo di Galatina ma residente a Noha.

            Nel 1563 era terminato il Concilio di Trento che aveva stabilito che in ogni parrocchia ci fossero i registri dei battezzati, dei morti e dei coniugati. Ma a Noha per ora tutto questo non c’è: si vede che il nostro arciprete non ha ancora preso coscienza delle disposizioni del Concilio di Trento, e passeranno più di cento anni prima di avere i primi registri (almeno quelli conservati) che sono del 1689.

            Durante il suo governo pastorale la chiesa basiliana di S. Teodoro, probabilmente danneggiata dai Turchi dopo il 1480, fu acquistata dal sig. Nicola Baldi, un affarista toscano ma residente a Galatina, assieme a tutta la proprietà terriera e venne inglobata nella masseria Colabaldi (1595). Stessa sorte seguirà il convento dei Basiliani.

            Il 9 aprile 1578 Cesare Bovio diede inizio alla visita pastorale della diocesi.  Ebbe come convisitatori Fabio Fornari, dottore nelle due leggi, Giovanni Francesco Nestore, dottore nelle due leggi, Leonardo Gaballo, cantore, gli abati Leonardo Trono e Giovanni Carlo Coluccia, dottore nelle due leggi, e Don Nicola Marziano, dottore nelle due leggi, sacerdote.

            Gli atti di questa visita, pervenuti sino a noi in buono stato di conservazione, sono molto importanti per le abbondanti notizie storiche che ci tramandano sia riguardo alle persone che alle condizioni della diocesi.

            Può essere utile conoscere lo schema del loro contenuto. Premessi i decreti generali di indizione della visita, inizia la relazione dettagliata della visita alle dignità, canonici, beneficiati e sacerdoti della città di Nardò, con la citazione delle varie bolle di ordinazione e del conferimento dei singoli benefici (A-4, ff. 3-108). Segue la relazione delle visite fatte nella cattedrale: alla custodia del SS.mo Sacramento (f. 117), alle sacre Reliquie (f. 119), al fonte battesimale (1. 119) alla sagrestia (f. 121); quindi vi è l’inventario di tutti gli arredi e di tutti i beni mobili della sagrestia con la descrizione e la provenienza di ciascuno: croci, incensieri, calici, pissidi, mitrie, pastorali, libri, campane, arredi ed oggetti preziosi vari (ff. 121-126); la descrizione dei beni, diritti ed oneri della mensa vescovile di Nardò; il sommario di ciò che dagli antichi scritti risulta intorno alla chiesa di Nardò e la serie dei vescovi (ff. 126-128); l’inventario di tutti i beni immobili: palazzo vescovile, censi in denaro, censi in cera, vigneti, oliveti, feudi di Fango, Parasceve o Santa Venerdia, Tabelle, Àrneo, le masserie Morroni, Donna Menga, Uomo morto, Schiavoni, Pendinello, feudo di Lucugnano, feudo di S. Nicola di Cigliano, terreno e feudo in Casarano, terreno in Taviano, in Racale ecc. (ff. 129-173); infine il sommario di tutte le scritture della chiesa cattedrale di Nardò e sua mensa vescovile (ff. 173-177).

            Si passa quindi alla visita del capitolo e del clero della cattedrale, che risultarono così composti: 5 dignità arcidiacono, preposito, cantore, tesoriere, arciprete, 20 canonici, 43 sacerdoti, 4 diaconi, 6 suddiaconi, 33 chierici minori, di cui 8 beneficiati. Vi sono poi alcune disposizioni sulla celebrazione dei divini offici, sui puntatori, sulle riunioni capitolati, sul diritto di voto nel capitolo, su alcune prescrizioni del concilio Trento e sul reddito della mensa capitolare. Completano gli atti l’inventario dei beni, dei redditi e dei diritti del capitolo, i diritti dei funerali capitolari e la visita alla prebenda dell’ arcidiaconato (ff. 149-196).

 

            Terminata la visita in Nardò il 27 giugno 1578, l’anno successivo la compì nelle parrocchie di Galatone, Copertino, Noha, Seclì, Neviano, Aradeo, Racale, Felline, Casarano grande e Taviano. Negli anni seguenti sino al 1582 continuò la visita nelle restanti parrocchie.

            Il 15 agosto 1579, celebrò il secondo sinodo diocesano, i cui atti si conservano nell’archivio.

Sicuramente vi partecipò anche il nostro arciprete, perché quella era la prassi.

           

Cesare Bovio, a sue spese, fece edificare in Copertino una chiesa ed un cenobio in onore di S. Maria della Grottella. Qui  si formò S. Giuseppe da Copertino, e affidò l’una e l’altro ai frati Minori Conventuali, riserbando a sé e  ai suoi successori la proprietà dell’edificio, di modo che, per significare l’obbedienza prestata annualmente al vescovo di Nardò, il guardiano ed il superiore del cenobio, presentavano al vescovo in una coppa d’argento le chiavi della chiesa e del chiostro, domandando la grazia di poter soggiornare ancora un altro anno.

           

Si deve alla cura ed alla saggezza lungimirante di Cesare Bovio la compilazione del registro di testamenti, lettere, bolle (Reg. instr. A-6), avendo fatto trascrivere in un sol volume tutte le bolle delle varie ordinazioni e conferimento di benefici presentategli durante la visita da dignità, canonici e sacerdoti. Sono così pervenute sino a noi un gran numero di bolle di conferimento di ordini sacri e di benefici ecclesiastici non soltanto dei vescovi di Nardò, predecessori del Bovio, ma anche di vicari capitolari della cattedrale e di vescovi di altre diocesi.

            L’episcopato di Cesare Bovio fu, purtroppo, assai breve, di soli sei anni: infatti nel mese di febbraio 1583, serenamente e santamente come visse, tra il compianto generale, si spense in Nardò. Fu sepolto in cattedrale nella cappella del SS.mo Sacramento, al lato destro.

            Alcuni anni dopo, nel 1619, durante l’episcopato di Girolamo De Franchis, sulla  sua tomba fu apposta questa epigrafe:

 

CESARE BOVIO

nobile bolognese oriundo di Brindisi

Vescovo di Nardò

peritissimo in diritto civile ed ecclesiastico

avendo migliorato il clero e il tempio

caro a tutti - pianto da tutti

morì l’anno del Signore 1583

sesto del suo episcopato

Girolamo De Franchis Vescovo di Nardò pose

l’anno del Signore 1619

 

Relazione con la chiesa di Noha

          Non è difficile rendersi conto che questo Vescovo si è preoccupato di tutta la diocesi ed ha avuto relazioni anche con la chiesa di Noha. Già abbiamo sottolineato che Noha partecipò al primo sinodo con due preti.

          Negli atti della visita pastorale alla diocesi del 1579 è descritta tutta la diocesi, e tra le terre e luoghi abitati, sotto il numero 14 c’è il casale di Noha. Come abbiamo già detto sopra, ormai non si parla più delle 13 chiese elencate nell’inventario del 1452. Si parla solo della chiesa parrocchiale che ora ha un unico altare, ai lati del quale c’erano le statue dei santi Pietro e Paolo. Poi il documento conclude:

          Tutte le Terre sopra elencate hanno la propria chiesa parrocchiale e il proprio parroco.

          Anche al secondo Sinodo (1579) Noha partecipò con i suoi Sacerdoti: era la prassi e la chiesa di Noha ovviamente era presente.

 

[continua]

P. Francesco D’Acquarica

 

Ai nostri concittadini, che nelle elezioni politiche di domenica 4 marzo, sono stati eletti in parlamento con il Movimento 5 Stelle, Leonardo Donno alla Camera dei Deputati  e Cataldo Dino Mininno al Senato della Repubblica, lo staff di Noha.it augura Buon lavoro.

 

 

 

 

ELEZIONE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI

Download PDF

 

ELEZIONE DEL SENATO DELLA REPUBBLICA

Download PDF

 

Il Comune di Galatina e il Comitato territoriale di Arci Lecce presentano "Storie di donne e di identità", un convegno per celebrare la Giornata internazionale della donna, in programma giovedì 8 marzo, ore 10.00, presso la sala Celestino Contaldo del Palazzo della Cultura.

L'incontro vedrà la partecipazione delle quarte e quinte classi del liceo scientifico A. Vallone, dell’Itc M. Laporta e il liceo Classico P. Colonna di Galatina. Saranno presenti e dialogheranno sul tema Marcello Amante, (sindaco di Galatina), Maria Giaccari (assessore alle Pari Opportunità), Noel Alberto Vergine (presidente Commissione Pari Opportunità), Anna Caputo (presidente Arci Lecce).

Una giornata che nasce con l'obiettivo di approfondire i diritti delle donne in Italia e nel mondo, gli usi e i costumi delle nazionalità di provenienza.

Il convegno sarà aperto da una video-testimonianza sulle violenze subite e praticate sistematicamente sui migranti in Libia, tratta da un'intervista a una ragazza ospite in un progetto di accoglienza gestito da Arci Lecce.

A seguire le "iniziative di cittadinanza" con una serie di interventi, moderati da Gianluca Carrisi, operatore dell'accoglienza Arci Lecce, per conoscere da vicino le singole storie di chi si trova spesso a fronteggiare una doppia discriminazione, prima come donna e poi come migrante.

Il dibattito coinvolgerà gli studenti delle scuole di secondo grado di Galatina, le beneficiarie ospiti nel progetto Sprar "Safia Ama Jan" di Galatina e le ragazze frequentanti il laboratorio audio-visivo all'interno del progetto EnFem, avviato lo scorso novembre con donne migranti e donne locali dai 16 ai 50 anni.

Enfem è un progetto internazionale per migliorare e facilitare l'integrazione delle donne migranti in Europa, finanziato dall’Amif (Asylum Migration Integration Fund), che riunisce sei paesi europei (Italia, Belgio, Spagna, Slovenia, Germania, Grecia), con Arci Lecce capofila, per stimolare il dibattito pubblico sulla condizione della donna migrante. Tra gli obiettivi, la realizzazione di un documentario sull'incontro tra culture diverse, attraverso un percorso laboratoriale con diversi professionisti del settore audiovisivo.

Durante il convegno ci sarà la lettura da parte di Chiara De Pascalis, operatrice Arci Lecce, di alcuni brani tratti dal libro “Il mio nome vuol dire bella faccia”, edito da Esperidi, che raccoglie 32 voci di migranti, richiedenti asilo e rifugiati, che hanno trovato in Italia una nuova vita.

Ufficio Stampa Comune di Galatina

 
Di Mariano Lino (pubblicato @ 20:54:27 in Comunicato Stampa, linkato 271 volte)

... abbiamo preso il paese ridotto in uno stato pietoso lo abbiamo salvato dai morsi degli sciacalli in agguato (ci avete chiamato amici dei banchieri), abbiamo ridato sostegno al reddito ad una parte di popolazione mortificata dalla crisi (l'avete chiamata mancia elettorale), abbiamo dato dignità agli esclusi della società con leggi inclusive e di diritto (avete fatto spallucce se non avversate), abbiamo promosso una riforma della costituzione che avrebbe cambiato in meglio in nostro paese rendendolo finalmente snello e governabile con una sola camera, eliminava province ed enti mangiasoldi ed inutili come il CNEL (lo avete affossato con il referendum), abbiamo dato tutela a milioni di lavoratori e creato un milione di nuovi posti di lavoro, abbiamo promosso leggi contro il caporalato, contro le dimissioni in bianco delle donne (ci avete accusato di schiavismo), abbiamo sbloccato i contratti nelle pubbliche amministrazioni, abbiamo assunto 160.000 precari nella scuola (avete promosso scioperi nelle piazze), abbiamo dato soluzione a centinaia e centinaia di aziende in crisi salvando dal licenziamento migliaia di lavoratori, abbiamo bloccato finalmente gli sbarchi di clandestini nel nostro paese (continuate a parlare di invasione). Potrei continuare riempiendo decine di pagine su soluzioni e interventi di cui si è fatto carico il PD senza guardare a rendite di posizione e sondaggi. Ma in ultimo e non per ultima per importanza, avete rigettato e osteggiato una legge elettorale che avrebbe determinato un vincitore certo la sera stessa delle elezioni, invece siamo arrivati a varare una legge di compromesso che inchioda il paese a ricercare maggioranze improbabili a suon di passaggi di casacca. Il popolo sovrano ha votato premiando e inseguendo estremismi, populismo e scatole vuote. Il PD aveva presentato un progetto puntiglioso e realizzabile, di contro gli altri partiti promesse mirabolanti e irrealizzabili sbandierate dai megafoni mediatici. Noi fieri e orgogliosi di consegnare un paese rimesso in carreggiata andiamo con dignità a leccarci le ferite di una immeritata sconfitta, agli altri il compito di dare concretezza a quanto promesso in campagna elettorale...con le vostre offese e le bugie a noi "NON CI AVETE FATTO NIENTE" ...buon lavoro!!!

Lino Mariano

 

Fotografie del 06/03/2018

Nessuna fotografia trovata.

A Noha esiste lo Scjakù...

La struttura della vecchia scuola elementare di Noha è stata inaugurata e subito chiusa da:

Categorie News


Catalogati per mese:


Gli interventi più cliccati

Sondaggi


Info


Quanti siamo

Ci sono  persone collegate

Seguici sui Canali di

facebook Twitter YouTube Google Buzz

NOHINONDAZIONI

Calendario

< marzo 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
14
15
17
19
23
31
 
             

Meteo

Previsioni del Tempo

La Raccolta Differenziata