\\ Home Page : Pubblicazioni
Di seguito gli articoli e le fotografie pubblicati nella giornata richiesta.
 
 
Articoli del 19/10/2021

Dal momento in cui la Giunta di questa Amministrazione continua a pavoneggiarsi per la buona riuscita – a suo dire – dell’iniziativa riguardante l’istallazione della giostra in P.zza San Pietro (non riteniamo opportuno entrare nel merito nonostante ci sarebbe molto da sindacare, primo fra tutti l’assembramento che continua a crearsi), il Partito Democratico di Noha non smette di guardarsi attorno, cercando di porre rimedio, con l’aiuto di molte segnalazioni, all’incuria di una Amministrazione che vanta il “premio flop 2021”. E così, oltre allo sperpero di ben €40.000 di soldi pubblici per finanziare una mostra fotografica di cui dubbia è l’assegnazione, oltre ai €18.000 + IVA per finanziare le proiezioni sulla Chiesa Matrice in occasione della festa patronale, e - dulcis in fundo – oltre al pagamento che il Comune ha pensato bene di addossarsi per conto di terzi di €6.900 emesso dall’Acquedotto Pugliese inerente il consumo idrico del Palazzetto dello Sport “Fernando Panico”, questa Amministrazione non smette mai di sorprenderci. E non basta lo sperpero di fiumi di denaro nonostante un bilancio di per sé disastroso, si aggiunge anche la disattenzione, l’incuria e il menefreghismo.

Il nostro Partito continua a condurre battaglie per il territorio ma contro i mulini a vento, continua a denunciare e ad essere ignorato, carpendo da ciò il fatto che evidentemente tocchiamo il vero che non può essere smentito. Il nostro PD, particolarmente a Noha (per ciò che ci concerne) si è fatto carico di una situazione incresciosa come la questione della S.P. che dal centro abitato porta al Cimitero e non abbasserà lo sguardo finché le nostre richieste non saranno soddisfatte per il bene di tutti i nostri cittadini. Ma non basta, nella condizione di abbandono in cui versiamo, non ci facciamo mancare nulla, anzi, manca davvero tutto. Siamo circa 4000 cittadini che pagano le tasse ma senza riscontro per la collettività. Siamo la frazione più popolosa ma nonostante tutto, non abbiamo diritto ad avere tra di noi almeno una unità di Polizia Municipale che ne sorvegli la buona condotta e soprattutto diriga il traffico nelle zone di maggiore affluenza. Non è raro sentire fischi di clacson, frenate improvvise e “formule eleganti e fini” (si fa per dire) ad ogni ora del giorno in Piazza San Michele, dove i classici piloti di formula1 azzardano manovre pericolosissime, per non parlare della zona del plesso scolastico, dove la sicurezza dei ragazzi che entrano o escono da scuola è continuamente minata dalla guida spericolata di molti automobilisti. Cosa potrebbe fare un’Amministrazione allora? Essere attenta anzitutto, mostrando la sua presenza garante della sicurezza di tutti attraverso un Vigile che da anni ormai manca nella nostra cittadina. Come risponde l’Amministrazione? Semplicemente ignorando. Ai cittadini nohani chiediamo altresì di destarsi, di far sentire la propria voce e di non accontentarsi mai di ciò che sono i rimasugli di una politica incapace e saccente. Meritiamo di più, Noha merita di più. Al sig. Sindaco chiediamo invece non la sua presenza (sarebbe auspicabile al fine di sentire le voci del suo popolo, ma comprendiamo che il confronto arrecherebbe molto disagio) ma la soluzione di almeno uno dei tanti problemi che evidenziamo. Sarebbe un messaggio positivo, che il Sindaco mantiene le promesse che continua a fare da cinque anni, magari al termine del suo mandato, ma tant’è…

Nonostante tutto continuiamo a essere dalla vostra parte e siccome amiamo il confronto, ci trovate ogni domenica mattina presso il nostro Circolo in P.zza San Michele, dove insieme vogliamo progettare il nostro futuro.

 

Il Segretario PD – Noha

Dott. Michele SCALESE

 

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, di concerto con il Ministro dell'Economia e delle Finanze, ha firmato il Decreto riguardante il contributo previsto per i genitori disoccupati o monoreddito, con figli con disabilità, introdotto dalla Legge di Bilancio 2021 (art. 1, commi 365 e 366, L. 30 dicembre 2020, n. 178, come modificato dall'art. 13 bis, comma 1, del D.L. n. 41/2021, Convertito in L. n. 69/2021).

Le famiglie con figli disabili a carico e che versano in determinate condizioni reddituali possono richiedere un contributo fino a 500 euro mensili per tre anni, inserito nella legge di Bilancio 2021. Si tratta di un contributo in parte retroattivo: la domanda da presentare, infatti, deve tenere conto delle mensilità non erogate durante il 2021.

Il bonus figli disabili è un contributo erogato dall’Inps per conto dello Stato a beneficio dei genitori soli con almeno un figlio con disabilità. La prestazione viene riconosciuta per il triennio 2021-2023. L’importo del bonus è di 150 euro al mese per ogni figlio disabile, fino a un massimo di 500 euro mensili. Questi soldi non concorrono alla formazione del reddito. La prestazione è cumulabile con il reddito di cittadinanza. Lo Stato ha stanziato per ogni anno 5 milioni di euro. Nel caso in cui i fondi non fossero sufficienti, verrà data la priorità alle famiglie con l’Isee più basso, dopodiché si terrà conto (nell’ordine) della presenza di figli:

  • Non autosufficienti;
  • Con disabilità grave;
  • Con disabilità media.

Per ottenere il bonus figli disabili, è necessario che il genitore solo che presenta la domanda all’Inps:

  • Abbia un figlio con disabilità di almeno il 60% (maggiorenne o minorenne);
  • Sia disoccupato;
  • Oppure sia monoreddito.

La disabilità del figlio di almeno il 60% è condizione indispensabile per avere diritto al bonus, così come il fatto di appartenere a un nucleo familiare monoparentale, cioè con un solo genitore (padre o madre), che abbia un Isee non superiore a 3.000 euro.

Per quanto riguarda la situazione reddituale, occorre che il richiedente si trovi in stato di disoccupazione o sia privo di reddito oppure abbia un reddito che lo collochi all’interno della no tax area. Significa che, al massimo, deve guadagnare 8.145 euro se lavoratore dipendente o 4.800 euro se autonomo.

La domanda per ottenere il bonus figli disabili va presentata all’Inps per via telematica sul portale dell’Istituto, su apposito modello e corredata di un’autocertificazione in cui l’interessato assicura di avere i requisiti richiesti. Si ricorda che per effettuare l’accesso si deve utilizzare lo Spid (il Sistema di identità digitale), la Carta d’identità elettronica o la Carta nazionale dei servizi.

In alternativa, è possibile fare la richiesta attraverso:

  • Contact center dell’Inps, telefonando da rete fissa al numero verde gratuito 803.164 oppure da rete mobile (a pagamento) al numero 06 164.164;
  • Patronato, sindacato.

L’Inps provvederà a verificare i requisiti del richiedente e la regolarità della domanda dopodiché, se ci sono le condizioni, il bonus verrà erogato. Per il 2021, la domanda ha valore retroattivo.

N.B: La norma che introduce il bonus figli disabili prevede la possibilità di sospensione del beneficio. Ciò succede nel caso in cui il figlio venga ricoverato in un istituto di cura di lunga degenza o presso un’altra struttura residenziale completamente a carico dello Stato o di una qualsiasi amministrazione pubblica. In tal caso, chi ha richiesto la prestazione deve dare comunicazione immediata del ricovero all’Inps. Il bonus verrà sospeso per tutta la durata del ricovero.

Il bonus figli disabili non viene più erogato nel momento in cui manca anche uno solo dei citati requisiti. La decadenza è prevista anche: in caso di affidamento del figlio disabile a terzi; al venir meno della responsabilità genitoriale di chi percepisce il bonus; in caso di decesso del figlio disabile per cui è stata richiesta la prestazione.

Anche qui, l’interessato deve darne tempestiva comunicazione all’Inps. Nel caso in cui l’Istituto non venisse avvisato e scoprisse che sta versando il bonus a chi non ne ha più il diritto, sono previste: la revoca immediata del beneficio; la restituzione dei soldi indebitamente percepiti; l’applicazione delle sanzioni previste dalla legge.

 

Per info rivolgersi all’ufficio di Segretariato Sociale PUA del proprio Comune.

L’Assessore alle Politiche Sociali e dell’Integrazione

Antonio PALUMBO

 

Fotografie del 19/10/2021

Nessuna fotografia trovata.

L'Inferno al Castello di Noha...

La struttura della vecchia scuola elementare di Noha è stata inaugurata e subito chiusa da:

Categorie News


Catalogati per mese:


Gli interventi più cliccati

Sondaggi


Info


Quanti siamo

Ci sono  persone collegate

Seguici sui Canali di

facebook Twitter YouTube Google Buzz

NOHINONDAZIONI

Calendario

< ottobre 2021 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
13
14
16
17
18
20
24
25
27
30
             

Meteo

Previsioni del Tempo

La Raccolta Differenziata