\\ Home Page : Pubblicazioni
Di seguito gli articoli e le fotografie pubblicati nella giornata richiesta.
 
 
Articoli del 09/10/2018

Scrivere è resistere, al pari di ogni seme parola e storia salvata, travasata e tramandata dalle comunità. Scegliere e riconoscere ciò che ci nutre è un'azione che include i gesti antichi dei nostri contadini e le parole smarrite dei nostri padri. Il laboratorio di scrittura “Carta bianca”, attraverso le tecniche della narrazione orale e il training del narratore è concepito come un’indagine poetica sul campo al fine di generare storie in forma di monologhi orali per la reinterpretazione della memoria collettiva. Le storie che siamo incontrano il metodo narrativo più antico e popolare e recuperano il ruolo sociale del cantore pellegrino. Ogni Altrove teorico, sia esso luogo geografico o dell’anima, diventa materiale di laboratorio e struttura di una drammaturgia trascritta dagli stessi partecipanti in un vero e proprio Diario comunitario che, al termine della ricerca, viene donato alla comunità di Noha e al pubblico di Leverà. Ad ispirare e guidare le attività laboratoriali suddivise in quattro appuntamenti mensili è il gioco di raccontare, riattivare la civiltà de "li cunti" e dello scalino, il cerchio magico delle sedie portate sull'uscio delle case del sud all'imbrunire.

Raccontare una storia, inventare una storia, scambiarsi una storia, è un gesto arcaico che da sempre segna lo spartiacque di ogni civiltà. Siamo le storie che esprimiamo e raccontiamo, ogni essere umano è la sua storia. Le storie di vita raccontate dai partecipanti al laboratorio diventano fiabe del reale, straordinarie cronache in forma di novella, costellazioni di vissuti preziosi per chi ascolta e per chi narra riscoprendo il senso profondo di essere comunità.

Le fasi laboratoriali saranno guidate dalla scrittrice Luisa Ruggio. Il laboratorio “Carta bianca” contiene in nuce la traccia della fase conclusiva del progetto dopo i primi 8 mesi di training, ovvero la teatralizzazione delle storie scritte dai partecipanti, fase in cui i risultati si strutturano per assumere la forma di incontro-evento. Attraverso il confronto con il pubblico, il laboratorio è fare poetico ed emotivo, la scrittura è intesa come azione e camminamento, quasi un puro itinerario in tutto simile a quello che ognuno compie per restare umano insieme agli altri.

 

Info e iscrizioni: 3894250571 | 3891081226

levera.arci@gmail.com

via Bellini 24 - Noha (Galatina)

 

Biografia breve:

Luisa Ruggio (1978), scrittrice giornalista editor blogger, insegna Scrittura e Lettura Creativa nella sezione maschile del Carcere di Lecce dove ha fondato il Collettivo Rosa dei Venti in favore dei lettori detenuti e ha avviato nel 2017 il laboratorio stabile Mondo Scritto che ad oggi rende sede di residenza artistica la biblioteca della Casa Circondariale Borgo San Nicola. Vive e lavora a Lecce e Roma, ha scritto saggi sul Cinema e la Psicoanalisi per i Quaderni Scientifici dell'Università del Salento ("Segni e comprensione", Manni), ha esordito nel 2006 con il pluripremiato romanzo "Afra" edito da Besa. Ha pubblicato i romanzi e le raccolte di racconti: "La nuca" (2008, Controluce), "Senza Storie" (Besa 2010, Menzione Speciale Premio Bodini), "Teresa Manara" (2014, Controluce), "Notturno" (2015, Besa), "Un poco di grazia" (2016, Besa). Suoi racconti, testi e articoli sono apparsi su giornali, quotidiani e riviste letterarie e nelle seguenti antologie: "Come vedi ti penso" (Milella), "Ti porto a Lecce" (Kurumuny), "L'isola di Rina" (Milella), "Apulia Europa Erlesen" (Wieser). Nel 2006 ha creato i blog letterari "dentro Luisa", "Astrolabio Quaderni" (Scarti di vita giornaliera), "Taccuino Onirico" e "Reset". Alle cronache in forma di novella ha dedicato la rubrica giornaliera "Vite di città" pubblicata sulle pagine del giornale "Paese Nuovo" (2011). Dal 2000 al 2011 ha scritto e diretto i seguenti format televisivi: "Boomerang", "Oltretutto", "Separé", "30° all'ombra", "Summertime", "Fatti nostri", "In tempo reale" e ha firmato le pagine della Cultura del Tg8 per l'emittente televisiva Canale 8. Dal 2012 al 2017 ha firmato i documentari di SalentoWeb.Tv. Nel 2012 l'Università del Salento le ha conferito il Premio Skylab per il Giornalismo televisivo. Nel 2017 insieme al Collettivo Rosa dei Venti nella sezione maschile del Carcere di Lecce ha prodotto gli studi "Corpo Scritto" e "Mittente/Destinatario" e "Vide Cor Meum" del Collettivo ed ha ideato e avviato il Festival Invisibile che promuove le arti in carcere ospitando artisti tra le mura. Sta scrivendo il suo quinto romanzo.

 

Un'opera dedicata alla terra ed alla natura impreziosisce, da oggi, il cavalcavia del ponte situato al km 16,700 della strada statale 101 "Salentina di Gallipoli" a Galatina, in località Collemeto, in provincia di Lecce.

Il nuovo murales, finanziato da Anas e realizzato da Checkos'Art, con la direzione artistica di 167bstreet, in collaborazione con il Comune di Galatina, è stato eseguito nell'ambito di un progetto più ampio portato avanti da Anas, finalizzato alla valorizzazione ed alla riqualificazione di alcune porzioni d'infrastrutture di competenza situate in molte regioni d'Italia.

“Grazie al nostro progetto - ha dichiarato il responsabile Marketing & Servizio Clienti di Anas Claudio Arcovito - la strada, oltre a rappresentare un'infrastruttura di collegamento e di mobilità nel paese, si fa anche strumento di promozione di arte e cultura attraverso la street art.

Anas ha infatti intrapreso un percorso che utilizza la street art come strumento per coadiuvare la strategia di investimento nella manutenzione e valorizzazione delle proprie infrastrutture ed – in casi come questo di Collemeto – anche per proteggerle da atti di vandalismo e di degrado; si tratta di un’Anas sempre più moderna e vicina alle esigenze della collettività che investe anche, appunto, nella promozione della cultura".

Negli anni, infatti, l’affissione selvaggia di manifesti abusivi ed in qualche caso l'abbandono abusivo di rifiuti avevano purtroppo privato di bellezza e decoro una porzione di strada che, al contrario, merita splendore ed attenzione. 

I disegni realizzati raffigurano un tipico paesaggio della campagna salentina, caratterizzato dai colori tipici, nei toni vicini a quelli della terra. 

Protagonista il volto di una giovane donna, sullo sfondo del paesaggio, che con lo sguardo invita i passanti a soffermarsi, guardando ben oltre il muro. 

L'intenzione di Checkos'Art - street artist proprio di origine leccese, che per Anas ha già realizzato una delle diciassette importanti opere sul Grande Raccordo Anulare di Roma - è quella di rendere il murales un mezzo che crei un ponte tra la tradizione rappresentata e lo sguardo rivolto verso il futuro, ampio come l’orizzonte dipinto. Uno scorcio a metà tra presente e futuro, eseguito nel connotativo e personale stile optical, rappresentativo dello stile dell’artista, capace di incuriosire i passanti, grazie alla sua doppia capacità di focalizzazione, che richiama l’attenzione per le sue linee colorate che - osservandolo da lontano - diventano una composizione unica.

Obiettivo comune con l'Assessorato alla Cultura del Comune di Galatina, quello di valorizzare una struttura di colore grigio, dando vita a un nuovo percorso culturale nelle periferie e nelle piccole comunità, ormai in continua riscoperta.

La costruzione del ponte, sin dalla realizzazione della strada statale 101 – collegamento prioritario tra gli abitati di Lecce e Gallipoli – ha rappresentato per i cittadini di Collemeto una sorta di opera divisoria rispetto alla circostante campagna, luogo nel quale da sempre si svolge l’attività lavorativa del paese. 

L’obiettivo è quello di coniugare la tradizione del posto con una struttura che di fatto avvicina Collemeto a tutti i centri del Salento, quasi fosse un continuum con l’ambiente circostante, quale momento di incontro, socializzazione e condivisione della vita.

“Abbiamo ritenuto di individuare la vita nei campi e, quindi, il nostro paesaggio come l’immagine che possa rappresentare al meglio l’identità della comunità collemetese”, ha dichiarato Cristina Dettù, Assessore alla Cultura della Città di Galatina. “C’è anche l’immagine del futuro, di quei giovani che non smettono di guardare al domani investendo nella propria terra d’origine. Lo abbiamo voluto fare con una forma d’arte che, sviluppandosi nel perimetro urbano, fa innamorare dell’arte stessa e fa assaporare il concetto timido, ma estremamente profondo della cultura”.

“Al termine di questo splendido lavoro – ha ripreso l’Assessore Dettù – è mia premura ringraziare Anas per l’estrema disponibilità e l’attenzione mostrata per questo progetto, sposato immediatamente. I ringraziamenti doverosi sono rivolti ovviamente a Chekos’ art e a tutti gli artisti impegnati in quest’opera d’arte: la conferma che la bellezza salverà il mondo. Da ultimo, vorrei ringraziare la famiglia De Riccardis per la collaborazione fattiva in molti aspetti logistici emersi durante il lavoro. La realizzazione di un’opera d’arte del genere nasconde forme di collaborazione che voglio diventino esempio per i cittadini e per tutte le istituzioni”.

Ufficio Stampa Marcello Amante

 
Di Redazione (pubblicato @ 13:28:59 in Comunicato Stampa, linkato 102 volte)

Il Comitato Regionale Puglia ha reso noto il calendario del campionato nazionale di I° livello Serie C che prenderà il via l'ultimo week-end del mese di ottobre. Nel girone B, debutto in casa per la Showy Boys Galatina che, sabato 27, affronterà sul parquet del palazzetto dello Sport "Fernando Panico” il Volley Club Grottaglie.

La giovanissima formazione allenata da Gianluca Nuzzo sarà impegnata in due difficili trasferte sul campo del Molfetta e, la settimana successiva, su quello del Terlizzi. Nella quarta giornata il palasport di Galatina ospiterà il team barese del Polignano. A seguire, sfida tutta leccese con lo Specchia e successiva gara casalinga con il Sammichele. I bianco-verdi faranno visita all’Alessano per poi disputare l’ultimo match prima della sosta natalizia con il Racale-Alliste. Alla ripresa, ultimo turno del girone di andata da giocare in casa della Bee Volley Lecce.

La squadra galatinese disputerà le gare casalinghe nel pomeriggio della domenica con inizio alle ore 18:00 sempre presso l'impianto sportivo di via Chieti a Galatina. Solo in occasione della prima giornata di campionato si giocherà il Sabato a causa di una concomitanza con altra gara federale.

Il torneo, a cui partecipano dieci squadre nel girone B e nove nel girone A, terminerà il 17 marzo 2018. Queste le altre compagini con cui si confronteranno i giovani allievi della Showy Boys: GS Atletico Sammichele, Bee Volley Lecce, New Volley Polignano, Pallavolo Molfetta, Progetto Azzurra Alessano, Punto Tessile Terlizzi, Sandemetrio Volley Specchia, Spot&Go Racale-Alliste e Volley Club Grottaglie.

www.showyboys.com

 

Negli ultimi mesi presso gli uffici comunali sono arrivate diverse segnalazioni di cittadini che hanno denunciato e che continuano a denunciare la presenza di topi in diverse aree del nostro territorio. Una vera e propria emergenza se consideriamo che il fenomeno si protrae già da questa estate, quando alcuni cittadini avevano segnalato la presenza di ratti nella centralissima via D’Enghien. Da allora le denunce si sono susseguite e hanno evidenziato sempre di più come il fenomeno non sia affatto circoscritto, ma riguardi gran parte del territorio comunale. Questa pericolosa ed insalubre situazione è stata parzialmente tamponata dall’emanazione di ordinanze sindacali inerenti la derattizzazione di aree limitate, come quelle adottate di recente per la frazione di Noha.

Purtroppo però l’emergenza sembrerebbe non essere terminata perché proprio in questi giorni ci sono giunte ulteriori segnalazioni, verificate anche dai sopralluoghi che abbiamo effettuato personalmente, che riguardano una pericolosa presenza di topi nell’area che ospita l’ex tribunale nei pressi del popoloso rione Nachi.

L’assenza di una massiccia derattizzazione del territorio, unita al degrado e all’inspiegabile stato di abbandono di una struttura che avrebbe già dovuto ospitare gli uffici comunali, sta esponendo tante famiglie a rischi diretti e indiretti per la propria salute.

Per questa ragione, facendoci portavoce delle denunce e delle preoccupazioni di numerosi cittadini, invitiamo il Sindaco Marcello Amante, che ricordiamo rappresenta a livello locale la massima autorità in tema di sanità pubblica, a porre la propria attenzione anche su questo focolaio, prendendo provvedimenti immediati ed urgenti volti al ripristino della salubrità dell’area e dell’immobile che ospitava il tribunale, restituendo alla città il decoro che merita.

Il Segretario

Pierluigi Mandorino

 

Fotografie del 09/10/2018

Nessuna fotografia trovata.

A Noha esiste lo Scjakù...

La struttura della vecchia scuola elementare di Noha è stata inaugurata e subito chiusa da:

Categorie News


Catalogati per mese:


Gli interventi più cliccati

Sondaggi


Info


Quanti siamo

Ci sono  persone collegate

Seguici sui Canali di

facebook Twitter YouTube Google Buzz

NOHINONDAZIONI

Calendario

< ottobre 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
11
12
13
14
17
19
22
24
28
       
             

Meteo

Previsioni del Tempo

La Raccolta Differenziata