\\ Home Page : Pubblicazioni
Di seguito gli articoli e le fotografie pubblicati nella giornata richiesta.
 
 
Articoli del 02/04/2017

Di Antonio Mellone (pubblicato @ 10:44:00 in NohaBlog, linkato 2219 volte)

Delle due l’una: o i sempre più numerosi candidati alla cadrega di sindaco di Galatina sono stati colpiti da allergia acuta ai simboli dei loro tradizionali partiti, oppure i loro tradizionali partiti non vogliono più saperne nulla (di esporsi, dico, per la bella faccia dei loro ex-supporters, anzi supposters).

Quale che sia la motivazione, la conseguenza è il proliferare incontrollato di liste cosiddette civiche, nate anche per nascondere la fazione di turno (e magari le sue malefatte) e far sembrare i candidati come casti e puri, svincolati, indipendenti e addirittura liberi dalle solite forze (o forse) politiche di riferimento.

Insomma un’operazione di maquillage, una specie di cambiamento del pelo ma non del vizio di confonderci le idee.

In questa confusione somma uno non sa più a chi dare il proprio voto. Però magari sa bene a chi non darlo, specialmente se ha la pazienza di leggere i miei brani viziati dal solito “conflitto antagonistico” [sic], oppure pervasi di “populismo” (figurarsi se non m’arrivava pure l’accusa di populismo), ovvero tipici del “fuoriuscito del PD” (quando mai vi sarei entrato rimane un mistero della fede politica), se non addirittura “intrisi di comunismo” (scansa-e-libera-Signore), una sommatoria di slogan (ché manco le slides di Renzi), dunque veri e propri monumenti all’“antipolitica” (e te pareva).   

Certi signori, non essendo abituati alla libertà di informazione e di pensiero, non possono nemmeno immaginare che esista qualche cittadino senza padroni né partiti presi che giudica di volta in volta questo o quel politico, elogiandolo quando dice o fa qualcosa di buono e criticandolo nel caso contrario (il 99% delle volte, nel mio caso specifico). Essendo intruppati e allineati intruppano e allineano anche gli altri. E non s’accorgono che attribuendomi di volta in volta questa o quella matrice partitica non fanno altro che corroborare la mia assoluta libertà e indipendenza.

Ecco, vorrei puntualizzare ancora una volta il fatto che io non sono “amico” - né vero né falso - di nessuno (politicamente, s’intende): quando qualcuno sostiene le mie battaglie lo sostengo a mia volta; quando qualcuno fa o dice cazzate lo combatto eccome (e giacché mi trovo, per mio diletto, ne faccio pure oggetto di scherno o, se volete - utilizzando un lemma sconosciuto all’intellighenzia del pasticciotto - di satira).

*

A proposito di cazzate.

Pare che il PD di Galatina (in “conflitto antagonistico” con quello di Noha, mo’ siamo llà) abbia presentato ai piedi dell’altare palazzorsiniano il suo agnello sacrificale nella persona della signora Paola Carrozzini. La quale, in uno dei suoi primi comunicati stampa (forse il primo in assoluto), se ne esce con l’impegno prioritario “alla realizzazione di ben 36 appartamenti da destinare, con affitti bassi, a coppie giovani e famiglia monoreddito al fine di rispondere all’emergenza abitativa” [sic]. Questo, “oltre ad ampliare l’offerta abitativa diventa occasione di riqualificazione urbana di un’area attualmente in degrado e un’opportunità di lavoro per le imprese, priorità assoluta in questo tempo di crisi economica”. Ovviamente.  

Ragazzi, che cosa volete da me? Questo era il top a cui si poteva puntare: un pensiero politico di metà anni ’80 del secolo scorso, quello (funesto) per cui lo “sviluppo” e le “ricadute occupazionali” si ottengono solo con i mattoni, il cemento, l’asfalto, e il debito pubblico. Chissà se chi proferisce queste corbellerie supreme ci è o ci faccia, e se sia mai stato in giro per la città a contemplare le centinaia, che dico, le migliaia di case e appartamenti vuoti, sfitti e/o in vendita (per non parlare dei capannoni industrial-artigianali). Nell’attesa di saperlo sciroppiamoci quest’altro allarme, anzi emergenza: quella abitativa, ma soprattutto inventiva.   

A questo punto tanto valeva evitare scissioni e inneggiare compatti all togheter now: Sindaco Daniela Sindaco for ever. Per dire.

*  

L’altro giorno, su leccatina.it mi metto a leggere quello che aveva tutta l’aria di un necrologio. La giornalista - devo riconoscere - ne scrive di veramente belli. E commoventi.

Così, mentre più di una lacrima furtiva iniziava a imperlare i miei occhi, mi sono accorto (che scemo) che non si trattava del morto di turno, ma della presentazione dell’ennesimo candidato alla poltrona di primo cittadino di Galatina: “Gli occhi lucidi sono venuti a tanti, forse a tutti. Quegli applausi spontanei a sottolineare un momento, che nel sapore della scommessa mescola quello del cambiamento, ha allargato il cuore, aperto molti sorrisi e sciolto la lingua a un candidato sindaco che non sapeva bene cosa aspettarsi dal suo primo intervento pubblico”. Povera stella. Figurarsi noi.

Bene. Nell’attesa che i giornalisti nostrani inizino a fare le pulci ai candidati, magari ponendo loro delle domande vere, che so io, sui programmi (che in questo paese di sottosopra sembra si redigano dopo non prima dell’aggregazione dei gruppi politici), più che articoli contentiamoci di leggere le lettere strappalacrime di un’Amante.

Antonio Mellone

 

Fotografie del 02/04/2017

Nessuna fotografia trovata.

A Noha esiste lo Scjakù...

La struttura della vecchia scuola elementare di Noha è stata inaugurata e subito chiusa da:

Categorie News


Catalogati per mese:


Gli interventi più cliccati

Sondaggi


Info


Quanti siamo

Ci sono  persone collegate

Seguici sui Canali di

facebook Twitter YouTube Google Buzz

NOHINONDAZIONI

Calendario

< aprile 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
13
16
19
21
23
25
             

Meteo

Previsioni del Tempo

La Raccolta Differenziata