\\ Home Page : Pubblicazioni
Di seguito gli articoli e le fotografie pubblicati nella giornata richiesta.
 
 
Articoli del 06/01/2019

Di Marcello D'Acquarica (pubblicato @ 16:00:09 in NohaBlog, linkato 320 volte)

“Il guardare una cosa è ben diverso dal vederla. Non si vede una cosa finché non se ne vede la bellezza.” (Oscar Wilde)

Vedere, così come anche ascoltare,  sono due sensi che in testa alla gente possono stare, volendo, in almeno due dimensioni: quella istintiva, pari cioè al boccheggiare tanto per non morire, e quell’altra che alloggia in pochi logorati dall’impotente lotta contro la cocciutaggine di chi non vuole (o finge) né vedere né ascoltare.

Alle volte però capita d’essere costretti a vedere spettacoli inaspettati, tipo il taglio dei pini e il degrado stesso di tutta la struttura. Ma per nostra fortuna, la bellezza è ancora salva. E non certo grazie ai palazzi e ville di comparto, tutta architettura copia e incolla, testimone della nostra stessa incapacità creativa e/o d’amor proprio.

Non è certo la sottilissima coltre di neve a determinare la bellezza di un posto. Certo l’effetto della nevicata sulle storiche case della Baronal Corte del Castello di Noha (http://www.noha.it/noha/articolo.asp?articolo=2564) con in cima, a fare d’ornamento, le casiceddhre di Cosimo Mariano, la coltre sottile di neve, dicevo, ha dato nuova luce allo scenario di cui tutti possiamo godere. Ma provate voi a immaginare se tutto d’un tratto la folle idea di qualche mentecatto facesse scomparire, per esempio, il copricapo alla Fornarina del Raffaello, oppure il diadema di gioielli  alla Regina Vittoria, avrebbero  queste opere la stessa bellezza?

Ecco, mi vien da dire che in fondo la mafia siamo anche noi, quando non vogliamo vedere la vera bellezza.

Se si insegnasse la bellezza alla gente, la si fornirebbe di un’arma contro la rassegnazione, la paura e l’omertà. All’esistenza di orrendi palazzi sorti all’improvviso, con tutto il loro squallore, da operazioni speculative, ci si abitua con pronta facilità, si mettono le tendine alle finestre, le piante sul davanzale, e presto ci si dimentica di come erano quei luoghi prima, ed ogni cosa, per il solo fatto che è così, pare dover essere così da sempre e per sempre. È per questo che bisognerebbe educare la gente alla bellezza: perché in uomini e donne non si insinui più l’abitudine e la rassegnazione ma rimangano sempre vivi la curiosità e lo stupore.

Queste sono parole di Peppino Impastato, giornalista iscritto a Democrazia Proletaria, che nella sua città natale, Cinisi, ha lottato contro la mafia fino al suo stesso assassinio, il 9 maggio 1978.

Marcello D’Acquarica

 

Le feste ormai volgono al termine e da un punto di vista politico si rende necessaria un’analisi di come l’Amministrazione comunale abbia gestito gli eventi, le decorazioni e gli intrattenimenti.

Non facciamo della critica la nostra prerogativa avendo più volte dato la nostra disponibilità a collaborare con la maggioranza su questioni concrete e di interesse pubblico, venendo sempre ignorati a prescindere.

Dobbiamo constatare però che a parte l’impegno di alcuni commercianti e a parte la generosità di alcune aziende che hanno permesso l’installazione dell’albero in Piazza San Pietro, il comune ha fatto poco o nulla per rendere interessante il Natale galatinese, nonostante l’investimento di almeno 25.000 € destinato all’associazione Città Nostra per gestire l’intrattenimento. Proprio per questo nei prossimi giorni verificheremo in che modo sono stati utilizzati questi soldi pubblici.

Ma se da un lato abbiamo assistito al peggior Natale galatinese degli ultimi vent’anni, dall’altro, sempre nell’ultimo mese, abbiamo continuato a perdere finanziamenti su finanziamenti, questa volta a causa della mancata presentazione di progetti da parte del nostro comune.

Stiamo parlando dei bandi inerenti interventi di ripristino di opere pubbliche o di pubblico interesse danneggiate da calamità naturali; interventi per la realizzazione e manutenzione di  opere pubbliche e di interesse pubblico; realizzazione di lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria sul demanio idrico superficiali.

Molto spesso i progetti presentati da questa Amministrazione si sono collocati nella seconda parte delle graduatorie venendo puntualmente esclusi dal finanziamento. Questo però non deve in alcun modo portare il nostro comune a rinunciare a partecipare a bandi che potrebbero portare importanti risorse economiche per il nostro territorio. Ciò è imprescindibile soprattutto se consideriamo i crescenti tagli alle risorse finanziarie statali destinate ai comuni e se consideriamo che mai come in questo periodo la Regione Puglia sta mettendo a disposizione dei comuni  ingenti fondi. E’ un vero e proprio periodo d’oro per i comuni capaci di intercettare queste risorse, che però a causa dell’incapacità e dell’inesperienza di questa Amministrazione non sta portando alcun vantaggio alla comunità galatinese.

Una comunità mortificata da una maggioranza di governo cittadino che non solo dimostra di non essere idonea a risollevare le sorti di questo territorio, ma soprattutto fa capire di non avere una prospettiva, una programmazione e un’idea di città. Se ci fosse un’idea di città infatti la maggioranza, aiutata da un apparato burocratico costoso e che tra l’altro la fa da padrone, programmerebbe i progetti da presentare in funzione di ciò che si vuol realizzare in maniera organica e intelligente.

Invece assistiamo alla fiera dell’improvvisazione in cui a volte si sceglie di partecipare e a volte di non partecipare ai bandi senza che ci sia una logica, una programmazione o una coerenza nelle proprie decisioni. Quando poi si decide di partecipare ai bandi, nella maggior parte dei casi veniamo esclusi dal finanziamento.

Galatina non può galleggiare in attesa che passino i cinque anni di mandato di questa amministrazione. Bisogna intervenire subito per evitare che questa città muoia e per questo, alla luce dei risultati, chiediamo al Sindaco Marcello Amante di intervenire operando le dovute modifiche nella propria squadra di governo e nelle professionalità di cui si avvale. Se ciò gli è impossibile allora metta da parte l’arroganza e la superficialità e si faccia aiutare da chi ha le competenze e le capacità di far fronte ai problemi urgenti della nostra città.

 

Giuseppe Spoti

Consigliere comunale – Partito Socialista

 

Fotografie del 06/01/2019

Nessuna fotografia trovata.

"Salviamo gli Ulivi Secolari"...

La struttura della vecchia scuola elementare di Noha è stata inaugurata e subito chiusa da:

Categorie News


Catalogati per mese:


Gli interventi più cliccati

Sondaggi


Info


Quanti siamo

Ci sono  persone collegate

Seguici sui Canali di

facebook Twitter YouTube Google Buzz

NOHINONDAZIONI

Calendario

< gennaio 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
13
18
24
25
30
     
             

Meteo

Previsioni del Tempo

La Raccolta Differenziata